Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
Roberto M

Ennesimo incidente con i ciclisti

Messaggi raccomandati

Roberto M

Ancora un incidente gravissimo, per fortuna non mortale.

Ancora una volta un "gruppo" di sei o sette ciclisti.

Mi chiedo ancora come sia possibile permettere ai ciclisti l'utilizzo delle strade nazionali dove circolano le automobili a volocita' sostenuta.

Per me l'uso delle biciclette dovrebbe essere consentito solo nelle piste ciclabili ovvero nelle strade di campagna dove il limite della velocita' consentita non supera i 30, al massimo 50km.

Consentirlo su strade dove si puo' circolare a 70 km/m o addirittura a 90 e' assurdo.

Se giustamente e' vietato l'utilizzo di questi mezzi pericolosissimi sulle autostrade non capisco perche' non dovrebbe essere vietato sulle strade nazionali forse pure piu' pericolose (per l'assenza di corsie di emergenza e vie di fuga.

 

Un'altra cosa che non capisco e' perche non siano comminate multe di centinaia di euro a quei ciclisti maleducati e incoscienti che, credendosi pantani al tour de france, viaggiano "in gruppo" affiancati in due o addirittura in quattro (visti personalmente) con l'occupazione, a 10 km (che sono tutti ultracinquantenni pellancicosi) dell'intera carreggiata.

Dovrebbe essere consentita solo la circolazione in fila indiana.

 

http://www.corriere.it/cronache/17_settembre_10/civitanova-marche-pirata-strada-falcia-ciclisti-grave-3b4402d0-9610-11e7-af33-2f7ee0ee6224.shtml

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
piergiorgio

eh già, allora anche i pedoni solo dove ci sono i marciapiedi.

sarà stato il solito bulletto col suv...

mavalà, va...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

=D> =D> =D>

...grande @piergiorgio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
flydanny

Molti ciclisti sono degli autentici Kamikaze. ...e non vado oltre.

In questi giorni faccio spesso "la regina" strada lungo il lago di Como, dove passandoci, vedi quel che mangia la signora Rosa dalla finestra e quel che fa il marito in bagno.....

È un inferno e, quando si incontrano due auto, spesso una delle due deve fare retromarcia.

È una strada panoramica di una cinquantina di chilometri, ebbene le bici vanno tranquillamente avanti e indietro anche in gruppo, con una superbia ed una presunzione inqualificabili.

 

 

Sayonara

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
flydanny

......Se vanno sulla "Regina" mi domando perché non aprire anche le autostrade.....

 

 

Sayonara

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
eh già, allora anche i pedoni solo dove ci sono i marciapiedi.
sarà stato il solito bulletto col suv...

mavalà, va...

No, una normalissima WW Passat nera, con targa straniera.I pedoni stanno bordo strada, prega iddio di non trovarti quattro emuli di Pantani a 10 all'ora affiancati dietro una curva.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
......Se vanno sulla "Regina" mi domando perché non aprire anche le autostrade.....

 

 

Sayonara

 


 

Esatto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rebeccariccobon

Concordo @flydanny, inqualificabili, ma l atteggiamento a riguardo di quello sopra che ha aperto il thread - e già me lo immagino in che condizioni possa essere, visto che schiatta d invidia per quelli in "tutina"...- è pure peggio, molto peggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

Io non ce l'ho con i ciclisti, quelli che ho scritto e' per la loro sicurezza.

Perche chi ha la sfortuna di investirli magari rischia la galera ma loro rischiano la vita.

Nei oaesi civili (olanda, austria, germania) circolano unicamente nelle piste ciclabili.

Bisogna costruire tante piste ciclabili e farli circolare solo li.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
Concordo @flydanny, inqualificabili, ma l atteggiamento a riguardo di quello sopra che ha aperto il thread - e già me lo immagino in che condizioni possa essere, visto che schiatta d invidia per quelli in "tutina"...- è pure peggio, molto peggio.

 


 

Figurati se ho invidia per quei pellancicosi ridicoli.

Quanto a forma fisica men che meno , credo che 4 ore di trekking con 700 metri di dislivello nella giungla di sumatra a 30 gradi con il 100% di umidita' non li avrebbe retti nessun emulo di pantani.

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

purtroppo anch'io ho avuto a che fare con ciclisti spericolati, maleducati ed arroganti. mi spiace dire così ma è la pura verità. Io quando andavo in bicicletta stavo sempre sul bordo strada stando ben attento a quello che facevo io ed a quello che facevano gli automobilisti, con prudenza e procedendo in linea dritta senza zigzagare. se andavo con amici andavamo tutti in fila indiana sempre sul bordo strada. andavamo anche nella corsia opposta, su certe strade, la prudenza non è mai troppa, almeno potevi vedere e schivare il pericolo.

Ora ogni volta che ne incontro uno rischio di investirlo, a parte il fatto che stanno in mezzo alla strada fregandosene allegramente di chi sta arrivando da dietro, se sono in due o più è finita.. occupano tutta la corsia e tanto strombazzare o urlare non serve a niente che non si muovono di un millimetro, mi tocca invadere l'altra corsia per sorpassarli. se ti ignorano sono dei signori, ma in genere mi mandano allegramente a fare in culo anche se loro sono in torto marcio. non so se lo fanno per dispetto o perché effettivamente hanno delle cose importantissime da dirsi fra di loro.. mah! ciliegina sulla torta quando ondeggiano paurosamente e vanno a zig zag in maniera assurda... allora lì non sai che pesci pigliare e preghi solo di non urtarli o toccarli che se li fai cadere rischi di essere etichettato a vita come un pirata della strada e rischi un bel processo.. doppio MAH!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp

Strade libere a pedoni, biciclette e carrozzelle.

Automobili solo in pista.

Problema risolto. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

da amante della bicicletta devo purtroppo dire che parecchi ciclisti sono indisciplinati e viaggiano volutamente in doppia fila, fregandosene delle norme.

ne vedo tantissimi sulle strade trafficate della val di fiemme dove esiste la ciclabile che però non utilizzano, parlo di quei ciclisti che pensano di stare al giro d' italia.

è un atteggiamento idiota in quanto a rimetterci fisicamente sono loro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
flydanny

Vivo e abito in una città che si è "inchinata" ai ciclisti.

Sono più le piste ciclabili che le strade , centri storici chiusi, circolazione riservata alle bici....niente te li trovi sotto le ruote con la ciclabile inutilizzata a 2 metri, che ti sfrecciano sulle strisce, che passano con il rosso....

 

 

Sayonara

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

E poi mi chiedo, che senso ha all'eta' della pensione vestirsi come Pantani ?

All'estero non ho mai visto fenomeni del genere, i cicloamatori da noi sembrano esaltati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
da amante della bicicletta devo purtroppo dire che parecchi ciclisti sono indisciplinati e viaggiano volitamente in doppia fila.

ne vedo tantissimi sulle strade trafficate idella val di fiemme dove esiste la ciclabile che però non utilizzano, parlo di quei ciclisti che pensano di stare al giro d' italia.

è un atteggiamento idiota in quanto a rimetterci fisicamente sono loro.

 


 

Ecco, hai colto in pieno il problema.

Viaggiare in dopoia fila (se non in tripla) e non utilizzare le piste ciclabili.

Che senso ha ?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
albyjarrett

Prova ad andare tu sulle ciclabili italiane,costruite nel 90% dei casi a fianco di centinaia di passi carrabili e interrotte ogni 100 mt. da incroci e strisce su strada.Piene di sporcizia e vegetazione incolta.Quando non utilizzate come parcheggio dalle auto.Hai un'idea della pericolosita'? Le piste ciclabili in Italia,smplicemente van bene per i pedoni...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp
Concordo @flydanny, inqualificabili, ma l atteggiamento a riguardo di quello sopra che ha aperto il thread - e già me lo immagino in che condizioni possa essere, visto che schiatta d invidia per quelli in "tutina"...- è pure peggio, molto peggio.

 


 

Figurati se ho invidia per quei pellancicosi ridicoli.

Quanto a forma fisica men che meno , credo che 4 ore di trekking con 700 metri di dislivello nella giungla di sumatra a 30 gradi con il 100% di umidita' non li avrebbe retti nessun emulo di pantani.

:)

 

 

Vatti a fare il Pordoi, il Mortirolo o l'Angliru... vai vai.... nemmeno con la macchina ci riusciresti :-D

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

molti si dopano pure

non vogliono essere da meno dell' amico..

 

le ciclabili di cui parlo io sono stupende, non sono quelle cittadine.

nonostante ciò preferiscono rischiare la vita e respirare i gas di scarico di camion e auto.

fessi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
flydanny
Prova ad andare tu sulle ciclabili italiane,costruite nel 90% dei casi a fianco di centinaia di passi carrabili e interrotte ogni 100 mt. da incroci e strisce su strada.Piene di sporcizia e vegetazione incolta.Quando non utilizzate come parcheggio dalle auto.Hai un'idea della pericolosita'? Le piste ciclabili in Italia,smplicemente van bene per i pedoni...

 

Invece le strade statali strette e con i camion vanno bene per i ciclisti?

No....tanto per capire.

La verità è che in gruppo si vuole spadroneggiare rispettando tempi e distanze per poi poter discutere al bar....

Mi sembrano tanti giri d'Italia orfani delle ammiraglie, manca solo di prendersi qualche borraccia lanciata dopo aver bevuto....

 

 

Sayonara

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rebeccariccobon
Io non ce l'ho con i ciclisti, quelli che ho scritto e' per la loro sicurezza.

Perche chi ha la sfortuna di investirli magari rischia la galera ma loro rischiano la vita.

Nei oaesi civili (olanda, austria, germania) circolano unicamente nelle piste ciclabili.

Bisogna costruire tante piste ciclabili e farli circolare solo li.

 

Ma informati bene prima di sparare le tue invenzioni a spruzzo col ventilatore...nulla ne sai delle normative di quei paesi in merito. Tu sei una totale perdita di tempo, per me ovvio e scontato(!), e temo anche praticamente per tutti gli altri frequentatori del forum qua.

 

ps: ...perdita di tempo riguardo all argomento specifico del thread, non di tutto lo scibile umano, lo sottolineo a scanso di penosi e ridicoli equivoci, visto anche che ti vedo fortemente incline alla comicità involontaria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp

Max, non viviamo tutti in Trentino.

Le ciclabili di Roma e dintorni sono come andare sul Raccordo di notte contromano...

Intruppi sicuro.

Sulle strade normali almeno qualche mezza possibilità di non fare incidenti ce l'hai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge
Ancora un incidente gravissimo, per fortuna non mortale.

Ancora una volta un "gruppo" di sei o sette ciclisti.

Mi chiedo ancora come sia possibile permettere ai ciclisti l'utilizzo delle strade nazionali dove circolano le automobili a volocita' sostenuta.

Per me l'uso delle biciclette dovrebbe essere consentito solo nelle piste ciclabili ovvero nelle strade di campagna dove il limite della velocita' consentita non supera i 30, al massimo 50km.

Consentirlo su strade dove si puo' circolare a 70 km/m o addirittura a 90 e' assurdo.

Se giustamente e' vietato l'utilizzo di questi mezzi pericolosissimi sulle autostrade non capisco perche' non dovrebbe essere vietato sulle strade nazionali forse pure piu' pericolose (per l'assenza di corsie di emergenza e vie di fuga.

 

Un'altra cosa che non capisco e' perche non siano comminate multe di centinaia di euro a quei ciclisti maleducati e incoscienti che, credendosi pantani al tour de france, viaggiano "in gruppo" affiancati in due o addirittura in quattro (visti personalmente) con l'occupazione, a 10 km (che sono tutti ultracinquantenni pellancicosi) dell'intera carreggiata.

Dovrebbe essere consentita solo la circolazione in fila indiana.

 

http://www.corriere.it/cronache/17_settembre_10/civitanova-marche-pirata-strada-falcia-ciclisti-grave-3b4402d0-9610-11e7-af33-2f7ee0ee6224.shtml

 

10 km.... ma manco mio padre che ne ha ottanta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
Concordo @flydanny, inqualificabili, ma l atteggiamento a riguardo di quello sopra che ha aperto il thread - e già me lo immagino in che condizioni possa essere, visto che schiatta d invidia per quelli in "tutina"...- è pure peggio, molto peggio.

 


 

Figurati se ho invidia per quei pellancicosi ridicoli.

Quanto a forma fisica men che meno , credo che 4 ore di trekking con 700 metri di dislivello nella giungla di sumatra a 30 gradi con il 100% di umidita' non li avrebbe retti nessun emulo di pantani.

:)

 

 

Vatti a fare il Pordoi, il Mortirolo o l'Angliru... vai vai.... nemmeno con la macchina ci riusciresti :-D

 


 

Ma vai tranquillo che quelli non li fanno neanche i pensionati in tutina e neanche con l'aiutino del motorino elettrico che molti montano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rebeccariccobon
E poi mi chiedo, che senso ha all'eta' della pensione vestirsi come Pantani ?

All'estero non ho mai visto fenomeni del genere, i cicloamatori da noi sembrano esaltati.

 

Forse perché è il materiale più performante ed adatto alla pratica della disciplina stessa?

Altra domando se posso: sei un cabarettista professionista?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

Le piste ciclabili dovrebbero avere la stessa manutanzione di quelle normali, ovvio.

Il fatto che non ci sia questa manutenzione e' una forma di incivilta', come l'assenza delle piste ciclabili stesse.

Andare in bicicletta e' bello e dovrebbe essere incentivato, ma in condizioni di sicurezza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp
Concordo @flydanny, inqualificabili, ma l atteggiamento a riguardo di quello sopra che ha aperto il thread - e già me lo immagino in che condizioni possa essere, visto che schiatta d invidia per quelli in "tutina"...- è pure peggio, molto peggio.

 


 

Figurati se ho invidia per quei pellancicosi ridicoli.

Quanto a forma fisica men che meno , credo che 4 ore di trekking con 700 metri di dislivello nella giungla di sumatra a 30 gradi con il 100% di umidita' non li avrebbe retti nessun emulo di pantani.

:)

 

 

Vatti a fare il Pordoi, il Mortirolo o l'Angliru... vai vai.... nemmeno con la macchina ci riusciresti :-D

 


 

Ma vai tranquillo che quelli non li fanno neanche i pensionati in tutina e neanche con l'aiutino del motorino elettrico che molti montano.

 

Seeee

Vatti a vedere i panciuti che fanno lo Stelvio a 60 anni suonati con polpacci che manco Indurain ai tempi belli

:D

E non hanno il problema che je se ingolfa il Suv... :-D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supertramp

Andare in bicicletta e' bello e dovrebbe essere incentivato, ma in condizioni di sicurezza.

 

Appunto.

Automobili solo in pista!

:-\"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

L amatore stradista italiano - e purtroppo anche qualche ex agonista sfigato - è il più indisciplinato d Europa, tutto vero, ma la stessa cosa vale anche per l automobilista medio italiano ad esempio, e questa ormai è un ovvietà e una scontatezza, e non dovrebbe esserlo. Il punto è tutto qua, e come sempre è culturale, educazione civica insomma.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Concordo @flydanny, inqualificabili, ma l atteggiamento a riguardo di quello sopra che ha aperto il thread - e già me lo immagino in che condizioni possa essere, visto che schiatta d invidia per quelli in "tutina"...- è pure peggio, molto peggio.

 


 

Figurati se ho invidia per quei pellancicosi ridicoli.

Quanto a forma fisica men che meno , credo che 4 ore di trekking con 700 metri di dislivello nella giungla di sumatra a 30 gradi con il 100% di umidita' non li avrebbe retti nessun emulo di pantani.

:)

 

 

Vatti a fare il Pordoi, il Mortirolo o l'Angliru... vai vai.... nemmeno con la macchina ci riusciresti :-D

 


 

Ma vai tranquillo che quelli non li fanno neanche i pensionati in tutina e neanche con l'aiutino del motorino elettrico che molti montano.

 

Seeee

Vatti a vedere i panciuti che fanno lo Stelvio a 60 anni suonati con polpacci che manco Indurain ai tempi belli

:D

E non hanno il problema che je se ingolfa il Suv... :-D

 

@Supertramp mi fai morire... :))

:-c

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.665
    Discussioni Totali
    5.874.177
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×