Jump to content
Melius Club

paoletfa

Nel bel mondo Altec di una volta...! Quanti qui le possiedono (hanno posseduto)?

Recommended Posts

OLIMPIA2
E poi devo ancora far mettere a punto come si deve il crossover... non sono del tutto convinto del taglio a 1200hz che ho adesso... vedo che per di più si utilizza a 800hz, probabilmente lavora meglio il woofer... inoltre sia la tromba 805b che il driver 807 potrebbero scendere ancora fino a 500hz, ma non vorrei che il suono si smagrisse... voi che ne pensate di questo aspetto ? @alexis

 


Il taglio a 1200Hz è troppo per il 416, scendi a 800Hz.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa
E poi devo ancora far mettere a punto come si deve il crossover... non sono del tutto convinto del taglio a 1200hz che ho adesso... vedo che per di più si utilizza a 800hz, probabilmente lavora meglio il woofer... inoltre sia la tromba 805b che il driver 807 potrebbero scendere ancora fino a 500hz, ma non vorrei che il suono si smagrisse... voi che ne pensate di questo aspetto ? @alexis

 


Il taglio a 1200Hz è troppo per il 416, scendi a 800Hz.

 

Lo penso anch'io, infatti proverò a 800hz, ma anche 500hz, visto che la te mba 805b può soatenerlo, anche se forse il driver 807 si troverebbe lui un po' troppo in basso...un

 

certo che la Altec l'incrocio a 1200hz lo ha usato per la 19... e sembra funzionare bene in quella situazione, se non altro per far lavorare la 811al di sopra della sua frequenza nominale di taglio,dove rischia di nasalizzare un po'....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Altainefficienza

Altec ha incrociato le 19 a 1200 Hz per poterle vendere agli studi di registrazione, dove i tecnici del suono del tempo ascoltavano a 110dB, dandole per amplificatori fino a 350 Watt. Con frequenze di taglio inferiori avrebbero distrutto il driver (non che il 416 se la passasse tanto meglio...). Le trombe Altec, nella loro nomenclatura, dichiaravano la fequenza di taglio effettivamente utilizzabile, la 811 la puoi usare ad 800Hz, così come - driver permettendo - la 805 può scendere tranquillamente a 500. I driver da 1" Altec (perlomeno quelli della serie 802, con il magnete più pesante, quindi più efficienti e meno sollecitati termicamente a parità di livello) potevano essere incrociati a 500 Hz. In utilizzo domestico (a livelli ovviamente inferiori rispetto ad un Cinema) anche gli 807 possono essere tagliati a 500 Hz.

Tra parentesi, la 811 non è granché considerata tra gli appassionati Altec (e neppure la 511).

Un saluto,

Piero

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa
Altec ha incrociato le 19 a 1200 Hz per poterle vendere agli studi di registrazione, dove i tecnici del suono del tempo ascoltavano a 110dB, dandole per amplificatori fino a 350 Watt. Con frequenze di taglio inferiori avrebbero distrutto il driver (non che il 416 se la passasse tanto meglio...). Le trombe Altec, nella loro nomenclatura, dichiaravano la fequenza di taglio effettivamente utilizzabile, la 811 la puoi usare ad 800Hz, così come - driver permettendo - la 805 può scendere tranquillamente a 500. I driver da 1" Altec (perlomeno quelli della serie 802, con il magnete più pesante, quindi più efficienti e meno sollecitati termicamente a parità di livello) potevano essere incrociati a 500 Hz. In utilizzo domestico (a livelli ovviamente inferiori rispetto ad un Cinema) anche gli 807 possono essere tagliati a 500 Hz.

Tra parentesi, la 811 non è granché considerata tra gli appassionaiti Altec (e neppure la 511).

Un saluto,

Piero

Altec ha incrociato le 19 a 1200 Hz per poterle vendere agli studi di registrazione, dove i tecnici del suono del tempo ascoltavano a 110dB, dandole per amplificatori fino a 350 Watt. Con frequenze di taglio inferiori avrebbero distrutto il driver (non che il 416 se la passasse tanto meglio...). Le trombe Altec, nella loro nomenclatura, dichiaravano la fequenza di taglio effettivamente utilizzabile, la 811 la puoi usare ad 800Hz, così come - driver permettendo - la 805 può scendere tranquillamente a 500. I driver da 1" Altec (perlomeno quelli della serie 802, con il magnete più pesante, quindi più efficienti e meno sollecitati termicamente a parità di livello) potevano essere incrociati a 500 Hz. In utilizzo domestico (a livelli ovviamente inferiori rispetto ad un Cinema) anche gli 807 possono essere tagliati a 500 Hz.

Tra parentesi, la 811 non è granché considerata tra gli appassionati Altec (e neppure la 511).

Un saluto,

Piero

...infatti...! Ho fatto un confronto diretto tra 805b e 811b, e la multicell è nettamente superiore. Tra l'altro, la mia è in legno, quindi credo ulteriormente meglio performante.

Share this post


Link to post
Share on other sites
planar

811b e 511b hanno risonanze abbastanza udibili , ed ogni tentativo di smorzarle non risolve mai completamente . Le migliori erano le ormai rarissime " tar filled ". Portare un driver da 1 pollice a 800 Hz e' gia' una tirata per i capelli , portarlo sino a 500 Hz poi e' davvero eccessivo . Per un tagloo cosi basso ci vogliono i drivers large format.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

Ma poi all'atto pratico qual è la differenza dì suono udibile? Perché da 500 a 1200 c'è più di un'ottava, credo (suppongo) che non possa non avere ripercussioni udibili all'ascolto, ma in quali parametri?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Altainefficienza

La maggior parte dei driver da 1" non scende così in basso, ma alcuni sì, tra cui gli Altec, che difatti venivano utilizzati nei Cinema con questo taglio (A7-500-8) e si permettevano pure di sonorizzarli a livelli adeguati (poi si può discutere di neutralità timbrica ecc.). Le trombe settoriali Altec non sono mai state tar filled (le grosse erano ricoperte di uno smorzante, ma non era catrame): la loro costruzione in due gusci di alluminio lo impedirebbe (non hanno all'esterno vuoti da riempire). Le multicellulari lo sono state. Altec (per motivi di peso o di costo o forse perché non ne valeva la pena) ad un certo punto non ha più messo il lamierino esterno e non le ha più riempite, accontentandosi di spalmare le celle con smorzante all'esterno.

Sul fatto che le repliche in legno suonino meglio si può discutere... Chi ci aveva perso tempo erano stati quelli dell'Audiophile, ma le facevano con un'intercapedine riempita di sabbia (lavoro da certosini), un po' come faceva Wharfedale tanti anni fa...

La differenza tra 1200 ed 800 o 500 Hz è notevole, cambia in positivo l'efficienza con cui la gamma viene emessa, a maggior ragione se il basso è a radiazione diretta. Poi fare andare d'accordo basso reflex e medio alto a tromba è un altro discorso, la differenza di velocità si sente. Cambia anche l'angolo di emissione, un 15" comincia a diventare direttivo sopra i 250 Hz, lo è accettabilmente fino a 500/600, sempre di più al salire della frequenza. A 1200 l'angolo è molto più stretto di quello coperto dalla settoriale.

Un saluto,

Piero

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

...quindi più si taglia in basso e meglio sarebbe, giusto? Mi sembra di aver capito. Cerco di avere le idee più chiare possibili perché tra qualche giorno tornerà la persona che mi ha assemblato il sistema, con i crossover da 500 e 800, e voglio esser preparato su cosa aspettarmi, perché poi il tempo di far prove al volo lascia sempre il tempo che trova (scusate i giro di parole).

E che mi dici dell'attenuazione del medio alto Piero: mi risulta che Altec avesse fatto crossover equalizzanti che attenuavano solo fino a 10000hz per non smorzare eccessivamente la gamma alta, ma ci sono anche crossover lineari che attenuano tutta la gamma, privilegiando più la tenuta e sensibilità che l'estensione in frequenza, ai fini delle esigenze cinematografiche

Share this post


Link to post
Share on other sites
Altainefficienza

C'è un limite in basso, bisognerebbe evitare di fare lavorare il driver sotto la sua risonanza, e comunque si rischia che distorca o suoni peggio (dipende dal driver, dalla tromba, dalla pendenza del crossover). I xover Altec erano dei semplici 12dB/ottava e non introducevano equalizzazioni, erano pensati per il Cinema dove l'audio saliva solo fino ad 8kHz e meno perdite c'erano meglio era. Quando hanno fatto casse cercando la linearità in alto hanno inserito delle equalizzazioni ("facile" su casse come la 19, perché il woofer è molto meno efficiente del driver e volendo linearizzare si può attenuare selettivamente la gamma medioalta, recuperando poi elettricamente sull'acuto quello che la coppia driver/tromba perderebbe con il suo calo naturale in alto). Ti consiglio di guardare quello che ha fatto Hiraga per quelle che erano il riferimento della NRDS (poi ripreso in un articolo in Sound Practices). Altra cosa: convenzionalmente non si fanno riprodurre più di quattro ottave ad una tromba (uno dei motivi per cui ci sono diffusori a tromba con più di due vie). Le multicellulari sono avvantaggiate in questo.

Comunque io da sempre cerco di usare xover elettronici, anche per la loro versatilità... Fattene prestare uno e fa' le prove con incroci e pendenze diverse (ma dovresti essere strumentato e saperli usare). Tempo fa avevo preparato -  per dimostrare ampli su gamma intera - una coppia di A7, sfruttando il particolare  filtro serie disegnato da un amico (che aveva fatto tante prove) ed erano tagliate a 500 Hz (con un 806A/511). Suonavano molto bene, completate in alto dai sottovalutati EV T35.

Un saluto,

Piero

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

Io ho anche dei super tweeter, eagle production, sono giapponesi, vintage in alnico. È vero che apportano freschezza e ariosita' però... a discapito di tanti altri parametri, tra cui la coerenza. Alla fine mi sono arreso e li ho tolti. Adesso le ciccione (sono pur sempre larghe 64 e profonde 50 cm) spariscono proprio... sembrano mute, e c'è la musica che le circonda tutte intorno.

Ma quindi alla fine che taglio consigli (con tromba 805 e driver 807)? Forse 800 a questo punto...!

P.S.: ho sentito parlare delle A7 di Hiraga.

P.S.: quattro ottave se non sbaglio coprono 800-12800hz... poi ci vuole si il super tweeter...

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

E nel caso dell'incrocio a 500hz, le quattro ottave coprirebbero 500-8000 hz ... davvero troppo poco in alto... allora come fa la A5 senza super tweeter?

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

Sempre se ho fatto bene i conti ... sai a quest'ora...

Share this post


Link to post
Share on other sites
planar
La maggior parte dei driver da 1" non scende così in basso, ma alcuni sì, tra cui gli Altec, che difatti venivano utilizzati nei Cinema con questo taglio (A7-500-8) e si permettevano pure di sonorizzarli a livelli adeguati (poi si può discutere di neutralità timbrica ecc.). Le trombe settoriali Altec non sono mai state tar filled (le grosse erano ricoperte di uno smorzante, ma non era catrame): la loro costruzione in due gusci di alluminio lo impedirebbe (non hanno all'esterno vuoti da riempire). Le multicellulari lo sono state. Altec (per motivi di peso o di costo o forse perché non ne valeva la pena) ad un certo punto non ha più messo il lamierino esterno e non le ha più riempite, accontentandosi di spalmare le celle con smorzante all'esterno.

Sul fatto che le repliche in legno suonino meglio si può discutere... Chi ci aveva perso tempo erano stati quelli dell'Audiophile, ma le facevano con un'intercapedine riempita di sabbia (lavoro da certosini), un po' come faceva Wharfedale tanti anni fa...

La differenza tra 1200 ed 800 o 500 Hz è notevole, cambia in positivo l'efficienza con cui la gamma viene emessa, a maggior ragione se il basso è a radiazione diretta. Poi fare andare d'accordo basso reflex e medio alto a tromba è un altro discorso, la differenza di velocità si sente. Cambia anche l'angolo di emissione, un 15" comincia a diventare direttivo sopra i 250 Hz, lo è accettabilmente fino a 500/600, sempre di più al salire della frequenza. A 1200 l'angolo è molto più stretto di quello coperto dalla settoriale.

Un saluto,

Piero

 

 

Sono stato troppo sintetico, avrei dovuto aggiungere che solo le multicellulari erano prodotte dapprima in tar filled . Io ho le 1005b , ma sono la versione piu' recente con il materiale bituminoso applicato sulle 10 trombe .

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

Una cosa spiegatemi: dato per assodato (e la cosa mi trova d'accordo) che non è opportuno far salire il woofer fino a 1200hz, come la mettiamo con i prestigiosi (e straordinariamente ben suonanti) 604/ 605 duplex, in cui il woofer (un 15" anche qui) deve salire fino a 1500hz?

Share this post


Link to post
Share on other sites
planar

Il woofer dei 604 non e' un 416 ma il piu' leggero ed efficiente 515 , e' piu' rigido e leggero e cio' consente probabilmente un taglio piu' alto. Nota che il 515 ha una fs piu' alta del 416 . Vi sono dei woofer molto leggeri come il D 130 JBL che consentono un taglio 2 vie a 2400 Hz , vedi JBL C36 e C38: ma cio' si paga con una modesta estensione sulle basse frequenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Ps. ho anche avuto le grosse multisettoriali di legno, che ora vanno di moda, e le ho restituite.. troppo colorate!!

 

 

mentre le mie 1505 tar filled sono un sogno di equilibrio timbrico... :-)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa
Ps. ho anche avuto le grosse multisettoriali di legno, che ora vanno di moda, e le ho restituite.. troppo colorate!!

 

 

mentre le mie 1505 tar filled sono un sogno di equilibrio timbrico... :-)

ma
Ps. ho anche avuto le grosse multisettoriali di legno, che ora vanno di moda, e le ho restituite.. troppo colorate!!

 

 

mentre le mie 1505 tar filled sono un sogno di equilibrio timbrico... :-)

Alexis le mie 805b sono sì in legno, ma non le pregiate wood a vista che si vedono in giro.Sono catramate, tar filled (se ho ben capito cosa significa), nere. Le ho confrontate solo con le 811b originali, ed erano davvero un altro pianeta, e a pari prezzo! In quali parametri quelle che hai provato erano colorate?

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa
Il woofer dei 604 non e' un 416 ma il piu' leggero ed efficiente 515 , e' piu' rigido e leggero e cio' consente probabilmente un taglio piu' alto. Nota che il 515 ha una fs piu' alta del 416 . Vi sono dei woofer molto leggeri come il D 130 JBL che consentono un taglio 2 vie a 2400 Hz , vedi JBL C36 e C38: ma cio' si paga con una modesta estensione sulle basse frequenze.

 

Capito...! L'altro curiosità, che rivolgo a chi ha più esperienza con questi componenti, è questa: mettiamo di usare il cabinet 612 che ho io, è superiore la mia configurazione attuale con 416/a, 805b, 807-Z (con incrocio in via di definizione) oppure un semplice 604/605 nelle varie versioni, col suo taglio fissato a 1500hz? Perché come costi, alla fine siamo lì!

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

Questa domanda la rivolgo a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites
planar

Il 604 in cabinet 612 e' veramente carente sulle basse frequenze , il suo cabinet ideale e' il 620 da 254 litri interni. Le differenze di suono fra un 604 in cabinet 620 e un sistema a due vie separate e' questione di gusti , il 604 ha un suono nervoso, grintoso e iperveloce , a mio avviso un po' insistente sulle medie e medioalte frequenze. Un sistema a due vie con il 416 e una grande tromba come la 805b puo' dare , se ben regolato, un suono piu' equilibrato : se poi si usano i drivers 288 da un pollice e quattro , la supremazia del sistema 2 vie diviene evidente . Ma non ci siamo piu' con i costi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa
Il 604 in cabinet 612 e' veramente carente sulle basse frequenze , il suo cabinet ideale e' il 620 da 254 litri interni. Le differenze di suono fra un 604 in cabinet 620 e un sistema a due vie separate e' questione di gusti , il 604 ha un suono nervoso, grintoso e iperveloce , a mio avviso un po' insistente sulle medie e medioalte frequenze. Un sistema a due vie con il 416 e una grande tromba come la 805b puo' dare , se ben regolato, un suono piu' equilibrato : se poi si usano i drivers 288 da un pollice e quattro , la supremazia del sistema 2 vie diviene evidente . Ma non ci siamo piu' con i costi.

 

Eh... infatti ho provato a cercare sti benedetti 288... costicchiano un bel po'!

 

In merito alle carenze del 604 nel 612... hai ragione, eppure lo hanno largamente usato negli anni 60, vedi gli studi abbey road per i dischi dei Beatles

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

se vuoi dei 299.. che sono praticamente dei 288 con il tangerine.. scrivimi in pm

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
planar
Il 604 in cabinet 612 e' veramente carente sulle basse frequenze , il suo cabinet ideale e' il 620 da 254 litri interni. Le differenze di suono fra un 604 in cabinet 620 e un sistema a due vie separate e' questione di gusti , il 604 ha un suono nervoso, grintoso e iperveloce , a mio avviso un po' insistente sulle medie e medioalte frequenze. Un sistema a due vie con il 416 e una grande tromba come la 805b puo' dare , se ben regolato, un suono piu' equilibrato : se poi si usano i drivers 288 da un pollice e quattro , la supremazia del sistema 2 vie diviene evidente . Ma non ci siamo piu' con i costi.

 

Eh... infatti ho provato a cercare sti benedetti 288... costicchiano un bel po'!

 

In merito alle carenze del 604 nel 612... hai ragione, eppure lo hanno largamente usato negli anni 60, vedi gli studi abbey road per i dischi dei Beatles

 

Si lo usavano , ma a quei tempi , parliamo di oltre mezzo secolo fa, le frequenze realmente basse non erano un problema preso in considerazione nella produzioni di dischi di musica leggera poiche' il 99% di quei dischi sarebbero finiti nelle mani di ragazzi che li avrebbero suonati con un mangiadischi o, nella migliore delle ipotesi un compattone tipo Selezione Reader's Digest.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Altainefficienza

Il 604 è una meraviglia ma il suo limite è proprio l'incrocio ad una frequenza troppo elevata (necessaria perché la tromba del medio alto è per forza di cose piccola). Negli anni Altec ha variato la frequenza e cambiato vari crossover. Nel pro ci si è messo Doug Sax che ha fatto i xover Mastering Lab per cercare di sistemare la faccenda, poi è arrivata l'UREI che con la 813 ha detto l'ultima parola sull'impiego negli studi del 604 (ha avuto un tale successo che JBL, arcinemica di Altec, la ha comprata, poi ci ha messo i suoi coassiali probabilmente peggiorandola). Da qualche parte avevo letto un articolo in cui si spiegava che i dischi mixati con il 604 si riconoscono per la "depressione" all'incrocio.

Il 604 non è a tutti gli effetti un 515, perché il foro centrale per il driver limita lievemente il flusso magnetico a disposizione della sezione woofer (riducendo la sezione del ferro della piastra polare).

Un parere personalissimo: preferisco anch'io trombe e driver da 1,4", ma accoppiarli ad un 416 in radiazione diretta significa trovarsi un diffusore con un medio molto più veloce e presente del basso.

Un saluto,

Piero

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Altainefficienza

Altra cosa: scrivi 604/605, ma il 605 è meno efficiente del 604 , non è proprio la stessa cosa. Altec aveva provato a sostituire il secondo con il primo, creando un mercato sommerso di 604 negli studi, poi a furor di popolo ha ricominciato a produrre il 604. L'Alnico è sempre costato parecchio... Nel dopoguerra poi lo volevano i militari, anche Jensen non poteva produrre il G610 perché non c'era il materiale. Se non ricordo male il 605 aveva lo stesso magnete del 416.

Un saluto,

Piero

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
planar

Hai ragione, infatti con i drivers 288 ci vanno i 515 , meglio se due woofer per cassa, altrimenti le multicell sovrastano il basso. Poiche' trovare quattro 515 a 16 ohm e' difficile oltre che molto costoso , anche acquistando i GPA nuovi , si potrebbero usare moderni woofer di marchi come B&C, Faital Pro , Eighteen Sound , altissima efficienza e fs intorno ai 35 Hz . Non sono ammantati da fascino vintage ma tecnologicamente sono molto performanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

Beh sì.. io ce l'ho da sole due settimane, e la differenza di spinta tra basso e medio alto si sente... ma mi ci sto abituando, credo ci si possa convivere! Ho curato tantissimo la collocazione in ambiente, ascoltando più da vicino (3,30/3,50 mt) e a volume non alto, i bassi si integrano meglio.

E si tratta di un basso, quello del 416, di livello elevatissimo... più elevato del partner 805b col driver 807.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

...rispondevo a Piero.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
paoletfa

...poi, se non riuscissi a conviverci con questo limite, posso sempre farmi costruire una A7 e metterci i componenti che ho adesso sul 612... :D:D:D

E tentar di far suonare il tutto nel mio ambiente di 3,5x5,3...!

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis
Il 604 in cabinet 612 e' veramente carente sulle basse frequenze , il suo cabinet ideale e' il 620 da 254 litri interni. Le differenze di suono fra un 604 in cabinet 620 e un sistema a due vie separate e' questione di gusti , il 604 ha un suono nervoso, grintoso e iperveloce , a mio avviso un po' insistente sulle medie e medioalte frequenze. Un sistema a due vie con il 416 e una grande tromba come la 805b puo' dare , se ben regolato, un suono piu' equilibrato : se poi si usano i drivers 288 da un pollice e quattro , la supremazia del sistema 2 vie diviene evidente . Ma non ci siamo piu' con i costi.
ecco il mio 620 con 604 D...

 

DSC_7084.jpg?dl=1

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297399
    Total Topics
    6544924
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy