Vai al contenuto

spersanti276

Sempre grande il vecchio Ian

Messaggi raccomandati

mauriziox60

@spersanti276  Sei stato bravissimo al punto che la canzone non l'ho nemmeno ascoltata con attenzione.

Ci riprovo senza leggere!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

@spersanti276 Splendido brano di uno dei miei gruppi preferiti...Li ho visti in concerto quattro o cinque volte ed ogni volta è stata emozionante come la prima...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
densenpf

@spersanti276 bravo, bella analisi:)

e segnati il 20 aprile che esce Heavy Horses singolo fatto da Wilson...:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

Ohe, non scherziamo, è una citazione. Non è farina del mio sacco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
densenpf
3 minuti fa, spersanti276 ha scritto:

Non è farina del mio sacco.

mi puzzava la cosa...:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aqualung

Non posso che condividere ! Grandissimo il magico pifferaio 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bost

@spersanti276 ...allora è vero, non siamo soli...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

@bost ma scherzi? :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276
4 ore fa, densenpf ha scritto:

e segnati il 20 aprile che esce Heavy Horses singolo fatto da Wilson...

...non mi sfuggirà.;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
densenpf

...poi tocchera a This Was...:P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiocana82

Una delle più belle canzoni dei Tull.

Per Heavy Horses mi attira molto il cofanettone con il DVD-Audio :$

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gsxf65

Grazie @spersanti276 Li ho scoperti a 15 anni e mi emozionano sempre, visti 5 volte. Purtroppo devo saltare il 50th, ero a Schio per il 40th...fantastico. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bost

@gsxf65 

3 ore fa, gsxf65 ha scritto:

 Li ho scoperti a 15 anni

io li ho visti 2 volte. La prima al Bocciodromo Ovest di Treviso nel '70  credo, quando fecero la loro prima storica tournee in Italia...gruppo di...spalla, Gentle Giant...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gsxf65

@bost mi inchino...se non sbaglio in quegli anni vennero anche a  Vicenza...andavo ancora all'asilo :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bost

@gsxf65 

2 ore fa, gsxf65 ha scritto:

mi inchino

...si rialzi, la prego...bè la prima volta avevano "Aqualung". Li rividi una seconda volta (Pordenone, Friuli?) , avevano "tick as a brick". Ma non c'era lo stesso impatto...fa conto che i biglietti erano sulle 3000lire...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gsxf65

Comunque, averli visti nel fiore dei loro vent'anni è da raccontare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

2 Febbraio 1971— primo concerto dei Jethro Tull a Roma, Teatro Brancaccio.

"......Ian Anderson inizia tutto da solo, nella semioscurità, c'è solo un faro ad illuminarlo: una nuova canzone, My God. L’irsuto, stralunato “beggar” ci informa che i Jethro Tull si sono sciolti e che a fare il concerto c’è lui, rimasto ormai da solo.

Un attimo di smarrimento fra il pubblico, ma la chitarra acustica e la voce sono profonde, incantatrici, danno l’illusione che comunque lo show possa avere luogo, in qualche modo.

Il buio conferisce ad Anderson fattezze arcane.

L’arpeggio delle sei corde riverbera ipnotico nel teatro, il giullare sembra accompagnarlo con un sogghigno.

Poi, sulla seconda strofa, tre note di pianoforte da chissà dove; riprende il canto, armonizzazioni basse di piano si aggiungono. La speranza invade i cuori, forse Ian non è del tutto solo, forse un session man lo aiuta, gli dà manforte...

In pochi secondi la tensione cresce. Lui fa per alzarsi, posa la chitarra.

... in un lampo il palcoscenico si apre, le luci si accendono, all’unisono con il micidiale riff di chitarra e basso, rivelando Martin Lancelot Barre, John Evan, Clive Bunker, Jeffrey Hammond-Hammond che erano nascosti dietro ad Anderson...".

 Io  c'ero, amici miei :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

@spersanti276 Ti invidio...purtroppo ero ancora troppo piccolo...il primo concerto dei Jethro che ho visto, era in Svizzera, quello della tournee di "Bursting out" mi pare fosse il 1978..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giov.rossi

@spersanti276  anch'io io ero presente a quel concerto. Mi portò mio cugino che ha più anni di me. Io ne avevo 14   e sinceramente ero affascinato . Forse avendo visto quel concerto all'età di 14 anni ,sono stato fulminato da quella musica stupenda.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bost

@spersanti276 

12 ore fa, spersanti276 ha scritto:

2 Febbraio 1971— primo concerto dei Jethro Tull a Roma, Teatro Brancaccio.

"......Ian Anderson inizia tutto da solo, nella semioscurità,

ripreso pari pari da un vecchio numero - speciale di "Chitarre" ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

@bost Forse. I virgolettati indicano sempre una citazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bost

@spersanti276 va benissimo, ci mancherebbe. Più che altro  se ci avevo indovinato la fonte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscarbessi
Il ‎13‎/‎03‎/‎2018 Alle 20:27, spersanti276 ha scritto:

Ohe, non scherziamo, è una citazione. Non è farina del mio sacco.

Va be' dai ... il Melius te lo sei meritato lo stesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
spersanti276

@bost devo vedere quando torno...

Mah. La fonte è tale Glauco Cartocci che ha scritto molti libri sul fenomeno musica di quegli anni.

Purtroppo ha scritto anche un testo (molto circostanziato [sic]) sulla morte presunta di Paul epperciò, come dice il padre Dante,     "...più non vi leggemmo avante."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
eduardo

Purtroppo non sono mai riuscito a vederli dal vivo, ma li ho amati come pochi altri gruppi.

Da ragazzino mi ero convinto che il mio cuore battesse alla stessa frequenza del pulsare del basso di Locomotive Breath...B|

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    287.459
    Discussioni Totali
    6.082.450
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy