Jump to content
Melius Club

magocinzio

Base antirinculo per diffusori "Extrema Voice" by Di Prinzio

Recommended Posts

Arnaldo
Una domanda sorge spontanea: come è possibile che reputatissimi costruttori abbiano da sempre ignorato e continuino ad ignorare l'esistenza di un aspetto così limitante la qualità dei loro (costosi) diffusori?

Una probabile spiegazione della loro non considerazione è che probabilmente si trattera' di quel tipo di differenze percepibili all'ascolto, ma che poi non sono supportate, come d'altronde avviene per moltissimi altri accessori, da un oggettivo riscontro alle misure.

 


 

Nooo, Avalon dava le punte con profilo Apex, altri hanno fatto piedistallo studiato appositamente per il diffusore!

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
recpaolo

No ...!!! Le Misure !!! Io ascolto MUSICA!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
A me come detto arriveranno presto.

Ma se il principio di funzionamento è quello descritto, non dovrebbe centrare nulla il tipo di pavimento.

 


probabilmente hai ragione tu

 

se non disaccoppia efficacemente anche nella terza dimensione, le vibrazioni del pavimento verranno trasmesse al diffusore e viceversa

 

Non a caso in ambito professionale (ma non solo) si ricorre spesso al cosiddetto pavimento flottante

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
A me come detto arriveranno presto.Ma se il principio di funzionamento è quello descritto, non dovrebbe centrare nulla il tipo di pavimento.

probabilmente hai ragione tuse non disaccoppia efficacemente anche nella terza dimensione, le vibrazioni del pavimento verranno trasmesse al diffusore e viceversaNon a caso in ambito professionale (ma non solo) si ricorre spesso al cosiddetto pavimento flottante

Credo anch'io che il tipo di pavimento non c'entra: lo svincolo lungo l'asse del diffusore smorza gli effetti negativi del movimento degli altoparlanti in modo che non interferiscano sulla linearità del loro stesso movimento...

Riguardo all'accoppiamento in senso verticale, c'è da dire che l'attività vibratoria del diffusore è enormemente maggiore di quella del pavimento, quindi conviene accoppiare piuttosto che disaccoppiare... è un principio generale, non ha senso isolare un componente che vibra parecchio di più della massa dalla quale lo si isola; molto meglio scaricarci  le vibrazioni, riducendole e ottenendo stabilità...
per le elettroniche il discorso è diverso: un ampli vibra poco, meno dell'ambiente nel quale è collocato, quindi conviene disaccoppiare, ma sono tutte generalizzazioni.
 Per esempio, sotto le mie elettroniche ho i piedini Omicron,  il cui principio di funzionamento non è molto diverso da quello delle basi di Mino...

Pasq

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
Una domanda sorge spontanea: come è possibile che reputatissimi costruttori abbiano da sempre ignorato e continuino ad ignorare l'esistenza di un aspetto così limitante la qualità dei loro (costosi) diffusori?Una probabile spiegazione della loro non considerazione è che probabilmente si trattera' di quel tipo di differenze percepibili all'ascolto, ma che poi non sono supportate, come d'altronde avviene per moltissimi altri accessori, da un oggettivo riscontro alle misure.

 

Credo che effettuare misurazioni sulle vibrazioni degli altoparlanti sia relativamente semplice per un tecnico: spesso le differenze si percepiscono semplicemente mettendo le mani sopra o accanto ai diffusori.

Le misure, in questo caso, sono l'ultimo dei problemi...

Pasq

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

Non concordo, gli effetti dell'accoppiamento al pavimento e quindi alla struttura della casa ci sono, sono noti e sono negativi.

Oltre a centinaia di studi di registrazione c'è molta letteratura in proposito

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
Non concordo, gli effetti dell'accoppiamento al pavimento e quindi alla struttura della casa ci sono, sono noti e sono negativi. Oltre a centinaia di studi di registrazione c'è molta letteratura in proposito
Allora non si capisce perchè TUTTE le aziende di diffusori dotano i propri prodotti di punte accoppianti, e non di piedini morbidi e isolanti...

La massa della casa è virtualmente infinita e aiuta a bloccare le vibrazioni indesiderate dei diffusori che vibrano parecchio di più dell'ambiente dato che sono la FONTE vibratoria principale.

Gli studi di registrazioni disaccoppiano i monitor forse perché li posano sulla scrivania o, bene che va, sul banco di regia, che non è certo inerte... in tal caso risuonerebbe tutto ...

Ad ogni modo non terrei i criteri degli studi di registrazione a modello per una seria istallazione domestica, visto anche i cavacci che spesso usano... e a giudicare da tante registrazioni, direi che pasticciano un bel po'...

Tu dici che c'è abbondanza di  letteratura, puoi sempre condividerla... :-)

Pasq

Share this post


Link to post
Share on other sites
silviomecca

 Per esempio, sotto le mie elettroniche ho i piedini Omicron,  il cui principio di funzionamento non è molto diverso da quello delle basi di Mino...

Pasq
esatto, solo che gli Omicron possono oscillare a 360°, in linea teorica soluzione migliore.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
PietroPDP

Infatti gli Omicron potrebbero essere una ottima alternativa a costi inferiori, certo dipende anche dal peso del diffusore.

Fino a 35/40 kg si può fare, già sperimentato da un amico con ottimi risultati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

Allora non si capisce perchè TUTTE le aziende di diffusori dotano i propri prodotti di punte accoppianti, e non di piedini morbidi e isolanti...

La massa della casa è virtualmente infinita e aiuta a bloccare le vibrazioni indesiderate dei diffusori che vibrano parecchio di più dell'ambiente dato che sono la FONTE vibratoria principale.

Gli studi di registrazioni disaccoppiano i monitor forse perché li posano sulla scrivania o, bene che va, sul banco di regia, che non è certo inerte... in tal caso risuonerebbe tutto ...

Ad ogni modo non terrei i criteri degli studi di registrazione a modello per una seria istallazione domestica, visto anche i cavacci che spesso usano... e a giudicare da tante registrazioni, direi che pasticciano un bel po'...

Tu dici che c'è abbondanza di  letteratura, puoi sempre condividerla... :-)

Pasq
Tante informazioni utili le trovi al link postato prima,Inoltre fai questa ricerca su Google: decoupling speakers from the floortroverai molti spunti interessanti, con pro e contro su tutto, compreso il sistema ben noto che usi tuCi sono inoltre discussioni interessanti su questo argomento su altri forum, italiani e nonNon voglio dare l'impressione che esista una unica ricetta assoluta, dipende ad es dal tipo di pavimento, dalla costruzione del palazzo/casaIo la mia idea e la mia esperienza me la sono fatta. Consiglierei di provare http://www.townshendaudio.com/hi-fi-home-cinema-equipment-vibration-isolation/hi-fi-home-cinema-vibration-isolation-speaker-podiums/a chiunque sia interessato ad ottenere il massimo dai propri diffusoriIndubbiamente anche agire come fai tu produce effetti significativiNella mia esperienza accoppiare non ha mai risolto nulla, anzi ha creato più problemi. Può però darsi il caso che in ambienti con le fondamenta magari direttamente sotto il rigido (non legno) pavimento dove poggiano i diffusori sia meglio accoppiare. O accoppiare/disaccoppiare selettivamente come fai tu.

Share this post


Link to post
Share on other sites
counter1

Carissimi,

Molto interessante il thread, non ho provato queste basi di Mino, ma qualche anno fà, ho messo sotto le mie JBL4343 da 86Kg. un panino così composto lastra di granito spessore 3cm. 4 palle di gomma piena ( usate per far giocare cani di grossa taglia) inserite in appositi cerchi di legno per tenerle ferme, dopo di che un'ulteriore lastra di granito, il tutto poggiato su un  pavimento a piano terra. Bè le sensazioni espresse da tutti quelli che hanno provato le basi di Mino sono state le stesse anche nel mio caso. Certo il mio sistema è un pò arcaico ma all'epoca qeste basi non esistevano ma ritengo il concetto e la filosofia perfettamente identico, in quanto le sfere di gomma che poi ho inserito con dimensioni diverse in tutto il mio impianto, creano quell'effetto di nero tra strumenti nonchè un'immediato innalzamento dello stage e un addolcimento sugli alti molto evidente. Farei volentieri una prova con le basi di Mino per verificare l'effetto anche sul mio impianto.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

Consiglio a chi interessato anche di dare un'occhiata al sito isoacoustics:

 

http://www.isoacoustics.com

 

Sono ottimi sistemi per disaccoppiare diffusori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
silviomecca

my 2cents: vorrei far notare che il sistema di DiPrinzio e  quello di Omicron sono sistemi piu' semplici come realizzazione perchè non necessitano di grandi basi pesanti e di molle oscillanti con relativi problemi di implementazione ed hanno un effetto misto accoppiante-disaccoppiante #-o

quanto alla loro efficacia teorica:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
silviomecca

nel video fate attenzione al minuto 1.06-1.13...

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

Altra interessante variante, niente di rivoluzionario forse ma è una ulteriore valida opzione:

 

http://www.primacoustic.com/recoils/

 

disaccoppiate gente, disaccoppiate

 

Anche il semplice Sorbothane può dare risultati interessanti. Ne esiste di ogni forma e costa poco

 

http://www.isolateit.com

 

non disaccoppia fino a pochissimi Hertz come altri prodotti ma è comunque meglio di coni e conini che accoppiano, nella stragrande maggioranza dei casi

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Buongiorno a tutti sono nuovo del forum e volevo portare la mia esperienza. Un paio di volte l'anno frequento il negozio di Mino Di Prinzio che considero un pò come punto di riferimento del mercato anche come confronto di prezzi e di tecnica. Ogni tanto faccio qualche aggiornamento al mio impianto ed ero interessato ai diffusori della Tannoy in quanto avevo ascoltato a casa di un mio amico una coppia di westminster prestige ed ero rimasto affascinato da questo suono coinvolgente con un grande palcoscenico dove ti sembra di essere uno dei musicisti. Chiaramente volevo ascoltare qualcosa alla mia portata e sentire se trovavo lo stesso sound.....e così dopo aver ascoltato delle turnberry Mino mi fa ascoltare le stesse casse con le basi "antisismiche".... Bene l'effetto è stato devastante in quanto le piccole turnberry erano diventate improvvisamente delle mastodontiche westminster con un palco allargato meno affollato con una maggiore definizione ed individuazione  dei singoli strumenti.Un cambiamento esagerato se ripenso alle piccole sfumature ottenute con certi cavi....Il giorno dopo chiamo Mino al telefono e me le faccio spedire così le provo sulle mie Linn 242 ed anche qui l'effetto è ancora superiore rispetto alle Tannoy sentite da Di Prinzio. Non so dirvi perché e come ma nella nostra passione credo che uno dei punti fissi è quello di fidarsi delle proprie orecchie e del proprio gusto. L'unico rammarico è quello di non averci pensato prima!!!!   Buona Pasqua  e buoni ascolti a tutti

%%-

Share this post


Link to post
Share on other sites
Salvat

 
esatto, solo che gli Omicron possono oscillare a 360°, in linea teorica soluzione migliore.

 

Sui miei diffusori Opera Seconda (per ogni singolo diffusore) ho messo una doppia coppia di stabilizzatori Omicron con accordatore mentre, per le punte, ho lasciato le originali con sottopunta della Linn Skeen Floor Protector.

Inoltre, sopra l'ampli Unico 50 uno stabilizzatore Omicron senza accordatore, sopra il lettore CD/SACD Marantz SA 14 S 1 Special Edition due stabilizzatori con accordatore e sopra il lettore audio di rete Marantz NA 8005 nessuna smorzatore - ancora uno smorzatore con accordatore sul ripiano vicino alla multipresa Nordost QB4.

Infine, sotto tutte le elettroniche piedini Nordost Sort Kone.

Così elimino le vibrazioni sia esogene sia endogene.

Salvatore Bianca

Share this post


Link to post
Share on other sites
silviomecca

ma gli Omicron sono ancora in vendita?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Mi sembra che i Sort kone nordost e i piedini Omicron siano assimilabili come costruzione.

C'è una sfera dentro che poggia su materiali diversi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Goclenius
e così dopo aver ascoltato delle turnberry Mino mi fa ascoltare le stesse casse con le basi "antisismiche".... Bene l'effetto è stato devastante in quanto le piccole turnberry erano diventate improvvisamente delle mastodontiche westminster con un palco allargato meno affollato con una maggiore definizione ed individuazione  dei singoli strumenti.

dopo tanto penare, la luce! 
e che luce! 
una luce che trasforma una Turnberry in Westminster e per giunta la migliora anche!

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
Altra interessante variante, niente di rivoluzionario forse ma è una ulteriore valida opzione:http://www.primacoustic.com/recoils/disaccoppiate gente, disaccoppiateAnche il semplice Sorbothane può dare risultati interessanti. Ne esiste di ogni forma e costa poco http://www.isolateit.com non disaccoppia fino a pochissimi Hertz come altri prodotti ma è comunque meglio di coni e conini che accoppiano, nella stragrande maggioranza dei casi
Abbi pazienza amico, ho acquistato 2 confezioni di IsolateIT,  quelle con i piedoni grandi, quest'estate, proprio per provarli sotto i diffusori: sono confezioni ( nel mio caso) da 4 piedoni estremamente morbidi e quindi isolanti...
A parte l'instabilità estrema, per cui avevo costantemente timore che i diffusori si inclinassero improvvisamente cascando rovinosamente,
l'effetto NON ERA AFFATTO simile a quello delle basi Di Prinzio: proprio sulle alte frequenze il risultato peggiorava udibilmente tant' è che dopo 10 minuti ho tolto i piedoni e non li ho più ricollocati sicuro di ciò che avevo sentito,  pentendomi parzialmente di aver sciupato 60€ circa... ma la prova ero intenzionato a farla quindi alla fine... niente pentimento. 
La spiegazione di questo flop è sempre la stessa: le vibrazioni indotte dall'escursione dei woofer sul mobile interferiscono con quelle dei tweeter; il mobile, non potendo scaricare le vibrazioni perchè svincolato dalla massa infinita della casa RISUONA, o comunque vibra minando il movimento della delicata membrana delle alte frequenze. E calcola che le mie Revel pesano 27Kg l'una senza piedistallo e sono completamente rivestite da 2 cm. di alluminio pieno ai lati di ciascun diffusore.

Dunque, se questo semplice sistema disaccoppiante avesse funzionato, avrei aperto un thread su IsolateIT, consigliando di mettere i suoi prodotti sotto i diffusori.

Ma secondo te, uno come Mino, con un negozio che vende centinaia di accessori,  quanto tempo impiegherebbe ad infilare 4 piedoni morbidi sotto una delle centinaia di coppie di diffusori che ha a disposizione e provare se funzionano o no? E pensi che in decenni di attività non l'abbia fatto?

Non ha neanche brevettato un sistema a sfere che permettono movimento a 360 gradi, come Omicron, citato da me e da qualche altro forumer, eppure vende sfere di ogni tipo...
avrebbe potuto farlo, ma non lo ha fatto;  il perché, ancora una volta l'ho spiegato: c'è una microperdita di stabilità e la scena non è più limpida come dovrebbe....

..Dunque il mio thread è su una soluzione ben precisa, non importa quale nome abbia perché io non vendo niente (perché faccio un lavoro completamente diverso), con determinate caratteristiche tecniche che non credo abbiano attualmente alternative. 
I piedini isolanti NON SONO un' alternativa, 
le sfere Omicron, ammesso che le possiate sistemare con sicurezza sotto diffusori dai 30Kg. in su NON SONO un' alternativa...

Se pensate che disaccoppiare i diffusori sia una buona soluzione, allora aprite un Thread apposito, perché con questo non hanno niente a che vedere....però vi consiglio di portare VOSTRE esperienze personali migliorative, perchè, francamente, trovare prodotti e siti di accessori hi-fi in rete è fin troppo semplice... ma poi... quei prodotti, li avete provati realmente?

Pasq

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

Ho pazienza, nessun problema

 

amico, non so, non direi

 

Esistono varianti di Sorbothane di differente durezza. Avrai sbagliato durezza.

 

Mia esperienza: già detto credo, Townshend podium. Li consiglio a quelli che vogliono il massimo, già detto credo. Tra l'altro li vende anche Mino. È uno che se ne intende.

 

Inoltre i link che ho fornito io sono ricchi di spiegazioni tecniche e video. Invito chiunque sia interessato ad usarli, spiegano molto meglio del sottoscritto. Io posso solo garantire sul risultato eccellente, almeno nel mio caso.

 

Dove sono le spiegazioni tecniche dei tuoi, a parte il nome antisismico dimenticando che un sisma agisce in tre dimensioni?

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
Da uno a dieci, quanto è difficoltoso sistemare i diffusori sulle basi Nino?

Le mie Tannoy sono belle pesanti

...una volta individuata la base di giuste dimensioni ( e acquistata...), metti in bolla  la parte inferiore avvitando o svitando le 4 punte verso terra, posi le sfere nelle loro sedi, ci poni la parte superiore e ci appoggi sopra il diffusore. Una volta poggiato puoi perfezionare la sua posizione: la base si muove sulla parte sottostante solo in un senso, non sguscia e non si smonta... Magari se il diffusore pesa tanto lo si issa in 2 persone..

Pasq

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
Ho pazienza, nessun problemaamico, non so, non direiEsistono varianti di Sorbothane di differente durezza. Avrai sbagliato durezza.Mia esperienza: già detto credo, Townshend podium. Li consiglio a quelli che vogliono il massimo, già detto credo. Tra l'altro li vende anche Mino. È uno che se ne intende.Inoltre i link che ho fornito io sono ricchi di spiegazioni tecniche e video. Invito chiunque sia interessato ad usarli, spiegano molto meglio del sottoscritto. Io posso solo garantire sul risultato eccellente, almeno nel mio caso.Dove sono le spiegazioni tecniche dei tuoi, a parte il nome antisismico dimenticando che un sisma agisce in tre dimensioni?
La base è una novità, credo che Mino stia provvedendo a far fare rilevazioni tecniche e quant'altro...

...ho già scritto che si chiama base anti-rinculo, ho usato impropriamente la dicitura "antisismica" per far capire a occhio e croce di cosa si trattava...

Tranquillo, sono stato un po' acido... :-)

Pasq

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
Oggi arrivano, mal di schiena permettendo vediamo con aiuto se riesco a sistemarli, ma la vedo dura sollevare le Tannoy Kensington SE in 2, mi sa che devo aspettare qualche giorno.
Le mie Revel con i piedistalli riempiti di sabbia peseranno più di 40Kg... le basi sono alte 5 cm. ... uno sforzo intenso ma breve si può fare.
Io mi farei venire un'ernia pur di non aspettare "qualche giorno"! :-)

Attendiamo impressioni d'ascolto!

Pasq

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
Ciao, mi dici una cosa

Le basi hanno otto solchi ma le biglie a me arrivate sono 8 in totale, come vanno disposte?

Dovrebbero essere messe nei solchi che fanno avanzare avnti e indietro la base superiore, giusto?

Ciao, la base la puoi usare dal lato lungo o dal lato corto ( se è rettangolare, so che ci sono anche quadrate...).

é strano che ci siano 8 biglie, se ne usano solo 4, mettendole a metà dei solchi perpendicolari al lato che vedi frontalmente. Quindi solo 4 solchi, paralleli tra loro, saranno "abitati" dalle biglie.

Metti in bolla con la livella, Mino consiglia di montare tutte le 4 punte ( se ne potrebbero montare anche solo 3, ma c'è meno stabilità), posa la piastra superiore, verifica che scorre tutto senza intoppi e carica su la cassa. Finito....

:-)

Pasq

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto De Filippo
Ciao, mi dici una cosa

Le basi hanno otto solchi ma le biglie a me arrivate sono 8 in totale, come vanno disposte?

Dovrebbero essere messe nei solchi che fanno avanzare avnti e indietro la base superiore, giusto?

Ciao, la base la puoi usare dal lato lungo o dal lato corto ( se è rettangolare, so che ci sono anche quadrate...).

é strano che ci siano 8 biglie, se ne usano solo 4, mettendole a metà dei solchi perpendicolari al lato che vedi frontalmente. Quindi solo 4 solchi, paralleli tra loro, saranno "abitati" dalle biglie.

Metti in bolla con la livella, Mino consiglia di montare tutte le 4 punte ( se ne potrebbero montare anche solo 3, ma c'è meno stabilità), posa la piastra superiore, verifica che scorre tutto senza intoppi e carica su la cassa. Finito....

:-)

Pasq

Per mera curiosità, si potrebbe vedere qualche foto di come sono fatte? Sopra, sotto in mezzo? Giusto per cercare di capire quello di cui si sta parlando insomma.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio

...40x30 ... come le mie... Roberto, poi vedere il mio diffusore completo di base cliccando sui link del mio primo e secondo post... immagina la base  senza le colonnine e il diffusore sopra. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
magocinzio
Anche le tue hanno tutti quei fori?

no, solo 2, che ho coperto con le colonnine laccate rosse...
Credo servano per la lavorazione della piastra...

Pasq

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    293299
    Total Topics
    6360917
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy