Vai al contenuto

Ospite stlupi

Consigli per acquisto diffusori monitor pro in ambito hifi

Messaggi raccomandati

Ospite

Desideravo sapere se qualcuno ha o ha avuto uno dei seguenti monitor Pro per utilizzo in ascolto hifi quindi non in studio di registrazione

 

Adam A5X / Artist 5

Dynaudio Bm5 mk3 / Lyd 5

Fluid Audio Fpx7

Genlec G Three

Neumann kh120

 

In particolare mi interessava avere dettagli sulle loro caratteristiche timbriche e sapere le dimensioni dell'ambiente in cui le utilizzavate, a che distanza dalle pareti e a quale catena erano collegati, grazie.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

azz quante cose vuoi sapere! :D

prima dovresti dire tu in quale ambiente vuoi collocare i monitors e a che distanza li vuoi ascoltare, perché i nearfield come le bm5a mkiii, Lyd 5, Neumann kh120, adam a5x (gli altri non li conosco) vanno ascoltati a max 2 m di distanza, ottimale 1,5m.

 

tra questi e considerando un ambiente piccolo la mia personale scelta va alle neumann kh120, perché sono incredibilmente neutre e dettagliate, voci perfette.

più generose in basso le bm5a mkiii, a scapito dell' articolazione, e la parte vocale è un po' in secondo piano.

le a5x hanno un suono meno lineare, caratterizzato dal tw molto veloce e in primo piano.

 

a casa ho le dynaudio bm5 mkiii che saranno spostate in un altro locale, per il pc, perché le sostituisco con le neumann kh 310.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Grazie per le info.

Stanza 2.90 x 3.90 , distanza ca. 1.70 tra i diffusori, su piedistallo da 70 cm a ca. 15 cm dalla parete di fondo.

Punto di ascolto a 2 mt.

Mi confermi insomma che le Neumann sono le migliori.

Ci ascoltarei prevalentemente musica jazz è un po' di classica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

se accetti la risposta in basso limitata ( i wf sono da 12 cm) sono le migliori fra quelle che conosco del tuo elenco, perché riproducono con raffinatezza e linearità, sono vere professionali di qualità.

costano anche più di quelle che ho citato.

col tempo si può abbinare un sub attivo, se serve...

 

in rete trovi tante recensioni.

 

p.s.: da vedere anche qualche modello Focal

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Le Neumann in effetti costano quasi il doppio rispetto alle altre ca. 1.300 euro, nel caso sarebbero anche da cercare usate ma ho visto che non è facile trovarle, le Dynaudioo bm5 mk3 essendo uscita la nuova serie Lyd si trovano nuove a poco meno di €800, delle Focal sembrerebbero interessanti le Shape 50 o le 65.

Poi naturalmente andrò a fare qualche ascolto, al momento era per avere una prima idea.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
magoturi

-A me piacciono le Dynaudio Bm5 mk3 oppure le (non citate) Adam A7X poiche' effettivamente le 5X tendono a far prevalere la gamma alta,  le Neumann kh120 le trovo molto qualitative quindi adatte ad una sala d'incisione ma preferisco le altre due che ho citato perche' le trovo piu' emozionanti all'ascolto,  non conosco le Fluid, le Genelec si ma non quel modello, diciamo che di Genelec ho ascoltato finora soltanto modelli piu' "imponenti"....

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista
azz quante cose vuoi sapere! :Dprima dovresti dire tu in quale ambiente vuoi collocare i monitors e a che distanza li vuoi ascoltare, perché i nearfield come le bm5a mkiii, Lyd 5, Neumann kh120, adam a5x (gli altri non li conosco) vanno ascoltati a max 2 m di distanza, ottimale 1,5m.tra questi e considerando un ambiente piccolo la mia personale scelta va alle neumann kh120, perché sono incredibilmente neutre e dettagliate, voci perfette.più generose in basso le bm5a mkiii, a scapito dell' articolazione, e la parte vocale è un po' in secondo piano.le a5x hanno un suono meno lineare, caratterizzato dal tw molto veloce e in primo piano.a casa ho le dynaudio bm5 mkiii che saranno spostate in un altro locale, per il pc, perché le sostituisco con le neumann kh 310.
Azz..le hai ascoltate tutte... :D

Con l'amico Stefano parliamo da giorni di monitor attivi..le Neumann sembrano quelle più corrette; l'idea di inserire un sub in seconda battuta potrebbe eliminare il problemi degli ingombri e rendere meno problematica la gestione delle basse frequenze...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax
Azz..le hai ascoltate tutte... :D

Con l'amico Stefano parliamo da giorni di monitor attivi..le Neumann sembrano quelle più corrette; l'idea di inserire un sub in seconda battuta potrebbe eliminare il problemi degli ingombri e rendere meno problematica la gestione delle basse frequenze...
ne ho ascoltate poche.. altro che tante..per quanto riguarda il sub, nella mia stanza, non ho avuto buoni risultati tutte le volte che ne ho inserito uno, preferisco meno escursione in basso ma più pulizia ed articolazione, non sono un amante del basso da inferi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Beh si, questa è  la regoletta "aurea" per un ascolto di qualità; diciamo però che se si cerca una estensione in bassa-bassissima (diciamo dai 45 hz in giù), la soluzione più versatile  - secondo e - sarebbe mettere un piccolo sub; se si volesse lasciare il compito a diffusori tradizionali, magari pure passivi, ci vorrebbero parallelepipedi grossi una quaresima, che in piccoli ambienti darebbero più problemi che benefici...

Ho cambiato parecchi diffusori in questi mesi (alcuni ahimè acquistati e rivenduti); adesso ho in prova un sistemino Dynaudio Focus 110a + sub Dynaudio 250, e devo dire che è davvero notevole...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

ottimo trio ;)

al sistema passivo ritornerei solo per l' alta efficienza (sopra i 95db) e con una amplificazione valvolare, ma dovrei cambiare (allargare) anche la stanza di ascolto..

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Stavo dando un'occhiata al catalogo pro della Dynaudio ho visto che ci sono ancora a listino oltre alle bm6 mk3 anche le bm6a prima serie che tra l'altro sono più costose, le prime con finali a mosfet le seconde in classe D, mi chiedevo se qualcuno avesse avuto modo di ascoltarle a confronto e se effettivamente la prima serie qualitativamente è superiore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

sì, conosco le bm6a prima serie e quelle mkiii.

la prima serie è migliore sotto ogni aspetto proprio per il fatto che le amplificazioni sono in classe ab e non d come le ultime.

la vecchia serie aveva qualche problema con i rele' (non sto qui a dilungarmi) e non so se quella commercializzata oggi (come Classic) ne sia immune.

il prezzo è elevato e la concorrenza non sta a guardare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Grazie per le info.

Appena vendo l'ampli e le casse che ho andrò ad ascoltarle.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

ah, dimenticavo, anche neumann, atc, quested hanno amplificazioni analogiche in classe ab, a differenza delle genelec o delle dynaudio bm mkii-iii e Lyd.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Si le avevo viste ma Atc e Quested sono un po' oltre il budget a meno di trovare qualche occasione nell' usato, al massimo sul nuovo potrei spingermi fino alle Neumann KH 120.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

l'opzione kh120 l' ho considerata subito anch'io perché i medi sono favolosi, purtroppo non ho particolare simpatia per i subwoofer e le piccole Neumann scendono poco in basso, da qui la scelta kh310.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GasVanTar
...da qui la scelta kh310.

Le controlli con un pre o altro...?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

indifferentemente, tramite un pre attivo se ascolto dal giradischi oppure un sacd.

tramite dac con potenziometro analogico se ascolto i cd dal lettore in coax al dac.

 

ho uno switch prof che mi commuta due ingressi xlr (1 o 2) su una uscita xlr collegata ai monitors

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

..allargando un po' il pensiero "hifi" non professionale e sempre un pochetto limitato, Vi invito caldamente ascoltare:

http://www.psiaudio.com/en/our-products/a17-m/

http://www.eventelectronics.com/2020BAS

http://www.me-geithain.de/index.php/en/studio/products/active-loudspeaker/rl921k

Per quanto riguarda la preamplificazione, posso dirVi che un monitor sui generiis, con un PRE hiend, (anche passivo, se...) letteralmente "vola", mentre è "strozzato" con i PRE digitali e virtuali dei DAC/Digital player/PC, con i mixer anche analogici dell'epoca d'oro (ho fatto test con Studer/Revox d'annata:) non arrivano mai a quello che un PRE "vero" può fare...

Meditate gente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax
..allargando un po' il pensiero -- "hifi" non professionale-- e sempre un pochetto limitato, Vi invito caldamente ascoltare:.eventelectronics 2020BASl

 

non metto in dubbio che vadano bene in ambito hifi, ma sono comunque denominate dalla stessa Event come nearfield monitor studio, idem la Psi audio come le neumann, dynaudio bm lyd ecc

di questa azienda ho ascoltato le Opal, davvero ottime.

le geithain sono eccellenti.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giordy60
..allargando un po' il pensiero "hifi" non professionale e sempre un pochetto limitato, Vi invito caldamente ascoltare:......

le a17M sono un po' piccole ( a meno che ci sia un ascolto ravvicinato ) 
le a21M sono meglio indicate per una distanza di ascolto .....hifi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

"Nearfield" significa "in campo stretto"  :-*

Leggendo le misure, ogni diffusore PRO (qua stavamo parlando di questi, no?) riporta esattamente le proprie caratteristiche.

Attenzione che 2,5 metri dal punto di ascolto è (in genere) la distanza che moltissimi audiofili hanno in casa a disposizione. Poi, c'è il "midfield" ma i costi salgono per questi oggetti, sebbene abbiamo sempre una coppia di "finali" inclusi, da non dimenticare.
Le 20/20 "sembrano piccole"; poi quando le piazzi... ti rendi conto che "robbetta" sono i minidiffusori hifi e, non faccio (grandi) nomi. Le Geithain? Roba per "smettere di giuocare" all'audiofilo ed ascoltare la Musica per tutta la vita ma, poi ?!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
captain picard

Ciao, ho avuto le Neumann Kh 120 monitor eccellenti e per certi versi incredibili. Attenzione però, vanno ben istallate e smorzate, pena un medio basso a volte predominante e questo nonostante le varie regolazioni presenti.

E poi, ma questo è un pò scontato hanno bisogno di qualità nel segnale.
Un'esempio, ascoltando files di alta qualità erano davvero ottime! Con radio web di qualità "normale" se c'erano dei difetti li sentivi tutti................................

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

un buon monitor non deve mascherare i difetti o rendere tutto godibile come accade con qualche modello di diffusore hifi, un buon studio monitor dev' essere il più possibile neutro, per cui ti fa sentire quello che riceve.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
captain picard

Esatto! Con alcune radio probabilmente vitaminizzate in bassa frequenza, spesso le code erano  ben udibili...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Che ne dite del vecchio modello Genelec 1030a .Qualcuno le conosce e le ha ascoltate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
redhot104

Aggiungo confusione ma anche le Yamaha hs (varie misure) su quel campo sono degne di nota. E le ns10, Perché non inserirle? A me son sempre piaciute, anche se le ascoltate solo in studio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
AlfonsoD
Che ne dite del vecchio modello Genelec 1030a .Qualcuno le conosce e le ha ascoltate?

 

Le ho io in casa.

Niente a che vedere con le cassettine da 4-500 euro che trovi in giro, qua siamo su un altro pianeta, sia per qualità di riproduzione che per quantità; hanno un woofer da 16 cm, ma grazie all'elettronica, sembra un basso prodotto da diffusore ben più grande.
I controlli ti permettono di adattarlo all'ambiente ed al posizionamento, suonano bene anche con segnale sbilanciato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

http://atcloudspeakers.co.uk/

Solo i modelli a tre vie con il medio a cupola . Sono più grandi di un nearfield ed hanno un suono neutro e dettagliato, vengono usate per il mastering. David Gilmour ne ha un paio di medie dimensioni (100) nel suo studio sulla barca sul Tamigi.

 

Le migliori nearfied attuali sono le Barefoot. Le trovi in tutti gli studi del mondo. A me non piacciono, non necessitano di sub e costano molto.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
AlfonsoD

Beh, credo che il nostro amico abbia un budget da spendere un poco più ristretto, appena sopra parlava delle 1030a, che si trovano solo usate ed a un prezzo tra i 700 e 1000 euro la coppia (rapida ricerca su mercatinomusicale).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.520
    Discussioni Totali
    5.883.013
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×