Quantcast
Jump to content

Mourdaunt Short 906 Avant


provolino

Recommended Posts

provolino

Chi le conosce mi può dare un parere per quanto riguarda la timbrica in particolare nei confronti di B&W?

E quanto possono valere se in perfette condizioni?
Grazie
Link to post
Share on other sites
  • Administrators
cactus_atomo
Le conosco benissimo, le ha avute per molti anni mia nipote, a mio parere sono il modello più riuscito della serie avant, efficienza buona, facili da pilotare, semplici da inserire in ambiente, complessivamente equilibrate, piaciute a mio fratello (che ascolta solo classica con un impianto decisamente più costoso)) e a mia nipote (che ascolta prevalentemente rock e pop) finchè sono state in catalogo le ho considerate un best buy
Personalmente le preferisco alle bw di pari livello di prezzo (mi riferisco ai listini dell'epoca), il livello costruttivo delle bw è superiore ma le mordaunt short sono uno dei rari diffusori davvero plug and play, complete ma mai affaticanti e stancanti. L'impedenza dichiarata è 8 ohm e non hanno messo in difficoltà neppure ampli come il Cambridge a1 (30 watt e impedenza raccomandata oltre i 6 ohm) 
Ovviamente da un diffusore che monta due altoparlanti da 13 per la gamma bassa e medio bassa, non puoi aspettarti bassi tellurici e travolgenti, purtuttavia il basso ragionevole c'è e scende sufficientemente  (i 45 hz e anche meno ci sono tutti).
Le ho testare con numerose amplificazioni (Cambridge a1, proton 455, pre e finale linn lk1+lk100), e in almeno due ambienti differenti, con diverse sorgenti analogiche e digitali
Non so il prezzo attuale sull'usato, erano però un diffusore non costoso alle origine e la casa non esiste più (ma mordaunt short è stata acquisita da Cambridge, se non vado errato), quindi credo che si possano trovare e prezzi interessanti
La linea ricorda un po una "proac dei poveri" come estetica, non è un capolavoro di design però non è invasiva alla vista e si inserisce anche esteticamente con facilità quasi ovunque
Se vuoi sapere altro chiedi pure (le avanti 902, 904 e 906 le ho fatte prendere a diversi amici e nessuno è rimasto deluso)
Link to post
Share on other sites
provolino

Grazie per la descrizione che hai fatto, a me esteticamente sembrano abbastanza gradevoli. Dovrei abbinarli ad un Nad 352 e lettore Marantz cd 6006 in un secondo impianto in camera da letto. La distanza dalla parete non potrà essere maggiore di 25/30 cm potrà essere sufficiente?

Grazie ancora.
Link to post
Share on other sites
  • Administrators
cactus_atomo

tranquillo, nella camera di mia nipote c'era armadio, letto scrivania minilibreria e stereo, le 906 non stavano lontane dalla parete posteriore, d'altra parte un vantaggio dei woofer piccoli montati piuttosto alti è che creano pochi problemi di rimbombo, Se è una camera da letto poi presumo che non ascolterai a livelli da deep purple live

il nad lo vedo benissimo, è addirittura sovrabbondante
Link to post
Share on other sites
giorgiocana82

Ciao io ho convissuto con questi diffusori per quasi 10 anni, passando poi a Canton sull'home-theatre e le tenevo in una stanza che avrebbe fatto storcere il naso a chiunque. se la distanza dalla parete di fondo sia stata di 10-15 cm sarebbe stato tanto. 

Le reputo ottime, vanno benissimo con la classica e con il rock, riuscivo, all'epoca studiavo ancora, ad ascoltare musica per molte ore di fila. 
Per uno studente era un esborso già importante, ma volevo il piacere di ascoltare delle torri e la posizione in ambiente non era problematica.
Link to post
Share on other sites
  • 3 years later...
Sisco71

Ciao  @cactus_atomo @max 67 @giorgiocana82

 

Riesumo questo tread dopo qualche anno per chiedervi un parere da (ex) possessori/ascoltatori delle 906. 

 

Premetto che sono molto soddisfatto della loro resa, mi accompagnano da decenni come front per il multicanale (insieme a sub, centrale e posteriori della stessa serie) e nell'ascolto in stereofonia.

 

Da quando ho inserito in catena il giradischi però, con alcune stampe di vinili e a un volume più alto del solito, si innescano delle risonanze fastidiose (effetto rimbombo) sulle frequenze più basse.

 

Premetto che non ho la possibilità di modificare o spostare il mio ambiente di ascolto (porzione di circa 15mq del salone di circa 30mq), comunque tra posizionamento dei diffusori, divani, tappeti, mobili e tendaggi non potrei fare di più di quanto già stato fatto.

 

Le 906 hanno un volume dedicato da poter riempire con materiale inerte, secondo voi porterebbe benefici reali nella mia situazione? Vale la pena provare? Avete esperienze dirette in merito? Riempirli non dovrebbe essere un problema, ma quanto? Potrei andare a tentativi ma mi preoccupa l'operazione di svuotamento in quanto c'è solo un foro chiuso da un tappo, di dimensione simile a un raccordo bass reflex. A riempire no problem, a svuotare...

 

Grazie in anticipo! :-)

Link to post
Share on other sites
  • Administrators
cactus_atomo

@Sisco71 che gira e che testina? il problema potrebbe dipendere non dai diffusori o dall'ambiente, ma da un cattivo match braccio testina, che genera una risonanza disturbante, I vecchi integrati avevano il filtro subsonico, che tagliava sotti i 20 hz impedendo alle risonanze spurie di disturbare. e hai un filtro susonico sulla tua elettronica prova ad usarlo, altrimenti se ci dici marca e modello di gira e ttina possiamo provare a suggeriri come mitigare il problema

Link to post
Share on other sites
giorgiocana82

@Sisco71 è una cosa che si verifica solo col vinile? 

altra informazione che amplificatore usi?

Grazie e a presto 

Giorgio

Link to post
Share on other sites
Sisco71

@cactus_atomo

Philips GA202 mk1 con Shure M95ED + pre phono TC-750. Ricordi? E' tutto qui: Philips GA202 electronic Mk1 + pre phono (ti ringrazio ancora per i preziosi consigli che mi hai dato).

 

Non ho filtro subsonico ed è tutto tarato alla perfezione (nei limiti del giradischi e delle mie capacità, ovviamente...). Il problema si verifica solo con alcune stampe di vinili e se ascolto a un volume più alto del solito.

 

Pensavo che magari riempendo il volume interno dei diffusori e aumentando la massa potrei risolvere o attenuare le risonanze.

Link to post
Share on other sites
Sisco71

@giorgiocana82 In effetti me ne sono accorto solo da poco tempo con i vinili, farò delle prove mirate in serata con il lettore CD... L'amplificatore è un sinto AV Marantz SR5400.

Grazie

F

Link to post
Share on other sites
massimojk
6 minuti fa, Sisco71 ha scritto:

Il problema si verifica solo con alcune stampe di vinili

 

magari il problema è proprio nel sw musicale. Se hai a disposizione la stessa edizione su formato cd potresti confrontare la resa anche se non si ha mai la certezza che a parità di etichetta, anno, album la versione analogica e digitale siano state trattate nello stesso e identico modo. 

9 minuti fa, Sisco71 ha scritto:

Pensavo che magari riempendo il volume interno dei diffusori e aumentando la massa potrei risolvere o attenuare le risonanze

 

questo è possibile ma potresti ottenere effetti indesiderati su altri parametri. Bisogna tenere sempre a mente che il diffusore è stato progettato per suonare in un certo modo e la modifica da te proposta potrebbe alterare/stravolgere il suono in modo eccessivo. 

 

fai tutte le prove del caso ma se il problema lo avverti solo su alcuni dischi e solo a volume alto non mi preoccuperei molto. Prezioso comunque il suggerimento di verificare la sinergia braccio testina ma questo mi sembra di aver compreso che lo hai già valutato

Link to post
Share on other sites
giorgiocana82

@Sisco71 Ciao, io le pilotavo con l'SR 5001, come giradischi usavo un modestissimo Pioneer PL100 con pre-phono un cambridge audio base: di risonanze nulla. 

L'unica volta che le ho sentite è quando avevo impostato la riproduzione stereo con l'intervento del sub, da allora sull'home-theatre, per la riproduzione 2 canali, faccio in modo che il sub sia escluso.

A presto 

Giorgio 

Link to post
Share on other sites
Sisco71

@massimojk Grazie per i suggerimenti.

In realtà per i MS 906 il riempimento con materiale inerte è previsto dal costruttore, è riportato sul manuale d'uso e c'è proprio un tappo in plastica posto posteriormente ad un'altezza di circa 20 cm dalla base. Non penso pertanto possano esserci effetti "indesiderati" importanti. Può incidere molto sulla resa alle altre frequenze forse? Non ne ho idea...

Link to post
Share on other sites
Sisco71

@giorgiocana82 

Concordo che il sub è assolutamente superfluo per l'ascolto in stereofonia con questi diffusori, anzi...

Source direct e video mute per non sbagliare... e via così!

 

Le risonanze sulle frequenze basse comunque le avverto soltanto a volumi importanti che purtroppo (o per fortuna?) posso tenere rararmente :D Solo su alcuni vinili, e ad un ascolto a volume medio-alto siamo ai limiti...

Link to post
Share on other sites
massimojk
32 minuti fa, Sisco71 ha scritto:

In realtà per i MS 906 il riempimento con materiale inerte è previsto dal costruttore

 

questo "particolare" non lo conoscevo. be' allora potresti provare. Io ti posso raccontare la mia esperienza fatta quando avevo le aliante moda su stand dedicati. Dopo qualche mesi di ascolti decisi di utilizzare una sabbia specifica per riempire i piedistalli visto che era prevista questa soluzione. In generale riscontrai un miglioramento sul suono su tutto lo spettro ma soprattutto sulle alte frequenze che persero quella che consideravo un eccessiva presenza/brillantezza. Ovviamente ogni casa fa storia a se. Di certo se aggiungi del materiale inerte qualcosa nella riproduzione del suono cambierà come sempre accade quando si introducono delle modifiche. Certo dovrai verificare i risultati con la tua musica di riferimento in quanto potresti risolvere un problema e farne emergere un altro. In questo campo sperimentare è obbligatorio ma prima di farlo io proverei ad ascoltare lo stesso disco come ti dicevo nella versione cd. Con tutte i distinguo del caso potresti scoprire che è propio quel disco che presenta delle criticità in gamma bassa. Potresti anche indicare quali sono i dischi in questione magari lo possiede qualcuno di noi che potrà confermare o confutare le tue impressioni. Insomma ci sono dischi critici, mal incisi, mal registrati, con elevata distorsione che presenteranno rogne soprattutto alzando il volume...

Link to post
Share on other sites
  • Administrators
cactus_atomo

@Sisco71 non conosco la massa del braccio del Philips, ma le testine come shire, alta cedevolezza (25 dinamica), con un peso di 6 gr credo necessitino di un braccio a bassa massa, sotto i 9 grammi. 

Link to post
Share on other sites
Sisco71

@cactus_atomo Non ho idea della massa del braccio, non ho trovato nulla nel manuale o in rete. Mi sembra però abbastanza leggerino, dubito possa esistere un braccio più leggero. Se ricordo bene @Pimpinotto o @Bazza mi avevano confermato che fosse a bassa massa e il buon abbinamento braccio/testina. Se così fosse la soluzione va trovata altrove, corretto?

Link to post
Share on other sites
Bazza

@Sisco71 io sul mio uso la Philips GP400, credo che comunque con la Shure tua ci vada a nozze.

Le casse sono vicine a giradischi ?

Link to post
Share on other sites
Sisco71

Allora... ho riascoltato i dischi con i quali riscontravo il problema e... niente, nessuna risonanza fastidiosa, nessun rimbombo anche a volume elevato! L'unica spiegazione che trovo è che era rimasta attiva qualche impostazione del sintoamplificatore che lasciava attivo il sub o più probabilmente un qualche effetto surround che portava ad accentuare le frequenze basse. Un errore di distrazione mio o molto più probabilmente un sabotaggio involontario del mio pargoletto decenne 😠 Tutto bene quel che finisce bene, scusate per il disturbo e grazie comunque a tutti per l'interessamento! 🤦🤦🤦

Link to post
Share on other sites
massimojk
9 ore fa, Sisco71 ha scritto:

Tutto bene quel che finisce bene

 

meglio così :D

Link to post
Share on other sites
  • Statistiche Forum

    307,585
    Total Topics
    7,095,729
    Total Posts


×
×
  • Create New...