Vai al contenuto

Ospite RiseFall123

Dirac: riuscite ad usarlo "sempre"?

Messaggi raccomandati

Ospite

Buonasera,

 

curiosità per chi usa Dirac (o simili):

 

Riuscite ad usarlo sempre, per ogni genere di musica e di utilizzo del vostro impianto?

 

Io no. Mi risulta impossibile. Ormai mi sono attrezzato che ho la tastiera wireless vicina e, a seconda del disco, attivo e disattivo il filtro o lo cambio.

 

Ho dovuto fare due filtri (uno più e l'altro meno brillante).

 

Il mio problema è la fatica di ascolto, il suono troppo asciutto. Per molti dischi, Dirac, è un miglioramento assoluto ma per altri lo devo del tutto disattivare.

 

E voi?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gianventu

Posso cambiare filtro, raramente, ma disattivarlo mai. Io non potrei più ascoltare senza. Attenzione a non confondere tra suono asciutto e suono corretto...potrebbe essere che prima di utilizzare Dirac il tuo impianto/ambiente offrissero un suono eccessivamente "gonfio".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Andrea Parenti
Sempre attivo.


Per le registrazioni-ciofeca (il 95% di tutto quello che non è classica o jazz), il problema non è Dirac, o non- Dirac: l'impianto deve compensare - fin dove può - le nefandezze della registrazione, e per farlo deve uscire dalla linearità ed entrare in un terreno ignoto, fatto di sperimentazioni più o meno aleatorie; alcune cose, come la dinamica, una volta perse sono però irrecuperabili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
deluc

Anche io a volte non lo uso, ma dipende anche da quanto e da come hai chiesto di correggere, in praica dalle curve che hai costruito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
imaginator

Onestamente, con il mio impianto nel mio ambiente, senza mini dsp Dirac trovo che la musica scorra meglio, più naturale, con più dinamica e un con suono ben più ricco armonicamente parlando per cui dopo un mese dall'acquisto e di utilizzo l'ho staccato. :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Flavio

Ciao imaginator,

 

hai provato a ridurre l'attenuazione che di default è settata conservativamente a -10 dB?

Il volume in uscita ridotto di 10 dB, se non compensato col controllo di volume, rende la riproduzione meno piacevole.. il controllo è nell'utility del DDRC-22.

Inoltre se lo preferisci puoi provare a mantenere il bilanciamento tonale che hai prima della correzione pur linearizzando la risposta e correggendo la risposta all'impulso... puoi mandarmi un link dropbox al tuo progetto qui:

http://helpdesk.dirac.se/index.php?pg=request

e vedo di dargli una occhiata.

 

Flavio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
imaginator
Ciao imaginator,

 

hai provato a ridurre l'attenuazione che di default è settata conservativamente a -10 dB?

Il volume in uscita ridotto di 10 dB, se non compensato col controllo di volume, rende la riproduzione meno piacevole.. il controllo è nell'utility del DDRC-22.

 

Flavio

Ciao Flavio, diciamo che di default tenevo -5 db, altrimenti andavo male con la quantità di volume. Poi ho provato a fare delle curve personalizzate con livellamento sulle creste inferiori ( buchi) di fatto attenuando il segnale, questo per non creare amplificazioni o compressioni.
Diciamo che non è che non funzioni ma a mio avviso ad un certo livello di catena gli  svantaggi sono maggiori dei vantaggi questo solo riferito a quanto postato sopra in termini di sensazioni. Attenzione questo non è solo un mio parere, in questo caso non mi sono fidato delle sole mie orecchie. Rimane ancora la possibilità, che nonostante diverse procedure di misurazione non abbia trovato quella giusta, ma mi sembra strano e poi la naturalezza di emissione di cui parlo sopra, la ricchezza armonica non so quanto centrino con un possibile piccolo errore di misurazione o di imprecisione del microfono (umik-1). Se hai altri consigli ben vengano, il mini dsp l'ho messo in vendita, ma ovviamente avendolo appena acquistato la cosa mi rompe un po'.
Un saluto
Alessandro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
imaginator

L'ho caricato ieri sul link che mi hai mandato

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
imaginator
@flavio ti ho scritto nella tua mbox.
Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Ciao imaginator,

 

hai provato a ridurre l'attenuazione che di default è settata conservativamente a -10 dB?

Il volume in uscita ridotto di 10 dB, se non compensato col controllo di volume, rende la riproduzione meno piacevole.. il controllo è nell'utility del DDRC-22.

Inoltre se lo preferisci puoi provare a mantenere il bilanciamento tonale che hai prima della correzione pur linearizzando la risposta e correggendo la risposta all'impulso... puoi mandarmi un link dropbox al tuo progetto qui:

http://helpdesk.dirac.se/index.php?pg=request

e vedo di dargli una occhiata.

 

Flavio

Ciao Flavio,
ho letto che l'attenuazione è settata inizialmente a -10dB, ma si può anche azzerare? 
Te lo chiedo perché nel mio caso vorrei correggere la risposta per sottrarre le risonanze piuttosto che tappare buchi e i diffusori che ho sono le attive KEF LS50 Wireless, non so se con -5/-10dB il volume possa risultare non sufficiente.
Grazie mille sempre! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Flavio

Ciao lcolella,

 

tutte le equalizzazioni ben fatte (inclusa Dirac Live) richiedono un po' di headroom e quindi attenuazione per poter amplificare le frequenze che lo richiedono senza incorrere in clipping digitale...

quanta attenuazione sia necessaria non è determinabile a priori perché dipende sia dalla specifica correzione necessaria per quell'ambiente sia dalla registrazione.

Si può quindi ridurre l'attenuazione ma gradualmente tenendo d'occhio il "led" virtuale che segnala il clipping digitale (indicato in alcuni casi come 0dB), normalmente però ridurre l'attenuazione a zero non da i migliori risultati per il motivo indicato più sopra.

 

Buoni ascolti, Flavio

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Grazie mille Flavio, se non ti disturbo approfitterò ancora delle tue conoscenze... :)

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stanzani
Ciao lcolella,

 

tutte le equalizzazioni ben fatte (inclusa Dirac Live) richiedono un po' di headroom e quindi attenuazione per poter amplificare le frequenze che lo richiedono senza incorrere in clipping digitale...

quanta attenuazione sia necessaria non è determinabile a priori perché dipende sia dalla specifica correzione necessaria per quell'ambiente sia dalla registrazione.

 

diciamo che in generale l'equalizzazione deve attenuare, mai o quasi amplificare, per non rischiare di saturare gli elementi attivi della catena. questo in genrale, dirac o non dirac (c'e' una bella disanima sul manuale di REW)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

...comunque da quando ho Dirac non l’ho mai disattivato, per me è impossibile farne a meno. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Ciao lcolella,

 

tutte le equalizzazioni ben fatte (inclusa Dirac Live) richiedono un po' di headroom e quindi attenuazione per poter amplificare le frequenze che lo richiedono senza incorrere in clipping digitale...

quanta attenuazione sia necessaria non è determinabile a priori perché dipende sia dalla specifica correzione necessaria per quell'ambiente sia dalla registrazione.

 

diciamo che in generale l'equalizzazione deve attenuare, mai o quasi amplificare, per non rischiare di saturare gli elementi attivi della catena. questo in genrale, dirac o non dirac (c'e' una bella disanima sul manuale di REW)
Grazie Stanzani :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Flavio

Dirac Live non lavora solo in attenuazione ma amplifica anche con un limite massimo prefissato di 8/10 dB per evitare eventuali problemi giustamente indicati da Stanzani... nel caso che il boost venga ritenuto eccessivo si può comunque modificare la curva target in modo che sia richiesta meno correzione (e quindi boost)

 

Ciao, Flavio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Dirac come qualsiasi altro sistema di correzione attivo “colora” il suono, c’è poco da fare!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Dirac come qualsiasi altro sistema di correzione attivo “colora” il suono, c’è poco da fare!

 

L'ambiente, i cavi e i tube trap no invece. Quelli candeggiano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Dirac come qualsiasi altro sistema di correzione attivo “colora” il suono, c’è poco da fare!

 

L'ambiente, i cavi e i tube trap no invece. Quelli candeggiano.

 


di cosa stai parlando? Mai sentita una bass traps colorare un suono

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
di cosa stai parlando? Mai sentita una bass traps colorare un suono

 

se togli troppi bassi "colori" ugualmente e comunque non lavori di fino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
di cosa stai parlando? Mai sentita una bass traps colorare un suono

 

se togli troppi bassi "colori" ugualmente e comunque non lavori di fino.

 

Ovviamente non si mettono le bass traps a cavolo.

Ma un conto è far assorbire 100 hz ad uba basstraps un altro e farlo tramite un sistema dirac o simile

Altrimenti nelle regie degli studi pro utilizzerebbero tutti un dirac

E in un ambiente trattato ad hoc non si sente il bisogno che ha avuto lo start threader e cioè di disattivarlo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
di cosa stai parlando? Mai sentita una bass traps colorare un suono

 

se togli troppi bassi "colori" ugualmente e comunque non lavori di fino.

 

Ovviamente non si mettono le bass traps a cavolo.

Ma un conto è far assorbire 100 hz ad uba basstraps un altro e farlo tramite un sistema dirac o simile

Altrimenti nelle regie degli studi pro utilizzerebbero tutti un dirac

E in un ambiente trattato ad hoc non si sente il bisogno che ha avuto lo start threader e cioè di disattivarlo

 

Perchè secondo te non equalizzano? Stai scherzando?  :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Spero tu stia scherzando

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Spero tu stia scherzando
   No. Io ho registrato con quello a destra che è seduto di fianco a quello a sinistra. Tu?

23794926_10155882955426703_6104560276762069379_n.jpg?oh=f2a17c6a91ebd4e06cf977d01f84bbc4&oe=5A946D65

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Non conosco i signori di cui sopra

E non penso che un ingegnere del suono possa mai averti detto che le bass traps “colorano” il suono !? Anche perché non è vero, il colore da carattere ad un suono ! Non ho mai sentito di un tecnico del suono che usa un pannello per colorare il suono di una grancassa o rullante!

Se sei un tecnico dl suono (quindi si presume che qualche manuale di acustica tu l’abbia studiato) è grave che tu dica che il trattamento acustico “equalizzi” il suono allo stesso modo di un dsp

Con ciò non voglio dire che l’utilizzo di un dsp in uso casalingo sia sbagliato, non tutti possono trattare acusticamente un salotto, pena il divorzio(anche io uso dirac nel mio salotto). Meglio utilizzare un sistema di correzione che ascoltare un disco Con sovrabbondanza di riverberi e quant’altro

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Flavio

Sono certo che conoscete DTS... questa DTS:

http://dts.com/

 

Questa è una immagine del loro studio di missaggio nel quartier generale di Calabasas in California con correzione Dirac Live a trentadue canali:

 

DTS+and+Dirac+room+correction.jpg?format=500w

 

mentre qui si trovano i loro commenti:

https://www.dirac.com/news/2016/2/11/dts-adopts-dirac-live-room-correction-in-their-mixing-studios

 

In questo caso viene utilizzata Dirac Live con i plugins beta... fino ad oggi non è stata resa disponibile una versione con plugins per i professionisti che utilizzano DAW ma lo sarà nel 2018.

 

Ciao, Flavio

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Si, avevo visto sul sito dirac quando l’ho acquistato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.535
    Discussioni Totali
    5.883.382
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×