Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
Ospite edmondo77

Il deck a cassette più "lercio" e da evitare che abbiate mai avuto!

Messaggi raccomandati

Ospite

Ok raga sfogatevi! Il titolo dice già tutto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nirone95

I jap doppia piastra economici, e poi un AIWA ADF 370......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

Jvc kd 21 D

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Aiwa ad wx717. Pagato su eBay 36€, funzionava male.....mi ha ridato i soldi....e m'ha detto pure:"Tienitelo!!!"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz

Un doppia piastra monomotore akai. Demolito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

una volta vidi in un negozio/allevamento di piccoli animali (all'esterno del capannone, non all'interno!) un sistema ampli + sintonizzatore + doppia piastra della pioneer... abbandonati impilati uno sopra l'altro a terra!!! :-O sono stati i componenti più lerci a malconci che mai abbia visto... probabilmente fermi dagli anni 80.. ancora adesso mi chiedo che ci facessero lì... ho provato ad aprire uno sportello dei deck della piastra ma era incastrato...  chissà che ci avrei trovato dentro!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Parlando di deck che ho avuto direi teac v-370... veramente scarsino...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Un doppia piastra monomotore akai. Demolito.

 


Luca, ma dici sul serio doppia piastra con un solo motore in totale? Ma aveva una cinghia tipo trattore che andava da un deck all'altro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piergiorgio

nakamichi 480.

probabilmente era sfigato il mio, ma ci ho speso più soldi in riparazioni di quanto l'avessi pagato.
sostituzione tastiera comandi dopo qualche anno, poi cinghie e motore in quanto non riusciva più a trascinare nessun tipo di cassetta, poi sostituzione testine per consumo.
uno dei pochi apparecchi hifi acquistato nuovo sugli oltre 100 avuti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE

Teac Z 5000

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949
nakamichi 480.
probabilmente era sfigato il mio, ma ci ho speso più soldi in riparazioni di quanto l'avessi pagato.
sostituzione tastiera comandi dopo qualche anno, poi cinghie e motore in quanto non riusciva più a trascinare nessun tipo di cassetta, poi sostituzione testine per consumo.
uno dei pochi apparecchi hifi acquistato nuovo sugli oltre 100 avuti
Problema simile col mio Naka 582 (preso nuovo): taravi tutto, poi bastava "appoggiarlo" con non molta delicatezza al piano d' appoggio del mobile e ciao ciao regolazioni!!

Rivenduto senza rimpianto!  :D

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
Un doppia piastra monomotore akai. Demolito.

 


Luca, ma dici sul serio doppia piastra con un solo motore in totale? Ma aveva una cinghia tipo trattore che andava da un deck all'altro?

 

Serissimo. Puleggia del motore doppia e due cinghie che andavano alle due meccaniche. Pura plastica 100%

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Libra
Teac Z 5000
Il mio non si ferma.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE

il tuo....l' unico in tutto il mondo....i rimanenti una chiavica colossale!  http://www.orologiepassioni.com/listing/skin2/immagini/ass.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
secret

L' aiwa ad s950 comprata nuova negli anni 90. Per quanto avesse il dolby s, non aveva un azimuth stabile. All' ascolto il suono sfarfallava leggermente. Provando a toccare la testina, si notava che era come flottante, cioè si spostava e non c' era modo di bloccarla. Anche regolando l' azimuth, ovviamente l' effetto non spariva.

Sembrava concepita così ! Assurdo !

Ma la cosa peggiore in assoluto era l' equalizzazione in registrazione. Se riascoltavi un nastro registrato da questa piastra, su una qualsiasi altra (anche aiwa di precedente generazione), suonava scuro. E non era un problema di azimuth, ma proprio di una precisa scelta di taratura di questa piastra. I nastri li potevi riascoltare con la giusta equalizzazione solo sulla ad s950 con l' effetto fase sfarfallante dovuta alla testina un pò flottante.

Anche facendo fissare il blocco testine da qualche tecnico bravo, sarebbe rimasto il problema dell' equalizzazione sballata, quindi l' avevo rivenduta dopo qualche mese perchè non era possibile usarla con questi difetti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

E pensare che il mio thread voleva essere solo provocatorio e mi aspettavo modelli di piastre di second'ordine, almeno sulla carta. Invece stanno uscendo fior fiore di modelli più che quotati.

E comunque tutto fa casistica e ben venga!

Non mi aspettavo certi problemi dai Nakamichi....gia citati ad ora ben 2 modelli!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
L' aiwa ad s950 comprata nuova negli anni 90. Per quanto avesse il dolby s, non aveva un azimuth stabile. All' ascolto il suono sfarfallava leggermente. Provando a toccare la testina, si notava che era come flottante, cioè si spostava e non c' era modo di bloccarla. Anche regolando l' azimuth, ovviamente l' effetto non spariva.

Sembrava concepita così ! Assurdo !

Ma la cosa peggiore in assoluto era l' equalizzazione in registrazione. Se riascoltavi un nastro registrato da questa piastra, su una qualsiasi altra (anche aiwa di precedente generazione), suonava scuro. E non era un problema di azimuth, ma proprio di una precisa scelta di taratura di questa piastra. I nastri li potevi riascoltare con la giusta equalizzazione solo sulla ad s950 con l' effetto fase sfarfallante dovuta alla testina un pò flottante.

Anche facendo fissare il blocco testine da qualche tecnico bravo, sarebbe rimasto il problema dell' equalizzazione sballata, quindi l' avevo rivenduta dopo qualche mese perchè non era possibile usarla con questi difetti.


@secret non era possibile sostituirla con un'altra piastra di egual valore? Credo fosse in garanzia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
secret

Era passato troppo tempo per chiedere la sostituzione al negoziante, ma siccome l' avevo comprata in offerta speciale e il prezzo di listino era ben più alto, ero riuscito a venderla a un prezzo ottimo.

Erano difetti riscontrabili solo da un appassionato pignolo. Un utilizzatore normale non ci avrebbe fatto caso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vintagelover
Teac Z 5000
Il mio non si ferma.

 

 

E nemmeno il mio.....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aresmarte73

deck lerci come prestazioni ne ho avuto un po: deck ultraeconomici anni 70 tipo emerson o altre marche, doppie impiastre anni 80 con meccaniche plasticose come la mia prima piastra aiwa adf 270 con meccanica da radioregistratore, deck a 2 testine teac stesso periodo, alcuni demoliti sia per recupero pezzi che per impossibilità a riparali o addirittura perchè non interessavano a nessuno pur essendo funzionanti, altri rivenduti senza rimpianto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aresmarte73

ho avuto anche deck di classe un po pou alta tipo i technics in cui si gustavano trasformatori, microprocessori e altri integrati o parti di meccanica come ad esempio il technics sr tr 232 dove a causa della distruzione di 2 ingranaggi di marzapane e del guasto di u8n integrato mi vedo costretto a demolirlo per mancanza di spazio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

L'ingranaggio di marzapane però ha il suo perché eh?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aresmarte73
L'ingranaggio di marzapane però ha il suo perché eh?

 

in pratica è silenziosissimo non trasmette vibrazioni ma il materiale a distanza di anni si deteriora diventando fragile, tende ad autodistruggersi come le lettere di james bond :))

anche i deck philips e grundig e altre marche li usavano, nel mio philips n 2552 sono riuscito a sostituirli perfettamente con dei robustissimi ingranaggi in teflon bianco comprati in uno stock di altri 70 ingranaggi dalla cina.
lo stesso tipo di ingranaggio lo ho visto montato sun un dat fostex, carica la cassetta sulla meccanica....speriamo che non si rompa
:(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Jimmyhaflinger

Il piu ridicolo che mi è capitato era un teac anni 90 di gamma bassa che aveva una meccanica da radioregistratore cinese e un vumeter finto stereo che in realtà nascondeva una sola fila di led... cosi i canali erano sempre bilanciatissimi :D

 

I piu disastrosi sono i philips anni 80 con gli ingranaggi di marzapane... alcuni ne hanno uno solo e li ho riparati, altri hanno anche 3 ingranaggi marci e li ho buttati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nirone95
nakamichi 480.
probabilmente era sfigato il mio, ma ci ho speso più soldi in riparazioni di quanto l'avessi pagato.
sostituzione tastiera comandi dopo qualche anno, poi cinghie e motore in quanto non riusciva più a trascinare nessun tipo di cassetta, poi sostituzione testine per consumo.
uno dei pochi apparecchi hifi acquistato nuovo sugli oltre 100 avuti

La mia per fortuna va ancora bene..

Certo però è delicata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LaVoceElettrica

Philips mettava gli ingranggi di marzapane anche nei CD player. Un disastro programmato.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

Infatti sul mio player Marantz di epoca Philips, quello del cassetto ho dovuto sostituirlo

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piergiorgio

La mia per fortuna va ancora bene..

Certo però è delicata

sarà la mia, quando l'ho venduta per la disperazione in effetti funzionava molto bene (e ti credo, l'unica cosa originale era forse lo chassis :D )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Jonas Rainer
Il piu ridicolo che mi è capitato era un teac anni 90 di gamma bassa che aveva una meccanica da radioregistratore cinese e un vumeter finto stereo che in realtà nascondeva una sola fila di led... cosi i canali erano sempre bilanciatissimi :D I piu disastrosi sono i philips anni 80 con gli ingranaggi di marzapane... alcuni ne hanno uno solo e li ho riparati, altri hanno anche 3 ingranaggi marci e li ho buttati
intendi la Teac W-410??

Non la vuole nessuno, neppure in regalo, anche se funzionante (o per lo meno, qualche anno fa lo era).
La mia faceva parte di un impianto preso in blocco (compresi  mobile, casse e dischi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
Teac Z 5000
Il mio non si ferma.

 

 

E nemmeno il mio.....

siete dei miracolati.......fatevene ua ragione e se andate  a Lourdes o in qualsiasi luogo di pellerinaggio ricordatevi di accendere un cero per questo.   :))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×