Jump to content
Melius Club

hiroshi976

Deck Cassette. Quale?

Recommended Posts

dipparpol

Share this post


Link to post
Share on other sites
Zangi

Ciao a tutti... Ho un piccolo problema su uno dei miei Revox B215. In pratica, quando ascolto una cassetta, lui ci incide un leggero "tac"  con cadenza ciclica di circa un secondo che si sente nelle pause tra un brano e l'altro. Secondo voi cosa può essere? Ho già provato a smagnetizzare testine e capstan ma senza ottenere nessun risultato... Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ermes92

Ciao a tutti!

@ediate @lufranz grazie per i chiarimenti. ricordo molto vagamente che il minidisc (da bambino) aveva fatto successo, ma ero troppo piccolo per capirci qualcosa.

L' elcasette della sony, mi sembra di aver letto da qualche parte per caso anni fà, che era nettamente superiore alle cassette, forse era uguale ai cd, e, dato il periodo in cui uscii, era una tecnologia rivoluzionaria, ma ha fatto successo solo in finlandia mi pare, comunque in quasi tutto il mondo, era stato un flop, chissà perché.

Per quanto riguarda le dcc, ho visto uno che ha un canale su youtube, probabilmente un tecnico appassionato, che mostrava (se non ricordo male) che in realtà questo difetto (se parliamo dello stesso) è riparabile.

C'è una schedina che, col tempo, i condensatori saldati sopra, perdono il dielettrico e corrodono le piste, lui le ricostruisce, ci mette i condensatori nuovi e ritorna a fuzionare al 100%. Parlavi di questo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ermes92

@Zangi ciao, scusa se mi permetto, sono la persona meno indicata per risponderti.

Dato l'alto livello tecnologico del tuo registratore, è probabile che involontariamente tu abbia attivato qualche funzione per il montaggio che prevede la registrazione di quel segnale e, quando quest'ultimo passa sotto la testina, il registratore compie una certa azione (sempre che c'è l'abbia)?

Quello che ti ho scritto, l'ho sentito nelle cassette originali, soprattutto verso la fine del nastro, al posto del tono che una volta veniva registrato sia alla fine che all'inizio di quest'ultimo.

Se vi va, lo chiedo a tutti e probabilmente potrebbe servire a tanti, fareste una lista delle cassette dove c'è scritto il marchio e il modello e se e buona o no e quanto su una scala 0 a 10? ad esempio: TDK FE = tdk ferric, modello base, 0 da evitare oppure 10 la migliore.

Tempo fà, trovai un sito con questa lista ma non riesco più a trovarlo.

Una sorta di guida.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
1 ora fa, Ermes92 ha scritto:

C'è una schedina che, col tempo, i condensatori saldati sopra, perdono il dielettrico e corrodono le piste, lui le ricostruisce, ci mette i condensatori nuovi e ritorna a fuzionare al 100%. Parlavi di questo?

Sì. Il problema è che data l'età dei deck i condensatori delle macchine non ricondizionate hanno versato l'elettrolita da tempo e le piste sono distrutte, non c'è modo di riparare la scheda originale (tutta SMD e con piste e fori passanti microscopici). De il tipo ricostruisce delle schedine nuove allora è un altro discorso, ma quanto viene a costare ? Ne vale la pena per un apparecchio che di fatto non serve più a niente se non a titolo di curiosità collezionistica ?

La Elcaset aveva una qualità notevole, paragonabile a una via di mezzo tra un bobine a 9.5 cm/s e a 19 cm/s. Costi elevati, mancanza di software preinciso, niente riproduttori portatili (solo Sony ne aveva fatto uno e costava un occhio) o per auto, apparecchi domestici grossi e pesanti, evoluzione rapida della tecnologia delle cassette piccole, poca predisposizione del pubblico a un nuovo sistema che per il 90% degli utenti non forniva nessun vantaggio percepibile o comunque interessante… tutto questo ha decretato il flop della Elcaset in breve tempo. Qualche anno dopo un buon deck a tre teste ben tarato e con una cassetta metal sarebbe andato alla pari o anche meglio di una Elcaset.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
1 ora fa, Ermes92 ha scritto:

Dato l'alto livello tecnologico del tuo registratore, è probabile che involontariamente tu abbia attivato qualche funzione per il montaggio

La B215 non ha nulla del genere. @Zangi provato con diverse cassette, anche vergini ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Zangi

@lufranz Si, anche con cassette vergini, basta mandarlo in play e lui ci incide sopra questo "tac"

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz

Se provi ad ascoltare su un altro registratore una cassetta vergine passata per il B215 si sentono i "tac" pure lì ?

Sono perplesso...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Zangi

@lufranz Si, se passo i nastri su altri deck si sente il "tac", per questo dico che questo disturbo viene inciso su nastro. Se poi riavvolgo il nastro su questo b215 e lo faccio ripassare ce ne incide un'altro così diventa un "tac-tac, tac-tac... e così via. E' leggero ma molto fastidioso perché in pratica rovina ogni nastro che ci passa... Pensa che se prendo una cassetta vergine appena scartata e la mando in play, già al primo passaggio sento questo "tac" ciclico, se riavvolgo il nastro e la rimando in play, sento che questo "tac" viene inciso per una seconda volta e si somma al primo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz

serve una revisione approfondita, potrebbe essere qualcuno dei soliti elettrolitici in perdita...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate

@lufranz 

21 ore fa, lufranz ha scritto:

Sì. Il problema è che data l'età dei deck i condensatori delle macchine non ricondizionate hanno versato l'elettrolita da tempo e le piste sono distrutte, non c'è modo di riparare la scheda originale (tutta SMD e con piste e fori passanti microscopici).

Allora ho avuto fortuna. Ho finalmente smontato le due schede incriminate di una delle due DCC900 che ho e con i condensatori SMD ancora montati, non c'era il minimo segno di corrosione o sversamento di acido. Ho rimosso gli SMD di una delle due schede e le piste sono perfette. Ora procedo con l'altra e poi rimonto i condensatori normali... speriamo bene.

Anche l'altra DCC, ad occhio, ha le piste perfette (almeno nella scheda più facilmente raggiungibile, l'altra è sotto la meccanica).

Share this post


Link to post
Share on other sites
v15

@ediate Lufranz quando ha cercato di riparare la mia, ha detto che la scheda montata sotto la meccanica era quella semidistrutta dai malefici condensatori, mentre quella montata in verticale era in condizioni molto migliori (chissà perché, forse una questione di esposizione a minor calore).

Mettici mano prima possibile...👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate

@v15 

4 ore fa, v15 ha scritto:

Mettici mano prima possibile...

Adesso, la sto lavorando adesso... 👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
hiroshi976

@Zangi @lufranz  Purtroppo non ho mai visto una revox b215 all'interno, ma ragionando sul fatto che durante la riproduzione, mi pare di capire viene incisa una sorta di "scarica" in maniera ciclica (è corretto? é cadenzata?) e possibile che sia un mix di cose il problema? meccanica che fa in qualche modo "eccitare" la testina di registrazione? Che sò un cavetto, qualcosa, che durante la riproduzione e rotazione, in un preciso punto, innesca qualcosa?

Ma se ti metti a registrare davvero cosa succede?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate
Il 5/7/2019 Alle 11:40, Ermes92 ha scritto:

fareste una lista delle cassette dove c'è scritto il marchio e il modello e se e buona o no e quanto su una scala 0 a 10? ad esempio: TDK FE = tdk ferric, modello base, 0 da evitare oppure 10 la migliore.

@Ermes92 Si può fare. Devo però dire, in verità, che con le macchine "moderne" con l'autotaratura dei nastri alla portata di tutti, le differenze tra i nastri si sono ridotte a sfumature, a meno che non ci si trovi in presenza di vere e proprie ciofeche (presente anche nei grandi marchi, beninteso). L'attenzione potrebbe essere più proficuamente puntata allora su regolarità di scorrimento, rumori o meno all'avvolgimento veloce, insomma più alla qualità meccanica che su quella "elettrica". Spesso ovviamente le due cose vanno a braccetto, ma non sempre è così e alcuni nastri economici storici del passato sono lì a testimoniarlo sia in positivo che in negativo (l'eccezione positiva è la TDK D, specie quella con la cassetta non trasparente, quella negativa... c'è da perdersi). 

Tieni inoltre in conto che la qualità dei nastri è migliorata con la serie (più sono moderni, meglio è) solo dal punto di vista chimico, mentre da quello meccanico c'è stato quasi sempre un vero e proprio crollo verticale.

Fare una lista significherebbe quindi postare anche la foto del modello di cui si parla... perché se, ad esempio, si parla di TDK "SA", ci sono due serie di questa intramontabile cassetta (prodotta senza soluzione di continuità dal 1974 fino a quando le cassette sono scomparse) ben superiore come prestazioni a tutte le SA precedenti e successive a questa. E' un ginepraio!

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@Ermes92 Ha ragione @ediate , è un ginepraio...si fà prima a valutare volta per volta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
hiroshi976

@Ermes92 @ediate @oscilloscopio confermo! L'autotaratura eleva anche nastri molto economici. Ad esempio ottengo risultati pazzeschi con delle economiche maxell UR ultima produzione, in rapporto al costo. Certo la meccanica è quella che è. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Zangi

@lufranz Mi sono messo a fare un po di prove ed ho forse scoperto il problema. Ho provato con un cacciavite di plastica a fare in modo chi il pinch roller sinistro rimanesse staccato in riproduzione e in questo modo il problema non si presentava. Lo ho smontato, ripulito per bene con alcol isopropilico, ci ho passato la pistola magnetizzatrice e per ora pare vada tutto più che bene... Strana cosa però, il pinch roller è di gomma, come si spiega sta cosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
hiroshi976

Probabilmente hai risolto "smontando e rimontando". O magari sul pinchroller c'era qualche microparticella di ossido/metallo che eccitata elettricamente ti incideva il tac sul nastro. Hai controllato il cablaggio del gruppo testine?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ermes92

Ciao a tutti!

@hiroshi976 grazie per avermi dato ragione, ma a quale messaggio ti riferisci?

Ok per la revox, non lo sapevo.

Ok per la lista cassette, proverò di nuovo a cercare quel sito.

Ok per l'elcassette (chissà perché questo nome), sei stato molto chiaro, siete dei pozzi di sapienza senza fondo!! 😂

Per quel che riguarda le dcc, probabilmente questo lavorava in un centro assistenza, e ha voluto far vedere una sua riparazione (penso), ecco il video che dicevo:

In questo ripara un walman dcc sostituendo una cinghia:

Il nome del canale, non a caso, è: DR DCC; e sono stati creati più apparecchi di quello che pensiamo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Zangi

@hiroshi976 Nel Revox ci sono dei cavetti schermati saldati direttamente sotto le testine e dal lato opposto terminati con dei connettori a pettine che si infilano sulle schede. Niente di particolare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
hiroshi976

@Zangi verificare le saldature/cavo sotto le testine non è cosa sbagliata. Se un deck da anomalie "strane", può essere qualunque cosa. Dare per scontato qualcosa è il primo errore da non commettere durante una verifica. Comunque hai risolto per fortuna!

Share this post


Link to post
Share on other sites
hiroshi976

@Ermes92 confermavo quanto detto da Edilio. Con i deck moderni e l'autotaratura con una cassetta di sufficente qualità, almeno a livello di nastro, si riescono a tirare fuori delle registrazione di ottima qualità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
3 ore fa, Zangi ha scritto:

come si spiega sta cosa?

Non è che per caso, invece di magnetizzare, lasciava delle "impronte" sul nastro ? Anche delle deformazioni o irregolarità della superficie del nastro in riproduzione possono dar luogo a disturbi.

Osserva il nastro di una cassetta passata prima, vedi se ci sono segni o deformazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Zangi

@lufranz Ho controllato la cassetta vergine che ho usato per fare le prove e il nastro è perfetto, liscio come nuovo...🤔 Magari è come ha scritto @hiroshi976 , una piccola particella magnetica o ossido sulla gomma.... Adesso lo ho fatto funzionare per parecchie ore e danni non ne ha più fatti 😅

Share this post


Link to post
Share on other sites
Zangi

@hiroshi976 I pinch roller sul B215 si possono smontare senza aprire il deck, basta togliere una piastrina sul frontale tenuta in posizione da due viti soltanto...

IMG_4235.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
hiroshi976

@Zangi immaginavo!👍 è bene quel cheche finisce bene. Buone registrazioni😜

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate

@Ermes92 

7 ore fa, Ermes92 ha scritto:

Ok per l'elcassette (chissà perché questo nome),

L'acronimo fu generato dalla contrazione di "EnLarged CAsSETte",  (cassetta ingrandita), da cui, con un volo pindarico, "ELCASET", non elcassette.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tesla63

Buonasera a tutti, scusate se vado forse un po’ OT ma , da possessore di unRevox B710 MKII mi chiedevo quali fossero le differenze con la successiva B215 nelle versioni MKI e MKII. Grazie a chi vorrà rispondermi indicandomi magari se valga la pena o meno il passaggio al modello più recente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294273
    Total Topics
    6409052
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy