Vai al contenuto

briandinazareth

politica ed economia L'ultimo stadio di Trump

Messaggi raccomandati

nullo

Eh, no... un momento, si scherza, ma fino ad un certo punto.

abbiamo posizioni come quelle del Giovane leone che hanno coerenza da vendere, non è detto che le si debba condividere ( e io non le condivido, mi piace un mondo diverso), ma nulla da eccepire al riguardo la logica a supporto di tali posizioni.

abbiamo invece  posizioni come quelle dei rappresentanti della sinistra attuale quella citata da Cinemascope( bada che la ritengo la rappresentanza di una sinistra equilibrata assolutamente necessaria in una società sana), che invece oggi ti portano a spasso con bellissimi spunti e voli pindarici che, ancorché validi presi singolarmente, non stanno assieme in modo organico ormai anni e, sopratutto, non legano con quello che si continua ad affermare essere il retroterra culturale su cui si basano siffatti pilastri. Un inutile brodo in cui ormai sempre meno trovano qualcosa che serva a superare le difficoltà contingenti , qualcosa in cui cercare il necessario supporto e forme guida.

il conseguente distacco di larghe masse è sotto gli occhi di tutti, masse che poi si rivolgono alle sirene di turno.

mai visto in precedenza (da quella parte politica) gli odierni atteggiamenti iperliberisti e basati su una concorrenza insostenibile dai più, frutto di una sbornia totale. Tanto vale cambiare bandiera e adeguare il sistema di valore di conseguenza.

rimane il fatto che poi questi elettori senza rappresentanza votano in percentuale preoccupante i Trump, i Salvini e i Grillo... inutile poi lamentarsi dell'educazione e incapacità dei Trump, dei Salvini dei Grillo.

generi i problemi per la TUA ineguatezza a rappresentare certi interessi e poi ti lamenti delle conseguenze del TUO fallimento?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Van Katten

@Audio :La diminuzione dell'aliquota fiscale è da considerare positiva in un'ottica a medio-lungo periodo. Ora come ora prevale il "più che si può e subito"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nullo
5 minuti fa, audio2 ha scritto:

si ma a parte i massoni, proprio ieri sera visita dal fiscalista abbiamo parlato di questo. se non vogliono tagliare le spese, cos' altro tagli:

- le pensioni alte ? hanno già detto di no

- la sanità ?

- gli stipendi degli statali ? li hanno appena aumentati

- oppure aumenteranno ancora come già fatto tariffe e servizi vari, ticket, pedaggi, iva ecc ecc

- si prospetta invece un condono fiscale e/o una patrimoniale pesante su titoli  e depositi

la verità è che siamo un paese semi fallito, che sta su grazie a draghi e al risparmio privato, che prima o poi verrà aggredito

Amen

ite missa est 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nullo
1 minuto fa, Van Katten ha scritto:

La diminuzione dell'aliquota fiscale è da considerare positiva in un'ottica a medio-lungo periodo. Ora come ora prevale il "più che si può e subito"

Quando hai come concorrente fiscale il Lussemburgo hai voglia a fare sconti.

è che il Lussemburgo andrebbe bombardato in un mondo civile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
audio2
9 minuti fa, nullo ha scritto:

il conseguente distacco di larghe masse è sotto gli occhi di tutti, masse che poi si rivolgono alle sirene di turno

si ma a parte il retroterra, questa intellighenzia di sinistra manco si rende conto che una sinistra, chessò parliamo di leu, non ha alcuna credibilità. un partito verticista fondato dalla seconda e dalla terza carica dello stato con il retroterra che hanno, che vorrebbe dirsi innovativo e progressista. ma fatemi il piacere.

5 minuti fa, nullo ha scritto:

è che il Lussemburgo andrebbe bombardato in un mondo civile

ma anche in uno incivile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Viste le dimensioni con un pacchetto di raudi si risolve.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nullo
1 ora fa, Panurge ha scritto:

Viste le dimensioni con un pacchetto di raudi si risolve.

Mica tanto, hanno ombrelli appositi, quelli che contano cercano i soldi della evasione ovunque tranne li, magari solo perché lì ci sono i soldi di quelli che contano... magari...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
audio2

togliamo il magari ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GiovaneLeone

Il concetto di economia di qualcuno si risolve nel "prendiamoli a chi li ha (saputi fare)".

Poi ci si lamenta che chi li ha chiude una fabbrica a Torino e la apre in repubblica ceca o in vietnam.

Ci si lamenta che chi li ha piuttosto li sotterra in Bitcoin

Si continui pure ad incazzarsi coi negri e con chi sa creare ricchezza.

Si votino pure i propri campioni difensori di razza bianca e gettito fiscale.

Al mondo fotte zero. Anche quest'anno crescerà ben oltre il 4% grazie a Dio ed agli uomini di buona volontà

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nullo

Oddio, questa è un poco tirata i capelli, quindi prima NON cresceva perché i socialisti volevano i soldi degli altri?

puoi dare e fare di più.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GiovaneLeone

non i socialisti. Tutti quelli che non son capaci a camparsi da sé. 

il mondo è sempre cresciuto e molto anche.

È l'italietta che dagli anni 80 si sta mangiando quello che avevano fatto prima in welfare e regalie.

Anche adesso, 2018, ben ultima dietro abbondantemente persino a GR e P

Le elezioni da 30 anni servono solo per decidere come dare la caccia al pollo che ha qualche piuma addosso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nullo

Ok...ma...

Non saltare di palo in frasca, sennò non ti seguo, stavi parlando del mondo... perché non cresceva prima?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Poco fertilizzante e rete trasporti troppo costosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GiovaneLeone
1 hour ago, nullo said:

Ok...ma...

Non saltare di palo in frasca, sennò non ti seguo, stavi parlando del mondo... perché non cresceva prima?

Ho scritto che il mondo non ha mai smesso di crescere.

Mi fermo solo al 2009. In recessione c'è andato solo il primo mondo solo per il 2009, il resto no e nonostante questo il PIL mondiale non è andato sotto zero nemmeno nel 2009.

Sai quanto fa il compound rate di questa curva qua sotto? 70% di crescita in 15 anni (rounded).

Da 100 a 170. 

Dal buco della serratura cosa si vede invece? 

image.png.0319fe669e4070cef725903ec08e1cc7.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nullo

La Germania non spende meno in regalie... magari meglio, ma non certo meno, il discorso verteva sulla presenza dei socialisti vs iper liberisti, la crescita mondiale è partita per altro... come la crisi nelle democrazie...e non ho capito perché dovrei guardare dal buco della serratura, vedo quello che vedono gli altri, magari ci metto pure due soldi come fanno gli altri nella speranza di guadagnarci e non mi dimentico mai di questo:

goldcore_chart4_14-05-15.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nullo

Ho notato pure la piega del debito in corrispondenza della mancata crescita...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
JohnLee

@Van Katten l'ekonomia USA va meglio di prima grazie al GROSSO lavoro fatto da Obama, non alle sparate fatte da Donald negli ultimi mesi.

Gli effetti dei 'cambiamenti' di Trump si vedranno almeno tra un annetto o (più probabilmente) due: gli USA sono grandini, l'economia ha un 'minimo' di inerzia, non è un go-kart che se dai un colpo di sterzo gira. 

Non è detto che saranno cambiamenti in peggio, magari è un genio e ha trovato veramente la ricetta magica, ma il fatto che da un paio d'anni non vedo più qualche famiglia con i mobili buttati sul marciapiede dallo sceriffo e che se devo cambiare auto (purtroppo per me..) non posso scegliere tra piazzali pieni di bmw e audi di 6 mesi riappropriate e vendute a costo di realizzo va ascritto a quanto fatto dall'amministrazione Obama per rimediare al disastro ereditato ed esploso con la crisi del 2008.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GiovaneLeone

@JohnLee 

vivi in USA tu?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
JohnLee
Just now, GiovaneLeone said:

vivi in USA tu?

metà e metà. Ho famiglia laggiù e ci passo circa 1/3 dell'anno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GiovaneLeone

Grazie. Era una curiosità data dai tuoi interventi.

Se vuoi... dove pensi si viva meglio? e magari perché :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mchiorri
Il 12/1/2018 Alle 12:24, lufranz ha scritto:

Alè, si ricomincia !

O Luca il volemose bene è durato poco.

Chissà che dirà la moderazione?

continuo la lettura, che ho notato diverse sorprese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mchiorri
Il 12/1/2018 Alle 16:24, pino ha scritto:

non hanno mai avuto effetti positivi sul popolame.

popolame è un neologismo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
armanesh
30 minuti fa, JohnLee ha scritto:

gli USA sono grandini, l'economia ha un 'minimo' di inerzia, non è un go-kart che se dai un colpo di sterzo gira

Esatto , e credo che  queste dinamiche siano le stesse in tutti i paesi. Per valutare l' operato di qualsiasi compagine governativa occorrono almeno due anni, onde valutare gli effetti delle misure intraprese sul medio periodo; solo i mercati finanziari, in primis la Borsa, sono più condizionabili  e risentono dei contraccolpi provenienti dall' esterno  anche sul breve periodo.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz
2 minuti fa, mchiorri ha scritto:

Luca il volemose bene è durato poco.

be', era prevedibile...

Propongo al KTT di creare una sezione "scommesse", apro la prima io: il divieto di trattare certi argomenti verrà ripristinato prima o dopo una settimana a partire da adesso ?

Mi candido come allibrat... ehm, volevo dire moderatore della sezione :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mchiorri

sono arrivato alla 3° pagina ma RobertoM ni sembra Napalm54... senza offesa eh!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
JohnLee
55 minutes ago, GiovaneLeone said:

Grazie. Era una curiosità data dai tuoi interventi.

Se vuoi... dove pensi si viva meglio? e magari perché

è una risposta non semplice, diciamo che in estrema sintesi 'dipende'. Per essere esaustiva avrebbe bisogno di qualche ora e di una bottiglia di rosso.

In sintesi meno estrema, dipende dal tuo reddito e dalla tua situazione famigliare

Economicamente, se sei un professionista/dirigente single con reddito sopra i 180k/anno (fatturato personale o costo aziendale, non RAL)  quasi sicuramente stai meglio in USA, se sei una famiglia media con due stipendi da impiegato e un paio di figli da mandare a scuola stai nettamente meglio in Italia.

Come stile di vita in generale siamo abbastanza comparabili, le differenze ci sono ma sono facilmente assorbibili e gestibili. Alcune cose funzionano decisamente meglio, altre funzionano peggio.

Almeno queste sono le mie impressioni per la parte di Italie e USA che conosco e che ho vissuto.

PS: Sulla qualità e varietà del cibo non c'è storia... :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pino

@mchiorri il popolame è la moltitudine,che non conta,che subisce,e raccoglie i cocci,dei disastri provocati dal Narciso Super'omista   di turno .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mchiorri

@pino Si, era chiaro il concetto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy