Vai al contenuto
  • Annunci

    • K-Tribes Team

      Problemi di login?   31/12/2017

      Scrivici usando il tasto [Contatti] in alto sulla destra.
joe1949

Il Thread dei Giradischi

Messaggi raccomandati

joe1949

emt-948-02.jpg

Salute a tutti, vintagisti e non: in questi ultimi anni il piatto giradischi e il suo software, i dischi neri in vinile, stanno conoscendo una nuova gioventù!

Troppo semplice sarebbe farne una questione di filosofia spicciola del tipo "Il cd è troppo perfettino, il digitale è troppo silenzioso oppure che la mancata gestualità nel riporre e manutenere macchine e vinili ne siano la causa".

In realtà essa va cercata sulla creatività che l' utente di queste macchine può esprimere nell' abbinamento braccio/fonorivelatore/preampli fono, sugli "upgrading" creativi che si possono eseguire sulle basi, i cosidetti "plinti" per dirlo in Italiano, sull' abbinamento, nei casi più specifici, dei bracci alle basi, delle basi ai piedini e così via.

Sia quel che sia, ormai nell' impianto di ogni audiofilo che si rispetti, accanto a un buon lettore cd a 1, 2 o tre telai, farà bella mostra di se un girapadelle più o meno importante, più o meno "esoterico" e più o meno vintage!

Bene, inizio le danze linkando uno dei siti italiani sul tema, tra i più interessanti e precisamente quello di Magnaghi, con esperienza cinquantennale tra Lesa e Panta

http://digilander.libero.it/Magnaghi/Magnaghi turntable/Capitolo 11.htm

E ora spero vi scateniate su: esperienze, marche, modelli, qualità, difetti delle macchine che ganno girare i disconi neri!

Ammessi tutti i modelli, tutte le marche e nazionalità, e benvenuti gli oggetti più rari e più particolari!

Ovviamente sarebbe molto gradita la partecipazione di @Stefano Pasini compatibilmente con i suoi impegni professionali!

SCATENATE L' INFERNO!! (cit. Guido Meda)

Ovviamente graditissimi sono gli auto-costruiti, con foto e spiegazioni!  ;)

  • Melius! 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LaVoceElettrica
22 minuti fa, joe1949 ha scritto:

In realtà essa va cercata sulla creatività che l' utente di queste macchine può esprimere...

Probabilmente per molti è così, ma non per me.

Di apparecchi ne ho solo quattro (già son troppi) e i vari abbinamenti, una volta cercati e trovati, mi guardo bene dal modificarli o "upgradarli", cosa che trovo un gran rottura.

Ci ascolto la musica, niente di più.

Questa naturalmente "in realtà" è solo la mia realtà, che non intendo generalizzare.

A chi la pensa diversamente, buon lavoro!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

@LaVoceElettrica be', con una macchina nuova può essere un comportamento razionale: nemmeno io mi sono sognato di aprire il mio A.T. lp 1240 che mi è stato regalato nuovo di pacca: l' inico "upgrade" da poco in verità, è stata la fabbricazione di un pesetto aggiuntivo in bronzo da infilare dietro al braccio quando ci monto la Denon Dl 103; negli altri gira di casa andiamo dalla  sostituzione delle molle ormai snervate dagli anni nel Thorens td 125/Sme (il peso non dorme mai) e relativa messa in bolla, alla costruzione di macchine, quasi integrale

Uno dei miei autocostruiti (ancora in fase di finitura)

Cant%252525201.JPG&key=59c9ccf8e2c24e233

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

Vi presento il mio 

Sondek lp12 con modifica Funk Firm

Telaio in fibra di carbonio, controtelaio di materiale composito in fibra di carbonio e altro che non ricordo 

Motore in corrente continua 

Trascinamento a cinghia con 3 pulegge 

Alimentatore costituito da un piccolo amplificatore in classe A single ended 

Braccio ittok 

Testina transfiguration Esprit 

Phono naim prefix (modificato dalla naim per la mia testina) interno al giradischi alimentato da hicap  

IMG_20180109_200938.jpg

  • Melius! 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

IMG_20180109_201053.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

L'alimentatore 

IMG_20180109_200951.jpg

  • Melius! 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

Complimenti!!

Le tre pulegge sevono per migliorare al costanza della velocità?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Capa
17 minuti fa, joe1949 ha scritto:

Le tre pulegge sevono per migliorare al costanza della velocità?

No.

E' che fa figo, very british!

B|

:D:D:D

  • ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

Grazie joe 

La costanza di velocità è garantita dell'alimentatore 

Le tre pulegge, di cui solo una è motorizzata, servono per avere una componente risultante nulla della distribuzione di forze sul contropiatto 

Cioè il perno non viene ad essere "tirato" in una direzione 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

@Capa sono di scuola naim...quindi osservante :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Capa

@joe1949 

2 minuti fa, Cano ha scritto:

Le tre pulegge, di cui solo una è motorizzata, servono per avere una componente risultante nulla della distribuzione di forze sul contropiatto 

Cioè il perno non viene ad essere "tirato" in una direzione 

Visto, che ti avevo detto?

:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949
12 minuti fa, Cano ha scritto:

Le tre pulegge, di cui solo una è motorizzata, servono per avere una componente risultante nulla della distribuzione di forze sul contropiatto 

Eh, però e un' idea tutt' altro che peregrina!

Macchine a cinghia e a puleggia "stressano" il perno sempre dallo stesso lato, magari i d.d. oppongono forze più costanti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

@joe1949 il progettista di questa modifica era il progettista dei Pink Triangle 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pimpinotto

@joe1949 Negli anni 80 un'altro costruttore inglese, Voyd, aveva portato alle estreme conseguenze quanto visto sull Linn di Cano, producendo un giradischi a trazione a cinghia con 3 motori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

@Pimpinotto E come li sincronizzi tre motori?

Non capita poi che uno dei tre tira gli altri due?

Secondo me è meglio quello postato da @Cano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
5 ore fa, joe1949 ha scritto:

Ovviamente graditissimi sono gli auto-costruiti, con foto e spiegazioni

da quanto ho letto tu ne possiedi..........allora perchè non iniziare da te le danze con foto e descrizioni?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ab1058

IMG_4286.thumb.JPG.26b76955384405106a40da4336c35f2b.JPGIo ne ho uno a due motori in fase di restauro...

IMG_4284.JPG

IMG_4285.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

@ab1058 Mi "puzza" di macchina pro!... Emt o roba del genere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

Azz... Interessante! Bello anche il braccio in legno!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ab1058

In Europa ne devono aver venduto UNO, quello...

Solo che è un sincrono a 110v, o gli faccio una bella puleggia, no, scusa DUE, o un inverter.

Ho anche due bracci unipivot in legno.

Bello il piatto volano sotto, pesa più di quello sopra... non ho la testina originale, solo il manuale

IMG_4294.JPG

IMG_4292.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

Per le puleggie, una giornata a Valdobbiadene e vediamo cosa riusciamo a fare, ma PRIMA di pranzo, che dopo pranzo si sbagliano le misure!  :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pimpinotto

@joe1949 Quel giradischi a 3 motori (Voyd) è stato prodotto (era piuttosto costoso) e, tra l'altro, recensito dal ns Bebo Moroni sulle pagine di Audioclub di Audio Review. Se non erro, è ancora presente sul mercato come Audio Note TT3img_0567.jpg?resize=660,461&ssl=1

Riguardo il problema della sincronizzazione dei 3 motori, secondo me il problema non si pone più di tanto.
In caso di utilizzo di motori in alternata sincroni, la velocità di rotazione è data dalla frequenza della tensione cui sono alimentati (si presume uguale per tutti e tre) e dal numero di poli (si presume i 3 motori siano uguali); l'unica variabile potrebbero essere le pulegge ma penso che, a certi livelli di prezzo, non ci sia problema a realizzarle tutte uguali con tolleranza bassissima .

In caso di motori alimentati in DC non penso che ci sia grande difficoltà a realizzare un circuito elettronico di servocontrollo che tenga i 3 motori sincronizzati tra di loro.

309listen.2.jpg

download.jpg

  • Melius! 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949
1 ora fa, BEST-GROOVE ha scritto:

da quanto ho letto tu ne possiedi

Ah, be', allora inizio dal primo:

5a55413d089eb_101.thumb.JPG.4517da3e1800535b74fad7b4cf896d1c.JPG

5a554190393f5_102.thumb.JPG.1eb51c27fa0c45592e66f56205c87e00.JPG

Avevo ritovato in condizioni disastrose un Era 444 e di sistemarlo così com' era non mi andava granchè (molti anni dopo mi beccai dell' asino gal buon Federico @tunedguy57 che mi disse che avevo distrutto una macchina ottima)

Comunque l' idea era quella di sfruttare il motore, il piatto il mozzo dell' Era e di montare finalmente quel tanto vituperato braccio Sme III! La macchina è completamente rigida, poggia su punte reolabili e relative contropunte; il telaio è costituito da una spessa e pesante tavola di noce centenaria che è stata opportunamente lavorata e verniciata a poliesteri; il supporto del braccio l' ho ricavato al tornio utilizzando un vecchio pistone proveniente da un OM "Leoncino" degli anni '50

La macchinetta così com' è suona bene, ma l' idea sarebbe di upgradare il telaio, aggiungendo una controbase più pesante, in materiale da stabilire.

Quando era in "servizio attivo" era equpaggiato da una Shure V 15 III con stilo HE, stilo che pensarono bene i ragazzotti amici di mia figlia, di "ciccarmi" la sera della festa di laurea di mia figlia!  :o E questo nonostante li avessi pregati di NON toccare il giradischi per nessun motivo!  :S

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pimpinotto

@ab1058 Per l'alimentazione dei giradischi con motore sincrono, provenienti dagli USA (110V/60Hz), su un Audio Review del 2008, parlarono di una ditta di Roma, la F.I.A.T. che produceva un convertitore 230V/50Hz > 110V/60Hz. Ho provato a consultare il loro sito ma non se ne fa menzione ... magari contattandoli direttamente ...

http://www.fiatrasformatori.it/index.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

@Pimpinotto Penso che costerà molto meno costruire al tornio un paio di pulegge e mettere un trasformatore 230/110 Volt

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
2 ore fa, joe1949 ha scritto:

Azz... Interessante! Bello anche il braccio in legno!

oggetto curioso e direi a mio avviso sopratutto   r a r o ......mai visto uno prima di adesso. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
1 ora fa, joe1949 ha scritto:

Ah, be', allora inizio dal primo:

interessante, ma attualmente è fermo in attesa di up-grading? :o

e gli altri....come sono?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

@BEST-GROOVE Be'h, diciamo che le macchine principali funzionano, ma il bello è anche non terminare del tutto i lavori, lasciandosi sempre qualcosa da fare, altrimenti il gioco finisce; quella prima macchina di cui ho postato la foto comunque funziona regolarmente, solo che è attualmente parcheggiata nella ex camera di mia figlia, nell' impianto Sae-Allison e con su una testina ultra-economica della A.T. a bordo,: visto che lo usava lei, grasso che cola!! :D

P.S: oggi andrò avanti a postare qualche altro accrocco. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ab1058
6 ore fa, BEST-GROOVE ha scritto:

oggetto curioso e direi a mio avviso sopratutto   r a r o ...mai visto uno prima di adesso.

Penso ultra raro.

In rete non si trova praticamente NULLA , solo su VE qualche info sul braccio.

@Pimpinottograzie, avevo già controllato il loro sito e letto un po' in giro.

  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    281.599
    Discussioni Totali
    5.872.347
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×