Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
medusa

Leoŝ Janáček per piano: grande DGG!

Messaggi raccomandati

medusa

Oggi ho fatto una capatina a Novegro, per vinilmania; era un po' che non ci andavo. Tra le altre cose ho trovato un disco doppio della Deutsche Grammophone, con la opera completa per piano di Janáček, di cui conoscevo solo poche cose interpretate da Alessandra Celletti (tra cui la deliziosa "chiaccherano come rondini). 

Nel disco (pianista è Rudolf Frikušny) mi ha colpito la registrazione, di una naturalezza e pulizia meravigliose; in particolare il concertino per piano, violini, viola clarinetto corno e fagotto mi ha fatto pensare che quelli che magnificano la qualità della DGG hanno proprio ragione.

Non so se qualcuno abbia il disco e abbia voglia di parlarne (o anche semplicemente di Janáček, di cui si parla qui forse troppo poco... )

un sorriso
enzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

E' un autore che ho sempre apprezzato, per quel poco di lui che ho ascoltato (la Sinfonietta op. 60, Taras Bulba e le Danze Valacche). E' meno famoso dei suoi due illustri connazionali Dvorak (uno dei miei compositori preferiti) e Smetana: sicuramente è un po' sottovalutato dagli appassionati di musica classica. Ti invidio molto il disco che hai trovato, lo cercherò anche io.

La Deutsche Grammophon ha in effetti prodotto alcune ottime registrazioni, ma sono convinto che ciò è avvenuto per un errore organizzativo, perché il più delle volte le registrazioni DG facevano pietà, ed il fare pietà era ai tempi il loro standard qualitativo. In particolare con il pianoforte, che riuscivano a registrare in modo tale che sembrava che il pianista stesse suonando la tastiera Bontempi di cui alla fotografia qui sotto:

 

http://gumdrop.net/wp-content/uploads/2015/11/mod109_bontempi.jpg

 

Alberto.

 

 

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Carlo

E' una scrittura pianistica deliziosa da suonarsi.

Ciao

C

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gabel

Concordo sul giudizio sulla qualità media delle registrazioni DG di pianoforte, specialmente negli anni '70. Riuscivano a rendere inaccostabile persino Richter, che dio li strafulmini! :)

A parte questo, di Janacek ho diverse cose, sia orchestrali (la "SInfonietta" e "Taras Bulba" son spettacolari, da usare per provare gli impianti Hi-Fi, altro che "Pianeti" o roba del genere). Per piano o comunque musica da camera, ho una bella serie della Decca uscita una ventina d'anni fa e promossa da Andràs Schiff registrate al Festival di Mondsee in Svizzera.

Ad ogni modo grazie per la segnalazione, proverò senz'altro a procurarmelo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Io ho il doppio cd originals: eccezionale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum
E' un autore che ho sempre apprezzato, per quel poco di lui che ho ascoltato (la Sinfonietta op. 60, Taras Bulba e le Danze Valacche). E' meno famoso dei suoi due illustri connazionali Dvorak (uno dei miei compositori preferiti) e Smetana: sicuramente è un po' sottovalutato dagli appassionati di musica classica. Ti invidio molto il disco che hai trovato, lo cercherò anche io.

La Deutsche Grammophon ha in effetti prodotto alcune ottime registrazioni, ma sono convinto che ciò è avvenuto per un errore organizzativo, perché il più delle volte le registrazioni DG facevano pietà, ed il fare pietà era ai tempi il loro standard qualitativo. In particolare con il pianoforte, che riuscivano a registrare in modo tale che sembrava che il pianista stesse suonando la tastiera Bontempi di cui alla fotografia qui sotto:

 

http://gumdrop.net/wp-content/uploads/2015/11/mod109_bontempi.jpg

 

Alberto.

 

 

Alberto.

Ma neanche per idea.

Il pianoforte solista di Gilels, Kempff, Argerich (quasi tutto), Anda, Berman, Ciani, Eschenbach, Pogorelich, molte cose di Pollini, Pires, Horowitz Szidon Vasary, Zimmerman ecc. e' registrato in modo fra l'ottimo e l'eccezionale.

E che bisogna conoscerlo il catalogo Dg...

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Si Roberto, bisogna anche conoscere il suono del pianoforte.

Per le registrazioni di Pollini, Berman e Ciani, andrebbero denunciati.

Per quelle di Eschenbach e Horowitz, fucilati direttamente.

 

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
luckyjopc

Mi commuove sempre la sonata 1.X.1905 ne ho una esecuzione in disco naive

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
chicco98
Si Roberto, bisogna anche conoscere il suono del pianoforte.Per le registrazioni di Pollini, Berman e Ciani, andrebbero denunciati.Per quelle di Eschenbach e Horowitz, fucilati direttamente.Alberto.
Della Deutsche Grammophon ho delle cose di horowitz molto ben incise ed anche in vinile. 

per quanto attiene Ciani, i preludi di debussy e le novellete di schumann sono da primato, praticamente al top

conoscere il suono di un piano tramite la frequentazione di concerti, è alla base della nostra passione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Il pianoforte ha vari modi di manifestarsi a seconda dell'ampiezza della sala in cui suona. Se si giudicano la registrazione dei preludi di Ciani o quella degli anni di pellegrinaggio di Berman mediocri, be' io rinuncio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
chicco98
Il pianoforte ha vari modi di manifestarsi a seconda dell'ampiezza della sala in cui suona. Se si giudicano la registrazione dei preludi di Ciani o quella degli anni di pellegrinaggio di Berman mediocri, be' io rinuncio

 

infatti ho scritto "al top"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gabel

Ripeto: io ho delle registrazioni di Richter degli anni '60 in cui il pianoforte ha un suono "vetroso" e non è che l'impianto su cui l'ho ascoltato fosse di bassa qualità… E' che a volte ci prendevano, molto spesso no.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Roberto, rinuncia pure, che ti devo dire. Sono anni che magnifichi le registrazioni DG. Io le detesto.

Sono delle fetecchie invereconde.
Ho un DG ristampato da Speakers Corner come meglio non si potrebbe. Vita Da Eroe di Strauss, diretto da Karajan, questo:

https://img.discogs.com/twUDLtaE0Dq-cz1y8ZXxf2xxIJA=/fit-in/300x300/filters:strip_icc():format(jpeg):mode_rgb():quality(40)/discogs-images/R-3403209-1329049209.jpeg.jpg

La Speakers Corner ha fatto uno dei suoi miracoli e il disco suona benissimo. E' una meraviglia. Ma se lo poni a confronto con un qualunque Decca coevo, o con un Living Stereo, be' guarda, ci fa proprio ben magra figura.
Non sapevano registrare, questo è quel che penso.

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Mi sembra chiaro che ciascuno di noi ha in testa un'idea di come suoni il pianoforte assai diversa. 

La discussione è quindi totalmente sterile.
Mi piacerebbe capire però quali sono le incisioni per piano che OTREBLA e GABEL giudicano valide. Magari su quelle potremmo anche concordare.

Tornando a Janacek, i suoi capolavori sono nella musica operistica e vocale, senza nulla togliere alla musica da camera.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Heldenleben di Karajan suona bene gia' di suo. Ancora meglio don quixote.

Qui si parlava di pianoforte peraltro

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl
Mi sembra chiaro che ciascuno di noi ha in testa un'idea di come suoni il pianoforte assai diversa. 
La discussione è quindi totalmente sterile.
Mi piacerebbe capire però quali sono le incisioni per piano che OTREBLA e GABEL giudicano valide. Magari su quelle potremmo anche concordare.

Tornando a Janacek, i suoi capolavori sono nella musica operistica e vocale, senza nulla togliere alla musica da camera.

Ti quoto... molto belle le opere incise da Mackerras per la Decca...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gabel

Per quanto mi riguarda trovo in media eccezionali le registrazioni Mercury degli anni '50-'60, meglio ancora le RCA Living Stereo, più equilibrate e meno "abarthizzate" rispetto a quelle Mercury; il top rimangono, per equilibrio complessivo, timbro, calore e spazialità, i Decca SXL, poi i Columbia/HMV/EMI, i Philips e i Columbia americani. Ovviamente parlo sempre di vinili. I DG in coda, dietro, molto dietro. Peccato che come catalogo fossero i migliori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Tutto quello che ha scritto il signore qui sopra è anche ciò che penso io.

 

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gabrilupo
Si Roberto, bisogna anche conoscere il suono del pianoforte.

Per le registrazioni di Pollini, Berman e Ciani, andrebbero denunciati.

Per quelle di Eschenbach e Horowitz, fucilati direttamente.

 

Alberto.

 

Non conosco i dischi di Eschenbach, Horowitz e Ciani ma ho quasi tutto Pollini e il Liszt di Berman: quoto Moz alla perfezione (che tristezza, tecnicamente, lo Chopin degli anni d'oro meglio, molto meglio, Beethoven, Schumann e Chopin dai '90 in poi.

Tengo a precisare che ho avuto modo, nel tempo, di ascoltare dal vivo il pianoforte in tante "salse": da solo, con orchestra, con gruppo cameristico, in accompagnamento alla voce, in teatro, in sala piccola, in stanza d'appartamento....accanto a chi suonava! (un bello Steinway).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

mi sembra veramente riduttivo scrivere che i dg suonino male in generale.

ho delle splendide registrazioni dg ma anche delle ciofeche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
luckyjopc

Infatti ha risultati alterni,anche se forse non raggiunge mai il pessimo come certi pianoforti vetrosi anni 80 prima epoca del digitale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

1.      
DI Mercury non ricordo molte registrazioni per
piano solo, ma potrebbe essere un mio limite.



2.      
Di RCA living possiedo vari LP di  Rubinstein e Van Cliburn: molto buoni, ma non
tutti.



3.      
Di Columbia conosco solo Serkin di cui ho diversi
LP: Mediamente buoni.



4.      
Se parliamo di Decca SXL ricordo soprattutto
sinfonica e lirica, a parte il Beethoven e di Backaus che infatti possiedo. Per
Decca vorrei ricordare le pessime registrazioni di Askhenazy. 



5.      
Di Emi non ho buoni ricordi, magari puoi
indicare qualche titolo di valore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gabrilupo

1.      

DI Mercury non ricordo molte registrazioni per

piano solo, ma potrebbe essere un mio limite.

 

2.      

Di RCA living possiedo vari LP di  Rubinstein e Van Cliburn: molto buoni, ma non

tutti.

 

3.      

Di Columbia conosco solo Serkin di cui ho diversi

LP: Mediamente buoni.

 

4.      

Se parliamo di Decca SXL ricordo soprattutto

sinfonica e lirica, a parte il Beethoven e di Backaus che infatti possiedo. Per

Decca vorrei ricordare le pessime registrazioni di Askhenazy. 

 

5.      

Di Emi non ho buoni ricordi, magari puoi

indicare qualche titolo di valore.

 

Risultati immagini per encore byron janis

Questo è molto bello.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
chicco98

Confermo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Ah che meraviglia che è quella serie lì dei 35mm. La Speakers Corner qualche anno fa ne ha pubblicati cinque in cofanetto di legno (che possiedo) e sono uno più bello dell'altro.

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
chicco98

Le incisioni russe. Splendide

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

 

Non sapevano registrare, questo è quel che penso.

Alberto.
Di sicuro sapevano registrare meglio di quanto tu non sia capace di ascoltare

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Certo.

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Certo.

Alberto.
Mi pare evidente

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Certo.

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.594
    Discussioni Totali
    5.872.178
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×