Vai al contenuto
Melius Club

minollo63

"L'altra" musica italiana

Messaggi raccomandati

minollo63

Sarà perché si sta avvicinando l'appuntamento annuale con San Remo, sarà anche perché su questo forum non si parla mai di musica italiana che non sia legata ai soliti nomi di cantautori, cantanti pop e di musica leggera ma mi è venuto in mente di iniziare questo nuovo thread, su un argomento che magari è già stato trattato in precedenza, ma del quale ultimamente si è parlato poco.

Insomma questo thread avrebbe il compito di mettere in primo piano la "nuova" musica italiana mettendo in vetrina, per così dire, le novità che si allontanano dai classici circuiti mainstream e che magari non hanno grande visibilità.

Sono ben accetti gli interventi di tutti, con le loro proposte, basta che abbiano l'intento di presentare nuovi artisti solisti o con band che hanno inciso dei dischi ma che la loro conoscenza non è proprio delle più diffuse.

Stiamo a vedere se ne viene fuori qualcosa di interessante per tutti.

Inizio subito io con un gruppo di post rock che si riallaccia a sonorità progressive e psichedeliche.

Sono romani, si chiamano Vonneumann e il disco si intitola "Norn"

ciao (e vediamo se funziona !)

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Di tutt'altro genere il prossimo gruppo che vi voglio sottoporre.

Sono i Bee Bee Sea e sono al loro secondo disco intitolato "Sonic boomerang" che già dal titolo fa intuire che il loro genere è il rock'n'roll più "selvaggio" e sporco nella più classica tradizione dell garage band americane.

ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Ancora un cambio di genere, passando ad un'artista femminile dalla voce eterea che ricama su trame elettroniche che dipingono uno sfondo dai contorni sfumati.

Si fa chiamare LIM (ma il suo vero nome è Sofia Gallotti) e il suo ultimo lavoro porta il titolo di "Higher living"

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Sperando di aver suscitato almeno un po' di curiosità in alcuni di voi con le proposte precedenti, io mi fermo qui per oggi, anche per non bruciare tutte le mie proposte in un colpo solo e chiudo (ma mi aspetto tanti altri interventi interessanti) con un nome forse più conosciuto dei precedenti ma che comunque non è solito leggere e ascoltare su questi lidi, inoltre canta in italiano che non è poco visto l'argomento del thread !

Si fa chiamare Cosmo e il suo ultimo disco è intitolato "Cosmotronic" dove c'è un'attenzione particolare ai suoni elettronici quasi anni '90 oltre ai suoi testi quando presenti.

ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rinop69

Ottima idea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Sperando di non rimanere solo in questa piccola impresa, continuo a proporre artisti italiani che sono poco o niente conosciuti ma che secondo me possono avere un futuro interessante. e per i quali vale la pena ascoltare qualcosa.

Come questi Yombe, duo che arriva dalla Campania ed ha un sound che non ha nulla da invidiare ai colleghi d'oltre oceano, il loro disco uscito di recente si intitola "Goood".

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

Io non ho mai seguito molto la musica italiana nè pop nè rock (a parte la golden age del prog italiano) ma comunque anche in Italia c'è parecchia roba interessante (come i Miei amati Julie's Haircut di cui si è già parlato o i Calibro 35 di cui si è parlato nei dischi del 2018) e poi ultimamente grazie all'insistenza di un mio amico mi ci mi sto piano piano avvicinando.

Per prima cosa voglio segnalare due gruppi più vicini ai miei gusti e che vengono inseriti nel filone denoaminato (non so da chi...) Italian Occult Psychedelia.

Gli italiani con sede a Berlino In Zaire

Dal veneto gli Squadra Omega

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

Poi un paio di segnalazioni ricevute dal suddetto amico e che avendo apprezzato vi giro.

Alessandro Fiori

Giovanni Succi - Con Ghiaccio (più noto per essere il cantante dei Bachi Da Pietra che ho in lista d'ascolto)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

Buonanoitte infine due proposte anglofone ma italianissime.

Dietro il nome Mimes Of Wine si cela l'italiana Laura Loriga

L'interessantissimo disco omonimo dei toscni Blue Willa è prodotto nientemeno che da Carla bozulich e si sente!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rinop69

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gbale

Io volevo sapere invece quanti di voi nellanseconda metà degli anni 80 hanno conosciuto gli Overload. ..diciamo quella formazione capitanata dalla mente di V.

 Nistri e durata solo un ep omonimo ma secondo me bellissimo. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@Rinop69 @rael71 grazie per i vostri primi interventi molto interessanti e nel perfetto spirito del thread. Alcuni li conoscevo già avendoli incontrati sulla mia strada musicale, altri invece sono una bella scoperta.

@gbale non conosco gli Overload che citi ma cercherò di approfondire la questione dato che ora con internet è decisamente più facile trovare informazioni avendo il giusto input.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Oggi vi propongo un'altra band che propone un blues sporcato da influenze stoner, desert-rock e shoegaze mischiate assieme in un cocktail musicale oscuro e polveroso in quello che è il loro nuovo disco intitolato "Shine". Si chiamano Neko At Stella.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Massì, volevo rammentare un certo Bob Corn, un artista musicista libero e leggiadro di mente fantasiosa che canta e suona ovunque,

anche in cucina o dentro un locale di barbiere se chiamato. Anche solo perciò Bob Corn quel vecchio romagnolo mi sta simpatico.

Ma, cercando la (credo) sua "agosto" canzone di qualche tempo addietro...

mi sono imbattuto casualmente in questi "perturbazione" che quell'Agosto

la cantano più modernamente ma senza snaturarla affatto.

quasi un Ambo sulla ruota Minollo: BoB Corn cantato e suonato da i Perturbazione:
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pasquale SantoiemmaGiacoia

perché si chiama proprio Bob Corn... quel simpatico matto:
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl

Ultimamente non seguo molto la scena Indie italiana, mi è piaciuto Die di  Iosonouncane 

quando ero ragazzotto sbavavo per questi... e in tempi pre-internet non era facile trovare i dischi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@giorgiovinyl ah be', se mi tiri fuori i grandissimi e mai dimenticati Not Moving, andando così indietro nel tempo, io ribatto subito con i miei concittadini e altrettanto validi Sick Rose ! :D

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@Pasquale SantoiemmaGiacoia Grazie Pasquale per le tue indicazioni, conosciuti e apprezzati entrambi.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl
1 ora fa, minollo63 ha scritto:

ah be', se mi tiri fuori i grandissimi e mai dimenticati Not Moving, andando così indietro nel tempo, io ribatto subito con i miei concittadini e altrettanto validi Sick Rose !

Dei tuoi concittadini ho qualcosa in vinile, di sicuro double shot doppio 45 giri e li ho anche visti dal vivo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

Confesso la mia scarsa conooscenza in merito alle "new entry" italiane a cui in parte compenso tramite i vostri contributi.

Partecipo all'interessante rassegna con i "Biglietto per l'inferno" gruppo prog. di Lecco (mi pare ma non dico giuro) prodotto da Eugenio Finardi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rinop69

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Hanno in uscita, tra un paio di settimane, il nuovo disco che si intolerà "Fear on The Corner" arrivano dal padovano a dispetto del loro nome, Mamuthones, che tradisce le origini sarde del loro leader Alessio Gastaldello già nei Jennifer Gentle. Un disco dove le percussioni la fanno da padrone, come già potrete intuire da questo brano che fa da apripista.

Ciao

Stefano R.

Ps: @Rinop69 grazie epr aver proposto l'ottimo Colapesce !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71
14 minuti fa, palotino ha scritto:

Giovanni Succi solista anche se lo preferivo con i Madrigali Magri e i Bachi da Pietra

https://www.youtube.com/watch?v=FyyNHzAZKbo

P.S. ma come si inseriscono i video?

Di Succi ne avevo parlato anch'io al post 8, nel frattempo ho cominciato ad ascoltare i Bachi (Tarlo Terzo) e mi sembrano molto molto interessanti.

Per i video quando incolli l'URL da youtube automaticamente incorpora la finestra e ti appare in basso un messaggio che ti chiede se vuoi visualizzare solo il link; se non fai niente il video viene incorporato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl
Il 6/2/2018 Alle 16:10, minollo63 ha scritto:

ah be', se mi tiri fuori i grandissimi e mai dimenticati Not Moving, andando così indietro nel tempo, io ribatto subito con i miei concittadini e altrettanto validi Sick Rose ! :D

Però se la butti sul campanilismo, non posso che citarti i grandissimi De Novo, siciliani, anche se catanesi e non certo palermitani.

Ricordo che impazzì quando li vidi suonare dal vivo questa canzone a Quelli della Notte... cercai di comprare il loro EP tempestando di richieste il mio pusher di dischi... ma non ci riuscì... altri tempi... ora con clic ( era carta di credito) riesci ad avere tutto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Ci sarebbero anche i Verdena (scusatemi se sono già indicati in questo treddì) 

e (forse, anche) quello-quelli sempre col sacchetto in testa, come si chiamavano boh...  ah sì: gli Iosonouncane;

che ci provano con passione e talvolta ideee talentuose

ma (a mio gusto eh!) c'è troppa -troppo evidente- contaminazione con "sonorità" vecchio prog passato e

poco, a sbalzi a scossoni, di musica sinorità per me davvero al fine appaganti.

Tuttavia poichè tutti i gusti non sono solo alla menta... ecco un pezzo, tra i pià tranquilli, dei Verdena:
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pasquale SantoiemmaGiacoia

...ecco gli iosonouncane:

PS anche in questo gruppo come in molti altri si sente la mancanza di una vera voce-rock italiana.

Tuttavia è anche vero che in Italia non c'è mai stata (in questa zona musicale rock prog e circondario)

una vera voce-cantante davvero emozionante (salvo le due uniche che penso noi tutti conosciamo,

conoscemmo, ora entrambe quelle voci purtroppo decedute).

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@giorgiovinyl Grazie per aver ricordato i mitici Denovo che mi hanno riportato indietro nel tempo !

E no, non si trattava di campanilismo quando ho menzionato i Sick Rose, ma più di affinità musicali con i Not Moving e infatti ora per restare in tema segnalo i cagliaritani The Rippers che hanno fatto uscire il loro ultimo disco, intitolato "A gut feeling" l'estate scorsa. Qui di seguito un piccolo assaggio.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
angeloklipsch

Nessuno propone "Le luci della centrale elettrica" di Vasco Brondi? Eccellente cantautore Italiano secondo me.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@angeloklipsch Grazie Angelo, ottima segnalazione. ma potevi anche mettercelo un video così per farlo conoscere a chi non ce l'ha presente ! :D

Ci penso io, dai.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    292.639
    Discussioni Totali
    6.278.951
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy