Vai al contenuto

berry0125

Revox B215 e

Messaggi raccomandati

berry0125

Ciao a tutti

Da profondo amante della cassettina, che mi riporta indietro nel tempo e mi fa volare con il pensiero ad attimi di giovinezza vissuti tra studio e amori, leggendo qua e là ho deciso di comperarmi il lettore in oggetto.
Non avendo trovato nulla chiedo se qualcuno sa dirmi che differenze sussistono tra la versione s e quella e ( a parte la colorazione esterna....).
ciao 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

Credo nessuna differenza tecnica. E' un registratore / riproduttore praticamente allo stato dell'arte (a chi piace quel suono), superato solo dallo Studer A721. Io non sono un fan boy, ma trovo che quella serie di Revox/Studer abbia veramente una marcia in più rispetto a tutti gli altri.Solo qualche jap top-top di gamma gli sta dietro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
Solo qualche jap top-top di gamma gli sta dietro...
Ma proprio dietro. L'unica macchina che finora ho avuto occasione di provare al banco e che gli si avvicina (pur non raggiungendolo su alcuni parametri) è stato il Nakamichi Dragon, che comunque in quanto a costruzione e affidabilità al Revox non lega neppure le scarpe (confrontate una meccanica a 4 motori DD interamente in metallo pesante con un impasto di molle, levette, pulegge, rotelle di plastica e cinghie di gomma...)

Peraltro il Naka è riuscito ad esibire prestazioni ragionevolmente confrontabili con la Studer A721 solo dopo aver tarato bias ed equalizzazione tramite strumentazione esterna, perché la scarsa precisione del generatore interno e dei vu-meter non permetteva di raggiungere una calibrazione ottimale con i soli suoi mezzi.

La cosa non è alla portata di tutti, e comunque non è praticamente fattibile in normali condizioni di utilizzo (attacca e stacca cavi, gira potenziometri, ripeti per approssimazioni successive... 10-15 minuti vanno via); per contro la calibrazione ottimale della Revox-Studer richiede solo la pressione di due tasti e 30 secondi di attesa mentre il microcomputer interno fa tutto da solo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
poeta_m1

@metal_1076

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Libra

Prenditi un Aiwa XK-9000S, o un XK-7000S.

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
Prenditi un Aiwa XK-9000S, o un XK-7000S.

Ma per favore...  se vogliamo dargli un consiglio (che peraltro non ha chiesto) diamolo almeno sensato.

Ho riparato un XK9000S qualche mese fa. A parte il fatto che - ammettendo di trovarlo - costa una fortuna, la meccanica fa cagare. E' un derivato diretto della meccanica dei deck Aiwa di fascia media (la serie ADF660 e similari) con solo qualche piccola modifica marginale, assolutamente indegna di un deck di quel prezzo. Ci stava in un deck da 500.000 lire, in uno da 3 milioni era uno sconcio.

Prima di buttare i 1000 euro e oltre che chiedono in giro per quelle piastre, meglio prendersi una ADF770. Va più o meno uguale (cioè piuttosto bene, anche meglio della XK perché ha l'autocalibrazione) e la si paga un decimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Libra
Prenditi un Aiwa XK-9000S, o un XK-7000S.

Ma per favore...  se vogliamo dargli un consiglio (che peraltro non ha chiesto) diamolo almeno sensato.

Ho riparato un XK9000S qualche mese fa. A parte il fatto che - ammettendo di trovarlo - costa una fortuna, la meccanica fa cagare. E' un derivato diretto della meccanica dei deck Aiwa di fascia media (la serie ADF660 e similari) con solo qualche piccola modifica marginale, assolutamente indegna di un deck di quel prezzo. Ci stava in un deck da 500.000 lire, in uno da 3 milioni era uno sconcio.

Prima di buttare i 1000 euro e oltre che chiedono in giro per quelle piastre, meglio prendersi una ADF770. Va più o meno uguale (cioè piuttosto bene, anche meglio della XK perché ha l'autocalibrazione) e la si paga un decimo.

E' vero mi ero dimenticato il fattore del prezzo.

Allora un perfetto ed allineato AD-FF70.

 

Grazie Lufranzy.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
Prego :)

C'è da chiedersi con che faccia a c**o i progettisti Aiwa abbiano fatto quella serie di costosissimi registratori che poi alla fine erano tutta fuffa: milioni di lire per avere - rispetto all'apparecchio da 500.000 - solo un'elettronica un po' più sofisticata, un frontale più bello e 4 Kg di base di legno antivibrazione. Tutte cose che in sostanza non servono a niente, tranne che a riempire di paroloni i dépliant pubblicitari e giustificare prezzi assurdi.

Comunque sia chiaro che il 770 sopra citato non è neppure lontanamente paragonabile al Revox. E' un deck ben suonante, anche meglio di quello che ci si aspetterebbe, ma niente di più: basta guardarci dentro per rendersene conto (e pregare che non si guasti). Unico vantaggio vero: il pregevole rapporto q/p dovuto al prezzo modesto che quota rispetto al Revox.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cowboy

Non e' mai esistita una aiwa che costasse 3 milioni di lire......mai.......forse 1,5 o poco piu', ma 3 milioni mi sembrano troppo davvero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
v15

Pero' adesso un xk9000s **USATO** te lo fanno pagare (se trovano il pollo) 1500 euro, dunque Luca non ci e' andato lontano...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cowboy

Moltissimi pezzi in hifi oggi spuntano quotazioni che superano anche il prezzo che avevano da nuovo.....e' cosa normale (quasi)....ma il listino aiwa non arrivava certo a quelle cifre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cowboy

Le quotazioni non si basano mai su fattori costruttivi dell'apparecchio....I motivi sono altri, rarita', fascino, blasone,..e anche valore sonico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
insintesi

Alpage  AL-300   spettacolare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
metal_1076

lufranz, questo deck ASC ti è mai capitato sul banco di prova?

L'immagine può contenere: fotocamera

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

L'immagine può contenere: fotocamera

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jopavirando

Mi intriga molto quell'ASC.

Se mi spieghi come si fa la calibrazione perchè con tutte quelle luci non ci ho capito un tubo.
Cosa vuol dire cr1 e cr2 , metal1 e metal2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
metal_1076

eheheh quel cassettino magico si chiama RALF ed è il sistema per calibrare i quattro tipi di nastro (già, quattro, qui si può gestire anche un type III al Fe-Cr) ;-)

 

La doppia posizione su Cr e Met è solo una sorta di doppia memoria per quei tipi di nastro.

 

Come funziona questo calibratore? avviando il nastro in Rec, si preme il tasto RALF, esce fuori il cassettino e si attiva il sistema di calibrazione. In prima battuta va regolato il bias, ci sono due led che devono accendersi insieme affinché sia centrato il livello migliore "letto" direttamente sul nastro in uso. Se si accende un solo led, bisogna ruotare il trimmer nel verso segnato in corrispondenza dello stesso led acceso. Dopo si passa al level, vanno regolati i due trimmer affinché entrambi i canali L ed R abbiano un livello pari a 0 dB. Come accennato in precedenza, il tutto deve avvenire con nastro in movimento ed in Rec.

È molto grezzo come sistema, ma ti assicuro che si ottengono copie speculari all'originale, anche con nastri "aglio e olio" ;-)

Non mi aspettavo tanta qualità audio/costruttiva da un marchio a me sconosciuto.

Ovviamente, ho sostituito preventivamente tutti i condensatori elettrolitici Frako, non si sa mai :-)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jopavirando

Eccezionale.

Non lo conoscevo. 
Se lo trovo potrebbe fare ottima compagnia al mio Tandberg.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jopavirando

Se ho ben capito quando i 2 led sono accesi si accende anche quello davanti corrispondente?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
metal_1076

no, quello davanti si accende in corrispondenza della posizione scelta (norm, cr1, cr2, fecr, met1 o met2). È l'indicatore visivo del tipo di nastro selezionato ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
berry0125

Ragazzi mi è arrivato finalmente dalla Germania.. un prodotto bello anche da spento. Suono pazzescamente immanente, fluido, stintillante e, ovviamente, analogico. Domani posto una foto . Spettacolo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
v15
Ragazzi mi è arrivato finalmente dalla Germania.. un prodotto bello anche da spento. Suono pazzescamente immanente, fluido, stintillante e, ovviamente, analogico. Domani posto una foto . Spettacolo

 

Eh eh eh, lo sapevo...la vecchia "cassettina" è dura a morire!  :)>-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
v15
eheheh quel cassettino magico si chiama RALF ...
io di RALF conoscevo questo: 
0heVz-1470684308-511-lists-ralphmalph_1200.jpg

:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jopavirando
no, quello davanti si accende in corrispondenza della posizione scelta (norm, cr1, cr2, fecr, met1 o met2). È l'indicatore visivo del tipo di nastro selezionato ;-)

 

Giusto.

Sono dei pulsanti di selezione del tipo di nastro.
Mi puoi dire cosa può costare quell'apparecchio sull'usato?
Visti i prezzi che hanno raggiunto i deck cassette top, credo non poco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
lufranz, questo deck ASC ti è mai capitato sul banco di prova?
Mai però devo dire che le foto della meccanica mi fanno un'ottima impressione. Impostazione simile alla Revox, a parte la trazione a cinghia per i capstan.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
metal_1076
no, quello davanti si accende in corrispondenza della posizione scelta (norm, cr1, cr2, fecr, met1 o met2). È l'indicatore visivo del tipo di nastro selezionato ;-)

 

Giusto.

Sono dei pulsanti di selezione del tipo di nastro.
Mi puoi dire cosa può costare quell'apparecchio sull'usato?
Visti i prezzi che hanno raggiunto i deck cassette top, credo non poco.

 

Bella domanda...questo modello è molto raro... qualche settimana fa ho visto andar via il modello appena sotto (AS-3000 con HighCom al posto del Dolby C), dichiarato guasto, ad oltre 200 euro su Ebay.de. Naturalmente il mio 3001 rimane nelle mie mani, è vero che ľho pagato solo 40 euro ad un mercatino, però ho dovuto sistemare tante piccole cose ;-) cambio cinghia, sblocco solenoide banco testine, eliminazione falsi contatti led pitch control e display, ripristino counter in rewind (cambio integrato flip flop), regolazione tape speed, recap Frako. Non è al livello dei Revox o Studer, ma sicuramente è al di sopra della maggioranza dei buoni/ottimi deck jap (salvo Nakamichi, probabilmente) ;-)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
metal_1076
lufranz, questo deck ASC ti è mai capitato sul banco di prova?
Mai però devo dire che le foto della meccanica mi fanno un'ottima impressione. Impostazione simile alla Revox, a parte la trazione a cinghia per i capstan.

si in effetti, gli manca il quarto motore e la trazione controllata al quarzo. Però anche questo si smonta in venti minuti, le varie schede sono tutte connettorizzate ed il cablaggio è ridotto al minimo ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
Mi piace, peccato sia introvabile...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
berry0125

Non riesco a caricare una foto , adesso tinypic mi scrive invalid code . Qualcuno mi sa dire se è cambiata qualche procedura ??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
metal_1076
Mi piace, peccato sia introvabile...

Già, neanche in Germania si trova al momento. Il mio esemplare è anche in ottime condizioni estetiche. Capisci bene che per 40 euro, non potevo lasciarlo al mercatino in balia di chissà quale utilizzatore....ah, pesa "solo" 13 Kg, e quella volta andai a piedi al mercatino... ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
v15

....ah, pesa "solo" 13 Kg, e quella volta andai a piedi al mercatino... ;-)

 

Giusta punizione per cotanto culo!!

:P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.610
    Discussioni Totali
    5.885.526
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×