Vai al contenuto

lanciere

Perche voi Audiofili odiate i sub?

Messaggi raccomandati

lanciere

Nella progettazione del mio impianto ho sempre pensato al sub ma sempre ho trovato venditori scettici.

Eppure a me un po di bassi da far rompere i vetri attirano... Cosè la musica rock senza dei bassi potenti?

Scusate l'eresia ...(musicalmente parlando)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Titian

... io ne ho due.... ma sono per la musica classica....

:((

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Io ho sempre avuto casse con grossi woofer.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

...io non lo odio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piergiorgio

io non sono audiofilo e da poco ho un sub, che si integra perfettamente con due monitor attivi (di altro marchio)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

Ho sempre avuto diffusori da pavimenti con un woofer ben prestante se non due , per cui i bassi ( veri e non farlocchi ) sono sempre stati ben trattati. Timpani di un orchestra sinfonica o il contrabbasso nei quartetti jazz non ne hanno bisogno , le esplosioni nucleari o i terremoti/eruzioni vulcaniche dei Blue Ray lo agognano......

 

I bassi finti del rock non li ho mai cercati...... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ernesto62

Alla domanda del tuo post io rispondo, perché, chi ci ha provato a inserire il o i sub hanno avuto magari prodotti più adatti ai botti e scoppi che al segnale musicale dei bassi. Oppure, perché , il più delle volte si sono ottenuti scarsa integrazione con i satelliti, non dedicando tempo e pazienza a volte assai necessaria per il raggiungimento dei buoni risultati .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Perché lo scollamento della gamma bassa é uno dei difetti più odiosi...se fosse facile integrarlo alla perfezione coi diffusori,tutti ne avremmo uno!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
Alla domanda del tuo post io rispondo, perché, chi ci ha provato a inserire il o i sub hanno avuto magari prodotti più adatti ai botti e scoppi che al segnale musicale dei bassi.

Dai, Ernesto, era vero trent'anni fa... :-)

Oggi è diverso.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
Perché lo scollamento della gamma bassa é uno dei difetti più odiosi...se fosse facile integrarlo alla perfezione coi diffusori,tutti ne avremmo uno!
Si integra, si integra.

 

E comunque, ci sono apparecchi molto utili come questo (e discendenti, ce n'è almeno un'altro modello uscito dopo):

http://www.videohifi.com/magazine/numero-37/ascoltare/anti-mode-2.0-dual-core-della-dspeaker-un-piccolo-grande-apparecchio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

E stiamo parlando ovviamente di hi-fi musicale due canali; perché in HT, il sub è indispensabile ;-).

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
Nella progettazione del mio impianto ho sempre pensato al sub ma sempre ho trovato venditori scettici.

L'audiofilo è civettuolo e restio alle novità, soprattutto se gli risolvono dei problemi che invece può cullarsi in eterno :-D.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay

I sub sono indispensabili o quasi in sistemi che vogliano definirsi di alto livello.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Frovalta

I miei diffusori hanno woofer da 38 cm. di diametro. Non penso di avere necessità di un subwoofer. In ogni caso, il sub più che per fare "boom boom"' può servire ad alleggerire il lavoro dei mid-woofer, che faticano a scendere in basso. Il risultato all'ascolto non sono "più bassi", ma "più pulizia e dettaglio nel medio basso".

 

Questo in ambito HiFi audio. In un sistema audio video, dove più che la verosimiglianza si ricerca l'impatto, e si riproducono suoni fortemente elaborati, l'esigenza potrebbe essere diversa.

 

 

Un saluto, Frovalta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Perché lo scollamento della gamma bassa é uno dei difetti più odiosi...se fosse facile integrarlo alla perfezione coi diffusori,tutti ne avremmo uno!
Si integra, si integra.

 

E comunque, ci sono apparecchi molto utili come questo (e discendenti, ce n'è almeno un'altro modello uscito dopo):

http://www.videohifi.com/magazine/numero-37/ascoltare/anti-mode-2.0-dual-core-della-dspeaker-un-piccolo-grande-apparecchio

 

Non lo metto in dubbio...solo non è facile...se si hanno diffusori che scendono bene in basso con magari grossi woofer non trovo sempre necessario il sub...poi bisogna avere anche lo spazio per metterlo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
I miei diffusori hanno woofer da 38 cm. di diametro. Non penso di avere necessità di un subwoofer.
Normalmente è così ma non è mica detto; con le la Scala, ad esempio, sono una mano santa. :-)
In ogni caso, il sub più che per fare "boom boom"' può servire ad alleggerire il lavoro dei mid-woofer,

Scusa, ma dove sta scritto che i subwoofer fanno "boom-boom"? Nei racconti degli audiofili che non sanno installarli? :-)

può servire ad alleggerire il lavoro dei mid-woofer, che faticano a scendere in basso. Il risultato all'ascolto non sono "più bassi", ma "più pulizia e dettaglio nel medio basso".

Beh, il lavoro del subwoofer in hi-fi è quello di alleggerire i mid-woofer e i woofer dalla impegnativa gamma bassa; non sono mai serviti a dare più bassi, ma a completare la banda riprodotta. L'effetto normalmente non è solo la pulizia del medio basso, ma un aumento di realismo che arriva a comprendere anche tutta la gamma del midrange. 

 

Questo in ambito HiFi audio. In un sistema audio video, dove più che la verosimiglianza si ricerca l'impatto, e si riproducono suoni fortemente elaborati, l'esigenza potrebbe essere diversa.Un saluto, Frovalta.

La verosimiglianza rispetto aun evento che si ottiene con un impioanto HT, un impianto hi-fi top può solo sognarsela. Provate a riprodurre voci o suoni della natura con due buoni impianti delle due categorie, e vedrete.

I suoni dell'HT non sono certo più elaborati di quelli dello stereo, sappiamo benissimo quanta post-produzione si faccia sul software hi-fi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
Non lo metto in dubbio...solo non è facile...se si hanno diffusori che scendono bene in basso con magari grossi woofer non trovo sempre necessario il sub
No, certo.
poi bisogna avere anche lo spazio per metterlo!

Giusto ma, lasciando un attimo da parte i diffusori di grossa taglia, un sub può costituire un'ottima soluzione proprio per chi ha poco spazio e deve far ricorso a due torri molto snelle o a dei diffusori da stand; infatti gode anche di una certa elasticità d'installazione, anche se non può finire dietro le spalle di chi ascolta o sotto al divano, come pretendono certi venditori pur di piazzarli :-D.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
amplidown

vado controtendenza, non sono un audiofilo ma guardo solamente film con il mio impianto HT: per dodici anni non ho avuto il sub per problemi di spazio nel salotto , e mi sono acocntentato senza :((.

ora che ho cambiato casa e l'ho acquistato, mi è talmente piaciuto il boom boom che fa (nei film, almeno, e i woofer degli stand che ho non sono nemmeno piccolissimi, 25 cm di diametro) che non tornerei mai più indietro, e sarei pronto a litigare di più per il fattore WAF...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jerry.gb

Nel 1984 acquistai una coppia di Proac Tablette a cui non resistetti tanto mi piacquero e pur riconoscendo i limiti in gamma bassa per non rinunciarvi ci abbinai un sub Audio Pro B2-50; nel 2017 ancora mi stupisco dei risultati che ottenni, un "tuttuno" come se avessi acquistato un coppia di grosse torri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ernesto62

Bè io ho le Proac One SC . Stesse considerazioni; abbinate a un REL Storm III, oppure anche un Velodyne ( della vecchia serie dell' anno 1999-2000) CT 120 , ottengo il completamento e la quadratura del cerchio. Molto, ma davvero molto soddisfatto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sureela

Idem...ho avuto 2 sub Rel Storm che rifinivano il basso di una coppia di One Zeta...goduria assoluta! Certo, con gli attuali diffusori sarebbero assolutamente ridondanti...

Lo vedi che gli audiofili non li snobbano i sub :P ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cele

Dopo tanti tentennamenti (chiamiamole pure pippe audiofile) ho affiancato a delle Infinity RS 5 K un BK xls200-df e non ci penso minimamente a tornare indietro ....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Scusate se mi inserisco nella discussione.... come faccio a tarare alla perfezione il mio sub senza andare ad orecchio? Ci sono dei metodi più precisi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Scusate se mi inserisco nella discussione.... come faccio a tarare alla perfezione il mio sub senza andare ad orecchio? Ci sono dei metodi più precisi?

 

Dirac o Rew.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Scusa cosa sono?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leon77

Perché quando accendo il sub, c'è subito qualche condomino che incomincia giustamente a lamentarsi...ormai sono anni che lo tengo spento

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI
Perché quando accendo il sub, c'è subito qualche condomino che incomincia giustamente a lamentarsi...ormai sono anni che lo tengo spento

 


 

Invitalo a sentire buona musica o vedere un film d'azione. Se non si può battere il nemico , ci si stringono accordi...... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
niar67
Alla domanda del tuo post io rispondo, perché, chi ci ha provato a inserire il o i sub hanno avuto magari prodotti più adatti ai botti e scoppi che al segnale musicale dei bassi. Oppure, perché , il più delle volte si sono ottenuti scarsa integrazione con i satelliti, non dedicando tempo e pazienza a volte assai necessaria per il raggiungimento dei buoni risultati .
+1

 

Posseggo ormai da 27anni un AudioPro B2-70 in accoppiata con due piccole Klipsch Tangent 10 più o meno della stessa età e sono stato, e lo sono ancora, perfettamente soddisfatto.

 

Saluti

Andrea

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leicaclub

Il sub, in un impianto di alto livello, e' indispensabile.

Il difetto principale sta nel nome (sub) che fa storcere il naso ai "puristi: io lo definisco altoparlante da prima ottava.
Nel 90% degli impianti in cui e' presente e' tarato alla carlona e infanga tutto il suono, motivo per cui e' spesso odiato dagli appassionati che non possiedono le competenze e gli strumenti per effettuare una taratura ed un taglio a regola d'arte.
Comunque, e' vero che e' meglio non averlo piuttosto che avere le gamme superiori sporcate da un basso invadente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ernesto62

Comunque io mi definisco audiofilo. Non è perché ho un HT non dovrei esserlo. Basta scegliere un buon ampli. Quindi io da audiofilo amo il sub, dove per molti versi diventa indispensabile, non si pensi solo per i film ma anche per la musica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.645
    Discussioni Totali
    5.886.582
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×