Vai al contenuto

ziobob86

Spotify-Apple music-Tidal-File Aiff

Messaggi raccomandati

ziobob86

Sono abbonato da due anni ad Apple Music, e, malgrado l'ottima integrazione con la mia libreria non sono molto soddisfatto del suono.

confrontato a Tidal e Spotify suona meno ricco e più asfittico .Avrei dunque deciso di tornare a spotify che mi sembra il compromesso migliore.
Ma oggi ho voluto fare una prova, ossia la seguente:

Ho confrontato qualche brano cosi:
-File di Spotify
-File di Apple Music
- File originale (in Aiff e dunque non compresso) riprodotto da Itunes
- File originale riprodotto da Vlc

il risultato?
il seguente:

Il file originale riprodotto da Itunes suona peggio rispetto a quello suonato da Vlc e in modo molto simile a come suona il file Aac di  Apple music
Il file originale su entrambi i player suona cmq diverso e meno "eufonico" rispetto alla versione di Spotify premium 
Il file di Spotify è quello che suona paradossalmente il più musicale di tutti!

dove voglio arrivare?

Chi è che comprime di più? Apple music (in questo caso decomprimendo e asciugando armonicamente il suono) o Spotify , pompandolo un pochino?
E' proprio Itunes (in quanto player col suo algoritmo) dunque, il vero collo di bottiglia dei file di Apple music ??(perché come ho detto anche i file Aiff riprodotti da itunes suonano peggio di come li suona Vlc)

ps: Ho preso VLC come "terzo player" perché avevo bisogno di un terzo incomodo con un altro suono, ma se avete un altro player per fare il confronto ben venga (certo non mi sparata i soliti amarra ecc dove devo pagare soldi ) :)

Spero abbiate capito il mio enigma senza risultare noioso! anzi vi invito a partecipare !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
zampex

Come fai a fare un confronto senza sapere se l'edizione del brano è la medesima e se e quanto ogni piattaforma di streaming equalizza la propria emissione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxfabbri
Come fai a fare un confronto senza sapere se l'edizione del brano è la medesima e se e quanto ogni piattaforma di streaming equalizza la propria emissione?

 


+ 1

 

Comunque sono utilizzi secondo me distinti ..... I formati compressi possono andare bene per ascolto in mobilità, la differenza comunque si sente anche in auto o con un paio di cuffiette decorose, o esplorativo in funzione di un eventuale acquisto o di "sottofondo"....... Se si intende usarli per l'ascolto sull'impianto di casa, che per tutti noi che siamo su questo forum ha sicuramente un costo non banale, il problema imho per un delta di 10 euro al mese per passare Tidal o Qobuz non compressi proprio non si pone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ziobob86

Ma come fate a rispondere così se :

 

- neanche sapete se ho avuto l'accortezza di prendere le stesse versioni .( chiaro che l'ho avuta , ad esempio dei led zeppelin ho preso l'unica versione che non è stata mai ristampata , ossia

Mothership)

 

- se l'oggetto del thread era proprio questo : ossia .. al di là di quanto comprimano gli streaming player , quanto equalizzano !

 

Mah ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxfabbri

Vlc è tutto fuorché un player audio....fra i free nelle funzioni base puoi provare vox

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Ma come fate a rispondere così se :

 

- neanche sapete se ho avuto l'accortezza di prendere le stesse versioni .( chiaro che l'ho avuta , ad esempio dei led zeppelin ho preso l'unica versione che non è stata mai ristampata , ossia

Mothership)

 

- se l'oggetto del thread era proprio questo : ossia .. al di là di quanto comprimano gli streaming player , quanto equalizzano !

 

Mah ...

 

A parità di brano, non puoi però sapere come esso sia stato compresso (si applicano compressioni ed equalizzazioni) da parte di Apple e Spotify.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ziobob86

 

A parità di brano, non puoi però sapere come esso sia stato compresso (si applicano compressioni ed equalizzazioni) da parte di Apple e Spotify.

 


 

Ma appunto ! Il fulcro del mio discorso era questo ! Quale dei due streaming comprime peggio o chi comunque dei due si avvicina di più al file,originale ed in più :

Oltre al file che usano, il suono dei due streaming viene dunque influenzato anche ( e oserei dire molto ) dal loro player ?

Visto che ho notato che un file AIFF riprodotto da iTunes suona molto simile a come iTunes stesso riproduce un file Aac di Apple Music .

Il collo di bottiglia o pregio di questi streaming player sta anche nel loro algoritmo utilizzato ?

 

Ps: pensavo fosse l'unico forum dove ne potessi parlare ..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Ma appunto ! Il fulcro del mio discorso era questo ! Quale dei due streaming comprime peggio o chi comunque dei due si avvicina di più al file,originale ed in più : Oltre al file che usano, il suono dei due streaming viene dunque influenzato anche ( e oserei dire molto ) dal loro player ? Visto che ho notato che un file AIFF riprodotto da iTunes suona molto simile a come iTunes stesso riproduce un file Aac di Apple Music . Il collo di bottiglia o pregio di questi streaming player sta anche nel loro algoritmo utilizzato ? Ps: pensavo fosse l'unico forum dove ne potessi parlare .. 

 

Spotify è meno lossy (OGG 320 contro AAC 256 di Apple music store). Per me i confronti tra player sono di lana caprina dal momento che non devono mixare più tracce audio, non vedo perché a parità di file debbano suonare diversamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxfabbri
Ma appunto ! Il fulcro del mio discorso era questo ! Quale dei due streaming comprime peggio o chi comunque dei due si avvicina di più al file,originale ed in più : Oltre al file che usano, il suono dei due streaming viene dunque influenzato anche ( e oserei dire molto ) dal loro player ? Visto che ho notato che un file AIFF riprodotto da iTunes suona molto simile a come iTunes stesso riproduce un file Aac di Apple Music . Il collo di bottiglia o pregio di questi streaming player sta anche nel loro algoritmo utilizzato ? Ps: pensavo fosse l'unico forum dove ne potessi parlare .. 

 

Spotify è meno lossy (OGG 320 contro AAC 256 di Apple music store). Per me i confronti tra player sono di lana caprina dal momento che non devono mixare più tracce audio, non vedo perché a parità di file debbano suonare diversamente.
se si parla di mac...perchè alcuni non usano core audio ma un protocollo proprietario e anche quelli che usano core audio spesso lo fanno in maniera diversa (al netto di quelli chiaramente e volutamente additivi tipo Amarra per capirci)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
zampex
Ma come fate a rispondere così se :

 

- neanche sapete se ho avuto l'accortezza di prendere le stesse versioni .( chiaro che l'ho avuta , ad esempio dei led zeppelin ho preso l'unica versione che non è stata mai ristampata , ossia

Mothership)

 

Perchè è oggettivamente impossibile sapere se effettivamente le cose stanno così. Di mothership ad esempio(ma il ragionamento vale per qualsiasi opera), ci sono due Remaster, uno del 2007 ed uno del 2015 sparpagliati in una 30ina di edizioni per il mondo.

Metteresti la mano sul fuoco sulla effettiva corrispondenza della tua versione con quella di spotify e Apple music?

 

https://www.discogs.com/Led-Zeppelin-Mothership/master/4787

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
zampex

Ed inoltre alcune case discografiche (universal per certo) inseriscono nelle versioni distribuite per lo streaming un watermark, che introduce artefatti udibili, cosa che rende inutile qualsiasi tentativo di confronto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Ma appunto ! Il fulcro del mio discorso era questo ! Quale dei due streaming comprime peggio o chi comunque dei due si avvicina di più al file,originale ed in più : Oltre al file che usano, il suono dei due streaming viene dunque influenzato anche ( e oserei dire molto ) dal loro player ? Visto che ho notato che un file AIFF riprodotto da iTunes suona molto simile a come iTunes stesso riproduce un file Aac di Apple Music . Il collo di bottiglia o pregio di questi streaming player sta anche nel loro algoritmo utilizzato ? Ps: pensavo fosse l'unico forum dove ne potessi parlare .. 

 

Spotify è meno lossy (OGG 320 contro AAC 256 di Apple music store). Per me i confronti tra player sono di lana caprina dal momento che non devono mixare più tracce audio, non vedo perché a parità di file debbano suonare diversamente.
se si parla di mac...perchè alcuni non usano core audio ma un protocollo proprietario e anche quelli che usano core audio spesso lo fanno in maniera diversa (al netto di quelli chiaramente e volutamente additivi tipo Amarra per capirci)Ho appena fatto un confronto iTunes/Vox. Entrambi usano core audio. Notato 0 differenze su uno stesso file ALAC.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ziobob86

Dunque secondo voi:

A parita di Brano (ossia stessa versione discografica), è migliore il file di spotify o apple music?
e in più...in generale chi dei due sfondo voi ha un player con algoritmo più fedele ?

io mi sono fatto un idea:

-Apple music comprime il file "asciugando le mediobasse del suono"
-Spotify comprime il file tagliano le altissime frequenze 

-Itunes ha un suono più asciutto
- Spotify più loudness

ne deriva che i file di Spotify sono più piacevole all'orecchio malgrado generi con forti transienti sono penalizzati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spectron

Era ora! Grande notizia!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fabio76

Ottima notizia!! Rimango dell'idea che Spotify sia il migliore come semplicità d'uso, grafica, e ha il grosso vantaggio di poterlo comandare dallo smartphone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Tidal è arrivata ai Master... piccola grande differenza con Spotify...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ziobob86

Cosa vuol dire che è arrivata ai master ? Beh però spotify come interfaccia e catalogo lo asfalta tidal ..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxfabbri
Cosa vuol dire che è arrivata ai master ? Beh però spotify come interfaccia e catalogo lo asfalta tidal ..

 


Semplicemente che su Tidal sono disponibili ad ora circa 500 album in 24/96 per il solito costo di 20 euro mese.....sulle differenze dei cataloghi Tidal, Spotify, qobuz si è già ampiamente parlato..... Dipende dai generi ecc. Per la classica ad esempio Spotify è buon ultimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Cosa vuol dire che è arrivata ai master ? Beh però spotify come interfaccia e catalogo lo asfalta tidal ..

Semplicemente che su Tidal sono disponibili ad ora circa 500 album in 24/96 per il solito costo di 20 euro mese.....sulle differenze dei cataloghi Tidal, Spotify, qobuz si è già ampiamente parlato..... Dipende dai generi ecc. Per la classica ad esempio Spotify è buon ultimo

Mah, intanto il concerto di Colonia di Jarrett ce l'ha solo Apple Music...
Poi una veloce ricerca sugli album di Gustav Leonhardt: 
Tidal 74 album
Spotify 75 album
Apple Music 100 album

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ziobob86

Felis tu hai Apple Music ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Felis
Felis tu hai Apple Music ?

 

No ma basta fare una veloce ricerca su iTunes per vedere quello che c'è.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ziobob86

Ma tu lo hai provato ? Se si a te come sembra ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxfabbri
Cosa vuol dire che è arrivata ai master ? Beh però spotify come interfaccia e catalogo lo asfalta tidal ..

Semplicemente che su Tidal sono disponibili ad ora circa 500 album in 24/96 per il solito costo di 20 euro mese.....sulle differenze dei cataloghi Tidal, Spotify, qobuz si è già ampiamente parlato..... Dipende dai generi ecc. Per la classica ad esempio Spotify è buon ultimo

Mah, intanto il concerto di Colonia di Jarrett ce l'ha solo Apple Music...
Poi una veloce ricerca sugli album di Gustav Leonhardt: 
Tidal 74 album
Spotify 75 album
Apple Music 100 album

Si parlava di chi offre od offrirà probabilmente lossless ...... come detto sopra non ritengo di interesse i servizi "compressi"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mariett

Ottima notizia, anche se ormai Tidal offre integrazioni migliori con i software per gli audiofili più diffusi (sto apprezzando molto l'integrazione con Roon in questi giorni).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spectron

Per me è una notizia davvero positiva, più concorrenza c'è meglio è.

A questo punto anche Deezer credo che renderà fruibile il lossless a tutti e non solamente agli utenti Sonos (ma quanti sono?).

Incomprensibile invece Qobuz, a tutt'oggi ufficialmente non è disponibile in Italia! Cose da pazzi, solamente loro hanno problemi  legali?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mariett

E infatti la concorrenza porta con Spotify oltre alla qualità loseless per lo stesso prezzo anche un vinile gratis e degli sconti per le edizioni speciali in vinile. Mi piace questa strategia che coccola gli abbonati che acquistano in vinile, molto logica e sinergica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.645
    Discussioni Totali
    5.886.572
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×