Vai al contenuto

°Guru°

politica ed economia È in corso l'attacco alla Siria...

Messaggi raccomandati

PIEP

... che han fatto male ad attaccare: 

bisognerebbe sempre lasciare che gli arabi

se le diano fra di loro, senza intervenire;

e comunque dopo Assad, criminale quanto si vuole,

preferiamo s' instauri uno stato integralista ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Xabaras

Il vero criminale, a mio modo di vedere, non è in medio oriente ne tantomeno in Siria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

USA, Francia e GB hanno colpito laboratori di armi chimiche.

Ed hanno fatto benissimo.

Basta col pacifismo rancido e peloso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ClasseA

La Siria è uno stato sovrano. Bashar al Assad ha tutto il diritto di rimanere leader come del resto Gheddafi e Saddam. Grave errore degli USA, che si somma ai precedenti, non parliamo poi di quei vergognosi dei francesi ( vedi vicenda Sarkozy).  Comunque molti missili sono stati intercettati altri avranno fatto un po' di danni e ammazzato qualche civile.

Più corretta e coerente la Russia. Adesso inizierà la guerra semi fredda?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Attacco diplomatico, praticamente petardi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxfabbri
11 minuti fa, Panurge ha scritto:

Attacco diplomatico, praticamente petardi.

il minimo sindacabile per non perdere ulteriormente faccia e credibilità...cosa di cui la russia evidentemente, i dissidenti quando va bene finiscono in siberia, non si deve preoccupare viste le azioni di questi ultimi anni in quelle zone e anche le reiterate accuse agli usa di avere effettuato l'attacco chimico per poi giustificare i bombardamenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
24 minuti fa, ClasseA ha scritto:

Bashar al Assad ha tutto il diritto di rimanere leader come del resto Gheddafi e Saddam.

A differenza di Obama Trump ha limitato l’attacco ai laboratori e alle fabbriche di armi chimiche.

Non e’ una guerra totale contro Assad come e’ stata quella sciagurata contro Gheddafi, e’ stata una operazione di polizia internazionale.

Questi dittatori sanguinari devono capire che c’e’ un limite, le armi chimiche che colpiscono indiscriminatamente donne e bambini innocenti non si possono usare.

Trump si e’ dimostrato un grande statista, ora  e’ anche pronto per il premio Nobel per la pace.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

Purtroppo Assad e alleati Curdi, in parte sciiti, 

sono gli unici ad aver combattuto e forse vinto 

lo stato islamico dell' isis e di al nusra , sunniti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
1 minuto fa, PIEP ha scritto:

gli sciiti dello stato islamico dell' isis.

Gli sciiti ?

Peccato che Iran, Hezbollah ed Hamas siano peggio dell’isis, perche’ piu’ pericolosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxfabbri

@PIEP purtroppo non è così ''semplice'' e ''stabile''......con in aggiunta alleanze con componenti tribali complicate e variabili e con i curdi come al solito prima ''usati'' poi ''scaricati'':

http://www.lastampa.it/2018/02/20/esteri/siria-erdogan-e-assad-sullorlo-della-guerra-la-mappa-delle-alleanze-pqq4d4SpxTxPRZn89NZ2lK/pagina.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxfabbri
8 minuti fa, Roberto M ha scritto:

Peccato che Iran, Hezbollah ed Hamas siano peggio dell’isis, perche’ piu’ pericolosi.

per l'europa decisamente no..ad oggi sono un pericolo solo ''esterno''

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

... anche se e' difficile far chiarezza in questi nidi di serpenti:

Islamici che combattono Isis: Yemen e Iran

... A contrastare il Califfato rimangono, ovviamente, tutte le forze sciite rimaste attive nella regione: l’esercito lealista di Assad in Siria ,  i ribelli houthi in Yemen, l’esercito iracheno sotto la guida del Presidente Haider al Abadi in Iraq, i miliziani curdi attivi in Iraq e Siria, l’ala militare di Hezbollah in Libano e, soprattutto, l’Iran di Hassan Rohani. Proprio Teheran ha deciso di aprire una lotta senza quartiere contro l’Isis: l’Iran è intervenuto sia in Siria che in Iraq con truppe di terra, o milizie controllate o anche raid aerei. Alle fazioni sciite si affianca anche l’Egitto che, con il consolidarsi del potere del Presidente Al-Sisi, vuole difendere la ritrovata laicità delle proprie istituzioni dopo le fallimentari esperienze del post-primavera araba. Al-Sisi ha coordinato bombardamenti su obiettivi sensibili di Isis e offerto supporto logistico alla coalizione occidentale per l’accesso alla Penisola Araba.

I Paesi sunniti hanno prestato a volte il loro impegno contro il Califfato ma, come abbiamo già detto, rimangono forti dubbi sulla loro effettiva posizione: l’Arabia Saudita ha condotto e coordinato bombardamenti sia in Siria che in Yemen, con risultati ambigui in entrambi gli interventi; il Qatar ha fornito risorse e missili ai ribelli che combattono in Siria, anche se lo scopo primario era armarli contro Assad; ed infine la Turchia, che bombarda sul confine siriano senza fare troppa distinzione fra curdi e miliziani dell’Isis...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Luoghi di radicata' civilta'...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

Parenti serpenti

La diatriba affonda le sue radici nel 632 dC, l’anno della morte del profeta Maometto, il fondatore dell’islam. Le tribù arabe che lo seguivano si divisero sulla questione di chi avrebbe dovuto ereditare quella che a tutti gli effetti era una carica sia politica che religiosa. La maggioranza dei suoi seguaci, che sarebbero in seguito divenuti noti come sunniti e che oggi rappresentano l’80 per cento dei musulmani, appoggiarono Abu Bakr, amico del profeta e padre della moglie Aisha. Secondo gli altri, il legittimo successore andava individuato tra i consanguinei di Maometto. Sostenevano che il profeta avesse designato a succedergli Ali, suo cugino e genero, e diventarono noti come sciiti, una forma contratta dell’espressione “shiaat Ali”, i partigiani di Ali...  mentre i sunniti basano molto la loro pratica religiosa anche sugli atti del profeta e sui suoi insegnamenti (la sunna), gli sciiti vedono nei loro religiosi, gli ayatollah, un riflesso di Dio sulla Terra. Questo ha indotto i sunniti ad accusare gli sciiti di eresia, mentre gli sciiti sottolineano come il dogmatismo sunnita abbia dato vita a sette estremiste come i puritani wahabiti...

****

Tra sunniti e sciiti non c’è mai stato uno scontro paragonabile alla guerra dei trent’anni, che ha visto contrapposte tra loro le diverse confessioni cristiane nell’Europa del seicento e ha provocato un numero enorme di morti. Questo è dovuto in parte alla scelta degli sciiti, consapevoli della loro condizione di minoranza, di tenere un profilo basso. Le linee che oggi dividono i musulmani in Medio Oriente sono tracciate tanto dalla politica quanto dalla religione. La “Mezzaluna sciita” che va dall’Iran, passa per la Siria governata dal regime di Assad e finisce nel Libano dell’Hezbollah un tempo era lodata da molti esponenti sunniti. Ma le rivoluzioni in corso nella regione hanno provocato una frattura tra i governi sciiti e gli stati sunniti del golfo Persico, come Arabia Saudita e Qatar, che sostengono i loro correligionari con denaro contante. Questa situazione ha rafforzato l’assertività dei sunniti facendo sentire gli sciiti più minacciati che mai.

sciiti-e-sunniti.jpg.a071c28b33c8755f856903dd80d5570f.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

facci un sunto caffe.gif.8372631e79f84d3102519c6197a2864f.gif grazie !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vizegraf

Assad assomiglia a Fabio Fazio o.O

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
audio2

comunque , magari sarà pretattica, ma dove sto io ci sono le basi e le colonne affardellate si sono effettivamente mosse in quantità.

di solito non li vedi mai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

GR  o  PI  ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lufranz

Attacco coordinato USA-Frnacia-GB.

Il portale MSN, assolutamente non fazioso, imparziale e non schierato, intitola la notizia "TRUMP bombarda la Siria".

Cos'altro ti puoi aspettare da un portale di informazione che come seconda notizia mette "Disoccupato investe 200 euro in rete e ne guadagna 5000 nel primo mese" ?

Sput !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
audio2

Vi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

ah...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
domenico80

eh , quando non ci stanno scuse si inventano le armi chimiche

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
PIEP

comunque i Kurdi/e  lo pigliano sempre in tasca:

anche  'stavolta mi sa che non avranno uno loro stato...

YPJ-fighters-participating-for-Raqqa-1-1038-2.jpg.bf5f07271835548a5c28ca5c17316283.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
audio2

in ogni caso, da noi di stanza c'è la 173° brigata aviotrasportata, in pratica i paracadutisti.

ovviamente ci saranno tutti i satelliti del mondo puntati dritti in telecronaca diretta ad alta

definizione, questo il perché.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
enzo966

Credo che fosse preparato da un po': penso che non sia un caso che da più d'un mese passino sui nostri cieli quelli che sembrerebbero gli stessi lenti e grossi aerei che passavano durante i conflitti con saddam.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
OLIVER10

A me fa piacere che qualcuno riesca a capire e avere certezze sulla situazione siriana e araba in genere.

Se qualcuno mi fa un Bignami lo ringrazio.

Io so solo che gira una falsità e un trasformismo unico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bluesman74

Non capisco la differenza tra armi chimiche e armi che uccidono più umanamente... Qualcuno me lo può spiegare? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    284.775
    Discussioni Totali
    5.957.950
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×