Vai al contenuto

appecundria

politica ed economia La Grande Marcia del Ritorno

Messaggi raccomandati

bluesman74

Però con Salvini potremmo riprenderci l'istria... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vizegraf

@bluesman74 Briga e Tenda no?😢

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria
1 ora fa, bluesman74 ha scritto:

Però con Salvini potremmo riprenderci l'istria..

Eh, poi quando i croati arriveranno a Udine e ci prenderanno a cannonate diranno: sì ma 50 su 60 dei morti erano leghisti. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ivo Perelman

https://www.internazionale.it/notizie/2015/05/04/comunita-etiope-di-israele-origini-protesta

"Nel dicembre del 2012, il canale israeliano Ietv ha rivelato che il ministero della salute israeliano aveva costretto il 30 per cento delle donne che volevano emigrare dall’Etiopia in Israele ad assumere un contraccettivo che le avrebbe rese completamente sterili nel giro di tre mesi. Nel decennio scorso il tasso di natalità all’interno della comunità etiope israeliana sarebbe diminuito del 50 per cento."

Bravi ragazzi ma con i loro difetti nascosti.

Per chi legge il francese. È una politica che da loro funziona riesce mentre per la sinistra italiana è impossibile da attuare. 

http://www.jeuneafrique.com/136369/politique/isra-l-met-un-terme-au-rapatriement-des-juifs-d-thiopie-en-isra-l/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ivo Perelman

 Se fanno questa politica contro i loro fratelli di confessione si può capire cosa sono capaci di fare a tutti gli altri che non gli stanno bene. Anche se non sono brave persone, non è una ragione per nascondere i loro difetti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
1 ora fa, Ivo Perelman ha scritto:

Nel dicembre del 2012, il canale israeliano Ietv ha rivelato che il ministero della salute israeliano aveva costretto il 30 per cento delle donne che volevano emigrare dall’Etiopia in Israele ad assumere un contraccettivo che le avrebbe rese completamente sterili nel giro di tre mesi

Siamo alla fogna completa.

A quando il protocollo dei savi di Sion ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ivo Perelman

Hanno riportato in patria i loro fratelli africani e ci sono stati dei problemi di integrazione. È questo che vuoi dire? Anche la sinistra italiana potrebbe imparare da queste vicende.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

Gli ebrei d’Etiopia resi sterili da Israele: la bufala corre sul web

Ancora oggi, a più di tre anni di distanza dalla pubblicazione, circola in rete un articolo del sito AgoraVox dal titolo “Lo Stato d’Israele accoglie gli ebrei neri d’Etiopia solo dopo averli resi sterili” datato gennaio 2013.
Un titolo chiaramente cattura click a introdurre un articolo che vorrebbe dimostrare come Israele sia un paese colonialista, crudele e persino razzista, in quanto gli ebrei di Etiopia sono “neri”, come sottolineato dall’estensore del pezzo.
In realtà chiaramente questa è una tesi sconclusionata, in quanto Israele non ha certo salvato 15.000 falasha (gli ebrei etiopi) dalle persecuzioni in Etiopia e Sudan per poi farli vivere in una sorta di regime di apartheid.
Le Operazioni Mosè, Giosuè e Salomone grazie alle quali gli “ebrei neri” di Etiopia sono stati trasportati in Israele si sono tuttora ricordate per l’eccezionalità e la perfetta riuscita.
L’articolo di AgoraVox prende spunto da un particolare episodio, ammesso da Israele, per poi trarre conclusioni capziose e in malafede: l’uso del contraccettivo Depo-Provera, un efficace anticoncezionale ormonale che avrà pur qualche controindicazione (come tutti i farmaci) ma non è certo un veleno infernale come descritto da AgoraVox. In più non esclude affatto il recupero della fertilità, anche se lungo, una volta interrotta la somministrazione.
Tale contraccettivo è stato effettivamente usato prima dell’Operazione Salomone, dopo le Operazioni Mosè e Giosuè, per un semplice motivo: i falascià rimasti erano in attesa di essere trasferiti e non potevano permettersi gravidanze durante il trasporto. Non sapendo quando si sarebbe riusciti a farli partire per Israele, era necessario evitare continue nascite.

AgoraVox, basandosi su un’inchiesta di Haaretz sullo “scandalo Depo-Provera”, sostiene che “I cittadini di origine etiope, nello Stato di Israele, sono più di 120mila. L’ebraicità di questi“ebrei neri” è costantemente messa in discussione dalle frange più ortodosse della popolazione. Con il risultato paradossale di assistere a casi del genere, dove la parola“razzismo” non rende l’idea di quanto in là possano spingersi le autorità di un Paese che si reputa “moderno”, “tollerante” e “democratico”.”
Niente di più falso. L’integrazione iniziale dei falasha in Israele non è stata facile, anche perché dovevano abituarsi ad uno stile di vita completamente diverso. Ma si parla di 30 anni fa: oggi gli etiopi sono perfettamente integrati in Israele, i bambini etiopi frequentano le stesse scuole di tutti, la percentuale di etiopi che frequentano l’università e che lavorano è buona. Alcuni prestano servizio nelle forze di polizia.
Un esempio? Mevorach Avraham, primo ebreo di origine etiope ad essere stato nominato Sovrintendente Capo della Polizia israeliana. Proprio due giorni fa.

http://www.linformale.eu/gli-ebrei-detiopia-resi-sterili-israele-la-bufala-corre-sul-web/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M

Quando si parla di Ebrei diventa peggio che con gli antivaccinisti, si inventano le notizie piu’ assurde e infamanti.

Antisemitismo ?

Ma nooooo solo critica politica ad israele.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cinemascope

...

Vicino Oriente

Così come in passato, i Protocolli sono stati sponsorizzati dai presidenti Nasser e Sadat in Egitto, dal presidente ʿĀref in Iraq, da re Faysal dell'Arabia Saudita e dal colonnello Gheddafi in Libia, dal Gran Mufti di Gerusalemme, Shaykh ʿIkrima Saʿīd Ṣabrī, tra gli altri leader politici e intellettuali del mondo arabo, così oggi i Protocolli sono stati sostenuti e raccomandati da Hamas e dal ministro dell'Istruzione dell'Arabia Saudita.

Con l'estendersi a tutto il Vicino Oriente del conflitto arabo-israeliano nella seconda metà del XX secolo, molti governi arabi hanno sovvenzionato nuove edizioni dei Protocolli e ne hanno fatto libri di testo per le scuole dei loro paesi. I Protocolli furono accettati come documenti storici da molte organizzazioni estremiste islamiche, come Hamas e la Jihad Islamica. La Carta del 1988 di Hamas, un gruppo islamista palestinese, afferma che I Protocolli dei Savi di Sion incarnano il piano dei sionisti.

Egitto

La casa editrice statale egiziana al-Ahrām curò nel 1995 la prefazione a una traduzione del libro di Shimon Peres The New Middle East, nella quale fece scrivere:

« Quando furono scoperti i Protocolli dei Savi di Sion, circa 200 anni fa, e tradotti in varie lingue, compreso l'arabo, l'Organizzazione Sionista Mondiale ha tentato di negare l'esistenza del complotto e ha sostenuto che fosse un falso. I sionisti hanno anche tentato di comprarne tutte le copie esistenti, per evitarne la circolazione. Ma oggi Shimon Peres prova inequivocabilmente che i Protocolli sono autentici e che dicono la verità. »

Un articolo del giornale statale al-Akhbār del 3 febbraio 2002 affermava:

« Tutti i mali che attualmente affliggono il mondo sono dovuti al Sionismo. Questo non deve sorprendere perché i Protocolli dei Savi di Sion, che furono redatti dai loro anziani più di un secolo fa, stanno procedendo in base a un piano preciso e una meticolosa tabella di marcia ed essi dimostrano che sebbene siano una minoranza, il loro obiettivo è quello di dominare il mondo e l'intera razza umana. »

Nonostante sia legato dal trattato di pace tra Egitto e Israele del 1979, che stabilisce di prevenire l'incitamento contro Israele, nel novembre 2002 l'Egitto permise sulla sua rete televisiva statale la messa in onda di Un cavaliere senza cavallo (Fares Bela Gewad), un "dramma storico" in 41 parti in gran parte basato sui Protocolli, che andò in onda per un mese sia sulla televisione egiziana che sui canali satellitari di lingua araba.

...

https://it.wikipedia.org/wiki/Protocolli_dei_Savi_di_Sion

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria
Il 21/5/2018 Alle 00:05, Roberto M ha scritto:

AgoraVox

Celeberrimo immondezzaio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roberto M
1 ora fa, appecundria ha scritto:
Il 21/5/2018 Alle 00:05, Roberto M ha scritto:

AgoraVox

Celeberrimo immondezzaio

Si. totale.

Basta fare una breve ricerca “agoravox israele” ed esce fuori la peggiore propaganda mai vista in odio ad israele, nulla che ha a che fare con il giornalismo.

Siamo a livelli oeggiori del Manifesto.

Una chicca, giusto per capire il livello del sito di cui oarliamo in uno dei tanti articoli distillati di odio verso lo stato ebraico in quel fogliaccio online appariva questo:

CONGRATULAZIONI!

SEI IL VISITATORE 
NUMERO 1.000.000! 
NON È UNO SCHERZO!

ONLINE: 22/05/2018 18:35

IL NOSTRO SISTEMA RANDOM TI HA SCELTO COME 
POSSIBILE VINCITORE ESCLUSIVO DI UNA 500!

CLICCA QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    285.673
    Discussioni Totali
    5.995.138
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×