Vai al contenuto

Roberto M

La n'drangheta nel business dell'accoglienza

Messaggi raccomandati

Roberto M

Smantellata la cosca Arena: controllava la gestione del centro per migranti di Isola Capo Rizzuto

Arrestate 68 persone. Tra i fermati il capo della Misericordia e il parroco

 

Le mani della ’ndrangheta sui migranti. Da ben dieci anni, per un giro milionario di affari loschi. Un’operazione dei carabinieri del Ros ha smascherato gli interessi illeciti della cosca degli Arena - al centro di articolati traffici delittuosi nelle provincie di Catanzaro e Crotone - sul centro di accoglienza di Capo Rizzuto.

Quello del Cara di Sant’Anna è un filone di un’inchiesta più ampia che, nel corso della notte, ha portato all’arresto di 68 persone. Sono scesi in campo oltre 500 uomini, tra carabinieri del Ros e del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo di Catanzaro, agenti della Polizia di Stato appartenenti alle Squadre Mobile delle Questure di Catanzaro e Crotone e finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria e della Compagnia di Crotone con il concorso dei rispetti Uffici e Comandi centrali.

 

Le accuse

Il provvedimento di fermo per le 68 persone è stato emesso dalla Procura di Catanzaro a carico di altrettante persone accusate di associazione di tipo mafioso, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, intestazione fittizia di beni, malversazione ai danni dello stato, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e altri reati di natura fiscale, tutti aggravati dalla modalità mafiose. Di tutto, di più. I provvedimenti, disposti dalla Direzione Distrettuale Antimafia guidata dal Procuratore Capo Dott. Nicola Gratteri, a seguito di indagini coordinate dal procuratore aggiunto Vincenzo Luberto, hanno smantellato la storica e potentissima cosca di ’ndrangheta facente capo alla famiglia Arena.

Tra gli arresti eccellenti del Ros, guidato dal generale Giuseppe Governale, c’è Leonardo Sacco governatore della «Fraternita di Misericordia». Si tratta del ras dell’accoglienza molto vicino al ministro Angelino Alfano (estraneo alle indagini) di cui vantava l’amicizia postando anche foto su Facebook. Ma tra le altre foto ce n’è un’altra che, nel 2010, lo ritrae, al battesimo del figlio di uno degli Arena, di cui Sacco era il padrino.Proprio attraverso Leonardo Sacco la cosca Arena si è aggiudicata gli appalti indetti dalla Prefettura di Crotone per le forniture dei servizi di ristorazione presso il centro di accoglienza di Isola di Capo Rizzuto e di Lampedusa, affidati a favore di imprese appositamente costituite dagli Arena e da altre famiglie di ’ndrangheta per spartirsi i fondi destinati all’accoglienza dei migranti. Tra gli altri arrestati anche il parroco Don Scordio che incassava oltre centomila euro e li spediva in Svizzera.

 

Le scommesse on line

Smascherati inoltre anche affari loschi nelle scommesse on line. L’inchiesta ha infatti permesso di provare che la potente famiglia di ‘ndrangheta ha acquisito e mantenuto, avvalendosi del potere di intimidazione, una “posizione dominante”, nel settore della raccolta delle scommesse on line e del noleggio degli apparecchi da intrattenimento, nella città di Crotone e nel suo hinterland, conseguendo enormi profitti attraverso l’alterazione degli equilibri concorrenziali che ha determinato la concentrazione della raccolta del gioco nelle mani del crimine organizzato, precludendo l’accesso ad altri operatori commerciali.

L’indagine delle Fiamme Gialle ha accertato che la società bookmaker Centurion Bet Ltd, attiva nel settore delle scommesse, operativa in Italia con oltre 500 agenzie e ramificata in tutto il mondo, ha messo a disposizione, i propri circuiti di gioco on line , alla società Kroton Games, operante nella provincia di Crotone ed espressione commerciale della cosca Arena, determinando volumi di fatturato, sottratti al fisco, per decine di milioni di euro.

 

http://www.lastampa.it/2017/05/15/italia/cronache/smantellata-la-cosca-arena-controllava-la-gestione-del-centro-per-migranti-di-isola-capo-rizzuto-hTLDLUq0Nr5byBFpRUoTaO/pagina.html

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Che strano , nessuno avrebbe mai nemmeno sfiorato tale ignominia sulla solidarietà , accoglienza e sciocchezzuole del genere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Interessante sapere chi fornisce tutti i generi alimentari ai centri  @-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gennaro61

Io ad Isola Capo Rizzuto andavo a villeggiare ogni anno.

Il primo anno che aprirono il Centro di accoglienza per i profughi venni derubato in casa 2 volte nel giro di 15 giorni.

Non posso dire che furono gli immigrati però nei precedenti 6 anni non era mai successo nulla.

Inutile dire che non ci sono più ritornato e la stessa cosa posso dire di altre persone che conoscevo.

Quando i politici dicono che gli immigrati sono una risorsa non mentono.

Bisogna capire( e non ci vuole molto) che tipo di risorSa e per chi...

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

Una cosca comunista, i suppose.

 

Perfino il parroco.. il parroco!

 

 

:P

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

Anche i partiti ed i leader

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
trabant
Rende di più della droga dissero
e chi glie lo fa fare agli ndranghetisti di sporcarsi le mani con la droga?

devono contrattare con la gentaglia dei narcotrafficanti sudamericani che puzzano di rum e tortillas, poi la devono spacciare ai drogati, se la polizia li acchiappa sono anni e anni di galera

invece i migranti glieli portano le ong e la marina già belli salvati, è tutto guadagno pulito, ci ricavano anche una bella indulgenza plenaria, manca solo un Lucano - ma per un calabrese non è tutta questa perdita

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
camaro71

non mi meraviglio affatto.

ora bloccare immediatamente le partenze dalla libia.
cosa che andava fatta già molti mesi fa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ma è vera la storia che in Libia si producono quei gommoni bianchi ?

E chi li produce ?
Un solo giro di tessuto ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Van Katten

Il solito colpetto al cerchio per lasciare stare la botte.

E'facile colpire un'organizzazione che si sapeva in odor di malavita e fare contenta un po'di opinione pubblica lasciando tranquille altre congreghe criminali che continuano ad operare, anzi, così facendo qust'ultime vengono facilitate dovendo subire minor concorrenza.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

n'drangheta , un prete , moh

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Criminalità organizzata e collusioni governative , okay

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maurodg65

...anche criminalità organizzata e collusioni con tutto ciò che è business, dove si guadagna ci può essere il riciclaggio o l'ingerenza della criminalità, questo a prescindere dal settore economico considerato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Ma chi doveva controllare dov'era? A fare multe ai bar con un cameriere non a posto presumo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ma tutti i documenti antimafia a che accidente servono ?

Oggi te li chiedono anche x aprire una edicola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

O lo Stato è succube delle varie organizzazioni criminali per le quali l'italia è famosa ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

A Ventimiglia sospensione del trattato di Schengen : teneteveli , prego 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.333
    Discussioni Totali
    5.877.761
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×