Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
ernesto14

Lecson ap1 finale

Messaggi raccomandati

ernesto14

Dunque, ho questo ampli finale LECSON AP1 da da 30w x2, diciamo da collezione, che era la casa dalle cui ceneri è nata la Meridian. Ha forma cilindrica, disegno di Bothroid, su progetto verosimilmente di Stuart. L'ho comprato usato e solo in un secondo tempo ho capito che il connettore del segnale è un "DIN" a 7 pin, con cui al tempo si collegava al suo pre dedicato.

Ora, il connettore del segnale e' in cattive condizioni e va sostituito. Io non ho, ne mi viene alcuna idea di cercare, il pre dedicato, ma desidererei utilizzare questo finale nel mio impianto, per pilotare almeno le cuffie Stax, qualora i 30 w non dovessero essere sufficienti per le casse acustiche, verosimilmente collegandolo ad un pre Meridian 101, con entrata Din 5 pin, ma valutando anche la possibilità, se se lo merita, di collegarlo al pre Classic Audio "Armonia", a valvole, con uscita Rca. Nel l'uno e nell'altro caso sarebbe mia intenzione di farmi un cavo DIY, o di utilizzare cavi dIn/RCA già in mio possesso.

Il problema e che non capisco a che cosa servisse quell'entrata di segnale a 7 pin, e prima di procedere vorrei capire il contesto nel quale mi sto muovendo, contesto, credo, oggi dimenticato anche dagli stessi summenzionati progettisti, i quali, nonostante l'età anagrafica, sembrano cavalcare a grandi passi l'onda digitale, ahimè dimenticando, (ma lo fanno un po' tutti), i prodotti passati, figurarsi quelli di una ditta fallita.

Eppure il finalino in questione e esteticamente bello, nonché, secondo i recensori dell'epoca, fra i quali un giovane Paolo Nuti, bensuonante, sulla scia dei radford e quad della sua epoca. Grazie a chi, conoscendo l'argomento, potrà darmi qualche gradita indicazione. Se mi dite come si fa posso postare qualche foto di supporto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alberto1954

Il finalino si permette di suonare anche bene..

 ma il problema piu grande che hai è ...lo spazio per il connettore di collegamento al pre che non c'è.

 L'unica maniera è trovare un din a pipa .. che non è facile. A meno di usare il finale sdraiato.. ma cosi raffredda poco..e potrebbero essere dolori..

L'unica è cercare un pipe din 7 pins ...come l'originale...

 Se lo trovi occorre anche a me...

Se non ce l'hai  mandami una tua mail che ti mando lo schema .

A.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ernesto14

Ciao Alberto,  penso che userò il finale "sdraiato", (quando sarà anche funzionante),  adagiato su due piedistalli che, alzandolo, gli lasciano intorno tutta l'aria.  

Il cavo din a 7 pin  per parte lo trovi su ebay, a circa 60-70 euro, ed una delle due terminazioni è infatti a pipa, ne arguisco quella per il finale, che andrebbe sotto.  La mia domanda rimane aperta :  a che cosa servivano 7 pin ? 
E. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

il mostro di lochness non è l'unico mistero della terra di albione (cit) :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pimpinotto

I Lecson non sono misteriosi perchè in rete si trova molta documentazione tecnica in merito. Inoltre, se non erro, quando vennero provati su Suono, vennero abbastanza bene "sviscerati" (forse vennero pubblicati anche gli schemi elettrici).

Come si può vedere dal manuale di istruzioni e dagli schemi elettrici, il motivo dell'uso di connettori a 7 pin sul finale e 8 pin sul pre è dato dal fatto che, su quei connettori, oltre ai normali segnali "pre out", dal pre verso il finale, circolano altri segnali:

a) il comando di "mute", dal pre verso il finale
b) il segnale amplificato, dal finale verso il pre, per pilotare l'uscita cuffia, presente sul preamplificatore 

Il connettore DIN 7 poli a pipa si trova su RS components in pronta consegna a circa 3 e 6 Euro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alberto1954

Probabilmente anche sdraiato funzionerà bene.. ma in piedi è piu bello e raffredda sicuramente meglio per l'effetto camino dato dalle piccole alette che lo rivestono.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

E farsi costruire, o anche costruirsi in casa, una specie di supporto in legno, vuoto al centro, una specie di giambella che lo alzi di quel tot sufficente ad ospitare lo spinotto verticale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

Anche perchè dubito sulle funzioni dissipatrici di quelle alette longitudinali che mi sembrano più di funzione estetica che altro!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alberto1954

In piedi è piu bello .

 

 

 

 

 

 

 

 

lecson.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bambulotto

Praticamente un portaombrelli.... :|

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
madlifox

... o un Mac Pro della Apple, che in negozio avevo scambiato per un cestino portarifiuti da scivania!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

 

Praticamente un portaombrelli.... :|
Un portaspiedini, viste le dimensioni!   :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bambulotto

Eh...ma ha cambiato la foto. ... L-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ernesto14

Io lo trovo super bello. Della serie : "oggi non si fanno più cose così .""

Grazie delle cortesi informazioni, soprattutto riguardo al cavo a 7 pin. appena avrò un po' di tempo da dedicargli vedrò di procedere al restauro, dal mio elettronico di fiducia.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ottimo finale. Ho posseduto i finali lecson da 100 w canale all'epoca mi pilotavano le Ditton 66 ed era un piacere l'ascolto. Sono un estimatore del marchio Meridian prima Lecson, tant'è che ho ancora le M2 attive ( le M100 le ho dovute vendere causa intolleranza estetica da parte della consorte) i pre e finali della serie 100, pre e CD a 3 telai serie 200 e pre 501.

Per quanto riguarda il pin a 7 poli nel finale Lecson si può sostituire con un classico e trovabile 5 poli, io lo avevo fatto, in quanto due poli erano liberi, 3 per il segnale e due per l'accensione dei o del finale al suo pre dedicato, tant'è che tale sistema di accensione tramite il din lo si poteva fare con la serie 100 e 200.

Aggiungo che tale design venne riproposto da Musical Fidelity.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ernesto14

Interessante, mooolto interessante. Quando dicono che qualunque cosa fai o pensi di fare in hi-fi, in giappone qualcuno l'ha già fatto, e vero.

È' successo così. Ho trovato due finali mono meridian 105 usati, 100w x2, e ho provato a prenderli per vedere che spinta poteva dare uno stato solido potente. Sono andati bene, e al momento sono i miei finali.

Il lecson ap1 e stato un po' uno sfizio, ma non ne sono pentito, soprattutto se riesco a metterlo in marcia nel mio impianto cuffie (old stax), dove al momento lavora bene un meridian 103.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Concordo sulla bontà dei finali mono Meridian 105 che stazionano da me dal lontano 1985 tutt'ora funzionanti che pilotano delle Tdl studio 3. I finali per sfizio sono stati "rinfrescati" ultimamente dal buon e bravo Gabriele ( Sebalele che ringrazio pubblicamente per la pazienza) ai 105 ho rimosso i vecchi RCA ed ho inserito al cavo di alimentazione una vaschetta IEC volante, avranno perso di originalità, pazienza, non ho intenzione di venderli, secondo i miei gusti sono degli ottimi finali li trovo migliori in termini di resa ai quad 405/2 e 606 che ogni tanto alterno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ernesto14

Sono molto contento di trovare questa concordanza sui prodotti meridian d'antan, ed inoltre su un approccio sia rispettoso sia libero di apportare qualche aggiornamento non invasivo e snaturante, quanto finalizzato a rendere piu semplice un utilizzo attuale. Grazie anche per il tip dell'accensione del finale tramite il pre 101, che vedo molto positivamente e non conoscevo. Peccato che come pre utilizzo molto il cllassicaudio "aurora", con le uscite rca, che supera il meridian 101 in molti aspetti, fra cui la trasparenza, ma ogni tanto si può richiamare senz'altro il 101.

In merito invece al lecson da 100w, (dovrebbe essere l'ap3), come credi si ponga come suono rispetto al meridian 105?

Probabilmente potrebbe avere qualche tendenza al surriscaldamento, visto l'involucro uguale all'ap1 da 30w.

A me in pratica i finali meridian mi hanno fatto ricredere sul suono dei stato solido, che mi ero rassegnato, ai miei livelli di costo, di trovare per forza metallico e arido rispetto ai valvolari. A parte l'estremo alto all'inglese credo che per il resto al 105 non manchi niente per un risultato musicale e super appagante. Se il lecson e parente stretto mi affretto a fare (fare) gli interventi di cui ha bisogno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Per quanto riguarda il Lecson ( AP3) non saprei dire come si pone ai 105 Meridian, troppo tempo è passato ed il Set up era totalmente diverso, ovvero: Dunlop RD 40, Denon DP 1200 e Ditton 66 un Pre Marantz ( non ricordo il modello) ti garantisco era un gran sentire in un locale di circa 40 mq, riflettente con marmo come pavimento Non avevo i Meridian.

Poi passai a diffusori attivi M2 e 101 con selettore a Relè per collegare altri apparecchi autocostruito e tutt'altro set up.

I 105 comunque senza problemi mi hanno pilotato diversi diffusori es: Chario Hiper 4 da 4 ohm, Tdl Studio 1M è Attualmente le Studio 3 anche qui con un set up differente al precedente. Per ciò mi diventa difficile fare confronti, comunque anche le Ditton 66 non erano un carico facile e il Lecson le pilotava Bene, ricordo che scaldava parecchio così come anche i miei 105 del resto è tutto l'involucro che fa da radiatore maggiore il Lecson , sempre tenuto in orizzontale sollevati con dei supporti che avevo costruito appositamente in Alluminio.

Nota: i 105 sono da 100w 8 ohm con raddoppio di potenza a 4ohm e sono mono. Non ricordo le caratteristiche del Lecson a moduli di impedenza bassi se raddoppiavano, mi pare di no però potrei sbagliare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sebalele

I meridian 105 di Antonio , nonostante abbiano il dissipatore posizionato nella parte inferiore , dopo anni di attività non hanno risentito del calore che saliva verso le schede . La corrente di riposo è bassa , utilizza finali in parallelo con mj13005/4 che sono dei muli capaci di correnti importanti . Ho provato a "tirarli" senza problemi e nonostante abbia alimentatori separati , i 2 ampli+alimentatore occupano lo spazio di un integrato dalle dimensioni modeste .

Se comunque la temperatura dovesse eccedere i 75 gradi sul radiatore ė presente un ptc che smorza il tutto .

È un bel progetto, robusto ed affidabile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Grazie ancora Gabriele. Ricorda che tra un po' mi dovrai rivedere i finali delle M2 che sono simili ai 105 con il modulo estraibile di cross over elettronico incorporato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.665
    Discussioni Totali
    5.874.177
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×