Vai al contenuto
Melius Club

minollo63

"L'altra" musica italiana

Messaggi raccomandati

martyok

L'avrei messo volentieri ma ho qualche difficoltà. Il video va benissimo, grazie.Ti venisse voglia di approfondire consiglio il loro esordio: gelaterie sconsacrate. Massimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Hanno un nome chilometrico Elius Inferno & the Magic Octagram che tradisce la loro matrice musicale di stampo prog/psichedelico. Si formano a Londra ma i componenti del gruppo hanno diversa provenienza (Firenze) e registrano l'album in Puglia. Hanno appena esordito sulla lunga distanza con un disco intitolato "Rat in Space".

ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Come già accennato in alcuni post precedenti la scena elettronica italiana è particolarmente vitale in questo ultimo periodo. Testimone ne è anche l'ultimo lavoro di Alessio Natalizia con i suoi Not Waving intitolato "Good luck" dove si rifà a sonorità che riportano indietro agli anni '80 e alle correnti  più sotterranea di quel periodo. Quì è coadiuvato alla voce dalla canadese Marie Davidson.

ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Questa volta vi segnalo i Four By Art gruppo che calca le scene musicali italiche da parecchi anni e che riesce a proporre sempre cose molto interessanti nell'ambito della neopsichedelia che ha le radici negli anni '60.

Il loro ultimo lavoro, che ha visto la luce nell'ultima parte dell'anno passato, si intitola "Inner Sounds" ed è un caleidoscopio di colori che esplodono tutto intorno a noi mentre li ascoltiamo ripercorrere la strada maestra della psichedelica e del fuzz-garage in tutte le sue sfaccettature.

ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rinop69

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
zagor333

Segnalo l’ultimo album da poco uscito dei Maisie. Questo è il video del brano che da il titolo all’album. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Arrivano da Perugia e sono sulle scene da una decina di anni i Fast Animals and Slow Kids.

Sono autori di un post-rock di grande effetto e con sonorità decisamente proiettate nell'universo musicale europeo più che non alle ristrette mura italiane.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@zagor333 grazie ! Gran bella segnalazione e ottimo brano quello proposto, oltre che con un video molto simpatico ! (gustatevi le molte citazioni musicali rappresentate al suo interno ...) :D

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Arrivano da Milano e si sono già fatti un nome facendo parecchi concerti in giro per l'Italia in questi primi 15 anni di attività.

Il gruppo si chiama Fine Before You Came e le loro sonorità si rifanno all'emocore di stampo statunitense anche se a volte viene cantato in italiano.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lucze

un post GIGANTESCO grazie mille,

avete citato anche il mitico Flavio,

per non parlare dei Not Mouving

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Morenik

"La Nuova Musica Italiana Cantata In Italiano" era lo slogan coniato per lanciare le band italiane alternative a metà anni '80, con la scena fiorentina davanti a tutti, la nostrana risposta  alla Grande New Wave angloamericana, un'ondicina di breve durata ma tuttavia interessante e abbastanza originale per quelli come noi, affamati di eroi nel vento e assetati di birre sotto il palco.

Per me, tutto poi cambiò con l'atterraggio in Padania dei CCCP.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Member_0051

The Forty Days.Sono di Pisa e questo è il loro debutto moooolto floydiano.The Colour of Change,Consigliato agli amanti del genere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@lucze grazie a te !

L'importante è mantenere sempre vivo questo thread per fare in modo di far conoscere anche altri bravi gruppi italiani oltre ai soliti noti. ;)

ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

A causa della poca conoscenza della scena italiana non avevo mai neanche sentito nominare Amerigo Verardi che però è in giro da una trentina d'anni con vari progetti tra cui Allison Run, Lula ma dopo il consiglio di un amico e la lettura di diverse recensioni mi è bastato l'ascolto di questa canzone per comprare il suo Hippie Dixit del 2016!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

L'ascolto "espansivo" di Amerigo Verardi mi ha richiamato alla mente un disco importantissimo e emotivamente significativo che è forse difficile inserire nell'"altra" musica italiana per la caratura dei nomi coinvolti ma visto che non mi ricordo se se ne sia già parlato o meno nel forum voglio comunque citarlo, vdbr23 - Nulla è andato perso di Gianni Maroccolo con Claudio Rocchi, che lo incise poco prima della sua scomparsa.

Per questo disco ci vogliono almeno due video per la complessità e l'eterogeneità del lavoro: in Hugs Rinascere Suite oltre a Rocchi Maroccolo mette in campo alle voci e ai testi un cast impressionante del quale fanno parte tra gli altri Cristina Donà, Franco Battiato, Cristiano Godano, Piero Pelù , Massimo Zamboni, Emidio Clementi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Scusatemi ma ho un po' trascurato questo thread, "distratto" da altre interessanti discussioni in questa ottima e sempre interessante music room.

Tornando in tema vi voglio segnalare un altro gruppo che arriva da Torino (che ci volete fare con i gruppi concittadini ho un occhio di riguardo ;)).

Si chiamano Foxhound e hanno già inciso 3 dischi sulla lunga distanza più alcuni EP. Autori con l'ultimo disco di sound brioso ed effervescente con venature punk-funk che invogliano a seguire il ritmo della loro musica, non disdegnando però puntate sul versante post-rock più impegnativo e riflessivo. Il loro ultimo disco era intitolato "In primavera" e usciva nel 2014.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Mi ero quasi scordato di alimentare con un po' di buona musica italiana questa discussione da troppo tempo !

Rimedio subito...:D

Vi propongo i Disco Drive che oramai 13 anni fa, mamma mia come passa il tempo, facevano uscire il loro disco di esordio intitolato "What's wrong with you, people ?" con la collaborazione del onnipresente Max Casacci (Subsonica...) per l'etichetta bolognese Unhip Records. La loro musica era una miscela esplosiva di punk-funk che fece presa sulla critica musicale sul pubblico in quel periodo. Fecero un secondo disco che vide alla produzione addirittura Steve Revitte collaboratore dei LCD Soundsistem veri maestri del genere in questione, anche se questo secondo disco non ebbe il successo sperato.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mr.Alexis

Provo a dare il mio modestissimo contributo segnalando musica nostrana che in verità avevo in parte già citato ma in altre discussioni... spero risultino utili...

Esordio fresco d'uscita quello della giovane Mèsa, cantautrice folk-pop-rock di cui apprezzo il timbro e il cantato... l'album non mi ha convinto, ma è solo questione di gusti... secondo me però ha del potenziale, da tenere d'occhio...

I Campos, molto interessanti per il loro sound...

Francesco Motta, talentuoso cantautore e polistrumentista che tra l'altro ha pubblicato da poco due singoli che spero precedano il nuovo album... il brano sotto è estratto dall'ottimo disco d'esordio del 2016...

I grandissimi Julie's Haircut con il loro psych-space-rock...

L'ira del Baccano, ottimo hard-prog-rock...

Louis de Cicco, cantautore davvero talentuoso...

I Nosound e il loro ottimo rock...

Gli Psychedelic Witchcraft e il loro rock di stampo anni '60...

Gli Antarte e il loro post-rock...

I Bridgen con l'eccellente album Rebis...

I New Candys, davvero bravi e che adoro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@Mr.Alexis grazie per le ottime (ed eterogenee) segnalazioni.

Alcuni nomi mi erano noti altri meno e alcuni del tutto sconosciuti... belle sorprese ! :)

Sei sempre molto attento e preparato, i tuoi interventi sono sempre graditi e ricchi di proposte interessanti.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mr.Alexis

Grazie Stefano, è un piacere ricevere dei complimenti da parte di un'appassionato e conoscitore di musica quale sei... anche troppo gentile, in genere è più quello che prendo che quello che offro ma cerco nel mio piccolo quando posso di contribuire al meglio alla Music Room e a ricambiare le buone segnalazioni9_9

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

E' il caso di segnalare questo brano dei Sick Tamburo, band che arriva dalla zona di Pordenone e nata dalle ceneri degli altrettanto bravi Prozac+ (dei quali ricorre il ventennale dalla pubblicazione di "Acida") e che si intitola "La fine della chemio", per il messaggio contenuto e per la lodevole iniziativa legata alla sua ripubblicazione avvenuta proprio quest'oggi 25 maggio.

Se vi va quì potete leggere la storia che sta dietro al brano stesso, che era stato publicato in origine un anno fa nell'ultimo disco dei Sick tamburo, ma che oggi è stato ripubblicato con la partecipazione di alcune delle migliori voci del panorama musicale italiano che hanno voluto contribuire per una maggior efficacia del messaggio trasmesso :

http://www.lastampa.it/2018/05/23/spettacoli/jovanotti-samuel-ed-elisa-nella-nuova-versione-la-fine-della-chemio-dei-sick-tamburo-W63WmROPRwXklNv4Za2r0H/pagina.html

Questo invece è il nuovo video del brano in questione, nella speranza che possa suscitare il vostro interesse:

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paperoga
Il 7/2/2018 Alle 21:59, giorgiovinyl ha scritto:

Però se la butti sul campanilismo, non posso che citarti i grandissimi De Novo

Mi sembra che abbiano attinto a piene mani dai Talking Heads e David Byrne.

Forse anche un po' troppo... o no ?

Imho, naturalmente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@Paperoga e chi non lo faceva a quei tempi ?!?!

Tieni presente che il brano in questione è del 1984 e solo l'anno prima era uscito Speaking in Tongues, l'album che decretò il successo commerciale dei Talking Heads, dopo il periodo iniziale dove erano molto più sperimentali e "new wave" . Quindi direi che una certa influenza sulla musica dei Denovo possono averla avuta ! 😉

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl
5 ore fa, Paperoga ha scritto:

Mi sembra che abbiano attinto a piene mani dai Talking Heads e David Byrne.

Forse anche un po' troppo... o no ?

Imho, naturalmente.

Forse si, ma se pensi che venti anni dopo gruppi inglesi abbiano attinto ancora di più ai Talking Heads e venduto tanti dischi... cito solo i Franz Ferdinand...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Anche sul versante cantautoriale, dove in Italia vi è sempre stato un grosso seguito, si muove qualcosa di interessante a livello di nuove voci ma sopratutto dal punto di vista della scrittura dei testi.

Ne è un esempio questo Lucio Corsi con il suo disco del 2017 intiolato "Bestiario Musicale" che ci porta in un mondo bucolico e lontano dalle città che sono terreno di molta della nuova musica italiana (leggi rapper e trapper vari). C'è un ritorno alla ricerca delle parole e della melodia forse fin un po' troppo semplice ma piena curiosità e di voglia di allontanarsi dai consueti clichè.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mr.Alexis

Si chiamano "Jenny Penny Full" e questo disco d'esordio, pubblicato nel 2016, si intitola "Eos"... una delizia per le orecchie e l'animo! Orgoglio italiano!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

@Mr.Alexis grazie della segnalazione (e anche di avere riportato "su" questo thread) !

Bellissimo brano questo che hai proposto di questo gruppo a me sconosciuto ma senza dubbio dalle grandi potenzialità. Speriamo che EOS sia l'inizio di una fulgida carriera nell'ambito della nuova musica italiana.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mr.Alexis

Ma figurati, è un piacere😊... volevo scriverli su Facebook proprio per chiederli se stanno dando un seguito o no a quest'album...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

A breve (22 febbraio) dovrebbe uscire il nuovo disco dei bolognesi TERSØ che si intitolerà “Fuori dalla giungla”. Per il momento possiamo gustarci l'ultimo singolo “Lynch” che anticipa i suoni che si troveranno sull'album. Il brano in questione, dedicato al regista David Lynch, racconta la vita di tutti i giorni, il malessere di una vita sempre uguale e dalla quale tutti vorremmo fuggire in qualche modo.

Ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    292.585
    Discussioni Totali
    6.277.262
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy