Vai al contenuto

orsa99

traformatore r-core, toroidale o a lamierini per le ecc88?

Messaggi raccomandati

orsa99

Se doveste alimentare delle ecc88 in uno stadio d'alimentazione linea, per l'anodica (280v) e per i filamenti 6,3v quale tipologia di trasformatore scegliereste?  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
multioktav

credo che il trasformatore di alimentazione anodica abbia una influenza percepibile sul suono,il perchè mi sfugge,ho provato vari trasformatori  tradizionali a lamierini e le differenze in effetti si sentono,non saprei però se a far differenza sia la qualità di costruzione/isolamento,materiali o cos'altro

sta di fatto che per esempio trasformatori di destinazione militare erano i peggiori( in particolare quelli sigillati in contenitore e magari a bagno di olio come i parmeko)  forse perchè progettati per una maggiore robustezza meccanica ed elettrica,ed il suono mi pareva più velato con meno dettaglio.
ribadisco,opinione personale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
orsa99

Si ma proprio perché ogni trafo ognuno suona diverso a me interesserebbe capire i caratteri di queste diverse tipologie..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leon77

Difficile che qualcuno si sia spinto a fare questi confronti nello stesso apparecchio, comunque nel mio dac a tubi, ho usato gli R-Core sia per l'anodica che per i filamenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
madlifox

Aloia sostiene, a ragione, che i trasformatori di alimentazione dei circuiti audio devono essere progettati e costruiti con gli stessi criteri che si applicano per i trasformatori di uscita. Invece di solito ci si limita a guardare la tensione e la corrente fornita al secondario, come se si dovesse alimentare una lampadina.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
multioktav
Aloia sostiene, a ragione, che i trasformatori di alimentazione dei circuiti audio devono essere progettati e costruiti con gli stessi criteri che si applicano per i trasformatori di uscita. Invece di solito ci si limita a guardare la tensione e la corrente fornita al secondario, come se si dovesse alimentare una lampadina.

 

non concordo del tutto,anche io pensavo una cosa del genere,finchè ho provato un trasformatore di uscita se come alimentazione,(in verità non sono sicuro neanche se sia corretto elettricamente comunque le tensioni erano esatte ed era collegato se non ricordo male sui filamenti di un dht) e il risultato non fu quello sperato,suonava meglio un trasformatore normale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
walge

ma che cosa hai fatto??

Ma dico un minimo di cognizioni tecniche, perdinci!

Un trafo s.e. ha il traferro uno di alimentazione no!!!

Sono due cose un pò differenti; può accadere che il rapporto di trasformazione sia anche simile ma dal punto di vista elettrico( e rendimento) sono due cose un pò diverse, che dici????

 

Walter

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
orsa99

Più di un costruttore di trasformatori d'alimentazione mi ha detto che il toroidale suona più dinamico...come fa ad essere più dinamico e in confronto a cosa? Manca una dissertazione sulla materia, mi sembra che neanche le riviste abbiano approfondito la questione, certo non ho tutti i numeri di chf...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
walge

Fesserie

 

Walter

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
multioktav
ma che cosa hai fatto??

Ma dico un minimo di cognizioni tecniche, perdinci!

Un trafo s.e. ha il traferro uno di alimentazione no!!!

Sono due cose un pò differenti; può accadere che il rapporto di trasformazione sia anche simile ma dal punto di vista elettrico( e rendimento) sono due cose un pò diverse, che dici????

 

Walter

forse per questo non suonava bene
ma quale è il problema in generale se c'è o meno il traferro? nella tensione di rete non è presente dc (anche se sembra che a volte alcuni problemi di ronzio alternante sui toroidali di alimentazione più sensibili alla saturazione che non un lamierini sia dovuto alla presenza di dc nella tensione di rete)  dovrebbe funzionare comunque,credo sia più un problema l'opposto (trasformatore senza traferro e dc)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
walge

ma cambiano i valori di flusso!!!

 

Walter

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
multioktav
ma cambiano i valori di flusso!!!

 

Walter

e al lato pratico?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
walge

Differente comportamento, in pratica il rendimento

 

Walter

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
multioktav
Differente comportamento, in pratica il rendimento

 

Walter

ah,ok grazie,
mi è venuta in mente un'altra cosa già che ci siamo...
se ho un ampli se mono con alimentazione indipendente tra finale e driver,e volessi utilizzare un tu senza traferro,potrei realizzare un trasformatore con due avvolgimenti primari tipo klimo beltaine e collegare in controfase il secondo avvolgimento come seconda induttanza in un filtro alimentazione clclc?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
walge

No

il principio del Beltaine, ottimo come concetto, è che tu hai la seconda parte dell'avvolgimento dove scorre una corrente inversa (quindi il campo magnetico all'interno del nucleo è pari a zero) e che fa capo ad un dispositivo ad alta impedenza, in quel caso la EL34 che non modula segnale ma è di fatto un generatore di corrente uguale a quella che scorre nella 300B

Se vuoi usare un trafo senza il traferro puoi usare un accoppiamento parafeed, quindi con un condensatore di uscita verso il primario del trafo ma devi avere una induttanza di carico anodico.

Il problema è solo quello di avere a disposizione un trafoc on traferro di ottima progettazione e quindi di un determinato costo, non ci sono mezze misure in questo.

 

 

Walter

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
multioktav
No

il principio del Beltaine, ottimo come concetto, è che tu hai la seconda parte dell'avvolgimento dove scorre una corrente inversa (quindi il campo magnetico all'interno del nucleo è pari a zero) e che fa capo ad un dispositivo ad alta impedenza, in quel caso la EL34 che non modula segnale ma è di fatto un generatore di corrente uguale a quella che scorre nella 300B

Se vuoi usare un trafo senza il traferro puoi usare un accoppiamento parafeed, quindi con un condensatore di uscita verso il primario del trafo ma devi avere una induttanza di carico anodico.

Il problema è solo quello di avere a disposizione un trafoc on traferro di ottima progettazione e quindi di un determinato costo, non ci sono mezze misure in questo.

 

 

Walter

ok,grazie evito esperimenti inutili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
orsa99
Fesserie

 

Walter

 

Walter tu hai mai fatto sperimentazioni simili? Voglio dire, una volta che hai realizzato un apparecchio, hai mai provato a cambiare la solo tipologia di trasfo? (ovviamente con gli stessi ampere). 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.621
    Discussioni Totali
    5.885.805
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×