Vai al contenuto

Ospite richy00

Attenuare tweeter e midrange con delle resistenze

Messaggi raccomandati

Ospite
Salve a tutti, dovrei attenuare un tweeter e un midrange messi in serie tra di loro.
Ho visto che per farlo servono due resistenze messe una in serie e l'altra in parallelo ad ogni altoparlante ma non riesco a capire come posizionarle in questo schema senza modificare i filtri.
image
Grazie in anticipo per le risposte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Ti ho già risposto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino
Salve a tutti, dovrei attenuare un tweeter e un midrange messi in serie tra di loro.
Ho visto che per farlo servono due resistenze messe una in serie e l'altra in parallelo ad ogni altoparlante ma non riesco a capire come posizionarle in questo schema senza modificare i filtri.
image
Grazie in anticipo per le risposte.
puoi attenuare il gruppo nel suo assieme

(per attenuare in maniera indipendente i due altop devi separare i due circuiti quindi di fatto avrai due C e due L)

per attenuare il gruppo una resistenza in serie (esempio sul +) e una in parallelo (tra + e -)

se sai quanta attenuazione vuoi mettere e conosci il valore di impedenza nominale dei due altop si possono fare due conti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Dove: la resistenza in serie all'altoparlante è quella di attenuazione vera e propria, mentre quella in parallelo, che la precede, riporta il carico visto da L e C a quello nominale.

PS

son disegnate così per gradevole simmetria, ma è la stessa medesima cosa...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Raga ho cercato in rete ma non sono riuscito a capire come in questo collegamento in serie il tweeter riceve solo le frequenze del condensatore e il medio le frequenze dell'induttanza.

Qualcuno che mi puo' illuminare sull'argomento? 
Grazie ancora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Per capire come funziona un crossover serie occorre avere ben chiari i principi tecnici del funzionamento di condensatori, induttanze, resistenze e operare sui circuiti equivalenti... per un neofita ci vogliono ore e ore...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63
Raga ho cercato in rete ma non sono riuscito a capire come in questo collegamento in serie il tweeter riceve solo le frequenze del condensatore e il medio le frequenze dell'induttanza.
Qualcuno che mi puo' illuminare sull'argomento? 
Grazie ancora
Cerco di spiegarti in modo semplice ....prendiamo l'immagine spostata per comprendere il funzionamento analizza il circuito con un solo altoparlante alla volta ...ti apparica chiaro che non si discosta cosi tanto rispetto una rete crossover di secondo ordine tradizionale ...

 

Esempio escludi il mid bass ...ti ritrovi un condensatore serie e una bobina parallela verso il TW ottenedo cosi un normale passa alto  del secondo ordine ...idem per l'altro ,escludendo  il TW ti ritrovi un filtro sempre di secondo ordine passa basso composta dalla bobina serie e il condensatore parallelo ...

 

Ovviamente nella configurazione serie cosi come si vede ,vanno  tenute in considerazioni altri fattore come .

 

Per il condensatore C1 serie al TW va considerato il parallelo del circuito equivalente dell'altoparlante Mid Bass viceversa per L1 va considerato il circuito equivalente del TW ..

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
martinogall

E' lo stesso principio di funzionamento del crossover parallelo, ma i componenti sono in serie, la reattanza di L e C determina  sostanzialmente  la pendenza del filtro.

Ad essere precisi è un crossover di primo ordine elettrico, essendo i componenti in serie  per particolari condizioni può diventare quasi un secondo ordine con doppia pendenza.
E' un crossover poco utilizzato perché sotto certi aspetti è meno versatile di quello parallelo ma ha i suoi vantaggi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Non ha alcun vero vantaggio, anzi ha parecchie controindicazioni perchè il taglio di un altoparlante influenza il taglio dell'altro.

Inoltre l'impedenza di un altoparlante influenza il taglio dell'altro.
Ciò, se si vuol porre rimedio a tutto questo, porta a complicare il filtro con compensazioni e riequalizzazioni oltre ogni termine di ragionevolezza e butta a mare la presunta semplicità.
Inoltre la bassa/variabile pendenza di questo filtro (presunta base di maggior "musicalità", baggianata in nome della quale viene accettato di tutto), è ottenibile diversamente.
A dimostrazione di ciò, se in un normale filtro del primo ordine sarebbe bastata una resistenza in serie agli altoparlanti per attenuarli, qui ne servono due per ognuno di essi perchè se cambia il carico di un altoparlante cambia l'intero crossover.
In pratica risulta consigliabile solo in quei rarissimi casi di fortuita combinazione nei quali la risposta complessiva risulta ottimizzata con facilità.
In tutti gli altri è fuffa in salsa audiofiga.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
AlfonsoD
Non ha alcun vero vantaggio, anzi ha parecchie controindicazioni perchè il taglio di un altoparlante influenza il taglio dell'altro.
Inoltre l'impedenza di un altoparlante influenza il taglio dell'altro.
Ciò, se si vuol porre rimedio a tutto questo, porta a complicare il filtro con compensazioni e riequalizzazioni oltre ogni termine di ragionevolezza e butta a mare la presunta semplicità.
Inoltre la bassa/variabile pendenza di questo filtro (presunta base di maggior "musicalità", baggianata in nome della quale viene accettato di tutto), è ottenibile diversamente.
A dimostrazione di ciò, se in un normale filtro del primo ordine sarebbe bastata una resistenza in serie agli altoparlanti per attenuarli, qui ne servono due per ognuno di essi perchè se cambia il carico di un altoparlante cambia l'intero crossover.
In pratica risulta consigliabile solo in quei rarissimi casi di fortuita combinazione nei quali la risposta complessiva risulta ottimizzata con facilità.
In tutti gli altri è fuffa in salsa audiofiga.

 


=D>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Grazie... grazie... all'epoca scrissi anche un completo articolo in merito su CHF... numeri 83 e 85

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

Ho sempre snobbato i cross serie, forse perché non li ho mai capiti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile
Ho sempre snobbato i cross serie, forse perché non li ho mai capiti

 

Ma il problema, amico mio, non è CAPIRLI... il problema è APPLICARLI.

Mai come in questo caso servirebbero risposte e impedenze piatte... che nella realtà non esistono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63

Infatti non vedo alcun vantaggio serve solo per complicarsi l'esistenza .

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
martinogall
Grazie... grazie... all'epoca scrissi anche un completo articolo in merito su CHF... numeri 83 e 85

 

E molti numeri prima di te qualcuno progettò un diffusore con crossover serie vantandone i pregi. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax
Ho sempre snobbato i cross serie, forse perché non li ho mai capiti

 

Ma il problema, amico mio, non è CAPIRLI... il problema è APPLICARLI.

Mai come in questo caso servirebbero risposte e impedenze piatte... che nella realtà non esistono.

 

Amico mio se non li capisco non so nemmeno applicarli

 

:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Per capirli ti tracci il circuito equivalente... per applicarli... auguri...  :))

Esempio del passa-alto.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile

Ovviamente la resistenza del valore nominale di impedenza è una semplificazione assoluta... l'altoparlante ha una sua Fs, un suo picco più o meno pronunciato e più o meno ampio a Fs, più picchi se in cassa accordata, una sua induttanza, piuttosto elevata se si tratta di un woofer, e il circuito equivalente si complica... quello disegnato è solo la base minima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

in pratica ho messo un midrange da 4 ohm in serie con un tweeter sempre da 4 ohm per collegarli ad un amplificatore con uscita ad  8 ohm.

Il mio unico intendo era quello di filtrare il tweeter per non farlo bruciare ed ho messo un condensatore da 3.3uF ed un induttanza da 0.1mH per il midrange
dite che i valori che ho calcolato dei filtri per i due altoparlanti si discostano molto da rischiare di far bruciare il tweeter?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
martinogall

Intanto la potenza sopportabile dipende dal tweeter  che hai messo, dalla frequenza e dalla pendenza del taglio, sono caratteristiche dichiarate dalla casa.  

Quello che rischia di più potrebbe essere il midrange, lo vedo troppo affaticato...
Ma come li hai calcolati quei valori?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63

Richy00

 

Se l'intento era quello di aumentare l'impedenza visto dall'ampli con il filtro serie ..ti sei spagliato di grosso ....se mai l'impedenza potrebbe diminuire se andiamo a considera l'imprevedibilita' del circuito equivalente posto in parallelo tra C1 e L1 ..in ogni caso nella migliore delle ipotesi rimane quella tipica di un filtro utilizzando altoparlanti a 4 ohm

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

capito... a questo punto c'è qualche modo per portare l'impedenza ad 8 ohm o mi conviene prendere un amplificatore a 2 ohm e collegare tweeter e medio in parallelo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Intanto la potenza sopportabile dipende dal tweeter  che hai messo, dalla frequenza e dalla pendenza del taglio, sono caratteristiche dichiarate dalla casa.  
Quello che rischia di più potrebbe essere il midrange, lo vedo troppo affaticato...
Ma come li hai calcolati quei valori?

con un calcolatore online di filtri di primo ordine.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63
capito... a questo punto c'è qualche modo per portare l'impedenza ad 8 ohm o mi conviene prendere un amplificatore a 2 ohm e collegare tweeter e medio in parallelo?
Se mi dai i valori esatti dei componenti ( L1-C1) compreso i paramentri  degli altoparlanti cerco di  simulare  il carico ...non dimenticare anche il valore delle  resistenze serie parallelo  che servono per attenuare sia il TW e Mid ,posizionati in quel punto incidono pure sul carico ...

 

La mia grossa perplessita in questi filtri consiste nel fatto ,ampli vede un carico non propriamente resistivo se presti attenzione alle uscite del finale poni una cella  LC composta da L1 serie a C1 senza considerare il modello equivalente posto in parallelo su L1 e C1 ,al dire il vero indipendentemente dall'impedenza non tutti gli ampli potrebbero gradire una situazione del .genere ..

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile
in pratica ho messo un midrange da 4 ohm in serie con un tweeter sempre da 4 ohm per collegarli ad un amplificatore con uscita ad  8 ohm.
Il mio unico intendo era quello di filtrare il tweeter per non farlo bruciare ed ho messo un condensatore da 3.3uF ed un induttanza da 0.1mH per il midrange
dite che i valori che ho calcolato dei filtri per i due altoparlanti si discostano molto da rischiare di far bruciare il tweeter?

Con il filtro serie usato senza minimamente sapere cosa si sta facendo si ottiene questo...  X_X

NON OTTIENI UN CARICO DA 8 OHM... 
è il filtro che ha una configurazione particolare, ma il carico RESTA da 4 Ohm.

STUDIARE I CIRCUITI, non andare con gli occhi bendati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile
Intanto la potenza sopportabile dipende dal tweeter  che hai messo, dalla frequenza e dalla pendenza del taglio, sono caratteristiche dichiarate dalla casa.  
Quello che rischia di più potrebbe essere il midrange, lo vedo troppo affaticato...
Ma come li hai calcolati quei valori?

 

Li ha messi totalmente a casaccio... NON SA NEMMENO COME FUNZIONA IL FILTRO.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile
Intanto la potenza sopportabile dipende dal tweeter  che hai messo, dalla frequenza e dalla pendenza del taglio, sono caratteristiche dichiarate dalla casa.  
Quello che rischia di più potrebbe essere il midrange, lo vedo troppo affaticato...
Ma come li hai calcolati quei valori?

con un calcolatore online di filtri di primo ordine.

 

 

Che non c'entra un BEATO ANGELICO con quello che hai fatto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smile
capito... a questo punto c'è qualche modo per portare l'impedenza ad 8 ohm o mi conviene prendere un amplificatore a 2 ohm e collegare tweeter e medio in parallelo?

 

NON SAI NULLA DI QUELLO CHE FAI e insisti ancora??? 

Interessante...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sm63
capito... a questo punto c'è qualche modo per portare l'impedenza ad 8 ohm o mi conviene prendere un amplificatore a 2 ohm e collegare tweeter e medio in parallelo?
Secondo me quando ti riferisci alle connessione serie parallelo ,confondi la resistenza DC con l'impedenza ...nella seconda la resistenza  è in funzione della frequenza .... 

 

url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=imgres&cd=&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwiz-Mrzg8nSAhWE1ywKHTPuDvQQjRwIBw&url=https%3A%2F%2Fwww.mariohifi.it%2Fretezobel.htm&psig=AFQjCNGlP8kpKLE_YdeQJx68oAwKwAUIjA&ust=1489135426828740url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=imgres&cd=&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwiz-Mrzg8nSAhWE1ywKHTPuDvQQjRwIBw&url=https%3A%2F%2Fwww.mariohifi.it%2Fretezobel.htm&psig=AFQjCNGlP8kpKLE_YdeQJx68oAwKwAUIjA&ust=1489135426828740images?q=tbn:ANd9GcSfeGU5sXq7CUhZF-cd7gBwkS9N9pucDCqmPd3kAPDXejxYc15D

 

 

A questo punto mi sorge il dubbio  tu abbia calcolato pure male l'incrocio del  filtro, se nei calcoli  inserisci l'impedenza tipica degli altoparlanti come  nel tuo caso 4 ohm e non il valore resistivo reale corrispondente alla frequenza d'incrocio vedi il grafico sopra ...fino a circa  1khz sei nella zona resistiva ammetti l'incrocio decidi di farlo a 5 khz ,non sono piu 4 siamo arrivati a  8 ohm .

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
martinogall

Qui ci sono due strade da seguire, o gli progettiamo tutto dalla a alla z e gli facciamo gettare via questo crossover serie...  oppure è meglio lasciar perdere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.336
    Discussioni Totali
    5.877.866
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×