Jump to content
Melius Club

releone71

Ancora cloni: EAR 834P phono stage

Recommended Posts

releone71

Pare che al di fuori dei confini patri spopoli questo kit, proposto da diversi negozianti in vari livelli di finitura, dalla semplice scheda fino al prodotto già assemblato e finito di contenitore pronto all'uso. Prezzi cinesi, ovviamente. Laddove persino l'apparecchio assemblato (sia su AliExpress che sulla baia) viene via a manco 200 euro spedizione compresa. Addirittura c'è una versione proposta con lo stesso case dell'originale, con tanto di serigrafia EAR nascosta sotto una pellicola rimovibile! Misteri dell'estremo oriente.

Sulla scia dell'altro topic relativo ai cloni cinesi, vorrei chiedere se qualcuno si è mai cimentato nell'assemblaggio di questo kit e quali impressioni ne ha tratto. Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ferdydurke

Non riesco a trovarlo, puoi mettere un link?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

.

Link

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

Ecco, proprio quelli. I due nel contenitore grande sono solo MM, ma configurabili a piacimento, stante la possibilità di separare lo stadio di alimentazione dall'amplificatore. C'è da correggere qualche approssimazione nella rete RIAA e per quanto riguarda le correnti delle valvole, per il resto si tratta di impiegare componentistica di qualità (condensatori e valvole) al posto delle cineserie fornite. 

La copia sfacciata dell'originale, invece, viene offerta sia solo MM, sia anche MC. Lascia perplessi, però, l'alimentazione dello stadio MC tramite batteria ricaricabile. A vederli in foto sembrerebbe che gli aggeggi impiegati siano trasformatori d'accoppiamento, ma l'alimentazione a batteria cosa c'entra allora? Mi pare sia ragionevole supporre che si tratti di dispositivi attivi mascherati da trasformatori.@Ultima Legione @ @ferdydurke 

Share this post


Link to post
Share on other sites
sebalele

Pure io sono curioso di ascoltarlo .

seguo ogni tanto questa  completa discussione su le Lenco heaven 

Ear

non ho però capito la versione clone mc alimentata a batteria...forse solo il pre mc? A stato solido ?non vedo  trasfo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71
7 ore fa, sebalele ha scritto:

non ho però capito la versione clone mc alimentata a batteria...forse solo il pre mc? A stato solido ?non vedo  trasfo.

Sì, la batteria ricaricabile alimenta lo stadio MC. Per cui quelli che sembrano trasformatori in realtà sono circuiti attivi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
sebalele

Se guardiamo questo ear , completo e simile all'originale

nella parte posteriore del pcb ci sono 2 cilindri/lattine ramate .. questi sembrano trasformatori . Sul pcb è identificato come 1:10  .

ma sull'inserzione non è raccontato nulla 

Quindi la batteria che serve... ?

Probabilmente al volume motorizzato .

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71
10 ore fa, sebalele ha scritto:

Sul pcb è identificato come 1:10  .

Hai ragione, vedo adesso quella bella foto ravvicinata in calce all'inserzione. Certo, nella descrizione non si parla di trasformatori. Mi pare di capire solo che l'ingresso MM, ad apparecchio acceso, serva anche a ricaricare la batteria. Ma a cosa serva la batteria non è chiaro...

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

Bah... speriamo bene... il dado è tratto. Ho preso uno di quei kit con il case grande. Vediamo come riuscirà e, nel caso, mi dedicherò ad accessoriarlo con qualche funzione utile a renderlo più versatile. Stay tuned! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
sebalele

Bene , indichi per cortesia il modello?

sono curioso di conoscere le tue impressioni, visto il rumor che c'è intorno mi stuzzica l'idea di provarne uno .

Guardando i icosti , la via più economica (e zero sbattimenti) sarei tentato per il clone paro-paro con mc .

oppure prendere il kit e partire con la costruzione per un pre con linea e phono ear..

Poi ci vuole :trasfo , valvole case , spine, prese , interuttori... Ci penso su .

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71
20 minuti fa, sebalele ha scritto:

Bene , indichi per cortesia il modello?

Visto il prezzo conveniente ho preso questo, già assemblato ma che si presta a migliorie:

https://www.ebay.it/itm/Finished-MM-RIAA-Turntables-Ear834-Tube-Phono-Amplifier-12AX7-O-trannsformer-/112507221739?hash=item1a31f3f6eb

Mi hanno convinto le dimensioni della scheda pre, sovradimensionata nelle piazzole dedicate ai condensatori, tali da poter installare anche unità film foil, ed il trafo toroidale completo di coperchio schermante. Il contenitore, inoltre, consente un certo spazio di manovra nel caso si voglia spostare le schede diversamente da come sono posizionate. C'è spazio sufficiente, poi, per alloggiare in futuro un eventuale stadio MC o dei trafi di accoppiamento. I pannelli frontale e posteriore sono abbastanza ampi da permettere l'installazione di potenziometri, selettori ed ingressi supplementari.

Propendo per un approccio graduale. Intanto, quando arriverà (i tempi sono lunghi), lo roderò e valuterò liscio. In seguito applicherò le correzioni suggerite dagli utenti che si sono già cimentati con questo kit:

- correzione dello stadio di alimentazione

- correzione della rete RIAA

- correzione delle correnti di lavoro delle valvole, magari sostituendole con delle NOS europee

- sostituzione dei condensatori sul percorso del segnale con dispositivi di qualità

- installazione di un attenuatore a resistenze in sostituzione delle resistenze fisse da 47K parallelate agli ingressi

- installazione di un attenuatore a resistenze sulle uscite

Sarà interessante ascoltare l'evoluzione sonica del prodotto base.

Share this post


Link to post
Share on other sites
sebalele

@releone71 

Si questo modello con quel case offre la possibilità di pasticciare con comodo e divertirsi 

Anche la scheda vedo che può alloggiare componenti con dimensioni diversi 

Potrebbe anche essere possibile utilizzarlo come linea,  entrando direttamente sul secondo stadio , deviando / escludendo il primo stadio ed il fb della riaa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

@sebalele Sì, possibile. Mi suggeriscono nell'altro forum che l'attenuatore sull'uscita è previsto, peraltro, nel caso si volesse pilotare direttamente un finale. Un set up minimal analogico. L'attenuatore in ingresso, invece, voglio provarlo per "accordare" la resistenza alle diverse testine che possiedo. Ho questa possibilità su di uno dei miei pre vintage e devo dire che la variazione di carattere si avverte più che intervenendo sul carico capacitivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
danrap

ma lil ramo della 220 alternata deve essere fornita da un trasformatore o glisi può dare in pasto quella della linea elettrica?

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

@danrap Mi pare di leggere dagli schemi che il trasformatore fornito col kit (o da procurarsi a parte) elevi la tensione di lavoro a 280V, mentre l'uscita secondaria fornisca i 6,3V necessari per i filamenti dei tubi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
danrap

ho letto un po in giro di questo pre..sembra davvero eccezionale..

Ci sto facendo un pensierino... 

Ho un croft micro e un phono clone...

Tienici informati per favore quando ti arriverà :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

Senz'altro...incrocio le dita... :/

Share this post


Link to post
Share on other sites
sebalele

@danrap è necessario un trasfo con doppio secondario . Uno ca. 220volt (ca.300volt raddrizzati) e l'altro da 6,3V per i filamenti .

Lo schema è piuttosto semplice  sembra aver un ottimo riscontro tra gli appassionati .

Facile da assemblare e disponibile in alcune varianti , lo schema resta uguale ma , alcuni PCB hanno un layout predisposto ad accogliere diversi tipi di condensatori in modo di rendere semplice la personalizzazione .Questa sembra la preferita per il diy. Inoltre il PCb sembra realizzato molto bene come layout e masse , è lo stesso che usa quello acquistato da releone .

Ho fatto qualche conto ed indagine e , quello di releone ,sembra oltre ad essere la soluzione più economica offre buono materiale e telaio .

Prendere quello identico all'originale che per le dimensioni ed il controllo di uscita non offre molto spazio (fisico) per giocarci.

il costo di questo poi è prossimo a quello originale usato .

Acquistando pcb + componenti+telaio+trasfo+valvole non è conveniente.

Per ora penso di acquistare quello di releone poi in seguito giocherò con valvole e condensatori ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

Avvisato tramite mail circa la  consegna, programmata per il 3 aprile, mi sono visto recapitare il collo oggi. Maledetta DHL, troppo efficiente! Prevedo di non riuscire nemmeno a spacchettare l'apparecchio questo week end! La curiosità mi sta divorando... :S

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

E finalmente sto ascoltando il clone. Sono ancora al primo vinile (un grandioso Jeff Beck d'annata) , per cui riporto le impressioni a freddo. Il guadagno rispetto al Cambridge è notevolmente maggiore. Il bilanciamento soffre di un marcato effetto loudness. L'apparecchio sfodera in special modo dei bassi tellurici, ma frenatissimi. Magari nell'impianto "buono" il bilanciamento sarebbe più corretto, ma l'intento era quello di trovare un'alternativa al Cambridge nell'impianto A/V, con tutti i suoi limiti di amplificazione e diffusione. Infine, ma questo è facile immaginare dipenda dalla mancanza di rodaggio, la riproduzione è decisamente algida. Ottimo PRAT, ma assenza di musicalità. Come aver scambiato il Cambridge per un altro pre dal carattere maggiormente SS. Anni e anni di rodaggio e qualche tweak per ora fanno vincere l'inglese, ma vedremo in seguito come evolverà il suono. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
sebalele

@releone71 

l'eccessivo guadagno di questo pre fa "soffrire" alcune combinazioni con finali .

Ma lo usi direttamente tramite un pre-passivo ? Oppure passa per un altro Pre?

quindi un poco "scuretto"?

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

@sebalele E' collegato ad un ingresso linea dell'amplificatore A/V. Scuretto? E' talmente brillante e radiografante che lascerebbe deluso chi avesse preconcetti riguardo al "suono valvolare".

Ho dimenticato ieri di spendere una parola sull'oggetto. La costruzione è solidissima, le lamiere del case spesse e ancor più la piastra anteriore in alluminio spazzolato. La scheda del circuito è anch'essa molto spessa e ben fissata al fondo del telaio. Il cablaggio ordinato e ben rifinito. I connettori sono di ottima qualità. Un apparecchio ben realizzato, peraltro molto silenzioso. Magari le valvole cinesi non saranno il massimo (vedremo appena si saranno rodate per bene), ma non posso certo dire che siano affette da problemi di rumorosità.

IMG_20180405_174919.jpgIMG_20180405_175016.jpgIMG_20180405_175059.jpgIMG_20180405_175120.jpgIMG_20180405_175155.jpgIMG_20180405_175208.jpgIMG_20180405_175248.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @
14 ore fa, releone71 ha scritto:

E finalmente sto ascoltando il clone. Sono ancora al primo vinile (un grandioso Jeff Beck d'annata) , per cui riporto le impressioni a freddo. Il guadagno rispetto al Cambridge è notevolmente maggiore. Il bilanciamento soffre di un marcato effetto loudness. L'apparecchio sfodera in special modo dei bassi tellurici, ma frenatissimi. Magari nell'impianto "buono" il bilanciamento sarebbe più corretto, ma l'intento era quello di trovare un'alternativa al Cambridge nell'impianto A/V, con tutti i suoi limiti di amplificazione e diffusione. Infine, ma questo è facile immaginare dipenda dalla mancanza di rodaggio, la riproduzione è decisamente algida. Ottimo PRAT, ma assenza di musicalità. Come aver scambiato il Cambridge per un altro pre dal carattere maggiormente SS. Anni e anni di rodaggio e qualche tweak per ora fanno vincere l'inglese, ma vedremo in seguito come evolverà il suono. 

.

A parte l'unico possibile neo dell'accuratezza RIIA (ammesso e non concesso che possa ritenersi un vero problema in un oggetto di questo costo), l'unico fondamentrale e urgente upgrade di questo validissimo pre-phono, é il rolling delle sue originarie valvole con altre di tipo NOS.

.

Concordo pienamente con ...l' "algido" della sua sonoritá, che effettivamente é il termine piú giusto per definire la musicalitá di questo pre-phono quando usato "open-box", ma posso assicurare che riesce a rinascere di nuova vita e timbrica appena rivalvolato, assicurando grandi soddisfazioni con qualunque testina MM.

.

Inoltre il Guadagno é quello giusto, premesso che sia in modalitá MM che MC, il Cambridge Audio, fermo restando le sue convincenti qualitá musicali, con i suoi appena 39dB e 55dB in modalitá MC, in realtá é Lui a essere un pó scarsino in tal senso.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71
29 minuti fa, Ultima Legione @ ha scritto:

fondamentrale e urgente upgrade di questo validissimo pre-phono, é il rolling delle sue originarie valvole con altre di tipo NOS.

Ho diverse opzioni da parte, in verità. Vecchissime Sylvania e Valvo tilt getter e delle relativamente recenti Edicron di fabbricazione jugoslava (impianto EI). Queste, in particolare, sono delle short plate che, sacrificando leggermente il guadagno massimo, dovrebbero essere particolarmente silenziose. Vedremo. Ma per il momento voglio continuare col rodaggio delle cinesi che, se non altro, sono ben silenziose.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

.

Condivido pienamente anche e sopratutto per comprenderne personalitá e carattere.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
sebalele

@Ultima Legione @ 

Guadagno : dai dati sembra oltre 50 dB in MM letti nelle specifiche .

Facendo i conti della serva i primi 2 stadi amplificano 45 e 70 circa 70dB . L'ultimo stadio  adatta l'impedenza tipo emitter follower quindi guadagno prossimo all'uno

La riaa nel feedback toglie qualcosa ma non oltre 6 dB. Direi che a spanne 60dB sono garantiti .

lo schema è dappertutto , ma lo aggiungo per avere riferimento veloce nella discussione .

ear.thumb.jpg.e4d42451a3e7a82252affc247cdd7350.jpg

Parto con acquisto ..

Intanto un piccolo tips...

recclean-11.JPG.f69d8c309dbcb475894e2a1848ed5e44.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

.

:D:D

.

al di lá del....."prezioso" Tips, ottimo contributo quello dello schema e concordo con la impeccabile disamina sul guadagno.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

.

P.S.:........anche essendo un pochino piú banale e scontato, io peró uso questo:

.

31UVLAf-GuL.jpg.7deb218f1765e03618a736cf5b50d24e.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
sebalele

@Ultima Legione @ 

Si ma il mio è portatile , per il tuo è necessario un borsello !

Comunque ho fatto l'ordine per il pre come quello di releone ma , la consegna avverrà tra maggio e giugno ... caspita .Facevo prima a farlo da me .

Ho letto e guardato lo schema : il primo stadio lavoro con una tensione di placca tra i 90-100v e una corrente che non dovrebbe superare 0,7 mA.

Se riportiamo sul grafico delle caratteristiche di placca delle 12ax7 questi punti, la valvola lavora in una zona ai limiti della linearità .

to be continued

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71
49 minuti fa, sebalele ha scritto:

la consegna avverrà tra maggio e giugno

Tranquillo, stanno moooolto larghi con le previsioni di consegna. Poi arriva con DHL in tempi ragionevolissimi. A me hanno consegnato addirittura prima di quanto avesse preventivato DHL stessa. Vedi post #19.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297572
    Total Topics
    6552509
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy