Vai al contenuto

Kronzi

Molestie sessuali

Messaggi raccomandati

cactus_atomo

la forza della moda. ovvio che se sei un personaggio famoso ci sarà sempre chi dirà che lo hai molestato, magari 20 anni fa, le mie quotazioni salirebbero se dicessi di essere stato molestato da giovane da una sex symbol holliwodian. dopo 30 anni chi può mai confernare o smentire con sicurezza?. Evidentemente poi chi h subito le molestie più di tanto non ha reagito, il successo richiede un prezzo e far sapere in giro che non si è disposti a pagarlo non aiuta

molto mediatico è poi questo tirar fuori molestie leggere di assoluta irrilevanza (altra cosa sarebbe uno stupro) a 30 anni di distanza
le molestie vere sono altra cosa, sono gravissime nei confronti di chi le deve subire senza poter reagire a pieno (pensiamo ad una stagista, ad un contratto e tempo determinato che può esssere rinnovato o meno, per esempio), in certi casi si può contenere la molestia ma reagire non sempre è fattibile. una cosa è un apprroccio deciso una tantumcon una persona in posizione paritaria, altro tnanti apporcci pesant con un/una sottopoto/a

ps nella canzone di baglioni, la mano non andava sulla coscia di le duarante un cambio marcia ma intenzionalmente sotto la camicetta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

dall'angolazione mediatica femminile , quale sarebbe la differenza tra molestie e corteggiamento ?

xchè quello che al tempo era corteggiamento ora pare essere diventata molestia .
chiederla a qualcuna è molestia ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gbale

L'uomo se può lo dà il più possibile. La donna no. Io questo non lho mai capito. Ma non volevano la parità dei SESSI?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

alla loro maniera  >:D< , cioè , quello che mi fa comodo  ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

dovremmo vedere le cose da un punto di vista biologico. nella riproduzione della specie per i primati il maschio deve fecondare più femmine in modo che la sua progenie si diffonda, la femmina deve tutelare i figli e portarli allo stadio adulto tra gli scimpanzè solo il maschio dominante (e a volte i suoi discendenti) possono avere rapporti con le femmine, altrimenti sono mazzate, o espulsione dal branco. La femmina se avvicinata da un maschio non autorizzato strlla come se la stesero violentando, se l'approccio è in zona dove può esser visibile, se invece si apparta in silenzio copula senza fare rumore. quando il machio dominante prde il potere, l successore la orima cosa che fa è di eliminare i cuccioli non suoi
Noi esserei umani siamo sempre a metà tra le logiche culturali e quelle ancestrali, di queste ultime non abbiamo contezza, eppure esistono e sono fortissime
le donne hanno inseguito la parità copiando il modello maschile, poi ricorrono alla fecondazione artificiale perchè si accorgono di volere un figlio quando han superato i tempi biologici massimi, ed alla chirurgia estetica per rincorere il sogno dell'eterna giovinezza
Il mondo e i rappoti tra persone nn possono essere totalmente razionali, tra un tentativo di approccio, uno stalkeraggio sistematico cìè grande differenza

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

hai dimenticato quanto spesso , oggi , le donne ricorrano ai tribunali che sembrano diventati i loro nuovi maschi dominanti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
°Guru°
L'uomo se può lo dà il più possibile. La donna no. Io questo non lho mai capito. Ma non volevano la parità dei SESSI?

 

Prova a immaginare di essere costantemente spogliato con gli occhi da donne di qualsiasi tipologia e in qualsiasi contesto, compreso questa:

114927055-48533444-b565-4269-b172-b9a948a2b74f.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gbale

Il mondo è anche fatto di gente normale per fortuna...e poi che palle sta biologia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

cosa intendi , che se non ti rendi disponibile ti denunciano per NON molestie ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leicaclub
..tra gli scimpanzè solo il maschio dominante (e a volte i suoi discendenti) possono avere rapporti con le femmine, altrimenti sono mazzate, o espulsione dal branco. La femmina se avvicinata da un maschio non autorizzato strlla come se la stesero violentando, se l'approccio è in zona dove può esser visibile, se invece si apparta in silenzio copula senza fare rumore. quando il machio dominante prde il potere, l successore la orima cosa che fa è di eliminare i cuccioli non suoi

E questo dimostra, inequivocabilmente, che discendiamo dalle scimmie..  =))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Oops, noto adesso il refuso: ho scritto "giornaliste" ma volevo scrivere "giornalate"!!! La colpa é del correttore automatico! Adesso lo correggo anche sopra...nel mio primo post dico...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

E poi sì Enrico, ha ragione tu...Baglioni diceva sotto la camicetta... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
mmhhh  :-? :-?
cioè per un diciottenne va bene una ventottenne ?  
:o

e per un ottantenne una cinquantanovenne ?

forse bisognerebbe sentire cosa ne pensa l'altra metà del cielo...

e dove è scritto? nel manuale delle giovani marmotte ? 
altro che varianti individuali ....
=))
Certo, sai quante cose ha da insegnare la 28enne al 18enne ? 

E l' ottantenne, che quelle cose presumibilmente le sa, perché dovrebbe rinunciare ad una 59enne ancora appetibile ? 

La formula è tratta da un libricino americano che elenca le "Rule of thumb" . 

:-B

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tiggy

Superati la sorpresa e il trauma della notizia che in alcuni ambienti, del cinema in particolare, esistano comportamenti poco dignitosi per la persona umana legati all'ottenimento di incarichi e vantaggi, provo a dire sommessamente la mia.

Il discrimine nella molestia è la differenza di potere tra chi la propone e chi la subisce: se questa arriva da un pari grado, in generale, la si rispedisce al mittente senza troppi problemi e riguardi, con efficacia e buona pace di tutti.

In un mondo sessista, dove le posizioni di potere si concentrano sugli uomini, è indubbio che siano più spesso questi a macchiarsi di turpi comportamenti, pure per un malcelato machismo che traspare anche in alcuni interventi più sopra.

 

Io sono per la parità assoluta e ritengo che simili comportamente debbano essere biasiamati senza mezze misure.

 

Oggi, di fronte alle testimonianze di personalità ben più famose del sottoscritto, trovo la forza per denunciare di essere stato anch'io - soprattutto in giovane età - oggetto di molestie da parte di donne più risolte e consapevoli di me, che hanno utilizzato le armi della femminilità e della seduzione per ingenerare aspettative e sentimenti poi andati irrimediabilmente a vuoto solo per estorcermi favori e vantaggi di varia natura: queste molestie hanno avuto conseguenze nefaste, generando depressione, frustrazione, perdita di autostima e fiducia nei miei mezzi e compromettendo la capacità di interpretare correttamente i messaggi provenienti dall'altrui sesso, al punto che - anche a distanza di anni - quando mi è capitato di ricevere attenzioni, simpatie, o persino un aumento o una promozione, ho temuto che potesse esserci dietro un ricatto di altra natura.

Per le tanto invocate eguaglianza e reciprocità, spero che la mia confessione aiuti tutte quelle donne che, nella migliore tradizione del gattamortismo, hanno preso in giro, umiliato e maltrattato me e il prossimo, unicamente per trarne miseri vantaggi e utilità personali, a fare #metoo #Ihave #comingout o come volete chiamarlo.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Superati la sorpresa e il trauma della notizia che in alcuni ambienti, del cinema in particolare, esistano comportamenti poco dignitosi per la persona umana legati all'ottenimento di incarichi e vantaggi, provo a dire sommessamente la mia.

Il discrimine nella molestia è la differenza di potere tra chi la propone e chi la subisce: se questa arriva da un pari grado, in generale, la si rispedisce al mittente senza troppi problemi e riguardi, con efficacia e buona pace di tutti.

In un mondo sessista, dove le posizioni di potere si concentrano sugli uomini, è indubbio che siano più spesso questi a macchiarsi di turpi comportamenti, pure per un malcelato machismo che traspare anche in alcuni interventi più sopra.

 

Io sono per la parità assoluta e ritengo che simili comportamente debbano essere biasiamati senza mezze misure.

 

Oggi, di fronte alle testimonianze di personalità ben più famose del sottoscritto, trovo la forza per denunciare di essere stato anch'io - soprattutto in giovane età - oggetto di molestie da parte di donne più risolte e consapevoli di me, che hanno utilizzato le armi della femminilità e della seduzione per ingenerare aspettative e sentimenti poi andati irrimediabilmente a vuoto solo per estorcermi favori e vantaggi di varia natura: queste molestie hanno avuto conseguenze nefaste, generando depressione, frustrazione, perdita di autostima e fiducia nei miei mezzi e compromettendo la capacità di interpretare correttamente i messaggi provenienti dall'altrui sesso, al punto che - anche a distanza di anni - quando mi è capitato di ricevere attenzioni, simpatie, o persino un aumento o una promozione, ho temuto che potesse esserci dietro un ricatto di altra natura.

Per le tanto invocate eguaglianza e reciprocità, spero che la mia confessione aiuti tutte quelle donne che, nella migliore tradizione del gattamortismo, hanno preso in giro, umiliato e maltrattato me e il prossimo, unicamente per trarne miseri vantaggi e utilità personali, a fare #metoo #Ihave #comingout o come volete chiamarlo.

 

 

ma scrivi sul serio o è una provocazione come il post che ha aperto il 3ad?  :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo
la for
mula ussa è tarocca, quella antica diceva la metà +7 punto di pareggi a 14 anni poi
uomo 30 donna 22, uomo 40 donna 26
Ma era una formula che ruguardava solo e solamnete l'età dei coniugi per il matrimonio, quanto una donna a 22 anni se non era sposata e cn figli, diventava zitella

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
paolosances

Aritmeticamente , un problema si pone...il 50 non entra nel 25!

:D

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin

Per una buona armonia della coppia, la minore età del partner dovrebbe essere sempre proporzionata all'attitudine personale nel sopportare eventuali appendici cornee a livello del cuoio capelluto o fu-capelluto...

:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tiggy
Superati la sorpresa e il trauma della notizia che in alcuni ambienti, del cinema in particolare, esistano comportamenti poco dignitosi per la persona umana legati all'ottenimento di incarichi e vantaggi, provo a dire sommessamente la mia.

Il discrimine nella molestia è la differenza di potere tra chi la propone e chi la subisce: se questa arriva da un pari grado, in generale, la si rispedisce al mittente senza troppi problemi e riguardi, con efficacia e buona pace di tutti.

In un mondo sessista, dove le posizioni di potere si concentrano sugli uomini, è indubbio che siano più spesso questi a macchiarsi di turpi comportamenti, pure per un malcelato machismo che traspare anche in alcuni interventi più sopra.

 

Io sono per la parità assoluta e ritengo che simili comportamente debbano essere biasiamati senza mezze misure.

 

Oggi, di fronte alle testimonianze di personalità ben più famose del sottoscritto, trovo la forza per denunciare di essere stato anch'io - soprattutto in giovane età - oggetto di molestie da parte di donne più risolte e consapevoli di me, che hanno utilizzato le armi della femminilità e della seduzione per ingenerare aspettative e sentimenti poi andati irrimediabilmente a vuoto solo per estorcermi favori e vantaggi di varia natura: queste molestie hanno avuto conseguenze nefaste, generando depressione, frustrazione, perdita di autostima e fiducia nei miei mezzi e compromettendo la capacità di interpretare correttamente i messaggi provenienti dall'altrui sesso, al punto che - anche a distanza di anni - quando mi è capitato di ricevere attenzioni, simpatie, o persino un aumento o una promozione, ho temuto che potesse esserci dietro un ricatto di altra natura.

Per le tanto invocate eguaglianza e reciprocità, spero che la mia confessione aiuti tutte quelle donne che, nella migliore tradizione del gattamortismo, hanno preso in giro, umiliato e maltrattato me e il prossimo, unicamente per trarne miseri vantaggi e utilità personali, a fare #metoo #Ihave #comingout o come volete chiamarlo.

 

 

ma scrivi sul serio o è una provocazione come il post che ha aperto il 3ad?  :o

provocazione :D ...con un fondo di verità: ci sono età o situazioni in cui noi uomini siamo irrimediabilmente facili da abbindolare e manipolare. Credo anche che i peggiori nemici delle donne, siano le donne stesse, come quelle che con i loro comportamenti avallano i peggiori luoghi comuni. Penso, infine, che certi atteggiamenti sessisti si rivelino anche semplicemente in una moina gratuita (da "gatta morta", appunto) che viene normalmente archiviata con benevolenza, solo perché gradita a chi la riceve e familiare a chi la osserva. Non sono affatto un bigotto, ma la parità a intermittenza o il cumulo delle sole posizioni di vantaggio mi suonano irrimediabilmente ipocrite e insopportabili


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Superati la sorpresa e il trauma della notizia che in alcuni ambienti, del cinema in particolare, esistano comportamenti poco dignitosi per la persona umana legati all'ottenimento di incarichi e vantaggi, provo a dire sommessamente la mia.Il discrimine nella molestia è la differenza di potere tra chi la propone e chi la subisce: se questa arriva da un pari grado, in generale, la si rispedisce al mittente senza troppi problemi e riguardi, con efficacia e buona pace di tutti.In un mondo sessista, dove le posizioni di potere si concentrano sugli uomini, è indubbio che siano più spesso questi a macchiarsi di turpi comportamenti, pure per un malcelato machismo che traspare anche in alcuni interventi più sopra.Io sono per la parità assoluta e ritengo che simili comportamente debbano essere biasiamati senza mezze misure.Oggi, di fronte alle testimonianze di personalità ben più famose del sottoscritto, trovo la forza per denunciare di essere stato anch'io - soprattutto in giovane età - oggetto di molestie da parte di donne più risolte e consapevoli di me, che hanno utilizzato le armi della femminilità e della seduzione per ingenerare aspettative e sentimenti poi andati irrimediabilmente a vuoto solo per estorcermi favori e vantaggi di varia natura: queste molestie hanno avuto conseguenze nefaste, generando depressione, frustrazione, perdita di autostima e fiducia nei miei mezzi e compromettendo la capacità di interpretare correttamente i messaggi provenienti dall'altrui sesso, al punto che - anche a distanza di anni - quando mi è capitato di ricevere attenzioni, simpatie, o persino un aumento o una promozione, ho temuto che potesse esserci dietro un ricatto di altra natura.Per le tanto invocate eguaglianza e reciprocità, spero che la mia confessione aiuti tutte quelle donne che, nella migliore tradizione del gattamortismo, hanno preso in giro, umiliato e maltrattato me e il prossimo, unicamente per trarne miseri vantaggi e utilità personali, a fare #metoo #Ihave #comingout o come volete chiamarlo.
ma scrivi sul serio o è una provocazione come il post che ha aperto il 3ad?  :oprovocazione :D ...con un fondo di verità: ci sono età o situazioni in cui noi uomini siamo irrimediabilmente facili da abbindolare e manipolare. Credo anche che i peggiori nemici delle donne, siano le donne stesse, come quelle che con i loro comportamenti avallano i peggiori luoghi comuni. Penso, infine, che certi atteggiamenti sessisti si rivelino anche semplicemente in una moina gratuita (da "gatta morta", appunto) che viene normalmente archiviata con benevolenza, solo perché gradita a chi la riceve e familiare a chi la osserva. Non sono affatto un bigotto, ma la parità a intermittenza o il cumulo delle sole posizioni di vantaggio mi suonano irrimediabilmente ipocrite e insopportabili

ma li m... tua  :D:D

bravissimo! 
:-bd

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gianp
Superati la sorpresa e il trauma della notizia che in alcuni ambienti, del cinema in particolare, esistano comportamenti poco dignitosi per la persona umana legati all'ottenimento di incarichi e vantaggi, provo a dire sommessamente la mia.Il discrimine nella molestia è la differenza di potere tra chi la propone e chi la subisce: se questa arriva da un pari grado, in generale, la si rispedisce al mittente senza troppi problemi e riguardi, con efficacia e buona pace di tutti.In un mondo sessista, dove le posizioni di potere si concentrano sugli uomini, è indubbio che siano più spesso questi a macchiarsi di turpi comportamenti, pure per un malcelato machismo che traspare anche in alcuni interventi più sopra.Io sono per la parità assoluta e ritengo che simili comportamente debbano essere biasiamati senza mezze misure.Oggi, di fronte alle testimonianze di personalità ben più famose del sottoscritto, trovo la forza per denunciare di essere stato anch'io - soprattutto in giovane età - oggetto di molestie da parte di donne più risolte e consapevoli di me, che hanno utilizzato le armi della femminilità e della seduzione per ingenerare aspettative e sentimenti poi andati irrimediabilmente a vuoto solo per estorcermi favori e vantaggi di varia natura: queste molestie hanno avuto conseguenze nefaste, generando depressione, frustrazione, perdita di autostima e fiducia nei miei mezzi e compromettendo la capacità di interpretare correttamente i messaggi provenienti dall'altrui sesso, al punto che - anche a distanza di anni - quando mi è capitato di ricevere attenzioni, simpatie, o persino un aumento o una promozione, ho temuto che potesse esserci dietro un ricatto di altra natura.Per le tanto invocate eguaglianza e reciprocità, spero che la mia confessione aiuti tutte quelle donne che, nella migliore tradizione del gattamortismo, hanno preso in giro, umiliato e maltrattato me e il prossimo, unicamente per trarne miseri vantaggi e utilità personali, a fare #metoo #Ihave #comingout o come volete chiamarlo.
ma scrivi sul serio o è una provocazione come il post che ha aperto il 3ad?  :oprovocazione :D ...con un fondo di verità: ci sono età o situazioni in cui noi uomini siamo irrimediabilmente facili da abbindolare e manipolare. Credo anche che i peggiori nemici delle donne, siano le donne stesse, come quelle che con i loro comportamenti avallano i peggiori luoghi comuni. Penso, infine, che certi atteggiamenti sessisti si rivelino anche semplicemente in una moina gratuita (da "gatta morta", appunto) che viene normalmente archiviata con benevolenza, solo perché gradita a chi la riceve e familiare a chi la osserva. Non sono affatto un bigotto, ma la parità a intermittenza o il cumulo delle sole posizioni di vantaggio mi suonano irrimediabilmente ipocrite e insopportabili

provocazione fino a un certo punto. nella mia esperienza professionale posso elencare una serie numerosa di colloqui di lavoro fatti sia con con giovani donne che con giovani uomini. questi ultimi si sono sempre presentati con un curriculum e delle referenze. le prime oltre al curriculum e alle referenze in alcuni casi hanno aggiunto camicette un po' troppo aperte e frasi abbastanza equivoche sulle loro disponibilità ad orari lunghi in assenza di persone ad aspettarle a casa... fossi stato io ad alludere sarei stato un molestatore.

comunque, basta sapere quali siano le regole del gioco e ci si comporta di conseguenza. di pirla che si sono rovinati per aver abbassato la guardia (e i pantaloni) in ufficio ne conosco tanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leicaclub

Questa è di oggi:

Palermo, la paziente violentata dal ginecologo: «Mi diceva: "devi ringraziarmi"»

Sembra che l'illustre cattedratico abbia richiesto alla paziente un rapporto orale seduta stante.
Incastrato dalla registrazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leicaclub
Vittima una paziente tunisina venuta a Palermo per curarsi.
"Dovresti ringraziarmi", le diceva il cattedratico, sbottonando la patta.. 
mentre la poveretta frastornata pensava: "ma che strano modo di ringraziare hanno in Italia"..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum
Questa è di oggi:

Palermo, la paziente violentata dal ginecologo: «Mi diceva: "devi ringraziarmi"»

Sembra che l'illustre cattedratico abbia richiesto alla paziente un rapporto orale seduta stante.
Incastrato dalla registrazione.

Mai rapporti orali, solo scritti, verba volant

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gianp
Io vedo che in TV a fare pubblicità con sfondo sessuale siano solo le donne, ma che c..... vogliono?

Non parliamo poi di personaggi come la Parietti o la Gruber che fatte e rifatte sempre più le sembianze di zoccole prendono!

Non dimentichiamo che nella prima repubblica con le preferenze giusto il PC portava qualche donna in Parlamento, manco tra di loro si votavano! Il bello è che avevano ragione loro a non votarsi! Infatti a mio parere il Parlamento è decaduto anche per il loro arrivo in massa!

 


 

Curati.

Bene, mi raccomando.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Lorenzo67

 

Curati.

Bene, mi raccomando.

 

Non tutto è curabile ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

abbassate i toni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope

.....


Ma la Chiesa sospende per molto meno e può arrivare alla scomunica e all'espulsione come accadde per esempio al simpatico cardinale Milingo che si era innamorato di una signora che portava il dolcissimo nome di Maria e commosse il mondo ma spaventò la Chiesa, che sembrò aver paura di lei come il diavolo ha paura di Dio.

Perché questo è il punto: è come se la Chiesa avesse paura più dell'amore che del disordine sessuale dei ministri di Dio. Il grande filosofo cattolico Augusto Del Noce aveva previsto che il sesso avrebbe minato la Chiesa, che l'avrebbe stritolata, che solo sul sesso la Chiesa poteva crollare. Ecco perché lo scappellotto al cardinale non è tolleranza zero, ma corresponsabilità morale.


.....


http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2013/05/17/quello-scappellotto-al-cardinale-obrien.html



Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope

ANCHE la "chiesa laica"...Balliwood ecc....


paradox...


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xalessio

ANCHE la "chiesa laica"...Balliwood ecc....

 

paradox...

 

Io conosco Bolliwood... bah!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    287.445
    Discussioni Totali
    6.081.481
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy