Vai al contenuto
Melius Club

OTREBLA

Lo Stato Del Vinile [In Aggiornamento]

Messaggi raccomandati

Ospite
La gassosa a me è sempre piaciuta, però nel vetro, perché è più igienicoDella gassosa parlerei in un thread a parte, appena Bebo apre la sessione: "Qui si parla di gassose".Se non la apre, va be'...io non voglio parlare di censura però...certi argomenti si sa, sono scomodi...

=))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mariett

apprezzo sempre un'attenzione particolare rivolta al master analogico, anche se a quel punto mi aspetterei di saperne qualcosa in più (hanno impiegato soltanto strumentazione analogica? non credo purtroppo).

Resta poi il problema dei 45 giri, maggiore estensione e presenza della gamma bassa in cambio di molte canzoni in meno...discorso che va bene ogni tanto, per qualche disco demo o per qualche edizione costosa per audiofili incalliti.
Infine, nel caso specifico, c'è da dire che la musica è molto "leggerina", non c'è molta sostanza e trovo odioso quell'effetto stupido sulla voce in alcune canzoni...un controsenso logico per chi punta ad una sessione acustica di assoluta qualità e limpidezza sonora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Non è lo stesso disco. Sono due lavori diversi, Il doppio è l'originale del 2010, e non è un'edizione limitata e numerata. Molto bello, ma è una cosa diversa.

Questo per intenderci:

 

https://www.amazon.it/Deleted-Scenes-Cutting-Room-Floor/dp/B0046IKD2C/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1496093110&sr=8-1&keywords=caro+emerald+lp

 

C'è incluso anche il CD, oltre ai due vinile, ma non è acustico e risale al 2010.

 

 

Alberto.

Nella mia copia del doppio presa da Amazon non c'è il CD.

 

 


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
clapat71
Chi compera il disco mi dica che numero progressivo s'è beccato, per capire quanti ne possono aver stampati.

Alberto.
Io ho il 471. Di Shocking è il 2172, per cui penso che ne avranno stampati un 5000 di entrambi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

x Tereslo69

Ma va'? Questa è bella. Mi fotografi il tuo interno che io ti fotografo il mio (detto così suona un po' male)?

 

oy411CP.jpg

 

E' interessante 'sta cosa, vuol dire che siamo già alla prima ristampa.

Io rispondo per l'originale, in quanto al buon suono, la ristampa non l'ho mai ascoltata.

 

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
getto

Il mio ha il numero 473

Per la qualità audio bene la voce, molto meno il resto.

Sicuramente non è un disco audiophile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

No, non è un disco audiophile e non pretende di esserlo, come invece accade per alcune produzioni, anche di musica ben più colta, che vengono riempite di etichette con la scritta audiophile in caratteri cubitali, e che si rivelano essere molto meno curate del giallone.

A me piace comunque anche come sono stati ripresi gli strumenti.

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
x Tereslo69

Ma va'? Questa è bella. Mi fotografi il tuo interno che io ti fotografo il mio (detto così suona un po' male)?

 

oy411CP.jpg

 

E' interessante 'sta cosa, vuol dire che siamo già alla prima ristampa.

Io rispondo per l'originale, in quanto al buon suono, la ristampa non l'ho mai ascoltata.

 

Alberto.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Non riesco a caricare l'immagine,comunque la mia copia non ha il CD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
clapat71

Comunque alla fine trovo registrato meglio l'ep a 33 giri che l'lp a 45 :-?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

colgo questo thd sul funerale del vinile per azzeccarne un'altro appena appena OT.

Le NUOVE registrazioni universal e warnerclassic  su vinile suonano identiche al cd...
Confermate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rimini

Arrivato.

Genere leggero, piacevole ed estremamente godibile.

Grazie per la segnalazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea_n
colgo questo thd sul funerale del vinile per azzeccarne un'altro appena appena OT.
Le NUOVE registrazioni universal e warnerclassic  su vinile suonano identiche al cd...
Confermate?

 


NO! quellii Warner di musica classica usano master originali....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ad ogni modo anche se il master fosse lo stesso, il vinile suonerebbe comunque meglio.

Ho fatto diversi confronti in tal senso e ho sempre avuto conferme.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Scorrendo qualche post della discussione, letto che Caro Emerald sarebbe una gran brava cantante, un talento stellare, spinto da curiosità (un "talento stellare" di questi tempi sarebbe un miracolo da non perdere! - trattandosi per lo più di una uscita in vinile...) sono andato sul tubo ad ascoltare il disco in questione, e anche altri lavori della Caro. Beh.., in disaccordo con il suddetto giudizio che tuttavia rispetto, personalmente riporterei la faccenda sul piano delle più consone e reali proporzioni. 

Dal mio modesto punto di vista c'è sulle prime una certa piacevolezza "ballabile" piuttosto ripetitiva in

questo (sotto)genere di musica "parodica" molto battuto (mi ricorda Mario Biondi) che rimanda agli immaginari radiofonici delle "Radio Days", agli anni delle musiche spesso anche surrogati del jazz che mandavano le

allegre e leggendarie "scatole" parlanti e suonanti dotate di "occhio" magico, dove la cantante interpreta la sua stessa cifra musical-vocale equiparabile al carattere musicale dei brani affatto "leggerino".

Ma tutto bene, ovviamente, ci sta, a chi piace.., ci scialerei non poco anch'io metti una sera di festa in riva al mare.., ma il talento musicale stellare è ben altra cosa e abita(va) altrove.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Concordo con Analogico.

Si tratta di pop-jazz dal facile ascolto, ma senza grande profondità.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp

Non la conoscevo. Sul tubo ho ascoltato qualcosa. Mi ricorda un po' Simona Molinari.

Almeno nei pezzi più danzerecci. :-?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA
Scorrendo qualche post della discussione, letto che Caro Emerald sarebbe una gran brava cantante, un talento stellare, spinto da curiosità (un "talento stellare" di questi tempi sarebbe un miracolo da non perdere! - trattandosi per lo più di una uscita in vinile...) sono andato sul tubo ad ascoltare il disco in questione, e anche altri lavori della Caro. Beh.., in disaccordo con il suddetto giudizio che tuttavia rispetto, personalmente riporterei la faccenda sul piano delle più consone e reali proporzioni....

 

Sono disaccordo con il suddetto giudizio, che non rispetto giacché non si può rispettare il giudizio di chi fatica a distinguere una cantante stonata da una intonata.

Segnalo inoltre alla moderazione, ancora una volta, l'atteggiamento da troll di questo iscritto.

 

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

 

Scorrendo qualche post della discussione, letto che Caro Emerald sarebbe una gran brava cantante, un talento stellare, spinto da curiosità (un "talento stellare" di questi tempi sarebbe un miracolo da non perdere! - trattandosi per lo più di una uscita in vinile...) sono andato sul tubo ad ascoltare il disco in questione, e anche altri lavori della Caro. Beh.., in disaccordo con il suddetto giudizio che tuttavia rispetto, personalmente riporterei la faccenda sul piano delle più consone e reali proporzioni....
Sono disaccordo con il suddetto giudizio, che non rispetto giacché non si può rispettare il giudizio di chi fatica a distinguere una cantante stonata da una intonata.Segnalo inoltre alla moderazione, ancora una volta, l'atteggiamento da troll di questo iscritto.Alberto.La mia è una critica (quella integrale di cui al post #48) civile, corretta, argomenta, educata, legittima, assolutamente bonaria, nella forma e nella sostanza, che entra nel merito del giudizio musicale di pubblico interesse. Nulla di personale.

Rivendico il mio pieno diritto di parola e pensiero che non entra in conflitto con il regolamento del forum, nè con la netiqhette, nè con il buon senso, quindi suppongo che la moderazione a mio avviso invocata a sproposito potrà decidere in proprio se moderare o meno invece l'ulteriore entrata a gamba tesa dell'utente  che da a mio avviso provocatoriamente e inopinatamente del troll agli altri, e non già il mio corretto contributo. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Bene, hai detto la tua ancora una volta, aspettiamo la moderazione, che invito a leggere con attenzione il tuo giudizio su Caro Emerald, per stabilire chi sia il provocatore ed il troll tra noi due.

 

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Io so esattamente cosa ho scritto e come l'ho scritto, in maniera giusta e impersonale, sulla musica, non mi interessano queste assurde e improduttive polemiche "permalose". Quindi passo e chiudo.

 

p.s. io come tutti gli altri del forum seguiterò sempre a dire la mia libera e legittima idea "ancora una volta", quando, come e perchè decido io fin tanto resteremo in regime democratico...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Sì va be' fai come vuoi...vedrò d'ignorarti, mi sa che è l'unica.

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Ci puoi giurare che faccio, nel fare giusto, come voglio.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp

Ma non spariamo eresie!

Giuseppe ha espresso pareri del tutto legittimi.

Che siamo a fare in un forum se poi alla prima idea diversa dalla nostra gridiamo al troll?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Mah, sarà...

Alberto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aldinohiend

La moderazione è e deve essere sempre super partes e deve essere in linea con quanto previsto dal Regolamento che ognuno di noi è tenuto a rispettare.

Questo è un forum ove esiste il diritto alla piena libertà di opinione che comunque deve essere sempre espressa in termini civili ed educati.
NON esiste invece il diritto ad esprimere giudizi personali sui partecipanti.

Auspico fortemente che da tutti sia colto il senso di questo intervento.

Vi invito a non replicare e a restare IN TOPIC.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
clapat71

Non mi pareva che qualcuno avesse detto che era un capolavoro artistico, si segnalava la buona resa acustica e la piacevolezza della musica. Tutto qui.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicbox

Chiedo che venga arrestato chi ha fatto il master per la stampa in vinile.

 

Bassi esagerati e gommosi che vanno ovunque, dinamica inesistente. Suono piatto come un asse da stiro.

 

Inoltre la qualità del viinile è appena sufficiente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OTREBLA

Per lo stato del vinile di questa volta qua, Settembre 2017, si parla dell’orchestra Pink Martini, fondata nel 1994 dall’americano di origini giapponesi Thomas Lauderdale. Pink Martini si dedica ad un ampio ventaglio di generi musicali: latino, jazz, lounge, etno, quest'ultimo  in italiano, francese, arabo, giapponese, armeno, qualche non meglio identificata lingua slava, ecc.; le canzoni sono vestite con arrangiamenti che ricordano le musiche dei film degli anni ’60, ed una solida componente mainstream jazz a far da base. Un sound dai colori vividi e dai ritmi di volta in volta suadenti e caldi, o brillanti e trascinanti; lo fa avvalendosi di due formidabili cantanti fisse: China Forbes (la mora), che è anche co-autrice di molti brani presenti sui dischi di Pink Martini, e Storm Large (la biondona tutto pepe); storm di nome e di fatto, vista la sua voce potente come una tempesta.

Il titolo di questo episodio dello Stato Del Vinile potrebbe essere: “Fiorellini!” (più avanti ne capirete la ragione) e riguarda uno dei molti lavori licenziati da Lauderdale, intitolato Je Dis Oui!, recentemente pubblicato per la Heinz Records su doppio vinile 33 giri.

La confezione è curata, come d’abitudine in casa Heinz Records. La copertina color pastello, si apre in due e svela i testi delle canzoni con una fotografia in bianco e nero che ritrae tutta la banda.

 H1crrRS.jpg

Unica pecca, la solita ed inveterata abitudine di utilizzare copertine interne della più bassa qualità possibile ed immaginabile, ovvero i tristissimi ciambelloni in cartaccia da quattro soldi e non foderati.

Nessun problema, gli do fuoco col Napalm e le rimpiazzo con qualcosa di più decente, pescando nel mio ampio magazzino di copertine audiophile di ogni genere e sorta.

I due padelloni occhieggiano dall’interno delle medesime e sembrano volermi ringraziare per il comodo ricetto.

I vinile pesano sui 160 grammi l’uno, ben stampati ed abbastanza silenziosi (non una tomba ma può andare). Pur non essendo dichiarati come prodotto audiophile, del riversamento si è occupato il famoso Bernie Grundman, una garanzia quando si tratta di tagliare le lacche e di riversare il master puntando all’ambita qualità audiophile.

E di fatti il disco suona benone. Ad avercene.

Come di consueto vi è un talloncino personalizzato, che riporta un codice per scaricare da internet il file del disco.

La musica è meravigliosa, nel solito stile seducente di Pink Martini: per chi piace è un must. L’ho messo sul giradischi con l’intenzione di ascoltare un paio di brani ma alla fine mi ha tenuto inchiodato sulla poltrona per quasi un’ora. Se non avete alcun disco di Pink Martini, cominciate pure con Je Dis Oui!

Detto ciò la puntata potrebbe finire qui, se non che c’è la sorpresa. Possiedo vari lavori su vinile di Pink Martini, e posso assicurare che la qualità complessiva è sempre costante. Ma in questo caso vi è un plus, ovvero la matericità della copertina, del tutto inaspettata, e piuttosto rara in questi anni di rinascita del vinile. Una copertina tattile!

Ecco di cosa parlo:

 9Xk9KJM.jpg  

Si vede? Il produttore ha fissato sulla copertina, tramite rivetti e colla, una composizione in feltro colorato, che rappresenta come si può vedere tre fiorellini in un vasetto, dal quale spuntano anche alcune foglioline. E’ tutto feltro di quella che pare lana, in delicati colori pastello; è vero feltro non è una fotografia! 
Il particolare:

 

FIy6WqF.jpg 
Ma che amore!

Lo chiamerò Pink Martini Fiorellini!

Suppongo per non rovinare la suddetta decorazione, il disco è venduto sigillato in una busta di plastica richiudibile, e non nel solito aderentissimo cellofan termosaldato (che ogni volta per aprirlo bestemmio in aramaico).

Bisogna comperarlo soltanto per i fiorellini.

Preso in USA a 28 Euro spedito.

Considerando tutto, valore artistico, suono, stampa, confezione e prezzo, un bel ottopiù e la menzione di diritto nella presente rubrica, la quale si prefigge il compito di dimostrare che si possono produrre vinili non audiophile (soprattutto nel prezzo) che però offrono una qualità generale di tutto rispetto.

Alberto.

Pink Martini

Je Dis Oui!

2 Lp 33 rpm

Heinz Records (2016)

P.S.: Aggiornamento dell’ultimo minuto: ho appena scoperto che ci sono due versioni, una standard, di cui non so nulla di nulla, se non che si riconosce per non avere i fiorellini di feltro applicati (al loro posto c’è la semplice fotografia), e una De Luxe (EAN 855579005853) con i fiorellini. Occhio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
clapat71

La voglio con i fiorellini!! Dove hai trovato il prezzo migliore?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    292.585
    Discussioni Totali
    6.277.262
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy