Vai al contenuto

smile

Grateful Dead

Messaggi raccomandati

smile

Ho preso da poco il mitico concerto LIVE/DEAD... devo dire che è anche meglio di quanto già mi aspettassi.

Questo gruppo mi è sempre piaciuto ma ho poca roba.
Quali, secondo voi, gli imperdibili?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gabrilupo

American Beauty e Working man's dead, solo perché li ho ascoltati qualche giorno fa. Occhio però, Alberto, sono molto diversi dal live.

Comunque la loro produzione è vasta e, sicuramente, ti verrà suggerito tanto altro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
iciogoodtimemusic

Bellissimi... Immancabile è Aoxomoxoa, capolavoro assoluto e manifesto di un'epoca!

Grateful_Dead_-_Aoxomoxoa.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bluesman74

Come live ti consiglio Sunshine daydream e i vari dave's picks

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bluesman74

Non so se lo sapete, sul retro di aoxomoxoa c'è la foto di Courtney Love bambina....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

Consigliare qualcosa dei Dead è difficile perchè la discografia live è elefantiaca a dir poco.

la discografia in studio è invece molto piuù risicata sia come numero che come qualità: i migliori ti sono stati già segnalati. Dopo quei tre si può aggiungere Anthem Of The Sun (anche se un po' pasticciato) per il periodo psichedelico e Wake of the Flood e Blues For Allah per gli anni 70.

 

Per i Live è veramente difficle anche perchè alcuni must (tipo il Dick's Picks Vol. 4) sono moto difficili da reperire.

Provo comunque a dire 4-5 live (meno non riesco) poi magari il capo Deadhead del forum Icio approverà o meno ;)

Escludo i Dick's picks per il motivo sopra indicato e cerco di metter dei titoli che dovrebbero essere reperibili e che coprano periodi diversi della band

 

Fillmore West 69

ladies And Gentleman Fillmore East 71

Sunshine Daydream oppure Steppin 'out per il 72

The Grateful Dead movie (74)

The Closing of Winterland (1978)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
iciogoodtimemusic

dead-heads-always-welcome.jpg20141023cover-e1414537580976.jpg

Tutta roba ottima quella consigliata, però occhio Smile che rischi di finire in un vortice senza fondo. Con questa Band corri il rischio di ipotecare la casa e tutti i beni di tua proprietà

:-S

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax
The Closing of Winterland (1978)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lormar

Si occhio!!! Su Tidal ci sono le serie Dick's pick (fino al volume 36!), Europa'72, Road Trips e Download series. Solo cosi siamo sugli 80 live, malcontati! Più tutto il resto che c'è lì più tutto quello che non c'è!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

Gia solo io, che sono sí un appassionato, ma ne conosco di molto peggio, sono a 52 titoli chissà gli altri....

Icio non aver paura che rimane fra noi,fai outing e dicci quanti ne hai!

Eventualmente ci sono poi sempre le riunioni dei deadheads anonimi..... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0045

A me piace molto Reckoning, live acustico che ascolto piuttosto spesso.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bluesman74

In sintesi si può dire che qualsiasi live dei Grateful Dead merita di essere ascoltato :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
iciogoodtimemusic

Proprio così Blues, e la loro particolarità è che non c'è un concerto uguale a un altro, mai!!!
"Reckoning" è un altro live stupendo con un sentito omaggio a Elizabeth Cotten con la sua "Freight train".

R-1624829-1254231375.jpeg.jpg LPR-1624831-1232916943.jpeg.jpg CD

Elizabeth Cotten era amatissima dai Dead, con questo disco registrato a 90 anni (il suo quinto) vinse il "Grammy Award" nella categoria "Ethnic or traditional folk recording".

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Molto interessante.

Quindi praticamente ogni live e alcuni riusciti album in studio... bene... bene... grazie mille. :)>-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bluesman74

Ma anche gli album in studio meritano, Terrapin station e From the mars hotel ad esempio sono piacevoli anche se non annoverati tra i migliori...

 

Forse solo gli ultimi lavori in studio, in the dark e buildt to last, sono da considerarsi lavori minori, purtroppo in quel periodo il genio di Garcia si stava spegnendo.

 

Una band stratosferica che a mio parere non ha avuto il giusto riconoscimento, soprattutto in Europa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
medusa

Il primo dei Dick's picks (concerto del 1973 a Tampa Florida) è un cd doppio che si trova in genere a prezzo piuttosto alto, ma girando per ebay c'è il caso che se ne trovi una copia abbordabile. Solo le prime due (here comes sunshine  e big river meritano l'acquisto. Nel primo la chitarra di Garcia è ai suoi massimi espressivi, e nel secondo si aggiunge un ritmo che ti impone il tasto repeat quando il pezzo finisce. 

Tra i dischi in studio oltre all'imperdibile Aoxomoxoa già citato da Icio, io metterei American Beauty, che contiene alcune delle gemme della loro carriera (ripple, truckin', friend of the devil).

un sorriso
enzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
medusa
Ma anche gli album in studio meritano, Terrapin station e From the mars hotel ad esempio sono piacevoli anche se non annoverati tra i migliori...Forse solo gli ultimi lavori in studio, in the dark e buildt to last, sono da considerarsi lavori minori, purtroppo in quel periodo il genio di Garcia si stava spegnendo.Una band stratosferica che a mio parere non ha avuto il giusto riconoscimento, soprattutto in Europa.
Vero, bluesman,, ma in in the dark c'è Shades of grey che è deliziosa. Non trovi?

un sorriso
enzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

Grateful_Dead_-_Live-Dead.jpg

Ma non doveva uscirne una versione remast/remix che ne avrebbe migliorato il suono? 
:P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bluesman74
Ma anche gli album in studio meritano, Terrapin station e From the mars hotel ad esempio sono piacevoli anche se non annoverati tra i migliori...Forse solo gli ultimi lavori in studio, in the dark e buildt to last, sono da considerarsi lavori minori, purtroppo in quel periodo il genio di Garcia si stava spegnendo.Una band stratosferica che a mio parere non ha avuto il giusto riconoscimento, soprattutto in Europa.
Vero, bluesman,, ma in in the dark c'è Shades of grey che è deliziosa. Non trovi?

un sorriso
enzo
Si, in effetti molto bella

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71
Molto interessante.
Quindi praticamente ogni live e alcuni riusciti album in studio... bene... bene... grazie mille. :)>-

 

Quella dei tutti i live sono buoni è a mio avviso un'esagerazione dovuta alla "fede".

 

Innanzitutto ogni periodo e diverso dall'altro: ad esempio i live fino al 69 son prettamente acidi e psichedelici poi dal 70 c'è l'introduzione di set acustico e sonorità più roots (vedi gli album workingsman dead e American beauty) e una tipologia di improvvisazione più improntata al jazz e meno acida. La seconda metà degli anni 70 poi vede l'introduzione anche di sonorità più funky (il 77 per molti è uno degli anni migliori), gli anni 80 quella di sonorità e strumentazione più elettroniche (come la chitarra MIDI) etc.

 

 

Ci sarebbe poi da parlare dei dead prima e dopo pig pen, l'anima soul blues della band e di tante altre cose .....

 

Per quello ho indicato titoli che coprano periodi diversi della vita della band

 

Poi ad esempio per me (gusto personale) il meglio i dead lo danno fino alla fine degli anni 70 (con preferenza per il periodo più psichedelico) poi i concerti buoni e buonissimi non mancano ma per me non è più la stessa cosa

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiocana82

A me personalmente piace molto anche Europe 72, inoltre su highres audio trovi i cd di American Beauty e Workingman's Dead in alta risoluzione (96/24). 

A casa ho vari Dick's Picks e i live ai due Fillmore, che mi piacciono davvero tanto e suonano bene. 
Aoxomoxoa per me è l'album che me li ha fatti scoprire e contiene delle perle del periodo acido.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tomcri
Molto interessante.
Quindi praticamente ogni live e alcuni riusciti album in studio... bene... bene... grazie mille. :)>-

 

Quella dei tutti i live sono buoni è a mio avviso un'esagerazione dovuta alla "fede".

 

Innanzitutto ogni periodo e diverso dall'altro: ad esempio i live fino al 69 son prettamente acidi e psichedelici poi dal 70 c'è l'introduzione di set acustico e sonorità più roots (vedi gli album workingsman dead e American beauty) e una tipologia di improvvisazione più improntata al jazz e meno acida. La seconda metà degli anni 70 poi vede l'introduzione anche di sonorità più funky (il 77 per molti è uno degli anni migliori), gli anni 80 quella di sonorità e strumentazione più elettroniche (come la chitarra MIDI) etc.

 

 

Ci sarebbe poi da parlare dei dead prima e dopo pig pen, l'anima soul blues della band e di tante altre cose .....

 

Per quello ho indicato titoli che coprano periodi diversi della vita della band

 

Poi ad esempio per me (gusto personale) il meglio i dead lo danno fino alla fine degli anni 70 (con preferenza per il periodo più psichedelico) poi i concerti buoni e buonissimi non mancano ma per me non è più la stessa cosa

 

 

concordo, fino a  Skull  and  Roses  per'altro molto bello, tirato  e con una buona incisione  i Dead  sono a livelli alti (parlo di repertorio musicale), gia'  con il triplo live Europe72  cambiando decisamente genere diventando x i miei gusti + commerciali, lo ascoltavo propio l'altro giorno non e' male ...ma Live Dead e Skull and Roses sono di un'altro pianeta!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
floyder

A parte i soliti noti ecco perchè freno davanti a loro, troppa roba :((

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
iciogoodtimemusic
Molto interessante.
Quindi praticamente ogni live e alcuni riusciti album in studio... bene... bene... grazie mille. :)>-
Quella dei tutti i live sono buoni è a mio avviso un'esagerazione dovuta alla "fede". Innanzitutto ogni periodo e diverso dall'altro: ad esempio i live fino al 69 son prettamente acidi e psichedelici poi dal 70 c'è l'introduzione di set acustico e sonorità più roots (vedi gli album workingsman dead e American beauty) e una tipologia di improvvisazione più improntata al jazz e meno acida. La seconda metà degli anni 70 poi vede l'introduzione anche di sonorità più funky (il 77 per molti è uno degli anni migliori), gli anni 80 quella di sonorità e strumentazione più elettroniche (come la chitarra MIDI) etc. Ci sarebbe poi da parlare dei dead prima e dopo pig pen, l'anima soul blues della band e di tante altre cose ..... Per quello ho indicato titoli che coprano periodi diversi della vita della band Poi ad esempio per me (gusto personale) il meglio i dead lo danno fino alla fine degli anni 70 (con preferenza per il periodo più psichedelico) poi i concerti buoni e buonissimi non mancano ma per me non è più la stessa cosa
Quoto tutto e straquoto il giallo... Io ripongo una FEDE assoluta nella Band, ma l'ho sempre detto, dopo la dipartita di Pig Pen i Dead non erano più loro, anche per il vento che cambiava a livello generale. Sono stati pubblicati buoni album, ma anche alcune schifezze, Go to heaven, anche se prodotto da Lowell George, e Shakedown Street, come non mi piacciono nemmeno gli ultimi due. Nel mio cuore i Grateful Dead erano quelli con Pig Pen. Punto. Poi i live sono tutta un'altra cosa, proprio come dice Andrea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Non so perchè... ma questa copertina mi sembra dedicata ad alcuni audiofili...  :-? :)) 8-X

Risultati immagini per grateful dead album

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
iciogoodtimemusic

:)) guarda qua che roba...

Grateful+Dead+.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Bestiale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71
Ma anche gli album in studio meritano, Terrapin station e From the mars hotel ad esempio sono piacevoli anche se non annoverati tra i migliori...Forse solo gli ultimi lavori in studio, in the dark e buildt to last, sono da considerarsi lavori minori, purtroppo in quel periodo il genio di Garcia si stava spegnendo.Una band stratosferica che a mio parere non ha avuto il giusto riconoscimento, soprattutto in Europa.
Vero, bluesman,, ma in in the dark c'è Shades of grey che è deliziosa. Non trovi?

un sorriso
enzo
Eh no Enzo sono quasi sempre d'accordo con te, ma in questo caso proprio no!

Considero Touch Of Grey una delle più brutte canzoni dei Dead (con quelle tastierine...brrr) e una canzone che insieme al successo portò sventura alla band che si trovo a gestire un successo enorme e una pressione che Jerry non era in grado si sostenere.

In the Dark comunque è nettamente il migliore degli ultimi quattro dischi anche se ci voleva poco perchè uno (Shakedown street) è decisamente brutto e due (Go To Heaven e Built To Last) sono imbarazzanti.

Il disco contiene due delle migliori canzoni dei tardi Dead di Weir (Hell In a Bucket e Throwing Stone), una buona West L:A. Fadeaway e la migliore canzone del Jerry maturo Black Muddy River (da ascoltare con testo alla mano); purtroppo anche questa canzone è parzialmente rovinata dalle tastiere di Mydland,  che personalmente non ho mai sopportato sia come scelta di suoni che come vocalist (ma qui entriamo nelle idiosincrasie personali)

Comunque per chi ha amato Jerry comunque rischia di scappare la lacrima

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
redfox
Grateful_Dead_-_Live-Dead.jpg

Ma non doveva uscirne una versione remast/remix che ne avrebbe migliorato il suono? 
:P
Infatti é prevista, così come sono previste le ristampe (tutte in formato deluxe e pageant remaster) del catalogo Warner.Per ora é uscito il primo album omonimo....https://www.amazon.it/gp/aw/d/B01MXLPL9R/ref=mp_s_a_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅZÕÑ&qid=1488834162&sr=1-1&pi=AC_SX236_SY340_FMwebp_QL65&keywords=Grateful+Dead

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
zagor333

Diavolo di una Volpe.

Ma si possono prendere e sono la solita bufala?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.580
    Discussioni Totali
    5.884.814
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×