Vai al contenuto

Libra

Un pò caro

Messaggi raccomandati

joe1949

Personalmente non li spenderei

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ab1058

Per quanto ottimo, non pago le ferie al venditore.

Un prodotto per cinesi o russi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
parehouse

Ho venduto qualche anno fa un tascam portatile a 350 (mi pare. Comunque intorno a quella cifra)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ab1058

Venduto bene, il Tascam nel confronto col Sony le prende mille volte.

Fiat Panda e Ferrari, i livelli sono quelli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Madonna che prezzo, mi devo ancora riprendere!! (L'oggetto in se però è bellissimo)!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Overkill

Scusate , forse ne avrete già parlato mille volte....su questo formato ( dat ) sono ignorante.

Come mai non ebbe successo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aresmarte73
Scusate , forse ne avrete già parlato mille volte....su questo formato ( dat ) sono ignorante.

Come mai non ebbe successo?

 

formato sabotato dalle case discografiche e dall'ignoranza della maggior parte della gente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aresmarte73

molti credevano che il cd fosse uno standard irrangiungibile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

Mentre invece il DAT suonava meglio. E non di poco....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
metal_1076

questione molto soggettiva...per quanto mi riguarda, spenderei più che volentieri quella cifra per un buon registratore a bobine, invece che per un qualsiasi Dat. Sarà che sono appassionato di registrazione analogica, ma il Dat non ha mai attirato la mia attenzione. Se devo registrare in digitale, mi scarico il wav o lossless che sia, e finisce lì. Oppure compro direttamente il cd. Però i pareri in merito sono molto contrastanti, non esiste una regola univoca ;-) ordunque, faccio parte anch'io della gente ignorante che non sa apprezzare quel formato :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aresmarte73
questione molto soggettiva...per quanto mi riguarda, spenderei più che volentieri quella cifra per un buon registratore a bobine, invece che per un qualsiasi Dat. Sarà che sono appassionato di registrazione analogica, ma il Dat non ha mai attirato la mia attenzione. Se devo registrare in digitale, mi scarico il wav o lossless che sia, e finisce lì. Oppure compro direttamente il cd. Però i pareri in merito sono molto contrastanti, non esiste una regola univoca ;-) ordunque, faccio parte anch'io della gente ignorante che non sa apprezzare quel formato :D

:)) oggi il dat è un apparecchio vintage.... con i formati digitali NON COMPRESSI disponibili grazie a internet e pc non c'è bisogno ma secondo me il dat va molto meglio dei bobine

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate
Scusate , forse ne avrete già parlato mille volte....su questo formato ( dat ) sono ignorante.

Come mai non ebbe successo?

 

Quando uscì il DAT, non esistevano ancora i masterizzatori di CD e la copia digitale di un originale digitale (copia che per definizione matematica è identica all'originale) spaventava oltremodo le Case discografiche. Queste riuscirono ad imporre, sui DAT casalinghi, il famigerato SCMS, il circuito anticopia che permetteva solo le copie digitali di prima generazione (dispositivo assente nei DAT professionali) ma, soprattutto, non produssero, o quasi, software preregistrato. Quei pochi fortunati che sono entrati in possesso di qualche cassetta DAT preregistrata godono, al contrario delle cassette analogiche preregistrate, di un suono sopraffino (sopraffino come suonano tutti i DAT pur con la loro natura digitale - per questo non sono paragonabili ai registratori a bobine, sono due cose diverse) che avrebbe ben presto oscurato, alle orecchie degli appassionati di hifi, il CD. Poi, come una nemesi storica, sono arrivati i masterizzatori e le Case discografiche hanno perso lo stesso la sfida. Solo che, a meno dei supporti ad alta risoluzione, "godiamo" di un suono che non è proprio quello che avremmo potuto avere senza scomodare l'alta risoluzione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

anche se è senno di poi, una cassetta dat costa più di un cdr e la gestione (per esempio cambio traccia) è più lenta. il sistema anticopia era molto rudimentale, non permetteva copie digitale di una copia, ma permetteva infinite copie digitali partendo da un originale. la stessa limitazione c'era sui masterizzatori casalinghi audio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
poeta_m1

Personalmente reputo molto interessante il DAT, è uno di quegli apparecchi di cui non farei a meno.

Ne possiedo due.

Vero che sul piano razionale ormai serve a poco, così come servono a ben poco un rtr o un tape deck (un laptop bene attrezzato può sostituirli con migliori risultati e maggiore flessibilità di impiego).

Tuttavia nel suo ambito "vintage" è un prodotto eccellente... si possono registrare sino a 4 ore di musica su un singolo nastro da 120 metri, non esiste la necessità di "cambiare lato" (A e B), non esiste la necessità di ricorrere a dispositivi di noise reduction, di tarare il bias, di calibrare il nastro, esiste la possibilità di indicizzare il nastro e la qualità audio risultante è davvero di alto rango.

Lo trovo ottimale per eseguire copie 1:1 di dischi in vinile.

Personalmente poi, in termini di passione personale, resto molto affascinato dalla sua meccanica "tipo vhs" miniaturizzata, con la testina rotante e la scansione elicoidale del nastro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
hnjmkl

Decenni fa, Suono lo impiegò per registrare allo stato dell'arte (solo 2 microfoni), in una chiesa italiana, la performance di una cantante su musiche medioevali se ben ricordo, comprai il CD, sta in qualche posto nello scaffale.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jopavirando

Io lo uso per registrare dal vivo i concerti (un Sony PCM portatile).

Possiedo anche un Sony con hard disk e scheda di memoria, ma, a mio parere, pur con tutti i limiti meccanici,
il suono del dat è migliore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.614
    Discussioni Totali
    5.885.573
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×