Vai al contenuto

ifer

Levare i fusibili (Alexis?)

Messaggi raccomandati

ifer

Secondo me sono un bel collo di bottiglia anche se indispensabili per evitare danni irreparabili.

Qualcuno ha provato, anche se solo per una prova temporanea, a sostituirli con delle barrette in rame?

Mi pare qualcuno del forum lo avesse fatto...Alexis forse?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paky33

Perdonami... ma perché non provi?

Fermo restando che poi, li rimetti.

La sicurezza prima di tutto!

Io ho provato e se devo dirti che c'è una differenza realmente avvertibile, ti direi una sciocchezza

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
corrado

Anche se venisse accertato che sono un collo di bottiglia non se ne può fare a meno perciò il problema non si pone.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

@Paky33 perché non ho le barrette e non saprei cosa metterci, dovrei farmele fare da qualcuno che lavora i metalli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paky33

Basta un pezzo di flio di rame...

ma attento! con la 230volt si muore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alexis

io feci fare delle barrette in argento pieno, molti molti anni fa...  (25?) e certo che si sentiva eccome... sui finali spectral, per esempio.

da qualche anno ci sono i fusibili speciali, che anche loro qualcosa di udibile fanno. ultimamente quelcuno si è messo a misurarli, e in effetti quelli migliori ( furutech, isoclean, hifi tuning, per non parlare dei super-superfusibili made in usa a 150 il pezzo.. hanno dei valori di resistenza nettamente minori, e soprattutto costanti alle varie frequenze.

se tutto ciò influenza il suono? certo.. ma molto meno di tante piccole attività di fine-tuning del tutto gratuite... o quasi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

@alexis diciamo che mi sarei aspettato un effetto di gran lunga superiore a quello dei fusibili speciali (provato Hi Fi Tuning) dove si sente qualcosa ma non di eclatante.

A quali attività di "fine-tuning gratuite...quasi" ti riferisci?

Presumo non si tratti di collocamento in ambiente, tavoli e piedini...;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Suonatore

si parla dei fusibili di potenza in uscita dei finali, o di quelli di alimentazione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
flamenko

Io i fusibili li lascio al loro posto, il fine tuning si può fare su mille altre cose ma mai a scapito della sicurezza altrimenti è altro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mikefr

@alexis Controllato proprio per curiosità,Sul mio Spectral 200S2 ci sono fusibili comunissimi.Questa dei fusibili "costanti alle varie frequenze" mi è nuova,ma non ci passa solo la corrente?Mah.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alexis

Si è vero ma effettivamente i fusibili speciali sono costruiti con materiali migliori, dalle due cappette al filo interno, in argento puro. Le differenze come dicevo sono percepibili, ma non certo da strappare i capelli. Prova invece a cavare il coperchio metallico del finale spectral.. :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
3 ore fa, mikefr ha scritto:

Questa dei fusibili "costanti alle varie frequenze" mi è nuova,ma non ci passa solo la corrente?Mah... 

+1

Concetto apparentemente impossibile da far passare: all'alimentazione arriva la 230V alla frequenza fissa di rete di 50Hz, e basta.

Non ci sono frequenze gravi o acute da salvaguardare.

Addirittura queste frequenze acute e gravi che vorremmo salvaguardare a livello di fusibile (o di cavo d'alimentazione, o di ciabatta, o di quel che volete sulla linea d'alimentazione) sono esattamente quelle che i filtri di rete, i condizionatori di rete e la sezione di filtro dell'alimentazione dell'apparecchio si occupano di sopprimere per far passare solo la sinusoide pulita a 50Hz.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Meno.

>Addirittura queste frequenze acute e gravi che vorremmo salvaguardare a livello di fusibile (o di cavo d'alimentazione, o di ciabatta, o di quel che volete sulla linea d'alimentazione) sono esattamente quelle che i filtri di rete, i condizionatori di rete e la sezione di filtro dell'alimentazione dell'apparecchio si occupano di sopprimere per far passare solo la sinusoide pulita a 50Hz.

Esattamente, quoto pienamente. Ad esempio se uno ha dei disturbi nella rete elettrica di casa, e sostituisce i cavi di alimentazione degli apparecchi con modelli audiophile schermati, peggiora la situazione in quanto la schermatura preserva i disturbi esistenti e te li porta tali e quali dentro le "macchine". Attenzione anche ai condizionatori di rete e stabilizzatori che se da un lato apportano una migliore alimentazione, spesso influenzano la sonorità dell'impianto in modo peggiorativo. Semprechè non siano modelli molto costosi.

Pensavo si parlasse della sostituzione dei fusibili a protezione dei finali. E' privo di senso pensare di avere delle migliorie sostituendo un fusibile di alimentazione.

Il problema è che siamo condizionati da un pensiero che ci spinge a cambiare qualcosa, a migliorare qualcosa, a far rendere al massimo le nostre apparecchiature, e il fine tuning si occupa proprio di questo. Io stesso che ne campano qualcosa, essendo tecnico, mi sono trovato a sperimentare modifiche prive di senso! Ma la voglia di provare, di migliorare di un pelino il suono del mio impianto è stata più forte.

Ma l'elettricità ha le sue leggi, non è una scienza empirica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mikefr
Il 27/5/2018 Alle 12:34, Fabio Meno. ha scritto:

Ma l'elettricità ha le sue leggi, non è una scienza empirica

Ma è un concetto che non entra nella "capa" degli audiofili............

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

@Fabio Meno. 

Il 27/5/2018 Alle 12:34, Fabio Meno. ha scritto:

Ad esempio se uno ha dei disturbi nella rete elettrica di casa, e sostituisce i cavi di alimentazione degli apparecchi con modelli audiophile schermati, peggiora la situazione in quanto la schermatura preserva i disturbi esistenti e te li porta tali e quali dentro le "macchine".

Ah! Questa non la sapevo!

E suppongo che poi molti disturbi non siano neanche udibili come ronzio. Giusto?

Il 26/5/2018 Alle 23:00, Fabio Meno. ha scritto:

il bypass dei relè di potenza, quelli che collegano i finali ai connettori.. Quello sì che è un contatto "pericolante" e sopratutto con l'uso si può logorare e sporcare. Ma non c'è nessuna azienda che produce relè con contatti di rame super puro e dorati, perché sono tutti prodotti industriali e perché la loro sostituzione esclude il fai da te

Quindi i vecchi amplificatori inglesi e i Naim che facevano il bump era perché non avevano i relè credo e forse per questo che dovrebbero suonare molto bene?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
enzo966
Il 31/5/2018 Alle 11:20, ifer ha scritto:

Quindi i vecchi amplificatori inglesi e i Naim che facevano il bump era perché non avevano i relè credo e forse per questo che dovrebbero suonare molto bene?

Non penso proprio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ruxperienced
Il 31/5/2018 Alle 11:20, ifer ha scritto:

Quindi i vecchi amplificatori inglesi e i Naim che facevano il bump era perché non avevano i relè credo e forse per questo che dovrebbero suonare molto bene?

I woofer ancora ringraziano gli inglesi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ifer

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
MAXXI

@ruxperienced ...emettendo la pernacchietta ( bump...) di protesta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    286.309
    Discussioni Totali
    6.026.475
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy