Vai al contenuto
Melius Club

Felis

KEF LS50 Wireless

Messaggi raccomandati

Felis

Tra poco più di un mese l'immissione in commercio in Italia...

ls50w-detail-frontandrear.jpg

Fine dei giochi per l'audiofilo.
Biamplificate in classe A/B per il tweeter e classe D per il "woofer".
Risoluzione max 192kHz/24-bit del segnale digitale, DAC dedicato per singolo canale, streaming pre-amplifier, amplificazione 230-watt x2 in configurazione bi-amp dual mono. 
Fine cavi, fine ampli.
Accettano di tutto: rca, toslink, usb, Bluetooth APTx, wifi.
Uscita subwoofer.
Pesano 10 kg l'una.
Crossover DSP con correzione temporale tra i driver.
DSP regolabile per il posizionamento e il tipo di assorbimento dell'ambiente tramite app IOS/Android.
La master destra si collega alla sinistra con cavo CAT6.
Risolvono i problemi di accoppiamento diffusori/ampli delle vecchie LS50 passive.

Lodi sperticate ovunque. Alcuni lo giudicano già come prodotto dell'anno.
Prezzo 2.500 €

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mister66

Prodotto interessante... ma il vero audiofilo manca se le fila!

Più di un costruttore ha usato tale tecnologia . Ma con scarsi risultati in termini di vendite

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Prodotto interessante... ma il vero audiofilo manca se le fila!

Più di un costruttore ha usato tale tecnologia . Ma con scarsi risultati in termini di vendite

 

Secondo me cambierà qualcosa di qui a breve. Molti grandi costruttori (tra cui con certezza posso dire Opera) stanno già studiando queste soluzioni. Sono solo in attesa che anche gli altri grandi player concorrenti facciano la mossa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mister66
Prodotto interessante... ma il vero audiofilo manca se le fila!

Più di un costruttore ha usato tale tecnologia . Ma con scarsi risultati in termini di vendite

 

Secondo me cambierà qualcosa di qui a breve. Molti grandi costruttori (tra cui con certezza posso dire Opera) stanno già studiando queste soluzioni. Sono solo in attesa che anche gli altri grandi player concorrenti facciano la mossa.

 

Dico la mia.... tempo e soldi a perdere.

Ne ho ascoltati alcuni ( Audiovector Dynaudio) ottimi prodotti per carità, ma sentire lo stesso diffusore passivo e ben amplificato è un altro pianeta.

Forse sono prodotti che si possono rivolgere alla gioventù se i prezzi rimangono terreni, altrimenti Un vero audiofilo nemmeno le guarda.

Il problema sarà il prezzo proposto... deve fare gola alle nuove leve.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

se costassero mille euro in meno le attaccherei al macpro   :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
se costassero mille euro in meno le attaccherei al macpro   :D

 

Ma quello è il prezzo delle passive.  ;;)

Per me sono persino convenienti se consideri che alle passive devi aggiungere, il dsp, 2 crossover, 4 ampli separati per driver, 2 dac e lo streamer. Quanto ti costerebbe? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alerosso10

Io le valuterei per un secondo impianto. Potrebbero essere interessanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ciprino

Io ho appena comprato le Ls 50. Quando erano uscite non mi avevano entusiasmato, credo che siano state oggetto di qualche aggiustamento in sede di produzione. Risulta anche a voi? Non riscontro ad esempio la gobba sul medio basso di cui parlano molti, ma forse dipende dal felice accoppiamento con il Marantz Pm 8005 con il quale le sto rodando. Queste wireless si possono collegare al giradischi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE

No .....manca il pre phono all'interno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ciprino

Peccato... interessante che l'amplificazione sia in classe a/b per il tweeter e classe D per il woofer... sembrano mooolto curate

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Mha, saranno anche complete sotto molti punti di vista,ma a me codesti altoparlanti "lillipuziani" fanno venire l'acne.

Sono stra convinto (sulla carta) che con un budget paragonabile o poco più alto e diffusori attivi (più consistenti) si possa fare pure meglio.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Mha, saranno anche complete sotto molti punti di vista,ma a me codesti altoparlanti "lillipuziani" fanno venire l'acne.

Sono stra convinto (sulla carta) che con un budget paragonabile o poco più alto e diffusori attivi (più consistenti) si possa fare pure meglio.

Cos'altro c'è a 2.500 €?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ciprino
Mha, saranno anche complete sotto molti punti di vista,ma a me codesti altoparlanti "lillipuziani" fanno venire l'acne.

Sono stra convinto (sulla carta) che con un budget paragonabile o poco più alto e diffusori attivi (più consistenti) si possa fare pure meglio.

Mah, insieme alle Kef LS 50 ho comprato anche le torri Indiana Line 665, non sono un paladino dei mini a tutti i costi

Posso dirti che le piccole LS 50, appoggiate sulle torri Kef Q500 di costo simile, le hanno umiliate

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

non so cosa altro c'è a 2500, ma fine dei giochi non direi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rlc

Credo che si debba sempre considerare il target di pubblico a cui la Kef intende rivolgersi.

Se si pensa ad un  pubblico di audiofili, allora forse i giochi neanche iniziano......rompicoglioni come siamo.
Se invece la platea è di quelle persone che vogliono qualcosa disemplice e bensuonante, migliore dei vari sistemi di altoparlanti per smartphone/computer, tipo Zeppelin, o B&O o Bose, da inserire in un salotto o soggiorno senza stravolgerne l'uso, allora credo che avranno il giusto successo che meritano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Credo che si debba sempre considerare il target di pubblico a cui la Kef intende rivolgersi.
Se si pensa ad un  pubblico di audiofili, allora forse i giochi neanche iniziano......rompicoglioni come siamo.
Se invece la platea è di quelle persone che vogliono qualcosa disemplice e bensuonante, migliore dei vari sistemi di altoparlanti per smartphone/computer, tipo Zeppelin, o B&O o Bose, da inserire in un salotto o soggiorno senza stravolgerne l'uso, allora credo che avranno il giusto successo che meritano.

 

Secondo me è sbagliato ridurle a questo. Giova ricordare che l'audio pro è fatto di diffusori attivi, sovente anche digitali. Ma l'audiofilo (audiofilo fino a che punto, visto che personalizza pesantemente la sua esperienza di ascolto) è riluttante ad abbandonare componenti discreti, valvole, cavi e etichetta queste cose come apparecchi lifestyle, cosa che proprio queste LS50 NON si prefiggono di essere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo
E' probabile che l'audiofilo di lungo corso, nel caso sia intenzionato ad andare verso diffusori attivi, si orienti verso diffusori pro più impegnativi, ossia la fascia media ed alta dei cataloghi atc, k&H, genelec e similari. Poi occorrerà vedere lla prova dei fatti come suonano quwste nuove kef, un diffusore può essere eccellente in 15 mq e scadente in 40 (o viceversqa), può essere eccellente a basse spl ma non ad alte spl (o viceversa), non tutit hanno le stesse esigenze, le stesse abitudono di ascolto w gli stessi gusti in fato di musica riprodotta
Il fine dei giochi presuppone che meglio di qyeste kef non ci sia nulla, io non credo che sia così

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piergiorgio

per essere un all-in-one è un prodotto molto controverso : troppo caro per uno che non ha elevate pretese qualitative ma persegue la strada della praticità, non adatto a coloro i quali ricercano entrambe le caratteristiche : un dac 24/192 (mi sembra di aver letto) è già un limite, e fino a che non lo si prova ne resta in dubbio anche la qualità 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
E' probabile che l'audiofilo di lungo corso, nel caso sia intenzionato ad andare verso diffusori attivi, si orienti verso diffusori pro più impegnativi, ossia la fascia media ed alta dei cataloghi atc, k&H, genelec e similari. Poi occorrerà vedere lla prova dei fatti come suonano quwste nuove kef, un diffusore può essere eccellente in 15 mq e scadente in 40 (o viceversqa), può essere eccellente a basse spl ma non ad alte spl (o viceversa), non tutit hanno le stesse esigenze, le stesse abitudono di ascolto w gli stessi gusti in fato di musica riprodotta
Il fine dei giochi presuppone che meglio di qyeste kef non ci sia nulla, io non credo che sia così

 

No!  :)) Con "fine dei giochi" intendevo solo che se acquisti un oggetto del genere non ti devi preoccupare di cercare di indovinare come farlo suonare al meglio estrapolando dal ginepraio magno pre, finali, dac, crossover, cavi e streamer, visto che (si spera) il costruttore abbia già lui armonizzato al meglio questi componenti nel prodotto finito.

Dialogando con l'importatore (ok, chiedere sulla bontà del proprio vino all'oste) mi è stato detto che per far suonare le LS50 passive come queste attive richiederebbe un impegno economico molto più ingente. Ciò non vieta però che con un impegno ancora maggiore esse possano suonare ancora meglio rispetto alle attive...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spedey_74

Buona idea una cassa con la sezione di amplificazione finale incorporata, meno valida a mio giudizio la scelta di fare stare dentro il diffusore anche pre e dac, parti più sensibili al magnete del diffusore e alle vibrazioni.

Comunque tutto è un compromesso, almeno fino a certi livelli di spesa e aspettative terrene, e molti potrebbero non porsi minimamente il problema che io ho osservato.

 

Delle Kef 50 lisce, ho ricordi di ottimi ascolti a casa di un amico che le ha purtroppo tenute troppo poco..mannaggia a questa smania di cambiare che abbiamo! 8-|

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Vi aggiorno...

Le ho sentite martedì pomeriggio in prima assoluta (sì sono stato il primo privato in Italia a sentirle non in fiera) dall'importatore ufficiale per l'Italia che è Hifight di Rubano, appena fuori Padova, sotto la squisita guida di Fabrizio che, assieme allo staff, ringrazio.
Premetto che non ho mai sentito le LS50 passive e queste LS50 attive avevano solamente 3 ore di rodaggio, quindi erano ancora molto ingessate se si pensa che KEF prescrive 300 ore di burn-in.
Prendete la cosa con il beneficio del dubbio, ma a seguito di mia domanda su quale sarebbe un papabile finale da abbinare alle LS50 passive per ottenere un suono simile alle attive in oggetto, mi è stato risposto che sarebbe occorso un Hegel (marchio del quale Hifight è anche importatore nazionale) H20 da € 5.500.
Torno a parlare del suono ma essendo musicista non faccio sfoggio dei termini tecnici (tipo i violini setosi, o setolosi  :lol: )
Per le dimensioni che hanno, queste due piccoline - si fa per dire (10 kg l'una!) - sprigionano un suono molto grande ed esteso in larghezza, ma contemporaneamente molto dettagliato nei transienti. Erano disposte leggermente Toe-in ma il driver UniQ permette una buona percezione della provenienza dei suoni del fronte stereo anche al di fuori dello sweet spot ed anche fuori asse verticale.

La fase dei due driver è controllata dai crossover digitali (se penso di aver capito correttamente) e ciò permette di percepire davvero gli strumenti in maniera tridimensionale. Mi è stato proposto, tra gli altri, un brano jazz per duo pf. e cb. di cui non ricordo assolutamente né gli artisti, né il compositore, ma si distingueva realmente come il pf. fosse avanzato rispetto al cb. che suonava a destra dietro la coda del pf..
A livello di estensione in basso, ovviamente riproducono ciò che a loro è concesso anche se i diffusori erano "out of the box" e non configurati in alcun modo tramite l'applicazione perché la sala era priva di rete wifi. Le piccole hanno comunque tre modalità di settare l'estensione in basso, rispettivamente a 
40Hz – 47kHz (More bass extension)
43Hz – 47kHz (Standard)
46Hz – 47kHz (Less bass extension)

Io le ho ascoltate in configurazione standard ed il FA intorno ai 50 Hz lo riproducono precisamente e senza eccessi.
Altra cosa, si può farle suonare fortissimo senza il minimo cenno di fatica all'ascolto. La risposta è molto naturale e piatta. Non ci sono particolari colorazioni udibili (per lo meno in quei 40 minuti di ascolto).

In definitiva ne ho prenotate una coppia perché mi hanno veramente convinto.
Verso fine settimana prossima saranno disponibili sole 4 coppie in tutta Italia, già tutte prenotate da due rivenditori del Veneto, tra i quali il mio (Altra Musica) che oltre alla mia coppia ne terrà un'altra in negozio.

Parlare di ammazzagiganti è forse eccessivo; l'audiofilo sostitutore seriale non le considererà sicuramente perché non potrà intercambiare nulla ma se le gli esemplari avranno un certo giro, è probabile che qualcosa in ambito di sistemi attivi si muoverà.
In realtà pur fregiandosi dell'appellativo di diffusori "wireless", si tratta squisitamente di diffusori attivi, tra l'altro, il diffusore destro master è collegato allo slave sinistro tramite un bel cavo CAT 6 con il quale i due si scambiano il clock per sincronizzare la fase dei due driver UniQ. Da questo ed altro, si vede che il progetto è votato alla resa acustica "audiophile" e probabilmente anche verso l'Hi end.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ciao Felis,

grazie per l'aggiornamento, appena le avrai ben ascoltate se ti va posta le tue considerazioni, interessano molto anche a me. :)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

sarebbe interessante poterle ascoltare in confronto diretto con le sorelle passive per capire quanto possa influire in un sistema simile lo studio accurato delle pressioni e risonanze del cabinet, visto che in quelle attive sono riempite di antenne e schede elettroniche..       :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

i diffusori della kef non sono per gli audiofili ..gli audiofili vanno ancora a carbonella..e pensano che la seconda guerra forse no è ancora finita..

il diffusore della kef che in un sol colpo risolve i problemi dei sistemi multivia con una sorgente coincidente e allineata temporalmente..e i problemi annosi di dac.. gira ....e catafalchi simili ...avendo gli ingressi digitali senza nessuna conversione fino a gli stadi finali..ebbene questo diffusore è per amatori di ultima generazione che vogliono un prodotto nuovo. che funzioni al meglio sia acusticamente che tecnologicamente..e niente cavi in mezzo i co..ni..

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

...wavefront, però li ascolterei prima... :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musso
i diffusori della kef non sono per gli audiofili ..gli audiofili vanno ancora a carbonella..e pensano che la seconda guerra forse no è ancora finita..

il diffusore della kef che in un sol colpo risolve i problemi dei sistemi multivia con una sorgente coincidente e allineata temporalmente..e i problemi annosi di dac.. gira ....e catafalchi simili ...avendo gli ingressi digitali senza nessuna conversione fino a gli stadi finali..ebbene questo diffusore è per amatori di ultima generazione che vogliono un prodotto nuovo. che funzioni al meglio sia acusticamente che tecnologicamente..e niente cavi in mezzo i co..ni..

concordo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marco57

Penso che per 2500€ non si trovi coppia ampli/casse al livello di questi diffusori attivi. Poi naturalmente il suono deve piacere.

Ciao.

marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
i diffusori della kef non sono per gli audiofili ..gli audiofili vanno ancora a carbonella..e pensano che la seconda guerra forse no è ancora finita..

il diffusore della kef che in un sol colpo risolve i problemi dei sistemi multivia con una sorgente coincidente e allineata temporalmente..e i problemi annosi di dac.. gira ....e catafalchi simili ...avendo gli ingressi digitali senza nessuna conversione fino a gli stadi finali..ebbene questo diffusore è per amatori di ultima generazione che vogliono un prodotto nuovo. che funzioni al meglio sia acusticamente che tecnologicamente..e niente cavi in mezzo i co..ni..

Mi hai proprio inquadrato! In sette righe hai riassunto le principali idiosincrasie che impediscono a questi sistemi di imporsi presso la vecchia guardia e che io ho cercato di evitare tutte in un colpo solo.
Per questo ti meriti il diagramma di segnale delle LS50W ;)

LS50_Block.png

;);)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marco57

Un problema di questi diffusori come per la quasi totalità dei diffusori pro è per il sottoscritto la mancanza di griglie per gli altoparlanti. Con due gatti in casa prima o poi andrebbero a mettere le zampine dove non devono. Se si potesse ovviare per me sarebbero veramente l'impianto definitivo (previo ascolto).

Ciao.

marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Un problema di questi diffusori come per la quasi totalità dei diffusori pro è per il sottoscritto la mancanza di griglie per gli altoparlanti. Con due gatti in casa prima o poi andrebbero a mettere le zampine dove non devono. Se si potesse ovviare per me sarebbero veramente l'impianto definitivo (previo ascolto).

Ciao.

marco

 

Anche io ho un piccolo per casa. Chiudi ermeticamente la stanza!  :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    293.411
    Discussioni Totali
    6.310.868
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy