Biggy

Cardas Clear Beyond XL Power

Messaggi raccomandati

Biggy

In arrivo a breve (sembra che stiano giá girando i primi esemplari in alcuni rivenditori USA, dove sarà commercializzato entro questo mese) la versione "potenziata" dell'ottimo Clear Beyond di alimentazione, indicata per amplificazioni o comunque per tutti quei componenti che traggano giovamento da una sezione del conduttore maggiorata.

Ho letto di un possibile listino USA di 2400$ per 1,5 m.

Si era sempre detto che il Beyond attuale fosse il cavo ideale per i finali ma in realtá ho sempre trovato il suo effetto migliore sulle sorgenti (sulle quali Cardas almeno inizialmente, facendone pressoché solo una questione di assorbimento, consigliava il Clear M).

È un cavo molto gentile, controllato, con grande estensione, soprattutto capace di definire ogni singola linea melodica.

Non mi é mai sembrato il cavo per dare "la birra" alle amplificazioni, semmai le educava e raffinava.

Probabilmente, considerato il pensionamento del Clear M, il Clear Beyond diventerà ufficialmente il cavo raccomandato per le sorgenti mentre il Clear Beyond XL (per il quale mi aspetto un suono più dinamico e robusto, analogamente a quanto accaduto nell'evoluzione Clear -> Clear Beyond di segnale) quello per le amplificazioni, ma secondo me non é da escludere che arrivi anche un Cygnus di alimentazione, dopo che gli analoghi di segnale e diffusori hanno sostituito i Light.

Ovviamente prima o poi ne avrò almeno uno, anche se forse dovrei prima prendere il doppio Clear per i diffusori... ci vorrà tempo!

Aspetto notizie dall'importatore, che finora non ha rilasciato dichiarazioni 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ago

@Biggy i rumors sono pervenuti anche a me. Stay tuned! Ciao

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy

Notizie fresche (direttamente dalla casa): doveva essere commercializzato prima, ma ci sono stati ritardi per via dei nuovi connettori "E-5" , che evidentemente non erano ancora pronti.

Il buon Brian dice che lì sono tutti pazzi (testualmente "excited") per questo cavo.

Saranno spediti verso metá di questo mese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy

I nuovi connettori sono sempre realizzati in rame placcato argento rodiato.

Dai loro test, cito testualmente il mitologico Brian Von Bork, la differenza  (col Beyond normale) sarebbe "tra il giorno e la notte", un miglioramento così netto su tutti i parametri da benedire ogni centesimo di spesa (capisco essere opinioni intetessate, ma non li avevo mai sentiti esprimersi in questi termini, neppure per il Beyond di segnale).

Sembra che, oltre ai nuovi conduttori e alla maggiore sezione dei conduttori, abbiano implementato un sistema di filtraggio e riduzione del rumore sulla rete.

Suono più rilassato, maggiore dinamica, con qualcosa in più in ogni parametro. 

Nella mia esperienza, cavi che ho avuto in passato con conduttore "monstre" come l'Oyaide Tunami GPX e con sistema di filtraggio e riduzione del rumore come il Lessloss DFPC Signature suonano più dinamici e meno "scintillanti", forse meno ricchi armonicamente ma con un maggiore senso di silenzio di fondo e del ritmo, una immagine meno espansa in altezza e larghezza ma più focalizzata e profonda.
 

Probabilmente il Clear Beyond XL non farà eccezione, ma la vera notizia sarebbe se facesse tutto questo oltre alle qualità note del Beyond standard, e senza i difetti dei cavi con simile caratteristiche a me noti.

Un cavo che ho potuto provare e che sento spesso da un amico, il famoso Shunyata Anaconda Helix Alpha, riusciva bene un po' in tutto (spettacolare senso del ritmo, basso poderoso, grande ariosità, ricchezza armonica) grazie alla particolare geometria filtrante e alla mole di conduttore utilizzato, ma risultava alla fine forse un po' "loudness", a differenza della compostezza e neutralità del Beyond.

Vedremo se il Beyond XL raggiungerà questi livelli!

Come prezzo credo che si posizionerà in quella fascia del resto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Drake

@Biggy Allora sei vivo...!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Agogi

Ho il Cardas Beyond standard di alimentazione che pur avendo ottime qualità mostra, nel mio impianto, un limite nella velocità e nella  dinamica. Forse potrebbe dipendere dal tipo di filtro posto sulla spina.

Staremo a vedere cosa combina questo nuovo XL 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mister66

@Biggy

ancora a buttar via denaro per i cavi??!!!:ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy

Sentirei di avere buttato i soldi se avessi speso una certa cifra nelle elettroniche e nei diffusori facendoli rendere per una frazione di quello che li ho pagati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Drake

Eccolo...!!!

clear_beyond_power_xl_2.png

clear_beyond_power_xl_main_transparent.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy

Sul sito ufficiale, come era prevedibile, oltre al Beyond XL é comparso anche il Cygnus, che sostituisce l'M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy

Nonostante non sia il primo qui ad averlo comprato o comunque ascoltato, a differenza degli altri non vedevo l'ora di leggere un confronto magari tra qualche vecchio entry level Cardas e l'ultimo top di gamma Silcable e/o che chi sente differenze coi cavi di alimentazione è un suggestionato e/o chi li compra butta i soldi, per cui riesumo il topic per condividere l'arrivo del mio (primo) XL :D

Ho inserito il Beyond XL tra rigeneratore e integrato, il posto dove da un punto di vista teorico sono più utili la sua maggiore sezione ed il suo più efficace effetto di filtro del rumore (l'anello di ferrite è ben evidente).

Sulla sorgente, dove c'è minore assorbimento e che già è protetta da un trasformatore di isolamento, ho lasciato il Clear.

Se dovessimo rendere il prezzo del Beyond XL proporzionale alle migliorìe che offre rispetto al primo Beyond, credo che forse non basterebbero 10mila€.

È come cambiare amplificazione passando ad un top di gamma da svariate decine di migliaia di euro in più.

Non credo esista la possibilità di un tale miglioramento con una spesa tutto sommato piccola.

In proporzione sembra fare più del recente Clear Beyond di segnale, ma a un costo minore, proseguendo su quella linea ma con maggiore separazione degli strumenti, immagine più a fuoco e con una tridimensionalità sbalorditiva, asprezze ancora diminuite e fatica assente pur emergendo meglio ogni dettaglio grazie a uns soppressione del rumore di fondo.

Dinamica aumentata, maggiore estensione su entrambi i fronti, spariscono quelle poche S metalliche ed in generale la gamma alta assume um carattere realistico, più estesa e meno pungente, le voci sono più belle un po' come con le vecchie serie (di cui il Clear semplice è una rivisitazione), il basso più fermo, ben presente.

Queste sono le impressioni al primo ascolto del cavo non rodato, quando in genere i nuovi arrivati danno un'idea di quello che sarà il loro suono alla fine del processo; mi aspetto la solita trafila, cioè che dal secondo ascolto diventi terribile, fino a recuperare più o meno le qualità iniziali dopo un mese di cambiamenti continui per poi stabilizzarsi al massimo delle prestazioni dopo altri due.

A vederlo è bellissimo, i connettori in particolare sono impressionanti, e sono sicuro del fatto che contribuiscano in maniera determinante al risultato finale.

IMG-20180911-WA0017.jpeg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goldeye

@Biggy Ottima disanima...ma per la modica somma di euro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Drake

@Biggy  Spero di poterlo provare al più presto...😎

Non vedo l'ora di suggestionarmi...!!! 

P.S. Sai che la tua descrizione corrisponde alla perfezione con quella di un'altro amico "suggestionabile" che l'ha provato? Sarà un'epidemia.🙄

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

le stesse cose le ho sentite dire per la versione precedente, da quello che dice biggy un modello poco riuscito

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Drake

@cactus_atomo  Il precedente è un'ottimo cavo per quello costa e se la batte bene anche con cavi più costosi. Come tutti i prodotti, il risultato dipende dalle orecchie di chi ascolta, dall'impianto e dall'elettronica dove lo usi,  quindi può andare bene, benissimo o anche male...come tutti i cavi. 

Ciao!😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy

Il precedente Beyond di alimentazione non mi ha mai fatto impazzire, un po' come il Clear di segnale, realizzati all'inizio di questo nuovo corso in cui il buon George aveva forse sterzato troppo verso una neutralità per me un po' sterile.

Il vecchio Beyond di alimentazione funziona bene, a patto di mescolarlo con cavi di alimentazione più musicali come il normale Clear (derivato dal Golden Reference, ma ancora più perfezionato rispetto a quanto il Clear Reflection perfeziona il Golden Reference di segnale), perché se usi TUTTI Beyond Power rischi di rendere sterile la gamma media e di spostare un po' tutto sugli estremi, con l'acuto che in alcune limitate situazioni può essere metallico, ma non succede se "dosi" correttamente i cavi, tipo Beyond sul finale e sul distributore di rete, Clear (e/o Clear Cygnus) su sorgente e pre.

Beyond su entrambe le elettroniche mi andava bene finché usavo il Reflection di segnale che rimpolpava la gamma media, poi quando è arrivato il Beyond di segnale ha iniziato a fare capire che le alimentazioni erano di un gradino sotto (nonostante il nome uguale, ma in realtà conta l'epoca del progetto), non è tanto una loro colpa, perché nella loro fascia di prezzo sono una delle migliori scelte possibili, sempre però con le raccomandazioni di cui sopra.

I cavi poco costosi colorano un po' tutti ognuno a modo suo, e bisogna trovare la giusta amalgama facendo in modo di limitare con un cavo i difetti dell'altro.

Salendo al livello dell'XL iniziamo a ragionare in termini di puro miglioramento, non più di un tot di miglioramento e un tot di colorazione.

Il Beyond XL Power fa un po' quello che aveva fatto il Beyond di segnale, cioè mettere assieme le qualità di Beyond e Clear di alimentazione, come quello prima aveva fatto una sintesi perfetta di Clear e Clear Reflection di segnale.

Solo che l'XL sembra fare anche di più.

Screenshot_20180912-091935_Adobe Acrobat.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ago

In effetti è un buon cavo. Lo ho inserito nel mio impianto da un paio di mesi. Consiglio a tutti coloro che hanno in uso ed apprezzano gli altri cavi Cardas di alimentazione citati da @Biggy di fare anche una prova con il Beyond XL : perché nemmeno lui nasconde di essere un Cardas. Si rischia molto ma vale la pena, almeno per... cultura, di ascoltare cosa succede. ( @Biggy ha fatto un elenco esaustivo di cosa è accaduto da lui ) 😉

Saluti

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy
7 ore fa, ago ha scritto:

Lo ho inserito nel mio impianto da un paio di mesi.

Omertoso 😝 !

Lo so che ci hai provato, ma adesso una comparativa tra il Cardas Cross e il Silcable Star te la becchi lo stesso 🤣

7 ore fa, ago ha scritto:

nemmeno lui nasconde di essere un Cardas

Esattamente come il Beyond di segnale, l'XL riesce ad essere musicale come le vecchie serie ma neutrale ed esteso come le nuove.

Clear di segnale e Clear Beyond di alimentazione appartengono a quella parte  della prima generazione della serie Clear che secondo me peccavano in coinvolgimento e ricchezza, dando il meglio se abbinati alle controparti morbide di quel periodo come il Clear di alimentazione (derivato dal Golden Reference, ma meno brillante -quello lo era-) e/o ad elettroniche a valvole o comunque sistemi ibridi (lettore a vslvole, pre a valvole e finale ss).

Non ho mai nascosto di non essere un fan del Clear di segnale infatti, e di avergli preferito (in un sistema interamente a ss) i difetti del Reflection, in attesa che uscisse e che poi potessi comprare il Beyond di segnale.

Con Beyond e Beyond XL di alimentazione è quasi la stessa cosa.

Ho usato con successo i Beyond di alimentazione abbinati un po' al Reflection di segnale, un po' al Clear di alimentazione, in attesa che uscisse e potessi comprare (ormai tengo famiglia 😅 ) il Beyond XL.

Ripeto non parlo di particolari colpe del vecchio Beyond di alimentazione, è semplicemente una questione di fascia di prezzo, perché guardando indietro a tutti i cavi di altri marchi che ho avuto e provato non ne ricordo uno in quella fascia che non avesse difetti e colorazioni, anche ben più marcati.

Dopo aver avuto un cablaggio interamente Cardas Golden Reference, sull'alimentazione sono passati il Purist Aqueos 20th Anniversary, il Kubala Sosna Emotion, il Lessloss DFPC Signature, il più costoso MIT Oracle AC1, alla fine siamo lì, ognuno aveva i suoi pro e i suoi contro, esattamente come il Clear Beyond, che infine ho preferito a tutti perché rimettendo assieme un cablaggio monomarca Cardas ho raggiunto anzi un risultato che non avevo mai raggiunto mischiando quegli altri.

Stessa cosa coi cavi di segnale, dal Cardas Golden Reference poi ho provato Kubala Sosna Emotion, MIT Magmum M1, rapidamente il Nordost Frey 2, alla fine considerando che pure il Cardas Clear restando in quell'ordine di spesa aveva come tutti le sue magagne sono tornato all'inizio (il Clear Reflection, evoluzione del Golden Reference) in attesa di salire veramente di livello al Clear Beyond di segnale.

Semplicemente per avere cavi virtualmente senza difetti, che migliorano tutto senza inserire colorazioni (che poi dovrai andare a compensare con altri), bisogna spendere un po' di più e arrivare al livello del Beyond di segnale e del Beyond XL di alimentazione, cavi che ti mettono in crisi per la loro perfezione che ti mette in evidenza la fisiologica imperfezione di tutti quelli meno costosi, perché non si torna indietro, e realizzare un sistema con un cablaggio di questo livello in tutte le posizioni può essere troppo impegnativo per molte tasche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy

Torniamo al Beyond XL in sé: l'immagine si allarga clamorosamente, quasi a circondarti a 180°. C'è anche un leggero aumento di altezza e si distinguono meglio i piani di profondità, ma è l'avvolgimento che sorprende.

La altrettanto sorprendente riduzione del rumore di fondo fa emergere particolari sempre nuovi pur conoscendo i dischi a memoria, la gamma alta è più estesa e scintillante ma contemporaneamente dà meno fatica.

Il basso smette nei passaggi più complicati di essere monocorde come a volte può capitare.

Tutto è più dinamico e di impatto.

Si può alzare di più il volume.

Ogni strumento migliora.

Le voci migliorano.

Migliora tutto, <@##@®0£@ !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy
8 ore fa, ago ha scritto:

In effetti è un buon cavo

Direi $71<@##1 🤣 !

Non essere omertoso, lo sappiamo che i Silcable sono meglio del Cardas Golden Reference, ma esprimiti seriamente , <®18810 😂 !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ago

Tanto per scalzare la aurea di omertà che mi si attribuisce 🙂aggiungo una altra considerazione per i frequentatori dei mercatini dell'usato: la  Cardas da qualche mese ha cambiato l'estetica del box dei suoi prodotti come si vede dalla foto postata da @Biggy Le differenti tipologie di scatole, se presenti, aiutano a risalire con buona approssimazione  alla vera età del prodotto. Se poi a questo si aggiunge il numero progressivo impresso sul certificato collegato alla fattura di spedizione Cardas > importatore si hanno due elementi in grado di aiutare l'acquirente ad evitare incauti acquisti. Aggiungo che i fake sono quasi del tutto relegati ad una fascia temporale di catalogo molto lontana dai prodotti attuali.

Saluti

Luigi 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy
14 ore fa, Drake ha scritto:

Sai che la tua descrizione corrisponde alla perfezione con quella di un'altro amico "suggestionabile" che l'ha provato? Sarà un'epidemia.🙄

Sappiamo bene che la suggestione generata dai cavi è collettiva, a distanza e assolutamente coerente tra tutti i suggestionati, i quali senza conoscersi, senza avere mai comunicato, senza avere letto nulla, si ritrovano tutti a dire le stesse cose di uno stesso cavo, e tutti le stesse cose (a prescindere dal gradimento personale e dell'inserimento con successo o meno in una catena) di un altro.

È uno spirito maligno che corre dalla mente di un suggestionato all'altro in tutto il mondo a mettergli in testa le stesse cose, che in realtà non esistono perché le misure soprattutto di un conterraneo contemporaneo appassionato di car stereo equalizzato non le rilevano, esattamente come la corrente elettrica, le onde elettromagnetiche, la radioattività sono iniziate ad esistere solo quando sono stati inventati gli apparecchi per misurarle, ma prima non c'erano. Se a qualcuno che viveva vicino a un giacimento di radon veniva un tumore per le radiazioni era solo suggestione, perché la radioattività nel 1700 non era misurabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer
15 ore fa, Biggy ha scritto:

Il precedente Beyond di alimentazione non mi ha mai fatto impazzire, un po' come il Clear di segnale, realizzati all'inizio di questo nuovo corso in cui il buon George aveva forse sterzato troppo verso una neutralità per me un po' sterile.

Il vecchio Beyond di alimentazione funziona bene, a patto di mescolarlo con cavi di alimentazione più musicali come il normale Clear (derivato dal Golden Reference, ma ancora più perfezionato rispetto a quanto il Clear Reflection perfeziona il Golden Reference di segnale), perché se usi TUTTI Beyond Power rischi di rendere sterile la gamma media e di spostare un po' tutto sugli estremi, con l'acuto che in alcune limitate situazioni può essere metallico,

Non ho provato il nuovo ma sono d'accordo con te sul Beyond precedente.
Ne avevo trovato uno usato ad un buon prezzo (originale, venditore conosciuto) ed ho avuto modo di provarlo qualche giorno con calma.

Ho notato anche io che non aveva tanta birra come dici tu, per me poca dinamica, ma questo ce lo possiamo aspettare visto che era l'impostazione anche dei vecchi Cardas di alimentazione.
Ma la cosa che proprio non mi ha convinto era la gamma media con voci poco coinvolgenti, un po' asettica e la gamma medio alta un po' asciutta e metallica su alcuni strumenti.
Mi sembra di capire che il nuovo ha superato questi problemi.
Io alla fine ho desistito perché preferivo i miei cavi di alimentazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy
2 ore fa, ifer ha scritto:

Ma la cosa che proprio non mi ha convinto era la gamma media con voci poco coinvolgenti, un po' asettica e la gamma medio alta un po' asciutta e metallica su alcuni strumenti.

Ma basta mettere un Clear Power sulla sorgente e si integrano alla perfezione.

Io fino al giorno prima dell'arrivo dell'XL ho ascoltato così: alimentazione Clear Beyond sull'integrato, Clear sulla sorgente, Golden Reference sul filtro della sorgente (l'unico che funziona in quella posizione; sul rigeneratore va direttamente la linea dedicata da 12AWG con un connettore IEC 20A Oyaide), segnale Clear Beyond XLR, potenza doppia coppia di Golden Reference (che vorrei upgradare ai Clear ma il costo è proibitivo sul nuovo).

Più ascoltavo prima dell'arrivo dell'XL più mi chiedevo cosa avrei potuto migliorare o addirittura se era proprio necessario questo acquisto, perché comunque il normale Beyond di alimentazione sull'integrato mi andava molto bene (basta metterlo nelle giuste dosi e bilanciarlo con altri cavi con una gamma media più ricca, si può ottenere una sintesi perfetta).

Poi ho capito quello che mi dicevano @ago e @PietroPDP ...

L' XL ti cambia il sistema, diventa di livello superiore, senza trucco o inganno.

Non migliora l'immagine perché vengono stressati gli acuti e asciugati i bassi, non diventa più "dinamico" perché vengono accelerati i decadimenti armonici, non diventa più presente in basso perché vengono tagliati gli acuti.

Fa semplicemente migliorare OGNI COSA.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rpezzane

@Biggy come mai non lo hai provato sulla sorgente ? 

Potrebbe essere interessante provarlo !

Saluti

Roberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
goldeye

Quasi 3300 euro di ilstino per il Beyond XL...  

Una volta, convertendole il lire ci potevi comprare un' elettronica di un certo valore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ago

@goldeye è così se ne servono due metri. 😉 Meno male che sopra c'è la tabella.

Per i " canonici " 1,5 m sono quasi 3000.

Si risparmia un 10%. Sempre tanti ma un po' di meno. 😜

Saluti

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy
Il 13/9/2018 Alle 22:49, rpezzane ha scritto:

@Biggy come mai non lo hai provato sulla sorgente ?

Come anche i muri sanno, ho un rigeneratore da 3kVA a monte del sistema.

Il rigeneratore è un inverter, che se da una parte elimina i problemi della rete, dall'altra per via del suo stesso tipo di funzionamento (switching) genera inquinamento.

La sorgente é già "coperta" da quel miracoloso apparecchietto che é il Goldnote Dumbo, essenziale ma efficace, un filtro EMI/RFI accoppiato a un piccolo trasformatore di isolamento galvanico con rapporto di 1,1 a 1 (porta la 230 al valore tollerato di 253) che uso a cascata dopo il rigeneratore, con un buon cavo prima e un buon cavo dopo, che ha su immagine, separazione degli strumenti, articolazione e naturalezza un po' lo stesso effetto dell'XL, cioè porta la sorgente alle prestazioni di un ipotetico modello superiore. 

Inoltre é logico che le elettroniche dal maggiore assorbimento debbano ricevere il cavo di sezione maggiore.

Non voglio provare quindi perché per queste valutazioni di carattere "tecnico" per me sarebbe un controsenso in questo momento togliere dall'amplificazione il cavo che ha la maggiore efficacia nel filtraggio dei disturbi sulla rete (i trasformatori dell'ampli si sono ammutoliti) e la maggiore sezione, per metterlo sulla sorgente che ha già un suo filtro dedicato ed un assorbimento minimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Biggy

Dopo una serie di peripezie come il rigeneratore che ha necessitato di una riparazione e il Dumbo anch'esso mandato a verificare se non avesse qualche problema, ed infine il rientro del rigeneratore e l'arrivo del SGR di Audionica (una specie di "Dumbo Jumbo", ma soltanto un grosso trasformatore di isolamento senza filtro EMI/RFI, che potesse isolare anche le amplificazioni), ho utilizzato il CB XL in altri modi.

Nel momento in cui non avevo alcun tipo di apparecchio per la cura della corrente, la soluzione migliore é stata usare il CB XL sulla sorgente, tenendo un vecchio CB sull'integrato.

L'altra soluzione, escludendo di invertirli (il CB non va così bene sulle sorgenti come avevo creduto in passato), era di usare il CB XL sull'integrato e il Clear "normale" sul lettore, ma non andava altrettanto bene, dal momento che in assenza di sistemi di cura della sorgente, era questa che necessitava del cavo migliore, e l'XL riesce a limitare in maniera sensibile il rumore sulla rete rispetto agli altri cavi.

Ora che é rientrato il rigeneratore ed è anche arrivato il Separatore Galvanico di Rete da 2500VA (ancora devo capire se il Dumbo é a posto, e decidere se rimetterlo a nuovo oppure aspettare che Audionica mi realizzi un SGR da 1000VA per le sorgenti da usare al posto del Dumbo),  che sto utilizzando temporaneamente come trasformatore unico sia per sorgente che integrato (ma ho fatto dei test a casa del mio amico audiofilo, che ha anch'egli il Dumbo, e abbiamo notato che -usando in ingresso a SGR e Dumbo due cavi di alimentazione uguali per eliminare questa variabile- complessivamente si guadagna separando la sorgente sul Dumbo e l'integrato sul SGR rispetto a metterli entrambi sul SGR, si guadagna sensibilmente nell'immagine, più alta), senza dubbio la soluzione ideale per il CB XL é quella di andare dal rigeneratore  (che per i più, che evidentemente preferiscono sprecare i propri sistemi, sarebbe il muro) a trasformatore (che sempre per la gente che vuole ascoltare male è la "ciabatta").

Non ci sono dubbi.

Clear Beyond XL dal rigeneratore (muro 😫) a trasformatore (ciabatta😫) , e poi Clear Beyond su integrato e Clear su sorgente.

Quando avrò un altro trasformatore per tenere separate le sorgenti (audio e audio/video) dalle amplificazioni (audio e audio/video, e tv), penso proprio che mi servirà un secondo XL da usare sul trasformatore di isolamento per le sorgenti.

É lì, sui trasformatori che deve stare, dove non fa sentire particolare urgenza di sostituire i cavi che vengono dopo con altri XL, e i vecchi Clear (sorgenti e pre) e Clear Beyond (integrati o finali) rendono in modo assolutamente onorevole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ago

@rpezzane mi scuso per la tardiva risposta ...indiretta alla domanda da te fatta a @Biggy su una eventuale prova del cavo cardas power beyond XL sulla sorgente. In effetti il mio esemplare lo ho subito destinato proprio alla alimentazione del Nadac Power che serve il dac Merging  Nadac con i risultati sovrapponibili a quelli notati da altri  in altre posizioni. ( è andato a sostituire un Clear M che stava li provvisoriamente spostato dalla alimentazione del gira. Il Beyond " normale " non assecondava bene il Nadac) È stata una scelta condizionata dal fatto ( ahimè) di avere pre phono , pre linea e finale che hanno ciascuno due cavi di alimentazione e, per fare una prova ne avrei dovuti prendere due...Però recentemente ho avuto modo di inserire nel mio impianto, grazie alla gentilezza e disponibilità di un forumer di Roma,  altri due Beyond xl ( i suoi). Quando si parla di cavi e del loro inserimento in contesti di apparecchi anche molto diversi è giocoforza che le impressioni diventino soggettive anche se ormai la statistica che accompagna le impressioni di ascolto dopo l'inserimento di questo cavo è omogenea in tre contesti diversissimi ( @Biggy io e l'altro forumer romano) quindi mi limito a confermare risultati molto positivi del Beyond XL anche nella ...prima posizione dal muro al distributore Sistem&Magic a 8 prese ( dove ha sostituito un Clear) e da questo al filtro Extreme dedicato alla sorgente digitale( dove ha sostituito un Beyond normale ) dal quale parte il mio XL. Con le recenti esperienze debbo riconoscere che @Biggy ha ben descritto le caratteristiche intrinseche di questi cavi di alimentazione della linea Cardas. La mia esperienza sulla linea power della casa è basata sull'uso prolungato di molti dei suoi cavi di alimentazione nel mio impianto. Per esempio ora sono in uso e a disposizione 8 Beyond power un XL , un Clear M ( che è stata ridestinato ad alimentare uno SME 20/3 dove fa il suo sporco lavoro ) ed un Clear. Due Golden alimentano i due pc dedicati al digitale connessi ad un Miniblack della Sistem&Magic. La raccomandazione finale è sempre la stessa: in primis l'invito a provare questo cavo è rivolto a chi ha già altri cavi della linea power Cardas dato che il dna della casa ( in diverse %) viene bene o male mantenuto. In altri contesti fate voi. Ma , come al solito, fate tutti molta attenzione che la prova potrebbe avere conseguenze pesanti sui portafogli.😉

Saluti

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    291.592
    Discussioni Totali
    6.237.318
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us