Vai al contenuto

papàpaolo

Auto in recovery

Messaggi raccomandati

papàpaolo

Buongiorno a tutti, prendo spunto da quello che mi è successo il primo dell'anno per aprire questa discussione.

Il punto è questo: vi sembra normale che per "preservare" un mezzo meccanico si possa mettere in pericolo delle persone?

La mia C Max, in autostrada, di punto in bianco ha drasticamente perso potenza, andando per l'appunto in recovery, in un tratto in salita e per mia fortuna poche decine di metri prima di un tratto privo di corsia di emergenza! Ripeto, solo per mia fortuna non mi sono ritrovato a 60 Kmh sulla corsia di marcia...

Per la cronaca, l'auto è andata in recovery per il filtro del gasolio sporco, sul display è apparsa la scritta: "Motore guasto riparare subito", ho letto poi sui vari forum che lo stesso problema è capitato a molti, probabilmente il software è tarato in maniera troppo sensibile e il risultato è che ho rischiato, io e la mia famiglia, conseguenze piuttosto gravi...sono veramente incazzato e preoccupato, dovrò andare in fondo alla questione...

PS La macchina era stata tagliandata 20000 Km prima...

PPS Scusate lo sfogo!

Saluti 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
regioweb

credo che il tuo sia un caso limite... un po’ come quando resti a piedi in una galleria autostradale insomma... 

in generale ritengo che i sistemi moderni di recovery siano molto utili

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
papàpaolo
1 minuto fa, regioweb ha scritto:

in generale ritengo che i sistemi moderni di recovery siano molto utili

Saranno utili ma devono essere almeno "tarati" con criterio, la cosa è successa ad altre persone per lo stesso "stupido" problema...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
regioweb

mah, più che la taratura (modificare il valore del livello di “sporcizia” del filtro che mette l’auto in recovery a cosa servirebbe? la legge di murphy dice che se sfiga dev’essere l’inconveniente ti sarebbe capitato comunque in un momento inopportuno...) sarebbe forse utile un sistema “manuale” per disattivare momentaneamente il recovery nelle situazioni limite...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maximo

A parte tutto, è assai probabile che all'ultimo rifornimento abbiano buttato dentro gasolio annacquato ( molto frequente)  unito ad altra sporcizia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
papàpaolo
1 ora fa, maximo ha scritto:

A parte tutto, è assai probabile che all'ultimo rifornimento abbiano buttato dentro gasolio annacquato ( molto frequente)  unito ad altra sporcizia...

Probabile, poco prima avevo fatto rifornimento...

Pagato con carta di credito e scontrino ancora in macchina, la riprendo domani a 50 Km da casa, vedrò cosa fare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maximo
1 ora fa, papàpaolo ha scritto:

Probabile, poco prima avevo fatto rifornimento...

Pagato con carta di credito e scontrino ancora in macchina, la riprendo domani a 50 Km da casa, vedrò cosa fare...

Ottimo. Attendi la diagnosi e poi procedi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
1 ora fa, papàpaolo ha scritto:

Saranno utili ma devono essere almeno "tarati" con criterio, la cosa è successa ad altre persone per lo stesso "stupido" problema...

Concordo,  certi interventi dovrebbero avvenire con un minimo di preavviso. Se il motore poteva andare a piena potenza un secondo prima, anche con il filtro del gasolio sporco, è probabile che potesse farlo anche un secondo dopo. Ciò significa che il sistema di controllo poteva avvisare in modo molto chiaro (beep, display...) che entro un tot di tempo (60 secondi ? 90 ?) avrebbe messo il motore in modalità recovery in modo da dare la possibilità di rallentare e fermarsi in sicurezza.

Ovviamente se sfondi la coppa dell'olio i 60 secondi non ci sono (spacchi tutto prima), ma quando è possibile e non ci sono rischi di rottura immediata non dovrebbe fare un intervento drastico senza dar tempo al guidatore di gestire la situazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
papàpaolo
1 minuto fa, lufranz ha scritto:

Ciò significa che il sistema di controllo poteva avvisare in modo molto chiaro (beep, display...) che entro un tot di tempo (60 secondi ? 90 ?) avrebbe messo il motore in modalità recovery in modo da dare la possibilità di rallentare e fermarsi in sicurezza.

Perfetto!

Pensa invece che prima è andata in recovery e solo dopo qualche secondo è apparso il messaggio sul display...:/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz

No comment. Chi ha scritto il software di gestione è un vero genio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
v15

Scommetto che è la 1.6 tdci (motore del gruppo PSA)...i francesi colpiscono ancora!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
papàpaolo

Hai vinto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tomminno

Anche a me è capitato che l'auto sia finita in recovery in autostrada sempre per colpa del DPF, ma nel mio caso la centralina ha tagliato il motore a 2000 giri, che in sesta comunque mi consentivano di andare sui 110.

Comunque o lo fanno apposta o sono delle vere capre a scrivere il software di gestione del DPF, a me la rigenerazione parte prevalentemente quando abbasso il ritmo di marcia, tipo in uscita al casello con conseguenti elevati fallimenti nelle rigenerazioni. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xalessio

STOP DIESEL

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paranoid.Android
7 minuti fa, xalessio ha scritto:

STOP DIESEL

 Andate a metano! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
papàpaolo

@tomminno 

Dipende dove ti capita, io ero in un tratto in salita, ora non so a quanti giri arrivava ma non ce la faceva proprio ad andare avanti...poi con quel messaggio sul display mi sono anche preoccupato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tokyo
Il 5/1/2018 Alle 00:32, xalessio ha scritto:

STOP DIESEL

+10

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz

Se non avete mai avuto a che fare con un diesel moderno, anche dal punto di vista dell'inquinamento, non è colpa vostra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
xalessio

Il Diesel morirà perché è un motore intrinsecamente  sporco, che è già arrivato al limite di ogni sistema anti inquinamento e non consentirà ulteriori sviluppi normativi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

il motore diesel per sua natura ha perdite di pompaggio riicole e una efficienza molto elevata quind e' un motore ottimo, meno ottimo invece e' il gasolio che non vaporizza ma viene nebulizzato e a ogni gocciolina corrisponde un gramnello di "pulvciscolo" che viene piu' o meno bene trattenuto e/o combusto dai sistemi anti inquinamento

I metodi per avere l'efficienza del diesel con la pulizia del metano ci sono ma sono costruttivamente un po' complicate e soprattutto non avvantaggiano i lobbisti del litio (cina in primis) che puntano quindi su soluazioni ibride e/o elettriche

Una nazione con una certa tradizione nell'utilizzo diffuso del metano (l'italia) poteìrebbe come suol dirsi investire "due lire" sulla tecnoogia diesel / ,etano ma , ancora a oggi, le uniche realizzazioni sono appanaggio di medie zinde che possona fare molto ma certo non influire sul mercato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
papàpaolo

Visto che la discussione ha virato su questo aspetto, su YouTube c'è un video, mi sembra sia andato anche sulle iene, di un meccanico che con una vecchia 156 turbodiesel è riuscito, in maniera un po' rudimentale ma funzionante, a farla andare, oltre che a gasolio, anche a metano e gpl...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tokyo
21 ore fa, lufranz ha scritto:

Se non avete mai avuto a che fare con un diesel moderno, anche dal punto di vista dell'inquinamento, non è colpa vostra.

Vieni a Milano e fatti un giro a piedi o in bici, cambierai idea in 5 minuti.

Il costo per pulire i motori a gasolio e adeguarli alle nuove normative  peseranno il 40% dell'intero costo del motore, fattibile su auto di segmento D , E, non certo per utilitarie e berline compatte.

Un capitolo a parte riguarda poi la corretta manutenzione, da quello che vedo e che respiro la situazione è disastrosa.

ci vorrebbero revisioni serie, ma in Italia penso sia una utopia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Lorenzo67

I Diesel recenti, se ben mantenuti, non emettono alcun odore. Neanche quelli da 12.000 cc dei camion Euro 5 o 6. Quelli vecchi fumano e puzzano.

Anche i benzina vecchi puzzano da far schifo, ma in compenso quelli nuovi, finché il catalizzatore non è a regime, sembrano una camera a gas. Inoltre, anche il catalizzatore ha una vita limitata ma non ho mai sentito di nessuno che lo faccia sostituire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
6 minuti fa, Tokyo ha scritto:

Vieni a Milano e fatti un giro a piedi o in bici, cambierai idea in 5 minuti.

Un conto sono i diesel di ultima generazione, un altro i ferrivecchi in circolazione che andrebbero "cassati", come andrebbero vietate certe carrette a benzina che girano fumando come un treno a carbone e si sentono puzzare da 1Km di distanza, idem per quel che riguarda parecchi mezzi a due ruote. Vogliamo poi parlare di certi camion e autobus ? Uno di loro inquina come 50 motori Euro6, circolano indisturbati lasciandosi dietro scie di fumo nero ma la colpa dell'inquinamento nell'immaginario comune è delle auto.

In compenso il tubo di scarico di una Euro6 dopo 45.000Km è ancora lucido e pulito (guardare quello di un vecchio diesel o anche di un benzina, per confronto), fumate nere non se ne vedono in nessuna situazione, neppure a freddo, e all'avvio non si sentono puzze né tanto meno i fumi che escono dai vecchi motori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Lorenzo67

Ci sono dei vecchi benzina che girano fumando e puzzando di olio fritto come se fossero a 2 tempi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
6 minuti fa, Lorenzo67 ha scritto:

I Diesel recenti, se ben mantenuti, non emettono alcun odore. Neanche quelli da 12.000 cc dei camion Euro 5 o 6. Quelli vecchi fumano e puzzano.

Anche i benzina vecchi puzzano da far schifo, ma in compenso quelli nuovi, finché il catalizzatore non è a regime, sembrano una camera a gas. Inoltre, anche il catalizzatore ha una vita limitata ma non ho mai sentito di nessuno che lo faccia sostituire.

Esatto.

Mi viene da pensare che la campagna mediatica contro i diesel sia pilotata da chi si è reso conto che tale tipo di motore è molto efficiente e duraturo, entrambi fattori che tendono a ridurre i guadagni di chi vende carburante, di chi vende auto e di chi fa manutenzione. Molto più redditizio spingere l'elettrico / ibrido, visto che per produrre le batterie non serve energia e non si produce inquinamento perché crescono sugli alberi, l'energia elettrica per caricarle si produce con un generatore a pedali e una volta giunte a fine vita sono perfettamente biodegradabili a costo zero...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz

MA poi tutto questo cosa c'entra con l'argomento della discussione ? Il pasticcio capitato al nostro amico non dipende mica dal motore diesel, se fosse stato un benzina o metano e la centralina avesse rilevato un problema sarebbe andata in modalità degradata ugualmente. Quindi per quale motivo qualcuno ha scritto "stop diesel", per mandare in vacca la discussione ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tokyo

In teoria ... in teoria , vedo auto anche recenti fumare che è un "piacere",  se usi l'auto prevalentemente in città, non sono sicuro che dopo 45.000 il terminale sia lucido, se vivi in autostrada questo è possibile, ma in città no.

Basterebbero controlli sul territorio cittadino, anche uno ogni 10 autovelox andrebbe bene,  passerebbe velocemente la voglia di TD.

Il parco auto in Italia ha una età media  di 10 anni, come faccio a non maledire questi trattori?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giov.rossi
Il 4/1/2018 Alle 10:55, maximo ha scritto:

A parte tutto, è assai probabile che all'ultimo rifornimento abbiano buttato dentro gasolio annacquato ( molto frequente)  unito ad altra sporcizia...

Potrebbe essere. Qui nel leccese ci sono parecchie macchine in officina causa gasolio sporco. Sta succedendo un caos. E' iniziato lo scaricabarile delle responsabilità. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
hififreelens

Per un semplice fusibile che gestisce il piantone dello sterzo, sono rimasto per strada.

Per fortuna che ero in mezzo al traffico, sennò in corsia di sorpasso non so cosa sarebbe successo.

Ha iniziato a lampeggiare e suonare di tutto, mentre il quadro mi diceva "persa connessione".

Non sapendo cosa fosse successo, ho parcheggiato la macchina a spinta.

Due giorni dopo è stata caricata dal carro attrezzi per portarla alla casa madre dove si è ipotizzata la rottura della centralina.

Il meccanico, invece, accendendo il quadro, ha notato che la spia della chiave non si spengeva, per cui ha pensato che la scheda elettronica della chiave fosse rotta.

Portata la chiave di scorta, non è cambiato nulla... spia sempre accesa e niente messa in moto.

Successivamente si è scoperto che il fusibile che gestisce il piantone era andato in corto. Si pensava fosse partito il piantone ( previsione spesa esagerata ).

Sostituito il fusibile per verificare se fosse andato di nuovo in corto e dare definitivamente la colpa al piantone, il fusibile rimane intatto.

In poche parole c'è stata una momentanea sovratensione che ha fatto partire il fusibile e la cosa non si è ripetuta.

Consegnata al sottoscritto la macchina per una spesa di 30 euro, quando si ipotizzava che la tredicesima fosse ormai destinata alla sostituzione del piantone.

Purtroppo l'elettronica gestisce anche le scemenze e senza appello e molto pericolosamente le auto si fermano.

Il problema non è diesel o no diesel, ormai l'elettronica la fa da padrona.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    286.943
    Discussioni Totali
    6.053.592
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy