Jump to content
Melius Club

Xabaras

Beyerdynamic Amiron.

Recommended Posts

Xabaras

Ho fatto l'errore di vendere le mie beyerdynamic dt880 dopo aver acquistato l'e sennheiser hd 700. Ora vorrei comprare di nuovo un modello beyerdynamic e mi orientavo sulle amiron. Qualcuno che le ha e che mi può dire come si posizionano dal punto vi vista della qualità audio? E se potete anche rispetto alle hd 700 che comunque vorrei mantenere. Grazie. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0058

Pentito perché? anche per capire cosa ti manca delle 880 rispetto alle senn700.

Stavo per prendere anche io la 700(era scesa ad un  buon prezzo)...ma leggo pareri discordanti che mi frenano.

La amiron è meno diffusa ma ne parlano comunque molto bene...molti addirittura la preferiscono alla senn800...!?! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Xabaras

Difficile a dirsi. Le sennheiser mi piacciono, e anche molto, ma le dt880 mi affascinavano per la loro compostezza e probabilmente per una certa differenza timbrica che mi sapeva regalare ascolti più intimisti, non lo so spiegare meglio. Le hd 700 hanno un carattere in alto totalmente diverso, e comunque volevo una seconda cuffia di buon livello ma che suoni diversa e siccome le dt880 mi erano piaciute sto valutando le amiron.  E si, anch'io ho letto che molti le preferiscono alle hd800. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
password

Ho fatto una piccola recensione su Amazon di questa cuffia.

Le hd700 non le conosco, ma conosco molto bene le dt 880, le Amiron sono di un altro livello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
KnifeEdge

Mai sentite purtroppo ma non posso prendere anche le Amiron 😱 . Se ne parla però ovunque molto bene!! Cuffia interessantissima.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Xabaras

be', a questo punto mi chiedo quale si il divario con le T1, visto che c'è chi le considera migliori delle hd800. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
giuseppe75

Io sono indeciso se prendere le amiron o la sundara...

Share this post


Link to post
Share on other sites
password
12 ore fa, Xabaras ha scritto:

a questo punto mi chiedo quale si il divario con le T1

Le Amiron hanno un trasduttore della stessa tecnologia delle T1, ma finalmente sono riusciti a controllare meglio la zona di frequenze 7/10Khz che ipercaratterizza i driver Tesla, cosa  ancora non risolta per esempio nella DT1990 pro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0058

Interessanti queste cuffie di medioalta gamma; però (forse un po' superficialmente) penso che 500 euro per una cuffia siano troppe.

Sono tentato di prenderne una (la Amiron, la senn700, meno la 660s, la shure 1840/1540)..ma non so quanto ne valga la pena...🤔.

Per rendere l'idea attualmente ho una (modesta?) Senn598 (quella beige, aperta quindi),  pagata nuova un centone

Share this post


Link to post
Share on other sites
giuseppe75

@apprendista dipende cosa vuoi da una cuffia...se spendi 500 avrai una resa maggiore 

Share this post


Link to post
Share on other sites
KnifeEdge

@apprendista La 598 è una bella cuffia per il suo prezzo, bell'equilibrio, risposta senza picchi strani, molto comoda, non il massimo della pulizia di suono ma musicale.

Ma già con le 600 e le 660S la differenza, se interessa, la si sente. Nella zona 400-500 la 660S poi secondo me è notevole, una delle poche con una risposta lineare e un grande equilibrio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0058
2 ore fa, giuseppe75 ha scritto:

dipende cosa vuoi da una cuffia...se spendi 500 avrai una resa maggiore 

Si certo, questo dovrebbe essere scontato.

Ma per molte cuffie il prezzo mi pare spesso non proporzionato alla resa...specie quando sento che la Amiron (500euro circa) andrebbe a momenti meglio della senn800 )che costa il doppio o più.

Poi per carità, le variabili sono tante, l'amplificatore utilizzato ecc.ecc.

E' che sono inesperto di cuffie e credo sia arrivato il momento di prenderne una "importante"..quantomeno per rendermi conto delle differenze in concreto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0058

@KnifeEdge della 600 sento pareri discordanti...e quel "velo" che per alcuni sarebbe fin troppo evidente. la 660s la vedo già bene, solo che la vicinanza di prezzo con la 700 mi farebbe propendere per la seconda. So che sono diverse, sulla carta la 700 dovrebbe essere migliore (anche se più anziana di progetto) ma di fatto non sembra sia così.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vittorio58

Interessa anche a me la Amiron. Sembrerebbe una gran bella cuffia.

Domanda: con quali amplificatori si abbinerebbe al meglio?

Grazie.

Saluti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2slow4u
Il 15/7/2018 Alle 19:12, Xabaras ha scritto:

le dt880 mi affascinavano per la loro compostezza


La DT880 e' una cuffia per certi versi unica.

Nella sua categoria, personalmente non ho mai trovato cuffie capaci di riprodurre la gamma media con la stessa nitidezza e la stessa assenza di code/colorazioni, e questo e' un parametro per me molto importante.

Poi la gamma alta, fine e ariosa, non quanto nella mitica edizione "2003", ormai introvabile (purtroppo) ma pur sempre non banale.

Ovviamente di cuffie migliori ne trovi quante ne vuoi, ma secondo me, non in quel range di prezzo.

La Amiron da quanto leggo fa mirabilie, ma mi sembra di intuire abbia un impostazione diversa dalla 880, piu' morbida e calda.

Share this post


Link to post
Share on other sites
KnifeEdge
1 ora fa, 2slow4u ha scritto:

piu' morbida e calda

Ma anche con un picco in gamma alta che, anche se contenuto rispetto alle T90, è sempre presente, almeno alle misure.

Share this post


Link to post
Share on other sites
KnifeEdge

@apprendista la 700 ha un'impostazione virata al soundstage a scapito della correttezza timbrica. A me piace, riesco ad accettare e adattare l'orecchio a quella risposta, ma la 660S è più corretta, forse in effetti una delle cuffie più corrette in gamma medio alta e alta che abbia sentito, a momenti quasi a scapito dei contrasti timbrici.

Share this post


Link to post
Share on other sites
giacomino

Ciao, possiedo sia l'Amiron e la HD800S che alterno con l'ampli-dac Burson v2+, non mi sarei mai aspettato che l'amiron si avvicinasse e di molto alle 800S sia come comodità che nella qualità sonora,

ascolto di tutto dal rock alla classica, prendile e di corsa!

Share this post


Link to post
Share on other sites
acusticamente
4 ore fa, giacomino ha scritto:

Ciao, possiedo sia l'Amiron e la HD800S che alterno con l'ampli-dac Burson v2+, non mi sarei mai aspettato che l'amiron si avvicinasse e di molto alle 800S sia come comodità che nella qualità sonora,

Avendo io la 800 e ipotizzando talvolta la ricerca di una alternativa da affiancare pensi che questa Amiron lo sia, oltre che avvicinarsi per qualità ?  Per alternativa intendo che abbia una personalità diversa, tale da giustificare la presenza di ambedue le cuffie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
essezeta

@2slow4u  concordo: le DT880,  che ho posseduto in diverse varianti qualche anno fa e che ho recentemente riacquistato. sono cuffie stupende in assoluto ma soprattutto hanno un rapporto q/p strepitoso. se poi avete la possibilità di pilotare egregiamente la versione a 600 ohms, credo non abbiamo rivali in quella fascia di prezzo (e non solo)!

detto ciò, Amiron probabilmente migliori ma, da possessore di DT880 ed HD800, mi orienterei piuttosto sulle HD660S che ho ascoltato e mi sono parse notevoli.

saluti,

Stefano

Share this post


Link to post
Share on other sites
Member_0058

direi che sarebbe utile fare una "caccia al prezzo": le Amiron al momento le ho trovato a non meno di 469 euro...voi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
password

Prezzo più basso non si trova.

14 ore fa, acusticamente ha scritto:

Avendo io la 800 e ipotizzando talvolta la ricerca di una alternativa da affiancare pensi che questa Amiron lo sia, oltre che avvicinarsi per qualità ?  Per alternativa intendo che abbia una personalità diversa, tale da giustificare la presenza di ambedue le cuffie.

Penso proprio di si.

Share this post


Link to post
Share on other sites
giuseppe75

@apprendista anche io ... non le

Ho trovate a meno

Share this post


Link to post
Share on other sites
Xabaras

Si prevede un aumento delle vendite per Beyerdynamic, a quanto pare. 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
2slow4u

Potenza dei forum...

Share this post


Link to post
Share on other sites
KnifeEdge

Risposta Amironfr-amiron.png

Risposta Hd660S

fr-hd660s.png

È pur sempre decisamente una Beyer verace 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pliskin

Buonasera a tutti. 😀

Seguo con interesse la discussione sulle Beyerdynamic Amiron. E a tal proposito vi chiedo come si inseriscono le Beyer DT 1990 Pro, all'interno di una ipotetica "classifica" di casa madre? 🤨

Magari, facendo parte del segmento PRO, immagino suonino diversamente rispetto alle Amiron? Qualcuno ha avuto modo di confrontarle? Scusate la domanda su altre cuffie, ma penso possa essere utile nel contesto.

Grazie.

Andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites
2slow4u
13 minuti fa, KnifeEdge ha scritto:

Risposta Amiron


Non so come suona, ma la FR non mi invoglia affatto...🤔

Share this post


Link to post
Share on other sites
giacomino

@Pliskin Se posso inserisco una recensione di Alessandro che dopo averla confrontata con varie cuffie ha reso la DT1990 Pro e ha tenuto l'Amiron:

Amiron A CONFRONTO CON...

HD650
Per chi possiede già una HD650, la Amiron è l'upgrade ideale: si acquista una bella dose di sub-bassi che alla HD650 mancano, si acquista in punch, si acquista una gamma alta più estesa e presente, si acquista in headstage e, dulcis in fundo, in comfort. La sensibilità è più o meno la stessa, ma di questo ne parlerò quando vedremo come va la Amiron attaccata al dodocool. 

Ma come mai la Amiron è l'ideale per chi ha già una HD650 e vuole salire in alto? perché il bilanciamento tonale della Amiron è simile a quello della HD650, ma con tutto quello che manca alla HD650 per renderla una cuffia completa. Un confronto interessante sarebbe quello con la HD660S, l'evoluzione della HD650, che Sennheiser ha proposto all'inizio di quest'anno.

DT880 PRO BLACK EDITION
La DT880 PRO è sempre stata una cuffia dal bilanciamento tonale quasi perfetto, e questa BLACK EDITION non tradisce la sua vocazione da cuffia monitor professionale. Però, a differenza delle precedenti versioni della DT880 PRO, ha perso l'eccessiva brillantezza in gamma alta, e quindi ora è una cuffia migliore. Ricordate quindi che ogni volta che scrivo DT880 PRO mi riferisco sempre alla BLACK EDITION, e non alla versione più comune di questa cuffia. Rispetto alla Amiron perde quella "magia" in gamma media e medio-bassa (ed è giusto che sia così) ma in compenso mostra più punch e un basso degno di una ortodinamica di quelle buone. E' incredibile il basso di questa cuffia, davvero: frenato, profondo, veloce e senza code. La gamma medio-alta della Amiron però è più completa, più realistica. I piatti e le percussioni della DT880 sono un po' caratterizzati e frizzanti, ma nulla che possa creare affaticamento. Un'altro punto in cui la Amiron è superiore è l'headstage e la precisa ricostruzione della scena. La sensibilità è molto inferiore rispetto alla Amiron, ma che la DT880 non fosse una cuffia da portatile già si sapeva. 

Mi sembra evidente che la Amiron sia una cuffia superiore alla DT880 PRO, e ci mancherebbe altro, visto il costo ben più alto. Ma questo non dice tutto, perché il fatto davvero notevole è che la DT880 PRO, che ora è venduta a 185 Euro, è una cuffia a cui non manca assolutamente nulla e che se la batte con cuffie di alto lignaggio, senza sfigurare. Questa BLACK EDITION è stata davvero una rivelazione, e mi sentirei di proporla come degna compagna della Amiron, quando serva una maggiore neutralità e più punch.

DT1990 PRO
Questa cuffia non ha nulla a che vedere con la DT990 PRO ma anzi, per certi versi mi ricorda la vecchia DT880 PRO. Il livello costruttivo e la qualità dei materiali sono al top. Esteticamente mi piace un sacco, anche di più della Amiron. Viene fornita con due coppie di pads, entrambe di velluto: una coppia cosiddetta "analyticals", ed una coppia (quella già montata sulla cuffia) che offre un leggero bass boost (balanced), e quindi meno neutrale. Ho provato a sostituire i pads, ma sono tornato velocemente alla configurazione originale, visto che di alti ce ne sono pure troppi anche con i pads di tipo B, cioè quelli "relax".

La DT1990 PRO ha un bilanciamento neutrale, leggermente "v shaped", un buon basso (ma non bello come quello della DT880 PRO BLACK!), e una bella gamma media. Rispetto alla Amiron, il medio-basso è molto meno pronunciato e la gamma media è più indietro, ma non quella medio-alta. Ciò conferisce alla cuffia una maggior apertura, una maggiore chiarezza e un grande dettaglio. Nonostante usino un trasduttore della stessa famiglia, la Amiron e la DT1990 PRO sono due cuffie completamente diverse. E purtroppo la DT1990 PRO mostra ancora una gamma acuta afflitta da una evidente colorazione, che la rende affaticante con alcuni generi. E' davvero un peccato, perché altrimenti questa DT1990 PRO, nella sua categoria di prezzo (circa 500 euro), sarebbe stata una cuffia molto difficile da superare. C'è da tenere conto del fatto che ha poche ore al suo attivo, ed è possibile che migliori nelle prossime ore. Vi terrò aggiornati.

HE-6
Paragonare la HE-6 alla Amiron è stato un azzardo, ma prima o poi doveva succedere. Io già sapevo come sarebbe andata a finire. Una cuffia pesante, con i pads duri come sassi, bruttina, difficile da pilotare, scomoda, paragonata a quella farfalla bella e intrigante che è la Amiron. Roba da pazzi. 

La HE-6 ha ancora un suo perché, senza dubbio. Ma con il tempo sta invecchiando. E accanto alla Amiron, dimostra tutti i suoi anni. E i suoi difetti. Eppure sono due cuffie con molti punti in comune: gamma media bellissima, gamma alta lineare (anche se quella della Amiron sembra più estesa), un buon basso. La differenza sostanziale è nell'equilibrio tonale, molto più godibile quello della Amiron, più aperto e asciutto quello quello della HE-6. Ascoltando il Concerto n.1 di Liszt, con la Amiron si possono apprezzare tutte le armoniche del pianoforte, e la pienezza dell'orchestra. Con la HE-6 si perde gran parte dell'emozionalità dell'esecuzione. Essa è corretta timbricamente, ed è certamente una buona riproduzione, ma non è viva come è la stessa esecuzione con la Amiron.

Non pensavo andasse così male per la HE-6, ma è così che va nella vita. Le cose cambiano, noi cambiamo, e tutto viene visto da prospettive - e aspettative - ogni volta diverse. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
giacomino

@acusticamente Non ho mai ascoltato la HD800 ma penso che con l'Amiron avresti un'ottima alternativa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297308
    Total Topics
    6540809
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy