Vai al contenuto

edmondo77

Quella genialata del Minidisc, una sorgente scomparsa troppo in fretta.

Messaggi raccomandati

edmondo77

Ciao ragazzi, è probabilmente la meno vintage delle nostre sorgenti (scomparsa solo nel 2013) ma vista la velocità di cambiamento della tecnologia, è come se lo fosse!

Che dire del Minidisc? Che senza dubbio era ad un passo dalla perfetta realizzazione delle esigenze di versatilità e portabilità. L'mp3 non gli ha dato il tempo, ma noi si.

Fate conoscere la vostra esperienza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
parehouse

Ho questo

preso nuovo, ho ancora la sua scatola

ma lo usato troppo poco per giudicarlo

20180121_222848_LLS.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
edmondo77

Bello!!! In tipico stile Teac serie 8030 per le piastre a cassette! Funziona ancora bene? In che anno l'hai preso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
parehouse

Bello è bello, se funziona non so perché non lo uso praticamente da quando l'ho comprato. Comunque si accende

la foto l ho fatta settimana scorsa

Essendo un malato di elettroniche appena uscito me lo sono regalato ma dopo due o tre dischi non ho più approfondito

magari grazie a voi mi torna la scimmia^_^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
edmondo77

Ma si che te la facciamo tornare! Io sono il mago delle tentazioni...e magari non sarai il solo!! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

Anch' io sono un novello utente (da ieri) ma devo ancora cominciare a smanettarci su, comunque sembrano avere delle grosse potenzialità questi dischetti, oltre ad un suono praticamente indistinguibile dalla sorgente: queste macchine hanno avuto un grosso successo presso i professionisti del piano bar, e questo fino alla massificazione del pc, per le basi musicali

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nirone95

Le riviste del settore agli inizi dei 90 ne parlavano un gran bene, tessevano le lodi alla sorgente del futuro, qualcuno ipotizzava macchine distributrici di minidisc come se fossero bibite, ma poi sappiamo come è andata, peccato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pserci

Personalmente preferisco la DCC al Minidisc, almeno nelle prime serie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
emaspac

la Sony in quegli anni aveva la sindrome "l'abbiamo inventato noi"

bel prodotto, ma ha dovuto fare i conti con la miniaturizzazione del PC e con i suoi formati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

Alla fine, dopo due portatili, sono approdato a questo. C'è da dire che i primi modelli di minidisc soffrivano del fatto che il suo compressore, l'ATRAC, non era così perfezionato e prestazionale come il PASC (il compressore adottato nella DCC). Il mio primo minidisc portatile ha una delle prime versioni dell'ATRAC; il registratore Tascam in foto dispone dell'ultima versione dell'ATRAC, la 4.1, che praticamente "pareggia" le prestazioni del PASC (che non ha mai variato versione, andava già benissimo fin dall'inizio). Infatti è veramente un bel sentire; come tutti i sistemi compressi (MP3 compreso) mostra la corda solo con la musica classica, in cui si sente la mancanza di ambienza, di armoniche superiori, non so come spiegarmi, manca quel senso di ariosità che danno le (ottime) registrazioni non compresse. Per il resto, è estremamente versatile, comodo nell'uso come un CD, portatilissimo, leggero, indistruttibile a meno di aprire i supporti, con funzioni di editing dei brani pazzesche - si può dividere un brano per poi ricomporlo con altri diversi - insomma una genialata, come ha detto correttamente Edmondo che ha aperto la discussione. Vi segnalo un bel sito sul minidisc, per ovvie ragioni praticamente non più manutenuto, ma che a tutt'oggi costituisce la maggior fonte di informazioni su questo formato:

www.minidisc.org

MD-801RmkII_PB.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949

Non è stato ne il primo ne l' ultimo sistema a naufragare a favore di questo o di quel sistema: Elcaset, Dcc, Sacd, Dvd audio gli fanno una mesta compagnia, prtroppo! Per quanto riguarda il mio parere strettamente personale, il mini disc è una macchina meno rognosa del Dcc, assai meno complessa e meno soggetta a grane, @pserci mi perdonerà ma non la pensiamo alla stessa maniera, questa volta!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

OT. Veramente un peccato che si sia affossato sia il SACD che il DVD-Audio, formati veramente spettacolari come resa audio. Con questi formati, anche sistemi non necessariamente super high-end sfornano prestazioni magnifiche. Chi ha ascoltato a casa mia, in multicanale, "Brothers in arms" dei Dire Straits, "The Nightfly" di Donald Fagen o "Gaucho" degli Steely Dan per citarne alcuni, se ne è tornato a casa con la mascella caduta. E dire che ho un sistema multicanale buono, ma non eccelso... Fine OT.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate
21 minuti fa, goodmax ha scritto:

i sacd li sfornano ancora ( soprattutto nella classica)

La musica che mi interessa di meno... sigh!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
joe1949
47 minuti fa, goodmax ha scritto:

x joe: i sacd li sfornano ancora ( soprattutto nella classica) così come i lettori che li leggono

Si, ma a questo punto conviene acquistare una macchina che li legge, visto il catalogo non proprio nutrito, oppure andare direttamente di liquida? (pardon per l' o.t.)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
d-roby
1 ora fa, ediate ha scritto:

OT. Veramente un peccato che si sia affossato sia il SACD che il DVD-Audio, formati veramente spettacolari come resa audio. Con questi formati, anche sistemi non necessariamente super high-end sfornano prestazioni magnifiche. Chi ha ascoltato a casa mia, in multicanale, "Brothers in arms" dei Dire Straits, "The Nightfly" di Donald Fagen o "Gaucho" degli Steely Dan per citarne alcuni, se ne è tornato a casa con la mascella caduta. E dire che ho un sistema multicanale buono, ma non eccelso... Fine OT.

Belin hai gli stessi miei gusti musicali!  (scusate l'OT e la" licenza poetica"  ma intanto da noi a Genova non è considerata una parolaccia) ..;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pserci
1 ora fa, joe1949 ha scritto:

@pserci mi perdonerà ma non la pensiamo alla stessa maniera, questa volta!

Io non devo perdonare nulla...il mondo è bello e resiste perché vario... a livello di affidabilità, quei supporti magnetoottici (minidisc) e le DCC hanno la stessa identica affidabilità. HO visto in egual misura apparecchi di tutte le due categorie con gli stessi difetti. Quando parlo di "preferenza" sul supporto DCC mi riferisco in primis alla codifica PASC 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
edmondo77

Allora ve la metto più seria e difficile: Che voi sappiate...hanno mai fatto una macchina da impianto stabile dotata di codifica Atrac3Plus (l'Hi- MD per intenderci) e cioè uguale all'originale? O esiste solo in formato portatile?

perché in quel caso sarebbe da avere assolutamente...praticamente un Dat su Minidisc!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
willyllino

Ecco il mio. Grande sistema per registrazione amatoriale, praticamente indistinguibile dall originale, forse solo scena un po meno profonda. Ho anche il modello portatile tipo walkman.

WP_20180203_14_49_08_Pro.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

@d-roby "Belin" per i genovesi è affrancato come "minchia" per i siciliani... in fondo, si tratta dello stesso "animale"!!!!! xD

Tornando in tema, vi assicuro che l'ultima codifica ATRAC tira fuori un sound praticamente indistinguibile dall'originale, un po' come ascoltare un MP3 ad almeno 320Kb, ma la praticità dell'editing del minidisc è ineguagliabile. Sull'Hi-MD sono perplesso... a quel punto, meglio e più economico registrare direttamente su CD.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
edmondo77

@ediate Allora, sul costo dei supporti per Hi MD e cioè i dischetti da 1Gb, è vero, hanno un costo che le nostre cassette Metal anche top gamma rabbrividiscono. Confezione da 3 vergini: 226€ su ebay.

Ma mi chiedo, i MD portatili si possono collegare allo stereo? Nel senso...possono essere usati come fossero fissi e registrare? Hanno i connettori Rca?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vizegraf

Questo è il mio acquistato mi pare nel 95/96, probabilmente entry level.

Da qualche mese non funziona più, secondo voi vale la pena di farlo riparare?

IMG_2606.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

@edmondo77 

5 minuti fa, edmondo77 ha scritto:

Ma mi chiedo, i MD portatili si possono collegare allo stereo? Nel senso...possono essere usati come fossero fissi e registrare? Hanno i connettori Rca?

Hanno dei connettori di uscita come i mini jack delle cuffie. Basta comprare un cavetto da mini jack a due pin RCA e il collegamento è fatto. Per il collegamento in entrata hanno bisogno di uno speciale cavo ottico che era fornito in dotazione (almeno, me lo diedero con il Sony MR-Z55), con cui registrano in digitale, lo stesso cavo di cui ho parlato sopra per l'ingresso analogico. Occhio che, se non ricordo male, l'uscita è "sotto volume".... Appena sono a casa ti fotografo il cavetto ottico e lo posto qui.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ediate

@vizegraf Secondo me, la cosa più complicata è trovare qualcuno che ci sappia mettere le mani dentro... forse, se proprio ci tieni, conviene ricomprarlo funzionante su ebay.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vizegraf

@ediate Mi sa che hai ragione ! Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TheoTks
23 minuti fa, vizegraf ha scritto:

secondo voi vale la pena di farlo riparare?

Che difetto presenta?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vizegraf

@TheoTks Leggeva normalmente i dischi "originali" e quelli registrati da me, ma se inserivo un md per registrare apparentemente lo faceva, ma poi, reinserito il md per ascoltarlo, mi diceva che il disco non era leggibile. Successivamente pur mostrando la luce rossa (stand by) se premo il pulsante di accensione non da luce verde e non si accende. Grazie per l'interessamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Robbie

Io ho a casa un portatile Sharp che avevo preso quando facevo il liceo e una piastra Sony abbastanza figa, con addirittura l'ingresso tastiera per titolare i brani. Da ragazzetto mi ci sono divertito non poco... Operando sulla TOC si poteva ottenere qualsiasi editing!

Il portatile lo devo aver utilizzato anche per registrare qualche concerto con dei microfoni binaurali autocostruiti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goodmax

@joe1949 

be' dipende da quanti sacd hai o intendi acquistare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
liboize

Io ho questo Sony MDM-X4 a quattro tracce , per usarlo abbinato ad un impianto per la proiezione in dissolvenza di diapositive (diaporama) con due proiettori Carousel e centralina Dataton.

Peccato che la fotografia digitale rese il tutto obsoleto dopo pochi anni .

immagine.png.861eff1704d98aa7010d83cc753c5835.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    282.572
    Discussioni Totali
    5.884.454
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×