Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
°Guru°

Scioperi all'ilva

Messaggi raccomandati

gianp

Una preview di quel che succederà a breve anche con Alitalia.

Un memento (per non usare sempre anglicismi...) per coloro che pensano che per risolvere le crisi (aziendali e non) basti la buona volontà in attesa del buon samaritano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

Più che altro una preview di quello che succederà con l'Italia. Purtroppo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
°Guru°

Beh, in questo momento non è che le cose in Italia vadano poi così male, anzi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

vanno malissimo per chi vuole che l' italia affoghi, vanno abbastanza bene per chi legge i dati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
°Guru°

Io non ho mai letto un dato, ma vedo assunzioni e sento imprenditori contenti dell'andamento attuale. Chiaramente mi riferisco al territorio che bazzico abitualmente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Una volta rilanciata la venderanno ai cinesi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SerG

Non discuto lo sciopero per difendere il posto di lavoro, mi chiedo però come si può sperare, con una situazione del genere, di attirare in Italia eventuali investitori stranieri. Come successo anche in altre occasioni poi, un modo per sistemare le cose, verrà trovato, andando però magari ad ingolfare qualche altra situazione.

SerG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin

È semplice: Basta assegnar loro un'appalto da 1 miliardo abbondante, e vedi come arrivano. Peccato che "le maestranze" se le portano dietro. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
blueray
Più che altro una preview di quello che succederà con l'Italia. Purtroppo.
quoto ahimè,  è dopo aver  tagliato i posti di lavoro si abbassano adesso si fa lo stesso con  stipendi e  tutele , le  poche rimaste, una  bella  prospettiva  per  chi lavora.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

ok...non so dove vediate questa ripresa o assunzioni...saranno precari per un mese ectt,,,,,,ma vi rendete conto quanti sono 4000 lavoratori?..e poi quelli rimanenti gli cambiano il contratto da indeterminato a jobsact....bisogna fare manifestazioni in tutte le piazze ..non solo a taranto o genova..qua bisogna abolire la jobsact e rimettere l'art 18,se avrà successo la sostituzione di contratto all'ilva succederà anche in altre aziende e sono ca... per tutti

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

a me fa un po' specie che ci sirenda conto che rimanere a spasso e' un problema solo quando si parla di aziende di una certa dimensione

i 1000 licenziati / giorno del recente passato sembrano non avere dignita'

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Le migliaia di attività con uno, due dipendenti cadauna che sono sparite fanno parte parte della statistica ma non suscitano pathos.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill
vanno malissimo per chi vuole che l' italia affoghi, vanno abbastanza bene per chi legge i dati.

 

Questione di vedute . C'è chi vede le cose in un modo e chi in un altro .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo
ok...non so dove vediate questa ripresa o assunzioni...saranno precari per un mese ectt,,,,,,ma vi rendete conto quanti sono 4000 lavoratori?..e poi quelli rimanenti gli cambiano il contratto da indeterminato a jobsact....bisogna fare manifestazioni in tutte le piazze ..non solo a taranto o genova..qua bisogna abolire la jobsact e rimettere l'art 18,se avrà successo la sostituzione di contratto all'ilva succederà anche in altre aziende e sono ca... per tutti

con le leggi non si creano posti di lavoro e non i salvano quelli esistenti. l'art.18 impedisce il licenziamento di un singolo lavoratore non impedisce il licenzimento dei dpendenti di una intera azienda che chiude. IL vero priblem cn l'ilva è ch ei tratta di 4000 addetti più l'indotto in un tessuto produttivo che non ha altri sbocchi Se ILVA o Alitalia finisoono i soldi, art 18 o non articolo 18 i dipendenti lo spipendio a fine mese non lo riceveranno. A volte tocca fare buon viso a cattivo gioco, altrimenti nessuno si prenderà l'ilva a tutti resteranno senza nulla
Certe ndustrie spono in crisi direi irrevrsibilew, occoeew prenderne atto, salvare il slcvvabile e cambiare rotta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fabiosound
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2017/10/09/ASSFc6sJ-sciopero_corteo_giornata.shtmlChe ne pensate? Da una parte capisco i lavoratori, ma dall'altra mi rendo conto che non è possibile acquistare un'azienda in difficoltà e pensare di rilanciarla senza tagliarne i costi ed investire sui prodotti...

 

Io lavoro in questa fabbrica e ti posso garantire che da quanto abbiamo appreso la cordata Mittal-Marcegaglia tutto ha intenzione di fare ma non di acquistare e rilanciare lo stabilimento , che cmq al momento è ancora di proprietà della famiglia Riva .

sono i soliti avvolti che arrivano e vogliono spolpare gli ultimi brandelli di carne rimasta vicino alle ossa per poi tagliare la corda e lasciare più problemi di prima .

noi dipendenti non ci stiamo e stamattina credo lo abbiamo fatto capire , e sulla base di ciò anche il ministro Calenda ha riferito a questa cordata che se le loro condizioni restano quelle possono tranquillamente farsi da parte .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
Le migliaia di attività con uno, due dipendenti cadauna che sono sparite fanno parte parte della statistica ma non suscitano pathos.

 

Ci sono anche grosse aziende che praticano da anni licenziamenti massivi senza godere dell'attenzione dei "media". 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fabiosound
Le migliaia di attività con uno, due dipendenti cadauna che sono sparite fanno parte parte della statistica ma non suscitano pathos.
Ci sono anche grosse aziende che praticano da anni licenziamenti massivi senza godere dell'attenzione dei "media". 

purtroppo è vero e la cosa mi dispiace parecchio , ma l' Ilva ha un peso economico ( e politico ) di ragguardevoli dimensioni per lo stato .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

l'Italia e' l'unica nazione che ha avuto due recessioni  (2009 e 2012)

la seconda autoinflitta per piaggeria nei confronti dei partner europei 
(con risultati deprimenti proprio sul rapporto debito PIL)

nel momento in cui l'economia riparte sarebbe lecito attendersi una crescita grintosa invece nel secondo trimestre 2017 la crescita media europea e' nettamente superiore al nostro 1,5%

non va bene piangersi addosso ma anche farsi anestetizzare da Padoan e' pericoloso

dato che Il rischio concreto che si possa entrare in una terza (probabilmente mortale) recessione e' elevatissimo 

sarebbe ora si cominciasse a passare dalll'italia dei ragionieri a quella dei ragionanti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

ma preoccupa anche per i rimanenti il cambio di contratto ..con tutto quello che ne consegue....sappiamo tutto di questi avvoltoi....tanto loro a fine mandato prenderanno una bellissima liquidazione

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2017/10/09/ASSFc6sJ-sciopero_corteo_giornata.shtmlChe ne pensate? Da una parte capisco i lavoratori, ma dall'altra mi rendo conto che non è possibile acquistare un'azienda in difficoltà e pensare di rilanciarla senza tagliarne i costi ed investire sui prodotti...
Il problema è che, ultimamente (si fa per dire...), a pagare il prezzo maggiore è quasi sempre il lavoratore, anche "grazie" alla diffusione di una certa ideologia liberista, di cui la UE e i governi di destra e di "sinistra" che si sono succeduti si sono fatti portatori, che tende ad assimilare il lavoro ad una merce o risorsa produttiva qualsiasi e che vuole flessibilizzare al massimo il mercato del lavoro, ritenendo che così si riduca la disoccupazione (almeno questo è l'obiettivo dichiarato). Ovviamente è sbagliato, perchè in una condizione di disoccupazione causata da carenza di domanda di beni e servizi non puoi fare altro che aggravare, nel medio e lungo periodo, la situazione con politiche del genere, che altro non fanno se non ridurre la capacità di spesa dei lavoratori (insomma, chi cavolo compra se la tendenza generale è un abbassamento dei salari?). Infatti, la disoccupazione cd. di "lungo periodo" in Europa, e particolarmente in Eurozona, tende a crescere.

 

Insomma, ho come l'impressione che di veri imprenditori ne siano rimasti ben pochi e di certo non lo sono i grandi, che cercano in tutti i modi di scaricare il rischio di impresa sui lavoratori. Ovvero, prendersi i benefici dell'attività di impresa, senza gli oneri.

 

Tra l'altro, mi risulta che la nuova proprietà avesse firmato un accordo a Luglio al Ministero che ora sta stracciando unilateralmente.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

 

noi dipendenti non ci stiamo e stamattina credo lo abbiamo fatto capire , e sulla base di ciò anche il ministro Calenda ha riferito a questa cordata che se le loro condizioni restano quelle possono tranquillamente farsi da parte .

Sono con voi, non mollate.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

le aziende se fanno utili campano se fanno buchi crepano

l'avere bloccato le produzioni per mesi ha avuto effetti devastatnti

la prima cosa da fare sarebbe rendersene conto e non giocare col fuoco

Ilva ha tante necessita' tranne avere ancora intoppi produttivi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fabiosound
ma preoccupa anche per i rimanenti il cambio di contratto ..con tutto quello che ne consegue....sappiamo tutto di questi avvoltoi....tanto loro a fine mandato prenderanno una bellissima liquidazione

poco ci manca che a questi avvoltoi 'prenditori' gli dobbiamo dare pure i soldi da sopra e lavorare gratis :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
°Guru°
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2017/10/09/ASSFc6sJ-sciopero_corteo_giornata.shtmlChe ne pensate? Da una parte capisco i lavoratori, ma dall'altra mi rendo conto che non è possibile acquistare un'azienda in difficoltà e pensare di rilanciarla senza tagliarne i costi ed investire sui prodotti...

 

Io lavoro in questa fabbrica e ti posso garantire che da quanto abbiamo appreso la cordata Mittal-Marcegaglia tutto ha intenzione di fare ma non di acquistare e rilanciare lo stabilimento , che cmq al momento è ancora di proprietà della famiglia Riva .

sono i soliti avvolti che arrivano e vogliono spolpare gli ultimi brandelli di carne rimasta vicino alle ossa per poi tagliare la corda e lasciare più problemi di prima .

noi dipendenti non ci stiamo e stamattina credo lo abbiamo fatto capire , e sulla base di ciò anche il ministro Calenda ha riferito a questa cordata che se le loro condizioni restano quelle possono tranquillamente farsi da parte .

Ciao Fabio, sapevo avresti partecipato. Ti ringrazio per i chiarimenti. Un grande in bocca al lupo a te e a tutti tuoi colleghi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fabiosound

grazie Francesco , grazie Saetta_McQueen e grazie a tutti .

speriamo di risolvere la situazione nell'interesse ( vero ) di tutte la parti coinvolte per non trascurare ambiente occupazione e produzione con l'obbiettivo del reale rilancio di questo sito .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
blueray
http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2017/10/09/ASSFc6sJ-sciopero_corteo_giornata.shtmlChe ne pensate? Da una parte capisco i lavoratori, ma dall'altra mi rendo conto che non è possibile acquistare un'azienda in difficoltà e pensare di rilanciarla senza tagliarne i costi ed investire sui prodotti...

 

Io lavoro in questa fabbrica e ti posso garantire che da quanto abbiamo appreso la cordata Mittal-Marcegaglia tutto ha intenzione di fare ma non di acquistare e rilanciare lo stabilimento , che cmq al momento è ancora di proprietà della famiglia Riva .

sono i soliti avvolti che arrivano e vogliono spolpare gli ultimi brandelli di carne rimasta vicino alle ossa per poi tagliare la corda e lasciare più problemi di prima .

noi dipendenti non ci stiamo e stamattina credo lo abbiamo fatto capire , e sulla base di ciò anche il ministro Calenda ha riferito a questa cordata che se le loro condizioni restano quelle possono tranquillamente farsi da parte .

Tutta  la  mia solidarietà a te  ed  ai tuoi colleghi, anche  io sono con voi! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
ok...non so dove vediate questa ripresa o assunzioni...saranno precari per un mese ectt,,,,,,ma vi rendete conto quanti sono 4000 lavoratori?..e poi quelli rimanenti gli cambiano il contratto da indeterminato a jobsact....bisogna fare manifestazioni in tutte le piazze ..non solo a taranto o genova..qua bisogna abolire la jobsact e rimettere l'art 18,se avrà successo la sostituzione di contratto all'ilva succederà anche in altre aziende e sono ca... per tutti

:o:o

=))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gianp
ok...non so dove vediate questa ripresa o assunzioni...saranno precari per un mese ectt,,,,,,ma vi rendete conto quanti sono 4000 lavoratori?..e poi quelli rimanenti gli cambiano il contratto da indeterminato a jobsact....bisogna fare manifestazioni in tutte le piazze ..non solo a taranto o genova..qua bisogna abolire la jobsact e rimettere l'art 18,se avrà successo la sostituzione di contratto all'ilva succederà anche in altre aziende e sono ca... per tutti

:o:o

=))
Secondo me non ha finito la frase... avrebbe dovuto essere "e sono ca... per tutti i lavoratori"Lapsus calami.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
ok...non so dove vediate questa ripresa o assunzioni...saranno precari per un mese ectt,,,,,,ma vi rendete conto quanti sono 4000 lavoratori?..e poi quelli rimanenti gli cambiano il contratto da indeterminato a jobsact....bisogna fare manifestazioni in tutte le piazze ..non solo a taranto o genova..qua bisogna abolire la jobsact e rimettere l'art 18,se avrà successo la sostituzione di contratto all'ilva succederà anche in altre aziende e sono ca... per tutti

:o:o

=))

Secondo me non ha finito la frase... avrebbe dovuto essere "e sono ca... per tutti i lavoratori"Lapsus calami.Pare che per qualcuno lo scopo di un'intrapresa sia "pagare stipendi a prescindere"... mah... buffi pensieri. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.406
    Discussioni Totali
    5.866.877
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×