Vai al contenuto

acusticamente

Per la cuffia e la musica, a prescindere

Messaggi raccomandati

KnifeEdge

Lo incorniciamo questo post? :)

Io due sere fa: sdraio, veranda, giardino, luci spente, temporale che rombava in lontananza, cielo elettrico, brezza, cuffie semplicissime (vecchie Grado economiche), magia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rpezzane

La cuffia garantisce un ascolto intimo che ti permette di scoprire in posti od orari assurdi particolari mai uditi nella musica che tu ben conosci. Ad ogni ascolto tutto ciò si rinnova permettendo anche in momenti di difficoltà di trovare un po’ di conforto e serenità.

Saluti e in bocca al lupo

Roberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stufato

sottoscrivo...

6 ore fa, KnifeEdge ha scritto:

temporale che rombava in lontananza,

è la ragione per cui preferisco sempre le cugine aperte, a prescindere dalla situazione... non mi piace l'isolamento totale dall'esterno

cuffie... scusate, correttore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stufato

😂☺️

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stufato

quello che è bello delle cuffie è che ti possono accompagnare ovunque e in qualsiasi momento ti permettono di perderti nella musica, a dispetto di tutto e di tutti... anche se non ho mai provato a metterle in riunione 🤔

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
iBan69

@acusticamente complimenti per il tema della discussione ... stasera è troppo tardi per dedicarmi a scrivere un pensiero  ... ma, domani mi ci dedicherò, perché ne vale sicuramente la pena! 

Notte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
acusticamente

Stavo ragionando sul fatto che quello che viene generalmente definito un limite delle cuffie (la provenienza del suono non frontale come di consuetudine) possa invece essere un elemento positivo.

Se il presupposto è che la sensazione di coscienza è situata nella testa allora ascoltare una musica che nasce nella stessa zona potrebbe fare la differenza sulle nostre sensazioni interiori.

Non è un qualcosa che assimiliamo dalla provenienza esterna ma un suono che si mescola ai nostri pensieri, alle sensazioni più inconsce e che diviene quindi un tutt’uno con il nostro intimo, lenendo una sofferenza come nel mio caso citato prima, oppure dando sensazioni comunque piacevoli ma sempre sotto pelle, come se girassero nel nostro corpo in uno strato più profondo.

Non che la musica dai diffusori non possa dare emozioni ma c’è qualcosa di così particolare in questo atipica modalità di ascolto che spesso ci conquista e ci lega per sempre ad essa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
iBan69

Ho riscoperto solo in questi ultimi anni, l'ascolto in cuffia. Non che prima non ascoltassi la musica anche in questo modo ... ma, era rilegato più ad una necessità che ad un vero piacere. Forse sarà l'oggetto che mi affascina sempre più ... o forse sarà che l'investimento profuso per ottenere un ottima qualità sonora è inferiore al sistema con diffusori, o forse ... sarà solo l'età, che mi porta ad un approccio più intimistico con la musica. E' sempre e solo la musica che giustifica questa passione negli strumenti che la riproducono. 

Tra l'ascolto a campo libero con i diffusori e quello in cuffia, ci sono sostanziali differenze sia oggettive, ma anche soggettive. Le prime si deducono da sole ... le seconde sono di personale interpretazione. La musica ascoltata in cuffia, è una magia dedicata al nostro più profondo io, cerebrale e emotivo, dove la nostra immaginazione può elaborare senza disturbi esterni, ciò che la musica ci stimola a ricordare o ad immaginare. Non che la musica ascoltata con i diffusori, non possa ricrearla, ma è più difficile che riesca ad arrivarci filtrata da quello che ci sta attorno. Entrambe le soluzioni d'ascolto hanno evidenti pro e contro, più fisico il primo più cerebrale il secondo, e forse non possono neanche essere sostituto uno dell'altro, almeno così lo è per me, ma l'ascolto in cuffia mi permette di immaginare la musica con più facilità. 

Quindi@acusticamente, i limiti delle cuffie sono da ricercare nei vantaggi dell'ascolto con i diffusori... come, i vantaggi delle cuffie sono da ricercare nei limiti dell'ascolto con i suddetti ... e quello più importante, quello a cui non si può prescindere, è l'ambiente di riproduzione. Aggiungiamo il vantaggio della loro portabilità, che ti permette di godere di quelle emozioni ovunque tu voglia, con pochi mezzi e grandi risultati. 

Insomma, sono felice di aver riscoperto questo strumento ... che sono forse meno emozionanti, ma sicuramente più adatti ad assaporare i più minuscoli dettagli della qualità stessa della musica riprodotta.

Non mi interessa determinare cosa sia meglio ... mi interessa solo godere di ciò che gli strumenti di riproduzione possono arrivare a darmi nell'ascolto della mia amata e inseparabile musica.

Grazie 

Roberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
apprendista

Ho riscoperto anche io il piacere della cuffia, la sua fruibilità, l'approccio intimistico (ovvero, nessuno che ti possa rompere le scatole).

Sono lo strumento ideale sia per chi vuole godersi musica in relax, sia per chi vuole "studiarla" (una cuffia chiusa di fascia alta permette di carpire le sfumature minime, di valutare i dettagli delle diverse sorgenti ecc.ecc.

Ho ripreso nemmeno un anno fa con una buona cuffia, una senn 598, e da tempo medito di affiancarne una chiusa, magari più performante; sono molto attratto dalla shure 1540...ma ce ne sono tante...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    286.309
    Discussioni Totali
    6.026.475
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy