Jump to content
Melius Club

Tiziano_La_Porta

Quesito agli esperti di valvole e non... Pre Aikido

Recommended Posts

walge

Può andare bene tanto poi ci pensa lo shunt.

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

@walge ho fatto testare le valvole e l'unica utilizzabile è la rgn1054 quindi utilizzerò quella, avevo pensato come ti avevo detto precedentemente a un filtro clc così composto 40uf 10H 100uf e dopo i due shunt, che ne dici? Il secondo cap va bene da 100uf o posso anche aumentare o diminuire? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Per la raddrizzatrice a riscaldamento diretto forse 40uF sono troppi, userei al massimo 20uF.

Per il filtro LC dovresti scoprire a quanto ammonta la Rdc della induttanza dato che farebbe da freno alla corrente di carica del condensatore  da 100uF.

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

 @walge

Infatti tra le pochissime informazioni che ho trovato sul web mi pare di aver letto che il cap dopo la valvola non doveva superare i 30 o 36uF , benbe per 20uf, la rdc dell'induttore è di 36 ohm . Praticamente non si dovrebbe superare la corrente massima della valvola giusto? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

@walge Sto aspettando l'ultimo componente per completare la parte dell'alimentatore , visto che ho l'alimentazione dei filamenti in continua e l'alimentazione anodica stabilizzata con 1 shunt per canale , il riferimento per i filamenti come sarebbe opportuno effettuarlo? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

Ps ho preso questo alla fine da un amico 50€ sonde e uno scatolo con dei componenti mai utilizzati  condensatori trasformatori interruttori stagno e non so cos'altro. Una sonda 100x basta per effettuare misurazioni sui valvolari o serve una differenziale? 

_20191114_135156.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Va bene la sonda 10x magari con switch 1x

Per i filamenti devi verificare quale è la differenza di potenziale tra i catodi ed i filamenti.

Nel caso è sufficente un partitore resistivo tra + e gnd  dove catturi il centrale e lo mandi al - dell'alimentatore dei filamenti che ovviamente dovrà essere sollevato da massa.

Il partitore dovrà avere le resistenze con un determinato valore che vedremo pù avanti.

W

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

@walge 10x o 100x ? 🤔.

Le misure posso effettuarle sul pre che ho già visto che questo sarà identico? Misuro catodi e filamenti di entrambi le valvole dato che sono diverse giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

100x mi sembra troppo.

di solito le sonde sono 1x e 10x

per le misure va bene come hai detto

W

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

@walgeOk Quindi le sonde già le ho .

Ecco le misure che ho fatto sul pre già costruito , il pin4 dei filamenti è connesso al - e il pin5 al +

Valvola 1

Pin3+pin4 =56v

Pin3+pin5= 63v

Pin8+pin4= 43v

pin8+pin5= 37v

Valvola 2

Pin3+pin4 =42v

Pin3+pin5= 37v

Pin8+pin4= 56v

pin8+pin5= 63v

Grazie sempre per la disponibilità 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Secondo le tensioni rilevate non devi riferire niente.

Tanto per verifica veloce in quale post hai messo lo schema?

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

Lo schema lo trovi al primo post. L'alimentazione anodica è quella proposta qualche post fa con la rgn1054. Sul pre che ho già costruito e dove ho fatto le misurazioni, mi sembra che già c'è il riferimento a massa, quindi su questo posso ometterla giusto? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

@walge Nell'ultimo post mi sono dimenticato a chiederti , se eventualmente no bisogna riferire nulla, il negativo dei filamenti deve essere comunque separato da quelle delle anodiche? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

No deve essere insieme

w

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

In attesa dell'induttore i lavori continuano ecco qualche foto.Questa e la base di alluminio da 4mm che tiene le pcb 2 shunt e 2 alimentatori stabilizzati per i filamenti , tutto singolo per ogni canale, la seconda foto è la stessa base inserita nel case hifi2000 , in alto a sinistra il trasformatore dei filamenti nella parte opposta al case il trasformatore principale per la tensione anodica, in basso al centro il primo cap per la rettificatrice, che si trova proprio sotto al cap e a sinistra il secondo cap sempre anodica, lo spazio sulla destra è quello riservato all'induttore . in alto a destra il connettore a 10poli di derivazione militare che collegherà le varie alimentazioni al case del pre.

1.JPG

2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

Paliamo di masse :

il case dell'alimentatore è collegato a terra anche lo schermo elettrostatico del trasformatore principale cosi come il trasformatore stesso, la massa continuerà tramite connettore al secondo case cosi da avere tutto in sicurezza, tutte le alimentazioni sempre tramite connettore andranno al case del pre dove poi avrei pensato di raggruppare tutti i gnd delle alimentazioni in un unico punto compresa pure la terra principale, il gnd dei segnali anch'essi collegati al medesimo punto con un piccolo filtro , è una soluzione funzionale? O si potrebbe incorrere in ronzii? @walge @Rimini @sm63 @leon77 

Share this post


Link to post
Share on other sites
sm63

@Tiziano_La_Porta si ...molto spesso questa la prassi  per mettere in sicurezza il case non che assicurare una schermatura con il gnd segnale (filtrato,magari aumentando il potenziale) rispetto la terra 

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

Non ho capito il "filtrato per aumentare il potenziale"

Le connessioni di gnd sempre con cavo di generose dimensioni.

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

@walge @sm63 Ecco uno schizzo di come ho pensato il piano di massa. Come vi sembra? 

PRE.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
sm63

Il punto a stella, le masse segnale prova collegarlo al case quindi alla terra tramite una resistenza da 1k in parallelo un condensatore da 0,1uf oppure due diodi  in parallelo con polarità invertita  sempre in parallelo una  capacità .Dovrebbe schermare bene senza creare eventuali  loop di massa .per accertare la presenza una volta collegato con l'elettronica a valle prova un canale alla volta .

Share this post


Link to post
Share on other sites
sm63

@sm63 prova pure modificate le connessioni negativo del filamento uniscilo lato alimentatore al  gnd anodica così facendo un solo conduttore per una sola gnd .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rimini

@Tiziano_La_Porta Grazie per avermi citato ma non è pane per i miei denti😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

@sm63 

3 hours ago, sm63 said:

Il punto a stella, le masse segnale prova collegarlo al case quindi alla terra tramite una resistenza da 1k in parallelo un condensatore da 0,1uf oppure due diodi  in parallelo con polarità invertita  sempre in parallelo una  capacità .Dovrebbe schermare bene senza creare eventuali  loop di massa

Si sul disegno non l'ho messo ma lo davo per scontato. Proverò anche a far partire solo un segnale di gnd, grazie comunque, mi sono accertato sulla validità del mio ragionamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

@Tiziano_La_Porta 

A me quello schema non piace.

Alimentazioni e segnali fanno punto comune al centro stella e da qui vanno alle schede pre: questo significa che le correnti di alimentazione ed i segnali condividono un tratto di cavo da centro stella a circuito amplificatore.

Magari non succede nulla, ma io non o farei: per bene che vada peggiore il S/N, per male che vada il circuito potrebbe autoscillare.

Magari i GND dei segnali falli arrivare direttamente ai pre, che il segnale non ci azzecca nulla con le aimentazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

@SHAR_BO lo schema non è che sia così preciso, io intendevo mettere al centro stella un solo filo c'è proviene da tutti gli rca del pannello posteriore che sono collegati tutti insieme, in qualsiasi caso quel collegamento lo lascio sempre per ultimo e solamente dopo le prove decido se collegarlo o meno. Grazie per il consiglio ne farò tesoro. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
leon77

Ciao a tutti, sono assente da un po' sul forum ogni tanto cerco di leggervi ma sto impegnatissimo con il nuovo lavoro, ormai ho abbandonato il settore della elettronica e oggi sono un programmatore sw Java junior che sta cercando con molta fatica di rimettersi in gioco. Scusate l'ot ma consiglio questa strada a chi ha problemi di lavoro, in questo settore non esiste disoccupazione, e sto parlando di Napoli, ad oggi, nonostante la mia poca esperienza ho ricevuto più di una offerta di lavoro, e sono davvero contento. 

Tornado in treadh, hai ricevuto degli ottimi consigli da Salvatore, nel mio piccolo consiglio uno scalino di potenziale tra la terra e massa segnale, utilizzando questo schemino suggerito da Broskie.

https://glass-ware.stores.yahoo.net/housegnd.html

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tiziano_La_Porta

Arrivato finalmente l'induttore , si procede spediti e siamo quasi alla fine della realizzazione dell'alimentazione con rettificatrice per l'aikido , visto che è la parte più impegnativa perché in fin dei conti l'aikido vero e proprio è già bello che finito bisogna solo donargli una casa effettiva , posto qualche foto dell'interno con i cablaggi effettuati e tutti i componenti definitivamente posizionati , in attesa che finisco di lucidare il frontale del case e provvederò al collaudo della suddetta alimentazione. 

5.jpg

6.jpg

7.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297400
    Total Topics
    6544948
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy