Jump to content
Melius Club

OTREBLA

Lo Stato Del Vinile [In Aggiornamento]

Recommended Posts

mozarteum

sentita su tidal hifi, (quasi) zero euro😋

A casa la risentiro' come si deve

Grazie della segnalazione

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

Mi scrive un gentile lettore da Trepazzus in provincia di Sassari, un certo Percivalle Fiascolari (ma a me scrivono soltanto quelli con i nomi strambi?), il quale dopo i soliti complimenti per il personale (ma se nemmeno sa che faccia ho?), l’argutezza e la nobiltà della casata, aggiunge:

...la sua rubrica sullo stato del vinile, che leggo ispecialmente nelle ore antelucane così mi addormento subito, mi lascia ogni volta con lo stesso dubbio: quale sarebbe secondo voscienza (qui passa al voi, non so per quale ragione) il disco vinilico non audiophile ideale, quello per cui si può dire, ecco...così è perfetto…

Caro Signor Percivalle, le rispondo con una fotografia:

caPThCX.jpg

L’ho preso due settimane fa su Amazon dal venditore Dodax-Italy a 24,89 Euro.

Rappresenta come pochi l’ideale vinilico, in ambito non audiophile. Ha tutto. E’ bellissimo, è riversato benissimo, è stampato come meglio non si potrebbe ed è racchiuso in una confezione curatissima.

Rubén Gonzalez, scomparso nel 2003, è uno degli artisti balzati alla ribalta delle cronache musicali con il famoso film/disco Buena Vista Social Club, di Ry Cooder.

Questo lavoro è stato registrato nei giorni immediatamente seguenti le sessioni di Buena Vista Social Club. All’epoca (1997) uscì in CD e per anni il CD è stato l’unico supporto disponibile. L’anno scorso è uscito il doppio vinile 180 grammi in fotografia, che include una bonus track: “Descarga Ruben Y Cachaito” mai pubblicata in precedenza, la quale occupa tutto il lato “D” o quasi. Ciò lo differenzia dal CD,  ne fa una versione speciale ed un pezzo da collezione.

Se Buena Vista Social Club è un capolavoro, e lo è, Introducing Rubén Gonzalez ci va molto vicino.

Dieci “son” cubani, alcuni dei quali composti dallo stesso Gonzalez, suonati ed in parte cantati con la collaborazione di una nutrita band che comprende tre coristi, varie percussioni, contrabbasso, flauto, nonché la splendida tromba di un certo Manuel "Guajiro" Mirabal (classe 1933).
E’ l’opera di un pianista ed autore meraviglioso, di enorme classe, gusto e bravura tecnica.

Chi ha in collezione Buena Vista Social Club deve per forza comperarsi anche Introducing Rubén Gonzalez.

Il riversamento vinilico è avvenuto agli Abbey Studios di Londra, a cura di un certo Alex Wharton, partendo da una registrazione di gran valore, sulla falsariga della registrazione di Buena Vista S.C.

La stampa è europea, presumo di provenienza Pallas perché i due vinile sono assolutamente perfetti. Assolutamente.

E dove c’è la perfezione c’è di mezzo la Pallas.

La copertina si apre a libretto ed è molto ben realizzata. Le buste interne sono foderate col polietilene (‘na volta tanto). Vi è accluso un libretto di otto pagine, formato 17 x 22 cm, che riporta un’autobiografia del pianista, note critiche, informazioni tecniche, assieme a varie fotografie in bianco e nero ed a colori. Carta di buon spessore e stampa effetto “vintage”. Molto bello.

Inoltre vi è anche un tagliando con il codice per scaricare il file del disco dalla Rete.

FyXxJ07.jpg

2Gza6uK.jpg

QOfoSGI.jpg

Peccato, un vero peccato che tutti i vinile commerciali non siano realizzati in questo modo. E pazienza se non sarà stato riversato direttamente da Master Tape. Io comunque fino a qualche tempo fa possedevo la versione su CD, e vi posso dire che il vinile è un altro pianeta, pur suonando bene anche il CD.

Ciliegina sulla torta, la fascetta laterale stile "Obi" giapponese. 

Dieci e lode.

Alberto.

P.S.: viva il vinile!

Share this post


Link to post
Share on other sites
angeloklipsch

@OTREBLA Non é che riesci a linkare il prodotto? Su Amazon ho trovato il vinile ma dalla foto non sembra proprio il tuo. Non vorrei trovarmi tra le mani un'altra versione. Grazie Mille 😊👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
contemax

Ciao, dopo quanto ti è arrivato?

Il mio risulta spedito per posta tedesca ma senza tracciatura.

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

Sì confermo, spedito senza tracciatura. Ho riguardato l'ordine ma non mi dice quando è stato spedito. Ti posso solo dire che dal momento dell'ordine al momento in cui ho ricevuto il disco, sono passati esattamente 15 giorni.

Alberto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
contemax

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

Difficile rispondere. Se almeno su Amazon mettessero i codici a barre! Sarebbe tutto più semplice.

C'è scritto che la data di pubblicazione è Aprile 2017, esattamente quando lo comperai io. Quindi dovrebbe essere lui.

Dovrebbe...vedi tu se te la senti di rischiare.

Alberto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
MAX79

Bellissimo questo thread, me l'ero perso e, pur avendo gusti musicali differenti, me lo son letto tutto d'un fiato, facendomi anche grasse risate! 😆😆

Complimenti a Otrebla, belle e complete recensioni, condite da una simpatia mai fuori luogo!

Se posso dire la mia, segnalerei le versioni in vinile dei dischi di Steven Wilson da solista, ben registrati all'origine e magnificamente stampati in vinile; suono ottimo (pieno, corposo, chiarissimo e dinamico) ed edizioni assolutamente curate: copertine realizzate come si deve e vinili sempre ben piani (pur essendo, nella totalità dei casi, da 180gr, come da famigerata moda degli ultimi anni -ma PERCHE', dico io, i giapponesi producono dischi ipersottili e leggeri stratosferici e nessuno segue l'esempio?!-). Silenziosità quasi sempre al top, ma aggiungo che i dischi che acquisto vano diritti sotto la macchina aspiratrice manco usciti dalle rispettive copertine...

Se interessa posto qualche immagine 👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

Posta, posta...ogni contributo è prezioso.

Alberto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
MAX79

..e allora agevoliamo!
Hand.Cannot.Erase., quarto lavoro di Steven Wilson solista, pubblicato il 27 febbraio 2015 dalla Kscope.

Un concept album, cito wikipedia, "basato sulla storia di Joyce Carol Vincent, una giovane donna trovata senza vita nel proprio appartamento a due anni di distanza dalla sua morte. In quel lasso di tempo nessuno l'aveva cercata, nonostante avesse una famiglia e degli amici. Tema centrale dell'album è l'alienazione indotta da una società che, ironicamente, è sempre più connessa, dove il contatto umano è più facile, ma al tempo stesso più apatico e meno presente. La storia è raccontata da un punto di vista femminile e narra il percorso della giovane donna protagonista che, trasferendosi in città, comincia a perdere fiducia nei confronti del mondo che la circonda, isolandola in uno stato di continua sofferenza e malessere."

Definirei il genere a cui appartiene come progressive melodico e, rispetto ai precedenti tre lavori wilsoniani, risulta essere più accessibile a chi non mastica quotidianamente musica progressiva, ma al tempo stesso conserva una profondità che emerge proseguendo il suo ascolto.

Ottima stampa in tutto e per tutto, pressochè priva di difetti: copertina apribile ottimamente stampata, custodie dei dischi rivestite, un bel libretto di sei pagine, due vinili da 180g piani e silenziosissimi, incisione piena e chiara, come da tradizione wilsoniana.

Oggi lo si acquista sull'amazzone a poco più di 24 euro, un ottimo prezzo, considerando che è un artista che vende e fa sold-out ai concerti.

Alcune immagini:

1.jpg

2.jpg

3.jpg

4.jpg

5.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

La copertina è stupenda.

Alberto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
genesis

@OTREBLA arrivato Rubén Gonzalez me lo ascolto!

Share this post


Link to post
Share on other sites
genesis

@OTREBLA sta a 86,30 passo :)

Alberto che stampa mi consigli x Stan Getz Jazz Samba e

Getz Joao Gilberto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
LucaVr

Peccato... è già a 86,30€...

Grazie mille comunque Alberto

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

Andato. Cazz.. che schegge che siete. Uno lo ha preso però.

Alberto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA
1 minuto fa, genesis ha scritto:

Alberto che stampa mi consigli x Stan Getz Jazz Samba e

Getz Joao Gilberto?

Guarda sono talmente registrati bene, che una qualunque ristampa anni '70 o '80 va bene. Anche europea.

Se poi vuoi trattarti bene, cerca gli Speakers Corner su Ebay.

Alberto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
genesis

@OTREBLA ok quindi no le ristampe su amazon

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

Non le conosco. Mi accorgo ora che ho sbagliato a fare la segnalazione del doppio 45 giri; avrei dovuto inserirla nel thread Affaròn Vinilòn.

Va be'...

Alberto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
contemax

Qualcuno ha la versione Legacy di Come è Profondo il Mare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
contemax

Sto ascoltando il vinile di Ruben e devo dire ottima registrazione ma vinile molto rumoroso, la seconda facciata ha addirittura un segno 

Pessimo vinile

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

E dire che i miei sono assolutamente perfetti e non fanno un tòc...

Chiedi la sostituzione.

Alberto.

P.S.: quale testina monta il tuo giradischi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
contemax

SME V con Audiotechnica ART 7

Share this post


Link to post
Share on other sites
OTREBLA

Quindi lato testina non ti si può dire niente. 

Il phono?

Alberto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
9 ore fa, contemax ha scritto:

la seconda facciata ha addirittura un segno 


che sia stato un reso poi riciclato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
contemax

Era incelofanato, ma tutto è possibile, ma i dischi, come sai, quando nuovi fanno fatica ad uscire dalla busta e questo aveva tutta l'aria di essere nuovo, tra l'altro sono pure un poco ondulati, insomma una vera schifezza

Restituito

Share this post


Link to post
Share on other sites
MAX79
Il 25/2/2019 Alle 18:34, OTREBLA ha scritto:

La copertina è stupenda.

Concordo, al punto che stavo pensando di farne un poster su tela!

Share this post


Link to post
Share on other sites
cricchio

@OTREBLA Nel giugno 2017 a proposito di Caro Emerald  "Deleted . . .  Acoustic. . . " chiedevi: Chi compera il disco mi dica che numero progressivo s'è beccato, per capire quanti ne possono aver stampati.

Mi è arrivato oggi ed ho il numero 51. Mi sembra particolarmente basso

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    296321
    Total Topics
    6500311
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy