SimoTocca

Le nuove uscita di musica classica e lirica in formato HiRes e MQA: quali le migliori?

Messaggi raccomandati

giorgiovinyl
4 ore fa, aggelos ha scritto:

ma una fotografia di ozawa con i capelli meno elettrizzati no??

Evidentemente è stata una nona elettrizzante... 😎

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

Chi  segue da anni questa straordinaria voce di soprano, quella di Sandrine Piau, nel repertorio barocco, da Bach a Vivaldi, da Hendel a Stradella con frequenti e sublimi incursioni nel repertorio mozartiano, potrebbe meravigliarsi di ritrovarla impegnata in un repertorio liederistico che spazia dal romanticismo tedesco e arriva ai fasti di Broadway passando per Debussy.

Eppure ascoltando quest’album si rimane incantati, letteralmente, dalla perfezione con cui questa voce riesce a rendere ciascuna doversa scrittura musicale, oltretutto in tre lingue diverse!

Chimera, questa specie di sogno ad occhi aperti, questa ricerca di un animale fantastico inesistente, eppure reso reale e attuale dagli studi genetici moderni che ne dichiarano non solo l’esistenza ma anche un certa frequenza, Chimera dicevo é il titolo più giusto per definire questa intelligentissima impaginazione scelta dalla Piau e spiegata perfettamente nel bel libretto di accompagnamento e corredata da splendide immagini di dipinti e affreschi da vanno dal medioevo alla novecentesca scuola di Vienna.

E la pianista Susan Manoff non solo “riesce ad accompagnare e a sostenere la voce della Piau in maniera inappuntabile, ma conferisce un taglio interpretativo personale che non la relega certo a ruolo di “mera accompagnatrice”.

Bellissima la registrazione in HiRes 24/96 su Qobuz.

9-DA7-DD2-E-8913-4467-84-BB-3-D922-DC4-A

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl

La Piau  l'ho vista venerdì sera cimentarsi su alcune arie di Mozart diretta da Alessandrini. Concerto molto bello.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

@giorgiovinyl 

Infatti anch’io l’ho sempre ascoltata, dal vivo così come da “disco”, su autori barocchi o su Mozart...quindi ascoltarla in questo repertorio é stata una deliziosa sorpresa...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

Stimolato dalla lettura dell’articolo in ultima pagina su Stereophile di Febbraio (già disponibile in formato digitale) in cui il CEO AudioQuest (peraltro un violinista diplomato al conservatorio) analizza la sua esperienza, di ascolto dal vivo di YoYo Ma e ascolto della sua ultima registrazione delle suites di Bach per violoncello, sono anch’io andato a riascoltare questo bellissimo album, uscito pochi mesi fa in formato 24/96 per i tipi della Sony.

Ho in casa, e avevo ascoltato di YoYo Ma, le due registrazioni precedenti delle suites di Bach, trovandole belle interpretazioni ma in qualche modo “non alla stessa suprema altezza” di quelle di Fournier (recentemente rilasciate in formato HiRes 24/96 dalla DG Archiv) o di quelle di Rostropovich (ahimè, ancora non rimasterizzate in HiRes, come invece quasi tutte le altre sue registrazioni per la EMI, perché fatte in formato DDD nativo...).

Ho ascoltato attentamente quest’ultima fatica di Ma e, forse perché suggestionato dalle parole lette, ho trovato questa recente interpretazione, maturata negli anni, nei decenni anzi, all’altezza delle due sopra citate.

E la ripresa audio, certamente molto ravvicinata, da parte della Sony é comunque molto molto bella...basta tenere il volume non troppo alto per far sì che il violoncello di Ma si materializzi magicamente nel proprio salotto...

4581-BC1-A-893-A-458-A-95-C2-F73-B7692-B

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

Si parlava del fatto che non sempre su Tidal e su Qobuz sono segnalate tutte le nuove uscite...

Ecco che per esempio io ho trovato molte registrazioni della Dynamic in formato HiRes 24/96 che prima non ...c’erano! 

Un catalogo molto interessante, che consiglio a tutti di vedere, quello della Dynamic, con questa “chicca” che non conoscevo...

La Messa da Requiem di Donizetti... bella! Fra l’altro con eccellenti solisti fra cui spicca Carmela Remigio...

E una bella ripresa del suono, in una chiesa ampia, molto naturale...

73-DC0-CFA-BE70-4613-915-E-45-FC04-BA9-A

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

Durante gli ultimi 3 o 4 mesi c’é stato un “diluvio” discografico di nuove registrazioni di Sinfonie di Beethoven, e io, da beethoveniano convinto, le ho via via segnalate, anche perché molte davvero di gran pregio (ad iniziare dalla nona di Beethoven diretta da Antonini e la nona diretta da Sanderling, sempre marchiate Sony e sempre in formato HiRes 24/96...e sempre da parte della Sony é in uscita la nona diretta dal giovane Gaffingan...).

Complice una bella influenza stamani sono a casa e mi sono messo a riascoltare il bel cofanetto, uscito a fine Agosto, della Accentus Music, con l’integrale delle nove Sinfonie di Beethoven dirette da Blomstedt con la Gewandhaus Orchester di Lipsia.

Vista l’eccezionalità dell’impresa ero certo di averlo già segnalato qui sopra, e sono andato a vedere i posts passati uno per uno...ma niente, mi sbagliavo! E quindi corro ai ripari stamani.

Perché “corro”? Perché intanto una integrale beethoveniana con l’orchestra di Lipsia non é cosa da tutti i giorni e le sue tre integrali discografiche precedenti sono state tutte “casi straordinari” ricordati negli anni a venire.

Sto parlando dell’integrale degli anni ‘50- ‘60, quando Lipsia era parte della Germania Est e Franz Konwitschny era il rispettato direttore: é una integrale ancora oggi di gran pregio, anche discografico, ascoltabile in HiRes e marchiata Berlin Classics.

Ma sto parlando anche dell’integrale diretta da Masur, che negli anni ‘70 portò questa orchestra a nuovi fasti internazionali ed ad un livello di perfezione tecnica da rivaleggiare con quello dei Berliner.

E parlo infine dell’integrale per la Decca che il nostro Riccardo Chailly ha registrato solo pochi anni fa, una registrazione Decca molto bella (ancora non disponibile in HiRes, peccato!) e che fece molto scalpore per i tempi rapidi “tenuti” con il metronomo originale beethoveniano..

Ed eccoci a questa ultima integrale, disponibile in formato HiRes 24/48 e registrata davvero bene dalla Accentus, dal 2014 al 2017.

Sul podio un “arzillo novantenne”, Blomstedt che...con la musica di Beethoven sprizza giovinezza da tutti i pori!

Anche i suoi tempi infatti sono rapidi (meno che di quelli di Chailly a dire il vero...) e c’é un rispetto in questo della tradizione che si richiama a Mendelssohn stesso (anche come direttore di questa orchestra) e risale fino a Toscanini (che Blomstedt giudica un modernissimo e coraggioso precursore, mentre giudica Furtwangler interessante ma sui una strada morta...!).

Una grande integrale insomma, sia per l’interpretazione data da uno dei più grandi direttori viventi, sia per la scintillante interpretazione dell’orchestra di Lipsia, sia infine per la tecnica di registrazione sopraffina e che regala un suono sempre bellissimo e naturale (nel senso di arioso e con grande spazalitá, senza eccessiva compressione dinamica...) dalla prima all’ultima nota...

Insomma una integrale da 10 cum laude ...

483-D2763-D3-DE-44-D2-81-C3-21-D5-DA9788

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

un disco che consiglio a prescindere dalla registrazione in hires (che in ogni caso e presente) e quello di marina rebeka.

E brava brava.

anche la registrazione e di tutto rispetto come oramai gran parte delle registrazioni di recente uscita che sono sempre di livello piu che accettabile.

download.jpeg.7e49d9d053ffb55fecb48d55d2d3e77d.jpeg

vista da vicino però non e poi cosi bella...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

@aggelos 

Mi pare di averla ascoltata dal vivo un paio di anni fa... ma quest’album non lo conosco...

Che cosa canta la Rebeka? Brani da opere o cosa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

Uscite importati questa settimana... e prima di tutto cito questo “cofanetto” digitale con l’integrale delle Sinfonie di Sibelius eseguite dall’orchestra di Parigi sotto la bacchetta di Paavo Järvi.

Perche per primo? Perché questa integrale é un evento discografico importante, in quanto Järvi é uno dei migliori direttori del mondo, fra i primi tre per essere esatti nel repertorio russo (Shostakovich in particolare) e negli autori nordici (Nielsen e Sibelius in primis).

Ho ascoltato dal vivo a Parigi, alla Philharmonie, Järvi dirigere proprio la quarta sinfonia e allora ne rimasi impressionato, per il suono bellissimo certo che emanava dall’orchestra di Parigi, ma anche per la profondità interpretativa (un Sibelius meno “nazionalista” e più “naturalista”).

Questa integrale di Paavo Järvi va a collocarsi diritta diritta nell’Empireo delle integrali delle Sinfonie di Sibelius, giusto insieme a quella di suo padre Neeme con l’orchestra di Göteborg ( e alle “quasi” integrali di Karajan con i Berliner e di Bernstein con i Wiener per la DG).

La Sony, sotto copertura per etichetta RCA, é riuscita a “catturare” perfettamente il suono dell’orchestra di Parigi, suntuoso ma mai debordante, e in formato HiRes su Qobuz  24/96 suona in maniera sorprendente.

Ascolto raccomandatissimo...

9-A8-F58-EB-9-CD6-4-C5-D-A4-EF-6-FC39370

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

Ma parlando delle Sinfonie di Sibelius non si può non ricordare che sempre questa settimana inizia il “viaggio sonoro” del giovane direttore finlandese “a bordo” della sua nuova scintillante macchina sinfonica, quella di Göteborg per l’appunto, resa celebre da Järvi padre ...

Il confronto con la prima sinfonia di Sibelius interpretata da Paavo Järvi fa emergere differenze abissali di impostazione sonora, di tempi, anche all’interno di un medesimo movimento.

L’intepretazione del giovane Rouvali (ascoltato e molto applaudito dal vivo a Londra con la  Philharmonia) é tesa e “tagliente” per la precisione degli attacchi, per la scelta dell’equilibrio sonoro fra fiati e archi, pressoché miracoloso...

Insomma una interpretazione alternativa e assai diversa rispetto a quella di Paavo Järvi, che non é meno bella.

Non meno bella anche dal punto di vista audiofilo, perché anche questa in formato 24/96 e anche questa registrata con grande maestria dalla Alpha, ad evidenziare i minimi dettagli orchestrali.

D7563-AE6-1559-48-D4-B869-ACD87-AF0-E74-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

@SimoTocca questi ultime segnalazioni sono due chicche...quasi quasi compro i cd!! entrambi non sono ancora usciti...sono in preorder...magari fra un 3-4 mesi quando il prezzo scenderà.

...e un recital, arie da bellini, donizetti (quello che ho apprezzato di piu) e spontini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Esiste un’applicazione per ios della goteborg symphony con tanti concerti gratis.

con apple tv si ha la possibilita’ di verderli in grande e sentirli bene.

anche la philarmonie di paris ne ha uno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
antoarma

Non vedo l'ora di mettere le mani sull'integrale delle sinfonie di Sibelius fatta da Jarvi jr. In questo casi i miei "parametri" sono diversi rispetto a SimoTocca. Se cercate una versione "finnish" doc puntate a Segerstam e alla Filarmonica di Helsinki. Per un'interpretazione classica, ben suonante e con gli archi a livelli stratosferici date una sbirciatina audio a Gibson con la Scottish National Orchestra. Infine per i cultori dell'Hi-Res è d'obbligo un passaggio a Minnesota per saggiare la prova di Vanska: tempi dilatati, tensione alle stelle e dinamica "pazzesca". Buon confronto a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl

Di Vanska però è superiore la prima integrale, quella con l’orchestra di Lathi, con la stessa orchestra  in HiRes c’è Kamu. 

Ottimi risultati in Sibelius hanno ottenuto spesso i direttori inglesi: Batbirolli, Colin Davis è anche il giovane Rattle. Bellissima anchevlintegrale del giovane Maazel con i Wiener...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
SimoTocca

@giorgiovinyl 

Sono perfettamente d’accordo con te, sia su Davis (ricordo in HiRes 24/96 la sua ultima integrale delle Sinfonie di Sibelius con la London Symphony, ed. LSO), che su Rattle (l’integrale con i Berliner, in 24/48, ancora non disponibile per lo streaming su Qobuz, ma disponibile in 16/44 su Tidal) e sopratutto con Maazel che ha diretto da “giovane” i Wiener in una registrazione delle 7 Sinfonie ancora oggi un riferimento (abbastanza recente la rimasterizzazione Decca a 24/96 disponibile in HiRes su Qobuz e in MQA su Tidal).

Confermo tuttavia le mie “preferenze assolute” per Karajan, per il suo Sibelius elegantissimo e raffinato e per il “vecchio Bernstein” con i Wiener, un Sibelius lento e dolente, ma di una bellezza struggente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl

Su Karajan sono d'accordo, sopratutto le ultime quattro incise con la DG negli anni 70. Di Bernstein mi ricordo incisioni particolari, un po' come il suo Ciakowski, ma di Lenny non si butta mai via niente. Pero secondo me le due Lathi, Vanska e Kamu sono tra le migliori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    291.592
    Discussioni Totali
    6.237.323
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us