Vai al contenuto

Aletto

Hifi e home theatre il grande dilemma

Messaggi raccomandati

Aletto

Buongiorno a tutti gli appassionati del forum.

Dopo alcuni anni di “silenzio” sono tornato a interessarmi ad uno dei miei grandi amori di gioventù, la musica e la sua riproduzione domestica di qualità.

Premetto che fin da bambino, grazie a mio padre, ho sempre ascoltato musica in casa con impianti che considero ancora oggi più che dignitosi e poi, su impulso di mio fratello più grande, ho cominciato insieme a lui ad avvicinarmi alla vera hifi.

Ho sempre pensato che un impianto debba essere stereo basato su due diffusori e basta,  ( al limite, avendo vissuto la nascita dei sistemi satelliti + sub, potevo prendere in considerazioni questi in caso di problemi di spazio).

Il mio impianto base, assemblato negli anni 90’, si perché anche se mi ero un po’ allontanato ( per motivi di tempo) dalla musica a casa un impianto funzionante l’ho sempre avuto per ragioni di “tranquillità” psicologica, era basato su elettroniche Nad - ampli e lettore cd - e due b&w series P4 che hanno sempre avuto per vari motivi un posto di riguardo nel mio cuore.

Una collezione di circa 300 cd con musica classica, rock,  jazz e blues, con preferenza per le prime due.

Poi la vita va avanti, matrimonio, figli, lavoro che aumenta e tutto diventa più complicato anche e soprattutto per mancanza di tempo. L’occasione per ricominciare è stata la richiesta del” cinema a casa” venuta dai figli.

Inizio ad interessarmi e scopro che nel frattempo la scena è cambiata, e neppure poco, musica liquida, impianti 5+1 o anche 7+2 o anche di più...sintoamplificatori in grado di pilotare un numero incredibile di canali, e soprattutto molti meno appassionati, specie fra i ragazzi che quando va bene ascoltano le cuffie altrimenti si accontentano del suono che esce dal loro smartphone.

Comunque, arrivo finalmente all’impianto.

La stanza di ascolto/visione è il soggiorno di casa, un ambiente da circa 45 mq di forma rettangolare di cui una metà circa è la zona di ascolto. Dato il mio mestiere e la sensibilità acquisita nel tempo il discorso estetico, di unità, il layout architettonico  insomma è stato pensato e curato fin nei dettagli, il che spesso ha creato problemi per l’impianto.

Volevo assicurarmi la possibilità di un ascolto stereo degno di questo nome, dopo lunghi giri, ascolti e letture, la scelta del sinto ricade su casa Denon, gli ultimi modelli 2017. Prendo un AVRX 3400h che è un 7+2 con numerose chicche in fatto di regolazioni fra cui il kit audissey per il controllo e il posizionamentro dei diffusori, l’equalizzatore grafico, la possibilità di scegliere fra numerose “scene” musicali.

Videoproiettore Epson EH-TW6700w.

Schermo Adeo elegance da 2,50 m utili ad una distanza di circa 5,5 metri dal proiettore.

Casse surround in soluzione da controsoffitto con creazione di cassa chiusa e coibentata all’interno dello spazio disponibile,  Cabasse archipel 17ICP.

E ora veniamo al dunque, alla pazzia che mi ha preso durante una seduta di ascolto presso un amico rivenditore di hifi; ma andiamo con ordine come diffusori principali avevo pensato di tenermi le mie adorate B&W P4 alle quali avevo abbinato un centrale  B&W LCR 60 S3 con ottimi risultati, ma durante la citata seduta vedo, tocco e ascolto delle Quad...già proprio quella Quad di cui da ragazzo avevo sentito miracoli per le loro elettrostatiche futuristiche, solo che qui ascolto delle dinamiche le serie Z e le serie S. Le Z4 mi hanno colpito profondamente, e si che di diffusori ( che sono stata sempre la mia passione) ne ho ascoltati parecchi di tutte le fascie di prezzo, di tutte le marche, di tutte le tipologie e dimensioni. Mi ha fermato il prezzo che già avevo “sforato” il budget non senza qualche pensiero; però la passione... ascoltate anche le serie s5 la torre più grande ho lottato per un prezzo stracciato con l’amico e me le sono portate via.

La Quad s-5 ha una cosa su tutte, un tweeter a nastro che a mio modesto avviso da’ qualcosa in più alla scena, una naturalezza sulla voce incredibile, insomma mi piace. E’ un sistema a 3 vie con doppio woofer da 16,5 un midrange da 12,5 e un interessante sistema ABR con tre radiatori passivi al posto del tradizionale raccordo bass reflex.

Per finire, tanto per far storcere il naso a molti puristi ( e all’inizio anche a me) ho tenuto nell’impianto le P4 ( non potevo separarmene per motivi difficili da spiegare razionalmente, diciamo sentimentali) che sono andate a fare le surround basse in quello che è diventato un impianto 7+0...( perché per ora non ho subwoofer, visto anche che le Quad scendono tantissimo).

Per l’uso audio seleziono solo le Quad e mi trovo bene ( sto ancora lottando per un inserimento/posizionamento che mi soddisfi completamente), solo ogni tanto provo il multi canale stereo e scateno le 7 sorelle...con risultati notevoli a livello

di presenza musicale e saturazione ma più sporchi in generale...insomma vanno bene per una festa ma meno per sentirsi Nina Simone al pianoforte di “ Baltimora”.

E’ questo è tutto, per ora, spero di non avervi annoiato ma era il seguito della presentazione, e volevo farvi conoscere un poco il mio mondo e il mio impianto.

P.S. In home theatre l’impianto si comporta bene, ma qui ho meno esperienza e confronti da fare rispetto all’hifi.

un saluto a tutti.

D0284253-233C-4316-AD9A-2A9E575F706D.jpeg

13F8ECF0-0F1C-4EC2-BBA1-AB4638756A1D.jpeg

11F433DE-4F4D-4BA4-9F49-5B5050775203.jpeg

CC80E0E4-C18A-4789-9449-1202A45446B6.jpeg

56133589-6695-4481-A686-DD4829AC1C3F.jpeg

35A08D8B-54A0-45FF-BE44-6AFB297EE4C9.jpeg

F31ED4D9-C875-4F48-A54B-FBCCC31C3BBF.jpeg

A6D0D7F3-29FF-40C6-8DF6-B5076B5C0C33.jpeg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lampo65

Ciao, e complimenti per l'ambiente, anche la terrazza sembra molto bella:)

Molto interessanti le quad che non conosco affatto. Ho visto che della stessa serie esiste il centrale, anche se forse più piccolo del b&w, gli esperti di ht, te lo consiglierebbero come primo eventuale upgrade, immagino.

Come immagino che in futuro, per casse principali di così buon livello, ti verrà voglia di provare un ampli stereo dedicato...comunque sono curioso di sapere come  va in stereo il denon, quando vorrai approfondire;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Ciao Lampo,

grazie per i complimenti sempre graditi.

Si in effetti il centrale dovrebbe essere anche lui un Quad.

L’aspetto economico mi consiglia per il momento di soprassedere, ma ci farò spero presto un pensiero...diciamo che mi do’ tutto il 2018.

Quanto al Denon è proprio questo il motivo del “dilemma” con cui titolo; io ero per lo stereo nudo e crudo, meno settaggi possibile, meno filtri, meno tutto; ai miei 20 anni mi ero comprato insieme al fratellone un pre e un finale NAD che ricordo ancora con nostalgia, 20 kg di finale con solo il pulsante di accensione.

Ora l’esigenza è quella di avere l’home theatre ( per la pace familiare) e quindi la scelta di un sinto AV era obbligata...certo un bell’integrato di classe mi intrigava ma...rischiavo il divorzio. 

Comunque questo Denon, che non è cmq l’entry level.., mi sta convincendo abbastanza anche in stereo; sulla carta dovrebbe dare oltre 100w a 8 ohm con bassa distorsione.

Muovere le Quad non è semplice pur con la sensibilità di 90 db watt metro che hanno, ma devo dire che il Denon assolve bene il compito, in stereo, con volume fra i 40 e i 50 (sulla classica scala da 1a 100) per un ascolto elegante e rilassato e fra i 60 e i 70 per un ascolto impegnativo e totalizzante.

Per dirti qualcosa di più dovrei poter fare dei confronti, l’unico che ho è quello nel negozio dove le ho comprate, ma in quel caso le pilotavano con un sistema hi end mc intosh...fuori portata e budget, ed erano fantastiche.

Un’ultima cosa, e giuro che non sono a libro paga Quad ( purtroppo...) e che conoscevo la marca per le elettrostatiche e per i finali sofisticati ma non per le dinamiche; ho letto che dopo il passaggio a IAG group ( colosso con capitali cinesi e laboratori di ricerca in Europa) hanno investito molto sulla ricerca e hanno tirato fuori prima i diffusori della serie S e poi la Z e queste ultime mi hanno lasciato un segno profondo nel cuore.

Ho avuto modo di ascoltare molti diffusori nella mia vita, perché mi hanno sempre affascinato fin da ragazzo, li ho anche autocostruiti...

andavo in fiere e mostre, a casa di amici o amici di amici con impianti super solo per il piacere di ascoltare, ero amico di alcuni negozianti di hifi ecc ecc.

In quella fascia di prezzo (che è alta ma non impossibile alla fine visto che comunque si spendono spesso un mucchio di soldi in diffusori che volendo possono arrivare a cifre da capogiro) per me non c’è n’e per nessuno al momento.

Ho visto anche le nuove serie 700 della b&w, che erano la prima scelta, ben fatte e tutto quanto ma le z4 quando alzi il volume semplicemente ti mettono dentro la scena e non vorresti andare mai via.

Le mie serie 5 sono diciamo la versione basica del progetto che poi ha portato alle Z, e comunque se la cavano alla grande ma se potete andare a sentire le serie Z e poi mi saprete dire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ostrica

Scusa ma a che distanza sono fra di loro I due diffusori a torre? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Buon pomeriggio e buon anno, intanto.

La distanza è di circa 3,15 metri (fra gli assi dei tweeter), che è troppa...ma come vedi bisogna fare i conti con la realtà.

La postazione di ascolto è a circa 3 metri e mezzo, e le due casse sono leggermente inclinate verso il divano.

In utilizzo HT va abbastanza bene, non mi lamento, quando ascolto in stereo perdo un po’ di tempo per posizionare diversamente le torri, le avvicino fra loro e al tempo stesso le allontano ancora un po’ dalla parete di fondo e le cose migliorano.

Fra l’altro le casse avrebbero anche dei bei basamenti con delle punte metalliche ( invero appuntite come delle armi da guerra...) solo che a terra ho il parquet e in giro per casa mia moglie...

comunque quando mi sistemo in stereo e alzo il volume sono abbastanza soddisfatto ( forse meno i vicini).

un grosso saluto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Comunque sull’inclinazione dei diffusori verso il punto di ascolto ho appena letto in un altra sezione “fine tuning” una interessantissima discussione...è davvero un piacere leggervi signori.

La mia, modesta, esperienza mi suggerisce di provare a lungo con inclinazioni sempre maggiori ma senza esagerare fino a trovare quello che ci convince di più. Io ho fatto alcuni segni sul pavimento ( di nascosto...) tipo gli stregoni Navajo per orientarmi negli spostamenti in stereo. Calcola che le Quad s5 dietro hanno ben tre radiatori passivi ( sistema ABR) per cui devo pure fare i conti con la distanza dalla parete posteriore ogni volta che sposto e giro...

ma in fondo il bello del nostro hobby è pure questo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
yuzathecloud
15 ore fa, Aletto ha scritto:

In utilizzo HT va abbastanza bene, non mi lamento, quando ascolto in stereo perdo un po’ di tempo per posizionare diversamente le torri, le avvicino fra loro e al tempo stesso le allontano ancora un po’ dalla parete di fondo e le cose migliorano.

Infatti IMHO la cosa importante (difficile e laboriosa) è ottimizzare la posizione dei laterali in stereo. Una volta che hai trovato distanze e inclinazione ottimale aggiungere il centrale è cosa banale.

Però serve tanta pazienza e buona volontà...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ostrica

Grazie Aletto. Da quello che dici direi che a questo punto nella mia situazione le torri sono da scartare avendo obbligatoriamente una distanza di almeno 3,60mt fra loro, ed una distanza di 3mt dalla linea che congiunge le 2 torri all'ascoltatore sul divano!
A questo punto nel mio caso l'unica soluzione possibile credo sia quella di mettere 2 bookshelf sopra il mobile della sala alto 50cm...il che comunque non è ottimale tenendo conto anche che i diffusori sarebbero a max 24cm dal muro dietro!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Guarda ostrica, se ti va prova a postare un disegno, una pianta della tua “situazione”, così magari ci rendiamo conto meglio. Qui ci sono molte persone esperte nel tema che potrebbero aiutarti. Per quanto mi riguarda posso dirti che le piccole da scaffale, specie se buone, suonano bene pure loro eventualmente aiutate da un sub per dare rinforzo alla parte bassa della radiazione. Uno dei nostri problemi è che si dovrebbe poter provare sul posto i vari diffusori per poter scegliere meglio, ma non è semplice. Magari allontanando i diffusori ma dando più angolo “ toe” verso la posizione di ascolto si ottiene comunque un risultato soddisfacente.

Facci sapere come procede.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ostrica

Grazie Aletto, ho aperto una discussione qui:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Eppure, distanza e tipologia dei diffusori a parte, il dilemma,  resta sempre lo stesso: se uno vuole ascoltare in maniera convincente della musica può contare su di un sintoamplificatore AV, magari mettendolo in stereo, o deve necessariamente orientarsi verso un ampli 2ch?

HT e HiFi, con le ultime macchine disponibili sul mercato, sono davvero ancora così lontani ed incompatibili?

Servono 2 ampli ed uno switch, ovvero in HT vai con il sinto e in stereo con l’integrato o meglio un pre ed un ampli?

E qui il mondo si divide...l’audiofilo puro resterà fedele ai suoi 2ch magari con finali a valvole in classe A, gli altri si arrangeranno come possono cercando un equilibrio forse possibile.

Io sto testando il mio Denon con delle casse importanti...

vado in pure direct, alzo il volume e la musica c’è, tutta la musica che cerco c’è.

Magari non ho orecchie così allenate da capire, però mi capita di ascoltare altri impianti, sulla carta più blasonati, e non sentire tutta questa differenza...(restando nella stessa fascia di prezzo).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Walkiria
12 ore fa, Aletto ha scritto:

Servono 2 ampli ed uno switch, ovvero in HT vai con il sinto e in stereo con l’integrato o meglio un pre ed un ampli?

E qui il mondo si divide...l’audiofilo puro resterà fedele ai suoi 2ch magari con finali a valvole in classe A, gli altri si arrangeranno come possono cercando un equilibrio forse possibile.

I miei due impianti hifi e HT condividono i diffusori frontali e gli amplificatori finali mono. Per il resto hanno sorgenti e sezioni pre separate ma senza alcun switch, semplicemente, come fanno molti, ho un pre 2ch con modulo passthrough.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Giusto Walchiria, ancora più semplice.

Io però ho il mio vecchio fidato NAD c350 con cui voglio provare a pilotare le Quad, per far questo mi servirà uno switch che prende in ingresso Denon e Nad e in uscita le sole casse principali.

Se trovo un po’ di tempo lo ordino, a questo proposito qualcuno di voi amici esperti ha un modello di riferimento per lo switch?

Oppure mi consigliate altro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Grazie, Penso che me lo prenderò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

Quale che sia lo switch che utilizzerai, verifica che, sia pensato per commutare ampli e non casse; cioè, che abbia una resistenza di carico sull'uscita che rimane disattivata (altrimenti, se lasci l'ampli inattivo acceso e con un po' di volume potresti danneggiarlo).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
17 ore fa, Aletto ha scritto:

Oppure mi consigliate altro?

Se ti assale il momento dell'audiofilo talebano :), leggi questa soluzione che scrissi ai post 6, 7, 8 e 9 di un thread del 2014 :

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Grazie dei consigli e davvero interessante la tua scatola di Aladino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

@Walchiria

comprato il dynavox.

dovrebbe arrivare domani.

Il nad l’ho ripreso dalla scatola in soffitta e mi sono accorto che è un c340. Che ne dite come ampli, qualcuno sa dirmi opinioni/impressioni a riguardo?

CCB2A5DE-FF48-4AC5-9F89-58E9ECF51E22.jpeg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Walkiria
13 ore fa, Aletto ha scritto:

mi sono accorto che è un c340. Che ne dite come ampli, qualcuno sa dirmi opinioni/impressioni a riguardo?

Un discreto ampli di 20 anni fa. Se tenuto bene e non hai grandi aspettative, fa sicuramente il suo dovere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Arrivato, fatti tutti i collegamenti e ora...ascolto finalmente.

Devo dire che il NAD è un’altra storia rispetto al Denon in stereo, ammetto di essere sorpreso.

Finalmente le Quad respirano,  precise, pulite, gamma estremamente bilanciata.

Grazie per avermi in qualche modo spinto a rimettere in funzione il NAD. Comprato nel 1999, anno in cui ho letto che fu menzionato dalla rivista what hi-fi come ottimo ampli.

Sorprende la grande spinta che ha già a basso volume, scala 3 su 10 già è un buon volume di ascolto.

Nella foto il Dynavox è sulla dx e stanno suonando i due Nad.

A604F338-6166-4CB1-9DDB-91393F961458.jpeg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
melos62
Il 1/1/2018 Alle 17:44, Aletto ha scritto:

Fra l’altro le casse avrebbero anche dei bei basamenti con delle punte metalliche ( invero appuntite come delle armi da guerra...) solo che a terra ho il parquet e in giro per casa mia moglie...

Ti suggerisco le punte soundcare superspike che utilizzo anche io, in una situazione analoga. Sono molto efficaci nell'asciugare eventuali aloni e code dei diffusori da pavimento, ed hanno in più il pregio di consentire lo spostamento orizzontale senza danneggiare i pavimenti delicati. Magari abbinati a dischetti di teflon.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aletto

Grazie Melos, davvero grazie a tutti.

Da quando frequento questo forum le mie conoscenze “audiofile” sono migliorate tantissimo, grazie a tutti voi.

Leggendo i vari interventi si apre di volta in volta un mondo interessante con molti spunti di riflessione e soprattutto si imparano un sacco di cose, partendo dai fondamentali fino ad arrivare ai dettagli, alle finezze.

Tornando alla mia situazione sto continuando ad ascoltare i due ampli, alternativamente, per mio “piacere” personale ma anche per curiosità di capire quale sono le differenze.

Ricordo che ai diffusori Quad series5 ora sono collegati questi due ampli:

Denon AVRx3400H (2017) 

Nad C340 (1999)

la sorgente della comparazione è un NAD T531 ( primi anni 2000).

Avendo il T531 uscite analogiche classiche (RCA) e uscita digitale coassiale ho scelto di collegare i due NAD in analogico ( sfruttando così il DAC a bordo del lettore NAD), mentre ho collegato il Denon con il digitale coassiale ( sfruttando così il DAC a bordo del Denon).

Immagino che l’utilizzo di due DAC diversi possa influenzare l’ascolto e quindi la comparazione fra gli ampli in quanto gli ampli eseguono lavori diversi. 

Lo switch lo eseguo con un dynavox AMP-S che mi è stato suggerito in questa discussione dall'amico Walchiria e che funziona bene consentendomi di ascoltare uno dopo l’altro in tempo reale le due macchine.

Dopo l’entusiasmo di ieri oggi sono più cauto...nel senso che quello che appare chiaro è che il NAD ha più potenza del Denon in quanto già a pochi punti di volume tira fuori tanto dai diffusori, cosa che non accade col Denon che sembra abbastanza “fiacco” almeno fino a 40/100.

Tutti i controlli di toni e le varie equalizzazioni possibili sono state messe in flat, il Denon viaggia in pure direct stereo, il Nad con tutte le regolazioni in flat. 

Interessante il confronto, mi sta appassionando.

Volendo sfruttare ( per la gioia dei vicini) i diffusori il Nad sembra avere qualcosa in più e soprattutto salendo, entrambi, sembra non soffrano di perdita di nitidezza dell’esposizione.

La gamma bassa che tira fuori il NAD è notevole, colpi duri, secchi e precisi allo stomaco...

mia moglie è perplessa...

un saluto a tutti e a presto.

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    286.945
    Discussioni Totali
    6.053.683
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy