Jump to content
Melius Club

vignotra

McIntosh MC452 ciao. Benvenuto MC462

Recommended Posts

giannisegala

@grisoni  Mauro , che cavi di segnali usi? Grazie 1000!

gianni

Share this post


Link to post
Share on other sites
grisoni

@Nejiro 

I due valvolari sono piu' "cazzuti e operativi" perdonatemi il gergo da caserma alpina ma e' cosi. Altro che tranquilli e melodiosi...i due MC 60 sono due macchine da guerra nel riprodurre il messaggio musicale e lo fanno con tutta la forza,l'ardore e l'equilibrio che solo loro sanno dare. Hanno dei bassi strepitosi e i medio alti di una naturalezza disarmante...Il 452 e' piu' delicato nel suo incedere, si puo' dire  anche dolce e suadente a volumi contenuti. Anch'esso molto equilibrato nel riproporre la musica con grande polso . Due facce diverse della stessa medaglia  Mauro

Share this post


Link to post
Share on other sites
grisoni

@giannisegala 

Un po' di tutto e non me ne frega nulla delle marche. Mi piacciono...stop ! Attualmente quelli che vedi tra il C2600 ed i due Mc 60 sono dei Purist Audio Aqueos  20 ^ Anniversary. Ciaooooo

Share this post


Link to post
Share on other sites
fra1992

Buonasera a tutti, oggi ho avuto il piacere di ascoltare l'MC462 con il pre il C52, una prova con due Sonus Faber le Serafino e Il Cremonese! 

20190126_121557.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
piona252

be' e allora? impressioni? recensione? 🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites
fra1992

Diciamo che nel complesso è un bel sentire, il finale decisamente più adatto alle Serafino che alle sorelle maggiori...Classica, jazz, blues da pelle d'oca veramente, abbiamo ascoltato con Il Cremonsese la Primavera di Vivaldi che ha lasciato tutti a bocca aperta! 
Unica nota "negativa" (passatemi il termine): un po deluso con l'ascolto del rock...sarà che non sono diffusori particolarmente adatti a questo genere, sarà che erano nuovissime, sarà che 450watt erano forse un po pochi per far esprimere al meglio le Il Cremonsese; mi ha lasciato un po perplesso...le credevo più "universali". 
La qualità è indiscutibile, delle vere e proprie opere d'arte, le Serafino in particolar modo le trovo stupende ed elegantissime, niente a che vedere in confronto alle foto.
Il finale davvero di gran qualità, molto musicale e coinvolgente. E' stata la prima volta invece che ho ascoltato un pre a stato solido.

Share this post


Link to post
Share on other sites
vignotra

Le Serafino vanno a nozze con 452/462. Per le Il Cremonese bisogna salire di livello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
cesco1979

Buongiorno, 

sabato mattina oltre a ritirare il mio nuovo lettore CD ( il cyrus è morto ed è stato sostituito da un Esoteric UX-1), ho provato il nuovo 462  con pre 2600 , lettore cd NAIM 555 due telai e le B&W 802 D3 come diffusori ( purtroppo c'erano quelle collegate e il buon Marco Carminati aveva gente in negozio e non è riuscito a cambiare  le casse). 

Il nuovo ampli non mi è dispiaciuto,anzi,  devo dire che mi ha sorpreso anche in accoppiata con le B&W...sia con del Jazz, che con Annie Lennox ( Bare ); grinta , forza e comunque tanta delicatezza...rimango sempre dell'idea che i mono siano un'altra cosa  per ricostruzione , plasticità del suono e modo di trasmettere la musica ; un buon prodotto.

Certo la prova era "inquinata " dai diffusori che io non riesco a farmi piacere...ma forse è proprio per la loro presenza che il 462 mi ha stupito...boh forse da quando ho la biamplificazione 2301 + 1.2 ho trovato la pace dei sensi e non sono più alla ricerca di nessun tassello in riferimento ad amplificazione...

Nel pomeriggio ho collegato nel mio impianto il lettore CD -SACD della Esoteric... mi sa che d'ora in avanti sarà dura scegliere il formato tra vinile e CD... eccezionale pur essendo un macchina datata... le nuove serie erano troppo costose per me adesso e questo lettore universale era il giusto compromesso tra resa, spazio e costi ( mi è stato proposto un lettore Lector + dac con due alimentazioni separate  ma era troppo ingombrante per me) 

...ora ultimo tassello è il cambio di testina al TW -Acustic ...😁

ciao

Francesco

Ps. Sto valutando acquisto MC 2205 perfettamente restaurato con vetro sostituito e involucro di legno; vorrei provare a costruirmi un 2° impiantino vintage... cosngigli su diffusori , premap e sorgenti? Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ulix62

Ho ascoltato la medesima configurazione di cui sopra da Marco Carminati il pomeriggio precedente, e prima ancora le stesse B&W 802 d3 collegate al CD Naim con pre Convergent  e finale Jeff Rowland. Molto, molto meglio l’accoppiata Mac, seppure anche a me il limite della catena è sembrato proprio nei diffusori. Belli, monumentali, ma con le frequenze medie leggermente nasali e proiettate in avanti che tanto piacciono agli estimatori del marchio B&W, ma che a me personalmente non fanno impazzire. L’accoppiata Mac ha reso più controllato il medio debordante delle B&W, e complessivamente più equilibrato e piacevole il suono. Da possessore di MC452, mi sembra (ovvio che per un’analisi accurata dovrei provarlo nel mio impianto) che il 462 abbia la stessa impronta sonora, con un po’ di dinamica  e controllo in più.

Share this post


Link to post
Share on other sites
piona252
2 ore fa, cesco1979 ha scritto:

boh forse da quando ho la biamplificazione 2301 + 1.2 ho trovato la pace dei sensi

eh te credo🤪🤪 difficile trovare di meglio!!!

Sono d'accordo con te che le amplificazioni dual mono siano di livello superiore anche se bisogna ammettere che il 452 (che ascoltai prima di decidere sui 501) e presumo anche il 462 (nemmeno mai visto) siano veramente degli ottimi ampli. Comunque pure io avevo preferito i 501 al 452 anche per il fattore economico che non è da sottovlautare; Certo tu hai i kilowattoni quindi siamo ad un livello ancora più alto. Abbiamo poi lo stesso gusto anche riguardo i diffusori: Anni fa sognavo due belle B&W in casa, magari delle 801, ma dopo averle ascoltate devo dire che ne sono rimasto un po deluso. Certo è un gran diffusore ma il suo suono non è il mio suono, sopratutto con le amplificazioni mcintosh. Ho preferito rimanere sul marchio monitor audio (avevo già le gold) ed ho scelto le platinum che sopratutto con jazz e  classica sono spaziali. Se la cavano benissimo anche con il rock, ma forse sarebbe più opportuno un ambiente leggermente più grandedi casa  per sfruttarle al massimo. Ora vorrei cambiare totalmente e buttarmi su un suono più vintage e più di impatto e vorrei riuscire a provare le jbl 4429 che però non trovo da nessuna parte😭

Share this post


Link to post
Share on other sites
cesco1979

@Ulix62 cosa non ti è piaciuto della combo CAT + Jeff Rowland? Presumo abbiate usato il 625. 

Trovo il JR un finale con una spinta infinita, forza, controllo e velocità ma non ha la delicatezza del McIntosh ... 

Le B&W sono splendide da un punto di vista estetico... a livello sonoro c'è di meglio e si spende anche meno... vedasi Elac o Monitor Audio

@piona252  Se riuscissi prova le Elac serie 407 ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
piona252

Devo essere sincero non ho mai provato nessun diffusore di quel brand. Nei negozi dove normalmente riesco ad andare non le trattano. Guarda io con le pl 300 sono soddisfatissimo e le reputo un gran diffusore uno dei migliori di quel segmento di prezzo che comunque è impegnativo (usate però le ho torvate a 4500 euro); ogni tanto la scimmia di cambiare mi viene, ma cambierei solo per un diffusore completamente diverso... da impatto per intenderci e le 4429 mi intrigano molto. Il problema è che ho tanta paura di pentirmene oltre al fatto che difficilmente si trovano. Avevo pensato anche alle fortè 3 ma dopo averle ascoltate non mi hanno convinto più di tanto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
fra1992

@piona252 dopo l'ascolto ne ho parlato con il commerciante, visto che come già sai la settimana prima mi fece sentire le JBL, mi ha riferito come tanti tanti clienti presi dall'euforia dei diffusori "da effetto", con il padellone per intenderci, dopo esserseli portati a casa se ne sono pentiti e hanno fatto dietrofront nel giro di pochi giorni...mi ha messo un gran pensiero questa cosa, le JBL per esempio mi hanno lasciato un bel ricordo ma se poi tutto quell'impeto in ambiente domestico stanca o mal si adatta al mio ambiente?! mi viene da pensare che la delicatezza delle Sonus Faber in fin dei conti non sia così tanto male, e quello che ho definito "non universalità" sia in realtà un gran equilibrio di fondo che male non fa!!! 🙄

Share this post


Link to post
Share on other sites
piona252

Come non quotarti! certo che sto dubbio mi sta facendo impazzire...

Share this post


Link to post
Share on other sites
vignotra

L'spl è bello, è rock, è punch nello stomaco ma, la vera musica è molto di più. E' fatta di aria appena mossa, sospiri carezze e rugosità. Squilli di tromba si alternano a melodici canti del clarinetto mentre i violoncelli sostituiscono la voce umana. La mia recensione sulle Serafino è parcheggiata da qualche parte nel Club, in attesa di essere svelata. Andate a sentire questo diffusore di Sf, forse uno dei migliori da pavimento nella sua fascia di prezzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
grisoni

Io ho avuto Sonus Faber dal 1985 al 2014 e ne sono stato pienamente soddisfatto ( ma ero legato alla SF di Franco Serblin ...quella ancora artigianale). Ho avuto anche JBL ed altri marchi ma se debbo essere sincero i diffusori che sto apprezzando di piu' con i generi d'ascolto che prediligo ( rock jazz blues cantautori) sono le DYNAUDIO. Hanno un rapporto q/p ottimo e suonano molto bene insieme ai miei apparecchi Mcintosh e Burmester. Una scelta azzeccata ed ad un prezzo contenuto ( Io ho le Special 25 comm edition)...( adesso in commercio ci sono le special 40 comm ed.). Mauro

Share this post


Link to post
Share on other sites
fra1992

Come ho detto con il MC462 ho apprezzato più le Serafino che le Il Cremonese; non mi sono sembrate nemmeno troppo ostiche mi azzardo a dire che il 462 è forse anche troppo...
Sul prezzo c'è però da dire che le Serafino non sono molto economiche al momento, chissà se tra qualche anno si può sperare in una scontistica maggiore.
Resta il fatto che se potessi me le porterei a casa senza pensarci due volte oggi stesso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ulix62

@cesco1979 La catena che ho ascoltato Naim-Cat-Jeff Rowland-B&W a mio parere, e secondo le mie orecchie, non era sinergica, nonostante l’indubbio valore dei singoli componenti, e sappiamo che in hi-fi la sinergia è tutto. Come se, in cucina, facessi un piatto mettendo assieme aragosta, filetto di vitella e crema pasticcera. Medio-basso allungato e frequenze medie, che già con B&W sono proiettate in avanti, con poco controllo e sparate addosso. L’insieme era poco gradevole, e persino leggermente stancante. Con l’accoppiata Mac a pilotarle, le B&W hanno guadagnato equilibrio, raffinatezza e controllo, lasciando esprimere le grandissime doti del nuovo Mc462 seppure, a mio avviso, le B&W non sono l’ideale per esaltare il suono Mac. Sarei stato curioso di sentirle con una catena tutta Jeff-Rowland, o Pass. Comunque uno stato solido di grande potenza e controllo. Non sono diffusori facili da pilotare, le B&W, e per quanto bellissime hanno un suono molto peculiare che non a tutti piace (probabilmente è il mio caso). 

Giuseppe

Share this post


Link to post
Share on other sites
machenry

A questo punto, leggendo le critiche numerose alle B&W, credo proprio di essere tra i pochi che apprezzano il connubio Mcintosh-B&W: da me la resa acustica dell'8900 con le 804 D3 è davvero equilibrata, ricca di dettaglio ma nello stesso molto musicale, mai stancante, senza quegli eccessi sul medio alto che vengono imputati ai diffusori inglesi. Ho fatto anche il percorso inverso di molti, tornando alle B&W dopo un paio di anni trascorsi con le Olympica II.🤔

Enrico

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ulix62

@machenry La B&W è un’ottima marca, i suoi diffusori sono bellissimi e ben suonanti. Ascolto spesso da un amico una catena Pass collegata a delle 804d, e l’ho sempre giudicata Ottima, così come non è male neanche il connubio Mac Intosh-B&W. Come personale giudizio, sperando di non offendere nessuno, a mio avviso i Mac si esprimono al meglio con altri diffusori, così come le B&W si esprimono al meglio con altre elettroniche (stato solido, potenti e controllate nellle frequenze medio-basse). Ovviamente tutto è soggettivo, ed è il gusto personale che conta. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
cesco1979

@machenry

sicuramente B&W sviluppa dei buoni prodotti...a me non piace la loro proposta a livello di impostazione sonora ( come sono costruite sono certamente splendide )... trovo che il continuare a definirli un punto di riferimento top in ambito di diffusori sia fuori luogo... i veri top Hi End sono altri per quanto mi riguarda e cito tra quelli che ho testato / ascoltato:

Avantguarde

Acappella

Estelon

Franco Serblin 

German Phisyks

Hansen audio

Elac alta gamma

Tannoy serie prestige

Vivid

e nelle mie prove i sopramenzionati diffusori avevano sempre una catena di un certo peso alle spalle...MC, Jeff Rowland, Accuphase , Esoteric, CAT Naim...

Ciao

Francesco

Share this post


Link to post
Share on other sites
giannisegala

@cesco1979  Ciao Francesco .   Nessuno  ha mai provato  tutto quanto c'è in commercio. Figurati ciò che è passato nel corso degli anni !   I marchi che tu hai citato  producono  ottimi diffusori  ma non sono i soli  buoni diffusori in circolazione che ben si sposano con i Mac . Potrei farti molti esempi. Stasera  te ne faccio solo due : Trenner e Friedl  Art  e  Proac Response SC1 . Entrambi piccoli ma deliziosi   interpreti. Di Serblin avevi sentito le Accordo? Ciao , grazie ,

gianni

Share this post


Link to post
Share on other sites
cesco1979

@giannisegala  parlo per mia esperienza...

e ho detto che quando ho ascoltato B&W con McIntosh l'accoppiata non mi è mai piaciuta... è un impostazione sonica che non mi piace tutti qui!

Per quanto riguarda Serblin ho ascoltato le Accordo e le Ktema...ottimi diffusori.

Ciao 

Share this post


Link to post
Share on other sites
glucar

...hai avuto l'ennesima illuminazione?

Share this post


Link to post
Share on other sites
zagor333

L’illuminato...

Share this post


Link to post
Share on other sites
vignotra

Per le illuminazioni prego rivolgersi all'enel. Il prossimo commento ot sarà sanzionato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
vannigsx

@vignotra ma per curiosita come suonano le nuove sf amator III ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
vignotra

@vannigsx bene, molto bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Diabolik1953

@vignotra @alberto75 Francamente devo dirti che avendoli entrambi ho notato una discreta differenza tra il 462 e il 452, il primo "462" esprime un basso più potente e meglio controllato con una dinamica più evidente rospetto al 452 che rimane comunque un finale di tutto rispetto, devo riconoscere che in effetti le migliorie ci sono e si avvertono,  francamente non saprei dirti quanto possa valere effettuare la sostituzione di un finale come il 452 che purtroppo trova un mercato assai ostico direi molto ristretto per effetto del nuovo uscito, a meno che non si riesca ad acquistare il 462 sotto gli 8000 euro e vendere il 452 a 6000.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Diabolik1953

@dadox @grisoni @effeverde @fra1992 @fra1992 Francamente devo dirti che avendoli entrambi ho notato una discreta differenza tra il 462 e il 452, il primo "462" esprime un basso più potente e meglio controllato con una dinamica più evidente rospetto al 452 che rimane comunque un finale di tutto rispetto, devo riconoscere che in effetti le migliorie ci sono e si avvertono,  francamente non saprei dirti quanto possa valere effettuare la sostituzione di un finale come il 452 che purtroppo trova un mercato assai ostico direi molto ristretto per effetto del nuovo uscito, a meno che non si riesca ad acquistare il 462 sotto gli 8000 euro e vendere il 452 a 6000.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294883
    Total Topics
    6438725
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy