Vai al contenuto

Vittorio58

Sorgente di alto / altissimo livello ma anche attenti al portafoglio

Messaggi raccomandati

Vittorio58
In questi tempi di cambiamenti frequenti e novità sul versante musica digitale quale pensate sia la cifra giusta da preventivare per l'acquisto di una sorgente di alto / altissimo livello sonoro? Io penso che con circa 4.000 max 5.000 si può prendere un'ottima sorgente. Spendere di più quando si va a rivendere dopo n anni (dato che sono i componenti con più sviluppo - giustificato o no è da verificare) si rischia di rimetterci un bel po'.
1 - Cd / Sacd player integrato con ingressi digitali
2 - Cd / Sacd meccanica e Dac 
3 - Music streamer e Dac
Voi che ne dite?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ceccus

Salve,

Fra le sorgenti citate manca l' analogico ...
Se dovessi rimanere sul digitale, direi un PC (e qui si va dai 500€  ai circa 850-2.000 di un Mac) con un buon DAC , da scegliere anche nel mondo Pro (che non dimentichiamolo sono utilizzati negli studi) e, probabilmente, se non si cerca "il nome" con altri 1.500 - 2.500 € si riesce ad avere un bel sistemino performante e ben suonante.
Altrimenti c'è solo l' imbarazzo della scelta, con i "soliti" nomi fra cui McIntosh, sicuramente non sfigura.

Ciao !!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vignotra

Vittorio, l'argomento che hai aperto non è banale. Se hai avuto la pazienza di leggere la mia recensione sul D1100 avrai anche letto che, molte delle promesse del digitale, sono andate parzialmente disattese. Solo con l'arrivo del formato sacd e dell'uso dei VERI file ad alta risoluzione abbiamo iniziato a godere di tutta la performance che il digitale, sin dall'inizio, avrebbe dovuto regalarci.

Ma, tant'è. Al momento, un sistema di buon livello non potrebbe, secondo il mio pensiero e la mia esperienza, fare a meno di un lettore "fisico" di cd/sacd, di un dac separato dal lettore e da un player. Con i lettori fisici e con i dac non è possibile, sempre secondo me, impegnare un bel pò di risorse. E' dalla sorgente che inizia la magia. Se la sorgente è limitata ne soffrirà, inevitabilmente, tutto il resto del sistema. Di lettori cd/sacd ne ho sentiti tanti e, tranne che in un caso, il poco spendi e poco mangi è la regola confermata. 
Stesso discorso per i dac. I vari dac entro mille euro cosiddetti ammazzagiganti, prima osannati e poi dirottati velocemente verso i mercatini dell'usato, mostrano che, dopo un certo periodo di adattamento, l'utente scopre le mancanze, timbriche e dinamiche. Spesso il marketing abbaglia l'utente con nomi altisonanti, come l'uso del chip Sabre 9038PRO ma, il suono di un DAC non è dato solo dal chip che viene utilizzato al suo interno. Come mi ha insegnato la suddetta prova del D1100, una macchina studiata bene, per SUONARE MUSICA, può ancora utilizzare un chip "maturo" come il 9018 e suonare alla grande. Ieri sera, ad esempio, mi sono divertito, per ben tre ore di fila, ad ascoltare file in 16bit 44,1 khz upscalati dal mio notebook Asus con Jriver22 a DSD256 ed è stato un ascolto di grande livello. In sintesi, non è possibile fare a meno di investire cifre adeguate per la sorgente digitale, pena una continua insoddisfazione. Poi, per l'analogico, il discorso si farebbe ancor più articolato e complicato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
antonew

Ad oggi il 3.

Il trittico

-server-streamer-dac

Cavi ethernet di qualità ma

senza svenarsi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
siebrand

io voto 1. senza se e senza ma....

e non solo se si hanno "già molti CD".

ma vabbeh, tanto, sarà che non si potrà nemmeno sperare in un thread con "voti utili ecc...." 
andrà a finire nella solita diatriba fisco/streamer... 
:(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxraff

Io, per non sbagliare, punto ad avere il "top" (rapportato alle mie possibilità economiche) sia come supporto fisico sia come liquida; il vinile ahimè (perché so come può suonare) non lo considero x pigrizia e costi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
camaro71

voto 1

non avendo dimestichezza con la liquida ed essendo ancora affezionato ai dischetti ritengo irrinunciabile la presenza nell impianto di una importante macchina cd sacd

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

io ritengo che la versatilità sia la cosa migliore, quindi per me un cd-sacd player che habbia inressi ed uscite digitali, in mod da poter essere usato come lettore di cd e sacd (senza dover per forza ripppare il tutto, chi ne ha molto trova questo assaggio faticoso), come meccanica e come dac. I lettore deve avere più ingressi digitali in modo che il dac possa essere utilizzato con sorgenti diverse

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
camaro71

+1 cactus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Vittorio58

Integro l'elenco:

1 - Cd / Sacd player integrato con ingressi digitali + Music streamer (quest'ultimo anche in un secondo momento)
2 - Cd / Sacd meccanica e Dac + Music streamer (quest'ultimo anche in un secondo momento)
3 - Music streamer o PC e Dac
 
Software posseduto circa 600 Cd ed un paio di Sacd ibridi.
Per quanto riguarda la liquida circa 2.000 Cd
Per quanto riguarda il vinile si partirebbe da zero.
 
Disponendo di una cifra X penso che sia meglio ripartirla in un minor numero di componenti e quindi nel digitale lasciando come punto fermo il dac o meccanica o liquida. Se si inizia a dividere anche una cifra importante come 4.000 / 5.000 € in una meccanica, in un dac ed in un music streamer singolarmente rimane poco.
Se parlassimo di amplificazioni e diffusori sarei dell'idea di spendere il massimo che ci si possa permettere mentre per quanto riguarda una sorgente digitale non vorrei patire troppo l'obsolescenza tecnica e la rivendibilità futura (perchè anche se non si compra un componente e pensare già a quando lo si dovrà rivendere ci conosciamo come siamo noi audiofili).
Ciao,

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
camaro71

mi perdonino gli analogisti ma io al vinile non ci penso proprio :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
In questi tempi di cambiamenti frequenti e novità sul versante musica digitale quale pensate sia la cifra giusta da preventivare per l'acquisto di una sorgente di alto / altissimo livello sonoro? Io penso che con circa 4.000 max 5.000 si può prendere un'ottima sorgente. Spendere di più quando si va a rivendere dopo n anni (dato che sono i componenti con più sviluppo - giustificato o no è da verificare) si rischia di rimetterci un bel po'.
1 - Cd / Sacd player integrato con ingressi digitali
2 - Cd / Sacd meccanica e Dac 
3 - Music streamer e Dac
Voi che ne dite?
1) Questi hanno ancora senso per chi ha tanti CD, vedi Marantz SA-10 che è anche un DAC alla fine.

 

2) Ormai l'uso di meccanica CD/SACD + DAC è limitato.

 

3) Streamer / PC + NAS / Server Audio dedicato + DAC integrato o esterno questa è la via maestra secondo me.

 

Per la cifra direi che non sei andato lontano.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

mmmm però così mti precludi l'asclto dei sacd (io per esempi ne ho 300)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Salvat

1 - Cd / Sacd player integrato con ingressi digitali
2 - Cd / Sacd meccanica e Dac 
3 - Music streamer e Dac
Voi che ne dite?
Ho trovato un (buon, per me) compromesso nel lettore - da settembre 2016 - CD/SACD Marantz Sa 14 S 1 Special Edition.

 

Salvatore Bianca

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
mmmm però così mti precludi l'asclto dei sacd (io per esempi ne ho 300)

Elamadonna! 8-X Ma penso che come te ce ne sia pochi. In tal caso andrebbe bene l'opzione 1 allora.

 

In caso contrario cosa te ne fai dei SACD quando hai il DSD (volendo anche a risoluzione superiore rispetto a SACD=DSD64) e PCM fino ad almeno 24/192Khz?

 

Ormai mi sembra che l'offerta dei file in HD diventi sempre più ampia, la versione digitale dei SACD è sempre più trovabile e all'ordine del giorno.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

beh, io preferisco poter ascoltare di tutto, magari posso preferir musicalmente un concerto di panoforte su cd con grandi interpreti allo stesso concerto per pianoforte in hd con interpreti poco incisivi, non tutta la musica che ho è disponibile in tutti i formati, quidni perché precludermi una possibilità? Oggi poi i cd te li tirano in faci, una macchina che li legge fa semrpe cmodo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esprit

Se non sei interessato alla correzione attiva: streamer + dac (al dac puoi sempre collegare una buona meccanica)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ipoci

 

....Voi che ne dite?
Ma tu dove la trovi la sorgente di alto/altissimo livello cd/sacd a 4-5.000 Euro? Io vedo girare cifre che vanno dai 10.000 (ma sei proprio uno che non puo'daiii) ai 50.000 (che te lo dico a fare) ... ah ah ah!

 

Io personalmente, oggi come oggi dovessi "bruciarmi" un 5-6.000 in sorgente sceglierei uno dei due approcci volutamente "opposti":

 

[che se non tocco il supporto fisico sto male] = Lettore usato Sony SCD-1 con modifica Sivieri per strappare via tutta la porcheria che ci hanno messo dentro e lasciare solo il filtro passa basso sul percorso di segnale sacd ( Ishiwata docet). Motivazione: ha già scontato ampiamente la svalutazione e quello che risparmio lo metto nel modding

 

[innovativo senza paura] = Portatile Lenovo X1 Carbon (Linux) rigorosamente usato, "trenino" dell'amore di dispositivi clock/regen/galvanic sull'uscita USB, DAC R2R Ladder PCM/DSD (secondo l'ultima tendenza primavera/estate 2017) ed Oppo 103 usato a supporto del qui descritto DAC. Motivazione: un computer è per sempre, l'X1 è bellissimo e Linux ormai alla portata di tutti (tranne quelli veramente negati) ed il DAC e' sempre un oggetto duraturo.

 

Ovviamente la mia preferenza va al secondo ma potrei convivere senza problemi anche con il primo che fa anche la sua sporca figura estetica.

 

Un cordiale saluto, Massimilliano

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

alla soluzione 1 sto pensando da tempo (avendo un sony scd-1) ma mi spaventa la spedizione di 27 kg di lettore e i "tempi tecnici"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meridian
....Voi che ne dite?
Ma tu dove la trovi la sorgente di alto/altissimo livello cd/sacd a 4-5.000 Euro? Io vedo girare cifre che vanno dai 10.000 (ma sei proprio uno che non puo'daiii) ai 50.000 (che te lo dico a fare) ... ah ah ah!

 

>Un cordiale saluto, Massimilliano


Ciao, con quella cifra, nell' usato , cercando un buon usato , porti a casa un lettore di CD e SACD che per un bel po' di anni non ti farà rimpiangere altro . . . .Saluti. Dario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mister66

Io dopo una attenta valutazione su quello che offre attualmente il mercato ho ordinato lo Yamaha cds3000, macchina completa per le codifiche odierne, ben suonante per le mie orecchie, costruzione impeccabile, meccanica di qualità, e un rapporto q/p invidiabile.

Non vedo l'ora di averla sul mobile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mojo_65

Mah, Vittorio io ti direi che dipende da dove parti, cioé se hai già un lettore o meno. E comunque da come poni la doamnda, la risposta potrebbe essere "modulare".

E' una riflessione che sto facendo anch'io di questi tempi e considerando che io il supporto fisico lo amo molto sia LP che CD per molti motivi. E siccome vivo (muoio...)  di pc tutto il giorno mio malgrado, nel tempo libero proprio non lo guardo...

Nel mio caso ho pensato di partire da quello he ho, un Pioneer SACD il PD-D9 J che dal 2008 mi allieta e mi ha evitato di spendere cifre consistenti. Ma l'impianto sta evolvendo e forse occorre fare uno sforzo sulla sorgente digitale.

Quindi avrei pensato di tenere il Pio9 come meccanica e investire in un DAC come primo passo poi una volta consolidato la conversione si potrà pensare alla funzione streamer e poi via il Pio9 e dentro una meccanica migliore.
A passi, come ho sempre fatto dal Technics SL2000 in avanti. 

Ciao
Alessandro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Maurjmusic
mi perdonino gli analisti ma io al vinile non ci penso proprio :)

 

uhm ... mai dire mai!  ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
imoi san
mi perdonino gli analogisti ma io al vinile non ci penso proprio :)

 


 

Io nemmeno... :-bd

Non ho né lo spazio, ne la voglia di diventare matto con i vari settaggi... :-O

...anche se...di recente ho ascoltato un gira Technics che, devo ammetterlo, mi è piaciuto molto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
huberbubber
Io dopo una attenta valutazione su quello che offre attualmente il mercato ho ordinato lo Yamaha cds3000, macchina completa per le codifiche odierne, ben suonante per le mie orecchie, costruzione impeccabile, meccanica di qualità, e un rapporto q/p invidiabile.

Non vedo l'ora di averla sul mobile.

 


ciao, avevi preso in considerazione anche il 2100? Provato o confrontato con il 3000?

Grazie

Manuel

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
beh, io preferisco poter ascoltare di tutto, magari posso preferir musicalmente un concerto di panoforte su cd con grandi interpreti allo stesso concerto per pianoforte in hd con interpreti poco incisivi, non tutta la musica che ho è disponibile in tutti i formati, quidni perché precludermi una possibilità? Oggi poi i cd te li tirano in faci, una macchina che li legge fa semrpe cmodo
Non capisco bene cosa centra? Un CD lo compri e tranquillamente lo liquidi con EAC. Non ti si rovina, lo metti nella collezione ed hai il backup eterno. Più complicato il ripping del SACD, diciamo pure che conviene comprare direttamente i DSD.

 

Io ormai l'ho eliminato/non ricomprato il lettore fisico, non lo avrei fatto se avessi avuto tanti CD. Ma anche quei pochi CD, guardacaso acquistati perlopiù negli anni '90, erano una porcheria rispetto a quello che poi ho trovato su file.

 

Chiaramente oggi se proprio devi comprarlo opta per un lettore che legga anche il SACD e abbia anche un DAC-USB, visto che con la scusa del DSD è tornato un po' in auge. Per dire, io prenderei anche subito il Marantz SA10, ma (a parte i soldi) fondamentalmente lo userei quasi esclusivamente come DAC.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Vittorio58
mojo_65 scrive:                 
Mah, Vittorio io ti direi che dipende da dove parti, cioè se hai già un lettore o meno.

Io parto da una sorgente digitale solo cd di buon livello: Golmund 39 DA

Volendo allineare al resto dell'impianto e aggiornare verso l'alto la sorgente il dilemma è se vendere o tenere il cd player.
Se lo vendo la scelta è tra le tre opzioni che ho scritto all'inizio.
Se lo tengo l'intenzione è di acquistare un music streamer (o un pc) per la liquida e un dac da usare sia con la liquida che con il lettore cd.
Non vorrei avere dei doppioni (usare il lettore cd per il 16-44 quando potrei ascoltarli in liquido) ma nemmeno svenderlo a un prezzo irrisorio considerato la cifra a cui l'ho pagato.
Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mojo_65

Vittorio, allora parti bene, anch'io al tuo posto non lo venderei, sarà solo red book ma perché ripartire...

Direi quindi che puoi dirigerti verso la liquida con la soluzione streamer e DAC. Se poi il DAC é di qualità decisamente elevata puoi usare il Goldmund come meccanica che ad occhio mi sembra una gran meccanica.

almeno io farei così nel tuo caso, certo non hai la funzione SACD, ma se vai verso la liquida come diceva Diablo avrai sempre l'opzione DSD.

Ciao
Alessandro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano
mojo_65 scrive:                 
Mah, Vittorio io ti direi che dipende da dove parti, cioè se hai già un lettore o meno.

Io parto da una sorgente digitale solo cd di buon livello: Golmund 39 DA

Volendo allineare al resto dell'impianto e aggiornare verso l'alto la sorgente il dilemma è se vendere o tenere il cd player.
Se lo vendo la scelta è tra le tre opzioni che ho scritto all'inizio.
Se lo tengo l'intenzione è di acquistare un music streamer (o un pc) per la liquida e un dac da usare sia con la liquida che con il lettore cd.
Non vorrei avere dei doppioni (usare il lettore cd per il 16-44 quando potrei ascoltarli in liquido) ma nemmeno svenderlo a un prezzo irrisorio considerato la cifra a cui l'ho pagato.
Ciao.
io una macchina come il Goldmund non  la venderei...anche percè venderla significa svenderla
affiancherei piuttosto uno streamer di buona qualità che intorno alla cifra che hai preventivato si trova
i cd oggi costano pochissimo e i file che si trovano su molte piattaforme non sono un granchè, men che meno quelli ad alta risoluzione...che spesso di alto hanno solo il prezzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piergiorgio

3 con 3-4000 euro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.645
    Discussioni Totali
    5.886.578
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×