Vai al contenuto

Gabrilupo

Shin Godzilla

Messaggi raccomandati

dadox

I jappo ci riprovano coi plastici di Tokyo da calpestare. :-D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Effettivamente se ne sentiva la mancanza...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stereoplay28

il vecchio lucertolone aveva un anda piu' paciosa ...

un simpaticone ...
:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox

I jappo tendono sempre a rovinare ogni occasione si presenti loro per far centro. Io capisco gli anni 60, quando nacque la moda di far diventare buono Godzilla, o Gamera (della concorrenza) che era amico dei bimbi, ma dopo l'epoca del ritorno a mostraccio distruttore negli anni 90, pensavo che se lo avessero riesumato ne avrebbero curato meglio il nuovo esordio. Ma vedere in un trailer che si atteggia a kolossal degli effetti speciali al polistirolo, mi sembra un tantino anacronistico. E alzate un pò i budget per la produzione, no? $-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stereoplay28

lo trovo un po' smagrito ... con qualche ruga in più e tanto incazzato :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox
lo trovo un po' smagrito ... con qualche ruga in più e tanto incazzato :D

 


Non avevano più soldi per dargli da mangiare. Potevano portargli qualche pizza... :)]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
il vecchio lucertolone aveva un anda piu' paciosa ...
un simpaticone ...
:D
Devo ammettere che verso la metà dei '50,  quando ero una creaturella e un mio Zio tipo quello di "Fanny e Alexander" mi portava a vedere GoZZilla (oppure Marcellino pane e vino, Oppure qualche film con Giacomo Rondinella... ) nell'arena estiva di Torre AnnunZiata, dove trascorrevo qualche giorno di vacanZa, me la facevo sotto... A rivedere oggi quel pupazzone patetico mi chiedo come non solo io che ero regazzino, ma anche i grandi che si pigliavano pure loro paura, non ci accorgessimo dell'ingenuissimo quasi imbarazzante trucco,  segno che tutto è come lo vede o lo vuole vedere la nostra mente.

Per questo credo che più il cinema cerca con gli effetti ed affetti ultra speciali di assomigliare alla realtà, alla perfezione, più limita l'immaginazione del pargolo e dell'adulto. Non gli lascia più nulla da immaginare in proprio, tutto è già pronto, cucinato, masticato e digerito (l'amaro è parte...:D ),  possiamo mettere il cervello in stanby.

E' pur vero che 50 anni fa, non ancora abituati alle sofisticherie di oggi, non avendo altri riferimenti, ci accontetavamo di quel che passava il convento, ma non eravamo stupidi, ieri come non lo siamo oggi, soprassedevamo ai limiti  e alle ingenuità della visione e tutto quello che il film non mostrava lo completavamo nella nostra mente. Un ottimo esercizio per sviluppare l'immaginazione e la creatività personale e non fatta in serie...

Ecco.., dopo essermi fatto questo ragionamente che mi è uscito fuori all'impronta ho finalmente capito perchè a una delle primissime proiezioni cinematografiche di Star Wars primo film mi annoiai e dovetti tacere la cosa agli amici entusiati che erano con me.., avrei rischiato la "stira"... :D

 

Ad esempio.., chi ricorda gli sceneggiati televisivi del "fantastico", fantascienza, mistero, thriller, avventure pericolose, ecc., degli anni della televisione in B. & W, tipo A come Andromeda, Il Segno del comando, Belfagor, L'Isola del tesoro (paurosissimo!) e tanti altri... si vedeva poco e niente di "effetti" e però impaurivano, suggestionavano, impressionavano, inquietavano.., grazie a "semplici" ma sapienti regie capaci di evocare con semplici espedienti narrativi e quadri visivi di ottima, buona fotogenia cinetico-plastica, (spesso anche ingenui, ma non si creda che i il perfezionismo del blockbusterismo non sia infarcito di ingenuità),  l'illusione" della realtà (l'arte è artificio...) che appariva ai nostri occhi e alle nostre menti, che "collaboravano" con la regia nell'opera di completamento del "mancante", più reale del reale...

Non a caso il cinema, un certo cinema , o vivacchia a stento o sta morendo, mentre il "cinema dinosauro", come lo definiva già anni fa Raul Walsh riferendosi all'industria spielberghian/americana, ancora incassa...

Boh.., mi è uscita così.., ma cos'altro si potrebbe dire in un topic sul quale... cos'altro si potrebbe dire?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox

A 9 anni insistevo per andare a vedere Godzilla ad ogni costo, per poi scappare fuori dalla sala terrorizzato. Non c'è scenggiato che non mi sia pappato in quegli anni. Italiano o straniero che fosse. A tutt'oggi non appena possibile, rivedo volentieri qualsiasi cosa riesca a recuperare di quegli anni (via Rete o tramite archivi Rai). Solo una cosa sono ad ora ne ho solamente un bel ricordo, ma chissá mai la tv di Stato l'avrá nascosta...

Slim John, un corso di inglese televisivo anni 60, che utilizzava come base di partenza per l'apprendimento un telefilm a puntate di fantascienza molto intrigante. Sarebbe bello poterlo rivedere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stereoplay28

il vecchio buon b/n quante belle cose hanno fatto ... come diceva bene analogico i vari Belfagor, A come Andromeda ecc. rendevano moltissimo con effetti pari a zero, bellissimi ricordi. Comunque anche negli anni 70 sono stati fatti degli ottimi film di fs tipo Zardoz, Andromeda strain ecc ecc non con molte risorse. Si vede che un tempo usavano più la testa :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox
il vecchio buon b/n quante belle cose hanno fatto ... come diceva bene analogico i vari Belfagor, A come Andromeda ecc. rendevano moltissimo con effetti pari a zero, bellissimi ricordi. Comunque anche negli anni 70 sono stati fatti degli ottimi film di fs tipo Zardoz, Andromeda strain ecc ecc non con molte risorse. Si vede che un tempo usavano più la testa :D

 


Certo! E la testa funzionava! Non,potevano certo immaginare cosa avrebbe permesso di fare in futuro la computer grafica. E gli effetti speciali, quando c'erano, erano veramente fatti col classico olio di gomito. Per quello che io sono ancora oggi affezionato al Godzilla e company di quel periodo. Ma oggi certamente ancora ricorrere a quel genere di effetti (plastici di cittá regolarmente calpestate) non convince piu.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stereoplay28

concordo in pieno!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gabrilupo
il vecchio lucertolone aveva un anda piu' paciosa ...
un simpaticone ...
:D
Devo ammettere che verso la metà dei '50,  quando ero una creaturella e un mio Zio tipo quello di "Fanny e Alexander" mi portava a vedere GoZZilla (oppure Marcellino pane e vino, Oppure qualche film con Giacomo Rondinella... ) nell'arena estiva di Torre AnnunZiata, dove trascorrevo qualche giorno di vacanZa, me la facevo sotto... A rivedere oggi quel pupazzone patetico mi chiedo come non solo io che ero regazzino, ma anche i grandi che si pigliavano pure loro paura, non ci accorgessimo dell'ingenuissimo quasi imbarazzante trucco,  segno che tutto è come lo vede o lo vuole vedere la nostra mente.

Per questo credo che più il cinema cerca con gli effetti ed affetti ultra speciali di assomigliare alla realtà, alla perfezione, più limita l'immaginazione del pargolo e dell'adulto. Non gli lascia più nulla da immaginare in proprio, tutto è già pronto, cucinato, masticato e digerito (l'amaro è parte...:D ),  possiamo mettere il cervello in stanby.

E' pur vero che 50 anni fa, non ancora abituati alle sofisticherie di oggi, non avendo altri riferimenti, ci accontetavamo di quel che passava il convento, ma non eravamo stupidi, ieri come non lo siamo oggi, soprassedevamo ai limiti  e alle ingenuità della visione e tutto quello che il film non mostrava lo completavamo nella nostra mente. Un ottimo esercizio per sviluppare l'immaginazione e la creatività personale e non fatta in serie...

Ecco.., dopo essermi fatto questo ragionamente che mi è uscito fuori all'impronta ho finalmente capito perchè a una delle primissime proiezioni cinematografiche di Star Wars primo film mi annoiai e dovetti tacere la cosa agli amici entusiati che erano con me.., avrei rischiato la "stira"... :D

 

Ad esempio.., chi ricorda gli sceneggiati televisivi del "fantastico", fantascienza, mistero, thriller, avventure pericolose, ecc., degli anni della televisione in B. & W, tipo A come Andromeda, Il Segno del comando, Belfagor, L'Isola del tesoro (paurosissimo!) e tanti altri... si vedeva poco e niente di "effetti" e però impaurivano, suggestionavano, impressionavano, inquietavano.., grazie a "semplici" ma sapienti regie capaci di evocare con semplici espedienti narrativi e quadri visivi di ottima, buona fotogenia cinetico-plastica, (spesso anche ingenui, ma non si creda che i il perfezionismo del blockbusterismo non sia infarcito di ingenuità),  l'illusione" della realtà (l'arte è artificio...) che appariva ai nostri occhi e alle nostre menti, che "collaboravano" con la regia nell'opera di completamento del "mancante", più reale del reale...

Non a caso il cinema, un certo cinema , o vivacchia a stento o sta morendo, mentre il "cinema dinosauro", come lo definiva già anni fa Raul Walsh riferendosi all'industria spielberghian/americana, ancora incassa...

Boh.., mi è uscita così.., ma cos'altro si potrebbe dire in un topic sul quale... cos'altro si potrebbe dire?

E ancora questo:
o questo:
Che paura che mettevano nel bimbetto che ero allora...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stereoplay28

non dimentichiamoci del Segno del comando ... . niente splat ne altro tensione e paura ad alti livelli

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
 Ma oggi certamente ancora ricorrere a quel genere di effetti (plastici di cittá regolarmente calpestate) non convince piu.
E forse, paradossalmente, oggi non sarebbero neppure capaci di rifare il più "facile"...

 

Cmq mi è venuta voglia di rivedere gli "sceneggiati"che ha postato Gabri... gà visto un pezzetto di Ho incontrato un ombra.., che regia, che montaggio!

 

 

Ad esempio, una brano a caso, dal min 33:45 al 36:25... Primo piano del giradischi, che manda musica diegetica per creare subito il climax giusto, la giusta seuspense, ripetuto con montaggio alternato; le inquadrature in primo piano (un po' "scolastico" devo dire) degli oggetti inanimati che tuttavia "caratterizzano" la casa; idem il tendaggio bianco mosso in controluce dal quale sbuca l'uomo.., scena hitchcockiana (Rebecca la prima moglie) e tanto altro cinema di "genere"; piani medi e primi piani del volto del protagonista; brevi piani sequenza dello stesso che "indaga" e cerca di sondare il "mistero", la cui inquietudine viene percepita dallo spettatore; il senso dello "spiare" (elemento onnipresente nel cinema che è arte "voyeuristica") dalla finestra con le "sbarre (simboliche), campi e controcampi e stacchi sulla ragazza "sospettata" ripresa in "soggettiva" con piani lunghi attraverso i quadrati delle sbarre mentre cammina verso la macchina...

Meno di tre minuti di filmato con una macchina da presa mobilissima e plastica con tutta una ricca varietà di tecniche di ripresa che diventano, insieme al sapiente montaggio, puro linguaggio cinematografico che non ha bisogno della parola e neppure della musica, dal momento che il regista (Daniele D'anza, mica pizz e fichi!) fa spegnere quasi subito il giradischi dall'uomo e la stanza resta nel silenzio ancora più carico di "mistero"... Le attuali "serie" milionarie che si dilungano all'infinito con una verbosità incessante, non saprei dire quanto in rapporto e al confronto abbiano di questa assoluta e geniale capacità di "sintesi" visivo-visionaria...

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox

Poi arriva Godzilla e calpesta tutto il set senza pietá, senza ritegno per la testina del giradischi che inizia impietosamente a scratchare sul disco. =))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gabrilupo

Scatenando la danza del mostro!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
Poi arriva Godzilla e calpesta tutto il set senza pietá, senza ritegno per la testina del giradischi che inizia impietosamente a scratchare sul disco. =))
Ti sei distratto, Gozzilla arriva quando orami il braccio viene alzato e tolto da sul disco...  :D

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox

Non hai buona memoria. Da bravo auidiofilo giapponese, Il cicciosauro (perchè Gozzy un pò di pancia e flebite ce l'ha) è arrivato, ha tolto lui stesso il braccio dal disco, dopodichè ha iniziato a smontare la cittá pezzo per pezzo... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stereoplay28

con buona pace di Gamera ... naturalmente :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox
con buona pace di Gamera ... naturalmente :D

 


Gamera stava dal dentista. Aveva preso appuntamento. :)]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brigno

io comunque andrò a vederlo :)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox
io comunque andrò a vederlo :)


Ho paura che in Italia mica lo vedremo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brigno

Ad Orio tra il 3 ed il 5 Luglio ma anche in altre multisala (forse anche all'Arcadia)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox
Ad Orio tra il 3 ed il 5 Luglio ma anche in altre multisala (forse anche all'Arcadia)

 


Ma dai! Una specie di evento d'Essai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brigno

...questa sera io e mio figlio vedremo il gozzillone di gommapiuma...

 

Vi aggiornerò (speriamo bene).

 

Ps: giovedì invece mi vedrò il ragnetto nella sala imax con lo schermo più grande d'Italia...sono fiducioso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brigno

Film politico/socioculturale.........con Godzilla

 

Difficile da giudicare per i canoni occidentali.

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge
con buona pace di Gamera ... naturalmente :D

 

detto anche il grande king.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gabrilupo
Film politico/socioculturale.........con Godzilla

 

Difficile da giudicare per i canoni occidentali.

 

 

 

Ma come, non era stato bollato, ad inizio thread, come un'occasione per calpestare plastici di Tokio?

 

:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Il socio-politico è un tormentone che va molto di moda in questa contemporaneità che ha bisogno di correggere le proprie frivolezze da siaggia parigina... :D

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.369
    Discussioni Totali
    5.878.898
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×