Jump to content
Melius Club
alexis

La bellezza dei giradischi

Recommended Posts

FabioSabbatini

@alexis 

Zero attriti lo escludo

Però mi chiedo, anzi vi chiedo:

Pregi e difetti di braccio lineare e tangenziale?

Chi vince?

Idealmente direi il tangenziale ma non so...l'unico tangenziale che ho avuto era pieno di difetti e si incriccava continuamente...eliminato

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Non hai mai visto da vicino un versa... evidentemente. Quando lo ascolterai ti renderai conto cos’è un suono analogico senza costrizioni meccaniche di nessun tipo, suono completamente svincolato e isolato meccanicamente 🙂 libero come l’aria...😎 il sole, e la luce... 😜

Share this post


Link to post
Share on other sites
senna

Aurex (Toshiba) SR-510

immagine.thumb.png.fa4808b26f026162884376a8d8f9ad6d.png

immagine.thumb.png.a802d07d227eb912fce11d9521464e16.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
pepe57

A mio parere si sono pregi e difetti in entrambe le tipologie.

Poi c' è chi preferisce un certo pregio ad un certo difetto per cui tende verso una scelta e chi all' opposto ne farà un' altra.

Comunque si sono nel tempo viste molte idee applicate alle due tipologie per cercare di ridurne i limiti insiti nell' una o nell' altra.

Comunque io penso che ci sono buoni ed ottimi imperniati così come ce ne sono di scarsi e lo stesso vale per i tangenziali (naturalmente quasi sempre con le loro caratteristiche diverse).

Il limite principale che io credo si potrebbe imputare all' imperniato è la presenza di forza di skating più o meno compensabile con un meccanismo di antiskating e che comunque tende un po' a "costringere" la libertà di lettura. In molto secondo ordine personalmente metto l' errore di tangenza. Come pregio direi la semplicità costruttiva e di funzionamento, la buona dinamica (poi ovviamente ci sono sempre le eccezioni).

Il braccio tangenziale ha il pregio di non subire forze laterali di sorta quindi non deve compensarle. Però se meccanico deve essere costruito con una precisione altissima (se no si incanta) se ad aria resta più complicato. Il limite che vine spesso imputato al braccio

tangenziale ad aria è una dinamica più scarsa. Entrambi di solito hanno il limite di avere una massa laterale enormemente diversa da quella verticale (cosa che non avviene quasi mai con gli imperniati). e questo fa si che lo stilo nel suo viaggiare nel solco al posto di avere un movimento  teoricocircolare  ha un andamento più ellittico ed una FR non coerente fra i due movimenti.

Come sempre poi ci sono delle eccezioni.

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

@alexis 

Peccato che si siano specializzati a fare macinini per caffè

https://www.versalab.com/VERSA DYNAMICS.html

Che porta a:

https://www.versalab.com/index.html

https://www.versalab.com/COFFEE.html

Pare buono, comunque:

Since 2005 the Versalab M3 grinder has gained a worldwide reputation with customers for producing exquisite unmatched flavor in the cup - whether for their coffee shop or in their home.  Our exclusive careful treatment of the coffee from the hopper to the portafilter preserves and reveals the true essence of the beans and roast.

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

John Bicht è un ingegnere meccanico specializzato in pneumatica, ha all‘attivo il progetto delle porte a chiusura pneumatica della metropolitana  di New York, inoltre costruttore automobilistico, con Colin Chapman, senza dimenticare il progetto di bracci e altre cosette per la Mission eccetera eccetera. Negli anni 80 si incaponì a progettare il migliore giradischi del mondo, ma lo mise a listino troppo basso, in un epoca in cui per giunta stava imponendosi il cd player.. ne fece solo 78 pezzi prima di chiudere il ramo e di dedicarsi ai suoi altri progetti industriali, tra cui lo sviluppo fotografico industriale e le macchine da caffè e i suoi famosi grinder, high end pure loro.

il livello progettuale del suo gira è elevatissimo, al versa si sono ispirati Payor, con i suoi gira e pure Walker, ma nessuno é riuscito del tutto a superare del tutto il modello di riferimento.. l‘ho studiato bene nei dettagli e da architetto e designer, non posso che rendergli omaggio ogni volta che la testina vola sui solchi con grazia eleganza e risoluzione a mio avviso, ineguagliabili.. 🙂

Ps. Sostiene un famoso progettista audio che costruire oggi un gira con tutte queste complicazioni, in un package per giunta di dimensioni ridotte, rasenterebbe la follia, e non costerebbe meno di 80 mila usd di listino.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

@alexis 

Conosco il tipo, di fama

https://www.versalab.com/BICHT.html

Curriculum di tutto rispetto

(a meno di licenze poetiche...pare vadano di moda, ultimamente)

Molto molto convincente, altro che dopolavoristi e caxxeggiatori vari...

Te ne avanza uno per caso e non sai che farci?

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Tra i vantaggi del tangenziale che pepe ha dimenticato di elencare c‘é il fatto che i solchi interni sono enormemente più godibili rispetto all‘imperniato, é come avere un venti per cento di godimento in più... 🙂

svantaggi? Aver bisogno di aria compressa non é certo una semplificazione, i migliori bracci tangenziali usano aria ad alta pressione, ( per aver un vincolo quasi “meccanico” più stretto possibile, e la massima dinamica e risoluzione)  il che implica la presenza di compressori semi industriali, pesanti, rumorosi e ingombranti, da collocare in ambienti separati...

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

@FabioSabbatini ne ho sei di giradischi ma un solo versa, purtroppo. Ne comprerei volentieri un secondo, come scorta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
senna

@alexis

Un mio amico ne ha due di Versa Dynamics, Però se non sbaglio uno è da sistemare, ancora non sono riuscito a sentirlo perché ogni volta che vado a casa sua, ascolto uno dei suoi mpianti dove ha collegatoo un Vpi TNT hrx, spero la  prossima volta che vado a trovarlo di riuscire ad ascoltarlo, sono molto curioso...

lui ha due di questi:

immagine.thumb.png.fe517e7e28d10478ca9d90c3a4e7f5d5.png

che differenza c'è con questo:

immagine.png.49a80fe8eff6ec10c078d57211a62cb7.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
4 ore fa, alexis ha scritto:

Ne comprerei volentieri un secondo, come scorta.



io so chi ne ha uno che venderebbe ma...non te lo dico. xD

Share this post


Link to post
Share on other sites
cardio

@senna il primo è un serie 1, mentre il secondo è un serie 2 (di questa esistono due versioni: 2.0 e 2.3)

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

@sennaIl secondo è uno dei primi Serie 2.0 ( plinto in legno e non in plexiglas, braccio un po’ diverso), io ho il numero 74, uno degli ultimi, mi fare che abbia smesso con il 77. il progettista comunque fornisce pezzi di ricambio e assistenza, e volendo alcuni Upgrade)

non é comunque una macchina semplice da capire e gestire fino in fondo, per cui non la raccomanderei certo a un neofita, ma solo a un vero appassionato voglioso di complicarsi un pochino la vita audiofila, in cambio di veri sprazzi di felicità analogica..

😋

Ps. Puoi chieder al tuo amico se ha un Mat originale in esubero da vendermi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
senna

@alexis

Certo, domani lo chiamo e ti faccio sapere...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Brando88

@alexis neanche regalato lo prenderei il Versa...

vista la complessità di gestione di tutto il sistema.

Solo l'idea di avere la pompa  sistemata in un altra stanza mi fa salire la pressione!

Il braccio inoltre se non sai fare correttamente la manutenzione (eliminazione della polvere)  si blocca ed è una rogna smontare tutto.

Inoltre il tizio che sta in america si fa pagare a peso d'oro la manutenzione, prova a spedirglielo e ti toccherà accendere un mutuo...

Dimenticavo anche solo parlare per telefono è a pagamento e non lo fa gratis, con questo ho detto tutto.

Suonerà anche bene ma per il mio modo di usufruire l'ascolto del vinile il giradischi deve essere anche di gestione sufficientemente e ragionevolmente semplice... e il versa è esattamente l'opposto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pepe57

Il tuo amico è della provincia di Lecce?

Se è lui, deve sistemarli entrambi.

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
pepe57
2 minuti fa, Brando88 ha scritto:

Il braccio inoltre se non sai fare correttamente la manutenzione (eliminazione della polvere)  si blocca ed è una rogna smontare tutto.

Ma no, per la polvere basta un minimo di attenzione nella pulizia e non serve smontare nulla.

La pompa/compressore invece è davvero rumorosa ed in effetti va tenuta lontana ed in una stanza a parte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pepe57
9 ore fa, alexis ha scritto:

Tra i vantaggi del tangenziale che pepe ha dimenticato di elencare c‘é il fatto che i solchi interni sono enormemente più godibili rispetto all‘imperniato, é come avere un venti per cento di godimento in più... 🙂

Credo che il fatto dipenda principalmente dalla mancanza della forza di skating e contrapposto anti skating che si avverte maggiormente là dove le frequenze vengono incise in spazi ridotti.

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
pepe57

@senna: il Versa 1 non solleva il piatto su cuscino ad aria cosa che invece il 2 fa.

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

@pepe57 certo ma dipende anche dal fatto che negli imperniati l‘errore di tangenza sale rapidamente verso il centro del disco.

Per quanto riguarda la gestione  giornaliera, é un gira come tutti gli altri, basta tenerlo bene, e lui suona e suona e suona:

assolutamente nessun problema il braccio, che reputo un vero gioiello di precisione e di meccanica fine.

penso sia il migliore tra i bracci tangenziali mai concepiti. Se poi parliamo anche di bellezza, non c‘é singolo componente di quel braccio che non sia progettato a fondo, e assemblato con armonia. Stiamo parlando di un progettista con gli attributi, basti vedere come é fluido nei movimenti di rotazione e di semplice uso.

Il sistema pompe inoltre é alla portata di un qualsiasi tecnico del settore.

Ripeto, quel gira é un compendio tra meccanica, elettronica e pneumatica, per cui non è certo alla portata di tutti 🙂

Apro l’ultima parentesi „versiana“:

ancora un piccolo chiarimento sulla tipologia di perno ( componente fondamentale per suono) adottata nei versa: nel modello 1.0 troviamo un perno a mio avviso geniale, con boccola a sezione quadrangolare (!), lubrificato con un speciale grasso a molecole lunghe. Anche qui vediamo all‘opera una mente progettuale superiore, perché un perno con questa geometria, tiene conto della trazione esercitata dalla cinghia e permetto l‘appoggio del perno lungo due soli punti, collocati a „V“ rispetto al motore, una situazione quasi ideale, per il controllo delle vibrazioni e degli attriti, con gioco virtualmente prossimo alle zero teorico.

 Ovviamente di realizzazione molto più complessa  e costosa rispetto alla solita boccola circolare.

Modello 2.0:  perno completamente avvolto da microcuscino ad aria, sia assialmente che perimetralmente, con perno dotato di microincisioni elicoidali, che permettono un flusso dell‘aria completamente omogeneo, capace di creare un film sottilissimo di aria compressa, allo scopo di isolare meccanicamente piatto e il resto della meccanica. L’aria immessa, va quindi aspirata da una seconda pompa a vuoto, che si occupa anche dell’aspirazione del disco contro il piatto.

Il perno stesso quindi ha tre canali d’aria forzata, una per la sospensione del perno, un secondo di aspirazione dell’aria relativa, un terzo, a pressione differente, per l’aspirazione del disco sul piatto.

Questo perno é un vero capolavoro da lui commissionato a una ditta di avionica, che chiedeva 5000 usd al pezzo ( così almeno é riportato),per tolleranze di lavoro ai limiti dell‘allora misurabile. Oggi, trent‘anni dopo, ritroviamo una soluzione simile benché semplificata, solo sul bergmann top di gamma da 70 Mila Euro, il che la dice lunga .. :=)

Questo per dire che.. ogni tanto sono i particolari più piccoli a nascondere le invenzioni più grandi, e vale la pena alle volte avvicinare lo sguardo, dove l‘audiofilo medio, mai oserebbe 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
senna

@pepe57

Si è propio lui... avevo capito che uno dei due funzionasse.

Share this post


Link to post
Share on other sites
carmus

questo mi piace assai...

649386062_large_34c2bbbc8b8cc4e587b0ce72d1b79f4e.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

.. probabilmente di produzione micro seiki, che sotto mentite spoglie produceva un gran numero di giradischi OEM 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
48 minuti fa, alexis ha scritto:

.. probabilmente di produzione micro seiki



deduco senza il... ... probabilmente

Share this post


Link to post
Share on other sites
senna

@alexis

 Ho chiamato il mio amico ma è in Portogallo ...non gli ho chiesto se ha un Mat in più X il Versa, appena rientra glielo chiedo e ti faccio sapere ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
senna

Luxman pd 310 

17758A02-6366-474E-A342-1376C931C137-258-000000064098D34A.jpeg

Questi tre luxman mi sembrano molto interessanti e validi, costruiti dalla Micro Seiki X luxman, hanno tutti e tre la particolarità dell'aspirazione del disco sul piatto tramite una pompa ad aria...

Luxman pd 300

22FD6D64-B2B7-4581-9755-704AD7E58F89-258-00000005B6D78516.jpeg

luxman pd 555

IMG_9135.JPG

1008AE0E-9A98-4EA8-9193-531780E58837-258-0000000FC5FD3CF9.jpeg

6DAFECA8-780A-4BCB-8E06-FC2A532817F2-258-00000010D612DB12.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
28 minuti fa, alexis ha scritto:

una tavoletta un piatto un motorino del lego e lo chiamano giradischi.


motorino del lego inserito in un bel blocco di avional o ottone cromato a specchio per dare un minimo di senso di gigantismo  se il giradischi è costoso. :D:S

Share this post


Link to post
Share on other sites
bear_1

@BEST-GROOVE  e già... delle volte mi chiedo cosa potrebbe costare oggi un progetto come il Luxman in questione, o anche gli ultimi Micro Seiki della serie più alta... per non parlare del Pioneer Exclusive P3

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

@bear_1   non oso nemmeno pensarci :(

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    306889
    Total Topics
    6918349
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy