Vai al contenuto

TopHi-End

In termini di pura Magia: Electa Amator o Minima Amator?

Messaggi raccomandati

TopHi-End

Nel corso degli anni ho cambiato parecchie elettroniche, cavi e, soprattutto, diffusori, passando da prodotti da stand a pavimento.

Inizialmente, nel mio piccolo studio (6mq) sono passati parecchi bookshelf, ma i migliori in assoluto sono state le SF Concerto 1^ serie, seguite dalle Cremona Auditor 1^ serie. Queste ultime un po' più raffinate, ma più "esili" e meno magiche delle Concerto.

Poi, nel nuovo ambiente che ho da meno di due anni, prima le Liuto Tower e adesso le Vienna Acoustics Beethoven Concert Grand, questi ultimi NETTAMENTE superiori alle prime in tutto e per tutto, hanno (finalmente) incontrato i miei gusti sul suono che prediligo: acuti dettagliati ma non asciutti e spigolosi, bellissime voci e bassi tesi e profondi.

Purtroppo, dal momento che ho (parzialmente) riempito la stanza con dei mobili, il suono all'interno è cambiato, e mi pare che le Vienna non riescono ad esprimersi come prima. Infatti, quando lo spazio sembrava già troppo stentato per le Beethoven Concert Grand, pare abbiano accusato il colpo e sembrano quasi avermi "rimproverato" cambiando qualcosa nel sound. Qualcuno potrebbe storcere il naso, ma per i miei gusti e le mie orecchie, qualcosa, in termini di magia e di soundstage, si è perso.
Anche il basso è cambiato, ma alla fine ho trovato qualche compromesso, ma per il resto qualcosa non mi quadra. La stanza, di circa 21 mq, sembra avere sofferto troppo della "restrizione" dovuta ai nuovi mobili.

Mi sono messo l'anima in pace, visto che non posso togliere i mobili, e ho preso una decisione a lungo meditata e particolarmente dolorosa: passo a diffusori da stand.

Memore delle "magiche" Sonus Faber "prime serie", come io le chiamo, ho deciso di passare, vista la mia predilezione, appunto, per il suono magico e ammaliante di questi diffusori, ma ricercando qualcosa di più raffinato rispetto alle già ottime Concerto e Cremona Auditor.

Visto che le Estrema me le posso solo sognare, ho pensato a due diffusori in particolare: Electa Amator e Minima Amator.

Non avendoli mai avuti e/o ascoltati, rivolgo a Voi la mia fatidica domanda in oggetto: qual è il migliore dei due in termini di pura magia (ma anche completezza del suono)?

Come le vedete in 21 mq?

Grazie anticipatamente per le risposte.

ELETTRONICHE:

Sorgente: Lector CDP 7 TL MKIII (Valvole NOS Valvo Pinched Waist)

Pre: Lector ZOE (Valvole NOS Telefunken)

Finali Mono: 2x Lector VM200M

Cavi: di potenza Tellurium Q Black, di segnale Zavfino Silver Hybrid.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

A mio personale gusto usando i tuoi termini come magia pura Minima Amator naturalmente come completezza le Electa scendono più in basso poi dipende anche dal genere di musica che ascolti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
etnared

se parliamo di magia minima fm2.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alberto75

sono diffusori magici entrambi, come già detto sopra le electa scendono di più ma ti posso assicurare che per farle suonare il set up è più complicato...se però le riesci a portare al limite sono una bomba! E lo dico da possessore delle minima amator...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TopHi-End

Ho aggiunto nel primo post, le elettroniche che costituiscono il mio impianto. ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Dynaudio countor 20

Finisce la magia ed inizia la scienza.

Credimi se vuoi un diffusore da stand ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alberto75
Dynaudio countor 20

Finisce la magia ed inizia la scienza.

Credimi se vuoi un diffusore da stand ...

 

ottimi se non fantastici diffusori, ma sono agli antipodi delle sonus faber...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay

Perché dovrebbero essere agli antipodi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
DADE

infatti....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Se te le potessi permettere le nuove guarnieri tradition...

 

Io prenderei le electa, una spina nel fianco da pilotare ma più complete delle minima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mister66
Dynaudio countor 20

Finisce la magia ed inizia la scienza.

Credimi se vuoi un diffusore da stand ...

 

ottimi se non fantastici diffusori, ma sono agli antipodi delle sonus faber...

 

Le 20 stavo per prenderle quando sono state presentate, ottimi diffusori, erano in ballottaggio con le 805d3 b&w, poi per un disguido l'acquisto è sfumato e ho preso le Wilson benesch.

 

Se avessi spazio prenderei ad occhi chiusi anche le Minima come secondo diffusore che reputo un diffusore straordinario!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dufay
Se te le potessi permettere le nuove guarnieri tradition...

 

Io prenderei le electa, una spina nel fianco da pilotare ma più complete delle minima.

 

Perché una spina nel fianco da pilotare?

https://www.stereophile.com/content/sonus-faber-electa-amator-loudspeaker-e-le-misure

 

 

Dal punto di vista elettrico sono molto facili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alberto75
Perché dovrebbero essere agli antipodi?

 

Tutte le volte che le ho sentite mi hanno dato l'impressione di essere molto più dettagliate e radiografanti rispetto alla sonus faber. Ammetto però che magari potevano essere le elettroniche. Magari quando ho sentito (più volte) le Dynaudio erano le elettroniche a dare il carattere "radiografante", mentre le sonus faber mi sembrano molto più morbide. Almeno le mie minima amator sono così come pure le minima...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
il Marietto

Spesso si dimenticano le Parva FM3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Walkiria

Conosco molto bene le tue elettroniche, avendole pure io e ti consiglio una prova con i prodotti Diapason. Io prima di scegliere le mie attuali Adamantes ho provato tutti i diffusori da stand che potevo. Le cambierei solo con le Astera. In 20 mq sono perfette

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Suonatore

Se hai un po' di spazio dietro, le ENSEMBLE PA1 reference, se poi trovi le gold fai tombola.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
regioweb

su 15 post di risposta 3 in topic e 12 off topic (13 col mio).... mica male come media...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mike5863
Spesso si dimenticano le Parva FM3

 


 

Nettamente inferiori alle 2 del titolo

 

Mike

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mike5863

Ho avuto le EA 1 serie mentre le Minima Amator le ho ascoltate più' volte a casa di un amico ma non ho mai avuto modo di fare un confronto diretto.

 

Per quanto mi riguarda, dovessi scegliere tra le due prenderei senza nessuna indecisione le Electa Amator ( I serie ) più' complete e più'....più' tutto

 

Mike

 

P. S. Non mi sono mai sembrate un carico difficile da pilotare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Partizan

Le Electa Amator più complete, le Minima Amator più "magiche"!

Se pilotate a dovere e ben posizionate...

Ciao

Evandro 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ar3461

concordo +1.....ed aggiungo con una buona coppia di stand

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
marcy65

Indipendentemente dalla scelta finale (condizionata dalle opportunità del mercato dell'usato, non credo ci sia una vasta possibilità di scelta) avrai un ottimo diffusore

e un pezzetto di storia.

Nel mio cuore, sempre in riferimento a qull' epoca ci sono anche le Dynaudio Contour 1.3 SE.

Saluti, Marcello.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rose66

Le ho possedute per parecchi anni e senza ombra di dubbio ti dico MINIMA AMATOR !!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Una domanda rivolta a chi ha posseduto le Minima Amator, mediamente a che distanza le tenevate dalla parete di fondo, pensate che sia proprio improponibile 15 cm? grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
zagor333

Le ho possedute entrambe: senza se e senza ma, le Electa Amator (prima serie)

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Una domanda rivolta a chi ha posseduto le Minima Amator, mediamente a che distanza le tenevate dalla parete di fondo, pensate che sia proprio improponibile 15 cm? grazie.

 


 

io spesso le ho sentite suonare meglio più vicine alla parte di fronte che a quella di fondo, fa un po' te.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maverick
Una domanda rivolta a chi ha posseduto le Minima Amator, mediamente a che distanza le tenevate dalla parete di fondo, pensate che sia proprio improponibile 15 cm? grazie.

 

Si.

15 cm tolgono molto, .. troppo, a quello che può dare un MA,..ma anche a quasi tutte le SF, che richiedevano (almeno per i modelli di Serblin che ho avuto io, .. ora non so ) tanta, ma tanta aria intorno, .. direi almeno 1 m.
Io in una stanza 4 *4 le ho sempre tenute a quella distanza dalle pareti, con meno la scena peggiorava percettibilmente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Grazie per le vostre risposte anzi conferme dato che comunque già lo supponevo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Red Eagle

Stlupi scrive.......Una domanda rivolta a chi ha posseduto le Minima Amator, mediamente a che distanza le tenevate dalla parete di fondo, pensate che sia proprio improponibile 15 cm? grazie. ..........

Le posseggo tutt'ora le MA sistemate ora con troppa aria rispetto al pannello posteriore.

In passato ero costretto a tenerle a circa 20 cm dalla parete di fondo e suonavano egregiamente ma erano carenti di presenza di ambiente (spero di essermi spiegato bene).

Però se volevo un ascolto migliore, allora le allontanavo di circa 1 metro dalla parete di fondo ed allora ascoltavo per intero oltre alla musica anche l'ambiente in cui la stessa era riprodotta.

 

Ciao

Michele

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alberto75
Stlupi scrive.......Una domanda rivolta a chi ha posseduto le Minima Amator, mediamente a che distanza le tenevate dalla parete di fondo, pensate che sia proprio improponibile 15 cm? grazie. ..........

Le posseggo tutt'ora le MA sistemate ora con troppa aria rispetto al pannello posteriore.

In passato ero costretto a tenerle a circa 20 cm dalla parete di fondo e suonavano egregiamente ma erano carenti di presenza di ambiente (spero di essermi spiegato bene).

Però se volevo un ascolto migliore, allora le allontanavo di circa 1 metro dalla parete di fondo ed allora ascoltavo per intero oltre alla musica anche l'ambiente in cui la stessa era riprodotta.

 

Ciao

Michele

 

 

 

dunque il le possiedo tutt'ora e le alterno con le mie ESS, quando abitavo nel precedente appartamento ero costretto a tenerle a 20/25 cm dalla parete di fondo e sentivo un pò di rimbombo se alzavo il volume, ora che le tengo a 60/70 cm dalla parete vanno sicuramente meglio.

Quindi se ascolti a volumi notturni secondo me non dovresti avere problemi, ma alzando non le sfrutterai al massimo dellle loro possibilità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.520
    Discussioni Totali
    5.883.013
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×