Quantcast
Jump to content

Cosa state leggendo?


Xabaras

Recommended Posts

  • Replies 1.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • vaurien2005

    119

  • samana

    67

  • NAPOLI

    65

  • kauko

    61

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Ho iniziato Febbre, di Johnatan Bazzi, per ora lettura piacevole. Ho trovato bizzarro il fatto che, non fosse per un lieve anacronismo, (io lo facevo una quindicina di anni fa) il medico del San Raffa

Uno di quei libri che ti prendono molto lentamente, e poi arrivi a goderti la narrazione, qui basata sull'incontro tra le esistenze di un Islandese (la voce narrante) che progetta il suicidio e gli ab

Facci sapere le tue impressioni.. Intanto ho iniziato questo, gia’ quasi finito, uno spasso...

Posted Images

Grazie per le vostre segnalazioni; se potete aggiungere, dopo la lettura, anche due righe sull’argomento e una vostra breve recensione, sarebbe molto gradita a tutti.  :)  Potete aggiungerla sotto il vostro post, quando volete, cliccando su “Modifica”.

Link to post
Share on other sites

Consiglio questa interessante lettura La favola delle api: Vizi privati e pubbliche  di Bernard Mandeville. (Rotterdam, 15 novembre 1670 – Londra, Hackney, 21 gennaio 1733) è stato un medico e filosofo olandese vissuto prevalentemente in Inghilterra.)

Qui sotto potete trovare un breve riassunto dell’argomento tratto da Amazon. L’ho scoperto grazie a una segnalazione di Tuttolibri, rubrica settimanale  della Stampa a proposito di un articolo sull’amante di Voltaire, la marchesa Emilie du Châtelet, che, all’epoca,  lo ha tradotto in francese. Ora c’è un’edizione italiana tradotta da Elena Muceni. (192 pagine, editore Marietti 1820 - 17€ ma esiste anche in formato e-book e, sempre su Amazon, si può avere un estratto gratuito). La storia di carattere filosofico- economico, ha offerto molti spunti di discussione ai filosofi che si sono succeduti.A mio avviso, vale davvero la pena di segnalarlo perché, nonostante i secoli trascorsi, l’argomento è quanto mai attuale.  :) 

“Cosa spinge un uomo a commettere atti valorosi se non il desiderio di rendersi meritevole di lodi? Che ne sarebbe delle donne oneste se non ci fossero quelle di facili costumi, pronte a soddisfare i più bassi bisogni dell'uomo? Insomma, quale vantaggio verrebbe alla nazione se non esistessero il lusso, la volontà di prevalere, di accumulare e di possedere? Mandeville risponde senza ipocrisia né moralismo: coloro che rimpiangono l'età dell'oro, oltre all'onestà, dovrebbero accettare anche le ghiande. Così La favola delle api, paradossale analisi della società degli uomini attraverso le vicende di un alveare, diventerà un'opera di riferimento per i filosofi e gli economisti dei secoli successivi, da Smith a Ricardo, da Marx a Nietzsche, e si rivela ancora oggi apologo di sorprendente efficacia.”.

.

image.jpeg.8ba4ae14503427d760428cb1211449f4.jpeg

Link to post
Share on other sites

Operazione Fritham, cold case ai confini del mondo (isole Svalbard). L'autrice, glaciologa ed esploratrice artica, racconta una storia (di fantasia) che offre l'opportunità di conoscere lo scenario (vero) di vicende della II guerra mondiale.

operazione.jpg

Link to post
Share on other sites

Amici lettori, non dimenticate di aggiungere un piccolo accenno alla trama del libro che segnalate e, magari, anche un vostro commento.

Link to post
Share on other sites

Ho letto un insignificante Fabio Volo (Una Gran Voglia di Vivere).

La storia della crisi di una giovane coppia è narrata con una scrittura davvero elementare degna di un bambino che scrive il diario delle vacanze.

Per fortuna ci è risparmiato l'happy end. :D

image.png.2d5d45eb0edfe4b56a837c21d487b6a2.png

-

MI sto rifacendo con un apprezzabile romanzo di Starnone.

image.png.28d21bb14a820284c1f7b66c234533ac.png

del quale racconterò quando ne terminerò la lettura. La scrittura di Starnone è comunque godibilissima.

Link to post
Share on other sites
daniele_g

sto leggendo "Dante" di Alessandro Barbero.

leggere Barbero è (quasi) come ascoltarlo, nel bene e nel male -in generale non amo leggere chi scrive come parla, se si parla di stile, ma questo gli consente di restare coinvolgente.

insomma non bellissimo in senso estetico, ma certamente interessante. se interessa l'argomento, certo :) .

@wow hai letto qualcosa di Elene Ferrante ? trovi che la scrittura di Starnone possa ricordare quella della sedicente Ferrante ? tempo fa avevo letto un articolo che avevo trovato molto convincente (in base a osservazionistilistiche e contenutistiche) sull'ipotesi che dietro il nome di Ferrante si nasconda appunto Starnone.

Link to post
Share on other sites
52 minuti fa, daniele_g ha scritto:

ipotesi che dietro il nome di Ferrante si nasconda appunto Starnone.

.

Io invece avevo letto che sembra dietro a Elena Ferrante ci sia Anita Raja, moglie dello stesso Starnone.

.

un sorriso

enzo

Link to post
Share on other sites
59 minuti fa, daniele_g ha scritto:

leggere Barbero è (quasi) come ascoltarlo, nel bene e nel male

Hai anche leggendolo (a me è capitato, leggendo il suo "Federico il grande" ) l'impressione di vedere il suo gesto tipico? (alzare il pugno e tirarlo giù facendo una torsione con la mano) Sono molto belli i filmati delle sue lezioni, davvero. 

un sorriso

enzo

Link to post
Share on other sites
daniele_g
9 minuti fa, medusa ha scritto:

Io invece avevo letto che sembra dietro a Elena Ferrante ci sia Anita Raja, moglie dello stesso Starnone

ciao, Enzo,

ora non ricordo i dettagli dell'articolo che avevo letto (è passato qualche anno), ma fra gli argomenti c'erano alcuni riferimenti, che compaiono nei libri di Ferrante, a episodi della vita di Starnone; questo sposerebbe anche l'ipotesi di Anita Raja, penso.

8 minuti fa, medusa ha scritto:

Hai anche leggendolo (a me è capitato, leggendo il suo "Federico il grande" ) l'impressione di vedere il suo gesto tipico?

in generale mi pare di sentire la sua voce e di vederlo gesticolare. devo anche dire che avevo seguito una sua presentazione su Dante, Guelfi e Ghibellini, e alcuni argomenti di allora sono ripresi in modo molto simile nel testo scritto, per cui...

Link to post
Share on other sites
6 ore fa, daniele_g ha scritto:

letto qualcosa di Elene Ferrante ? trovi che la scrittura di Starnone possa ricordare quella della sedicente Ferrante ?

Ho letto quasi tutto della Ferrante e se avevo bisogno di indizi per identificarla adesso li ho. A parte il fatto che nel romanzo di Starnone c'è un termine, "smarginatura", che ho letto la prima volta nell'Amica Geniale e successivi, ma poi le ambientazioni napoletane, i richiami al mondo dell'editoria, a certi ambienti politici, e a una certa cultura della sessualità, sono le medesime così come la scrittura, per non parlare della sovrapponibilità di certi personaggi. Sono d'accordo. 

Link to post
Share on other sites

Regalo di natale scorso sono piu o meno a meta, l'ultimo di Murakami

si differenzia molto dai precedenti sia nello stile che nell'impostazione.

devo controllare se hanno cambiato il traduttore.

Nel complesso, almeno per il momento, fortemente consigliato.

image.png.e44ad00437af7245c619d7b5a8052ad4.png

image.png

Link to post
Share on other sites
Il 22/10/2020 Alle 09:05, aggelos ha scritto:

Regalo di natale scorso sono piu o meno a meta, l'ultimo di Murakami

si differenzia molto dai precedenti sia nello stile che nell'impostazione.

Interessante quanto dici: a me aveva piuttosto deluso, ma per la verità verso la fine, quindi mi piacerebbe sapere quale sarà la tua impressione finale. 

un sorriso

enzo

Link to post
Share on other sites
Il 19/10/2020 Alle 11:56, wow ha scritto:

MI sto rifacendo con un apprezzabile romanzo di Starnone.

image.png.28d21bb14a820284c1f7b66c234533ac.png

del quale racconterò quando ne terminerò la lettura. La scrittura di Starnone è comunque godibilissima.

Finito! 

L'autobiografia di un piccolo editore ultra cinquantenne nella cui vita irrompe una donna con la quale da giovane ha avuto la classica scopata occasionale e con la quale ripercorre la fugace esperienza condivisa che così assume prospettive differenti.

La scrittura è davvero piacevole e ricercata, il linguaggio e le descrizioni sono estremamente esplicite, ma senza assolutamente cadere nella pornografia.

Interessante la soluzione narrativa di narrare in prima persona o far gradualmente dispiegare, in un bizzarro gioco di specchi e di rimbalzi "spazio temporali", le travagliate e disordinate vicende erotiche del protagonista attraverso il filtro della voce e del punto di vista delle donne con le quali le ha condivise.

L'ultimo capitolo è una sorta di spiazzante e ambigua appendice "dietro le quinte" nella quale l'autore spiega la genesi del romanzo e, partendo dallo scoop di cui si parlava poco sopra con @daniele_g , ci fa capire come Elena Ferrante ha un ruolo più o meno inconsapevole nella genesi del romanzo e sulla sua produzione in genere. 

Il 22/10/2020 Alle 09:05, aggelos ha scritto:

Regalo di natale scorso sono piu o meno a meta, l'ultimo di Murakami

si differenzia molto dai precedenti sia nello stile che nell'impostazione.

devo controllare se hanno cambiato il traduttore.

Nel complesso, almeno per il momento, fortemente consigliato.

image.png.e44ad00437af7245c619d7b5a8052ad4.png

Attacco a leggerlo anche io, poi ne parliamo ;)

Link to post
Share on other sites
  • Statistiche Forum

    307,606
    Total Topics
    7,096,509
    Total Posts



×
×
  • Create New...