Jump to content
Melius Club

andpi65

Come pulire ( aka "lavare") il vinile...come lo fate e che consigli dareste?

Recommended Posts

andpi65

@maximo Forse corro il  rischio di essere, o apparire , un antipatico integralista , ma correrò il rischio :). Non pretendo di essere portatore di verità, ma solo di portare i miei 2cents da collezionista di vecchia data, poi ognuno liberissimo di fare ciò che vuole.

Già solo toccare la superficie delle traccie, anche senza aver prima affettato salumi, lascia sulle stesse traccie di grasso, la stessa busta interna in carta nel tempo, se mai sostituita, rilascia tracce di cellulosa...per non parlare di Lp  appartenuti ad accaniti fumatori. Quello che trovi all'interno delle traccie neanche lo immagini, ma puoi verificarlo facendo questa semplice prova: compra un disco usato ad un mercatino e passaci sopra, seguendo il verso delle traccie,  un batuffolo di cotone idrofilo imbevuto di alcool isopropilico...quando hai finito non stupirti se il cotone è diventato più o meno marroncino. ( poi se vuoi puoi provare a fare lo stesso dopo un lavaggio ed asciugatura " casalinga")

Semplice per me è "qualcosa"  che mi permette di fare una pulizia accurata e veloce col minimo rischio per vinile e label, e scusa se mi ripeto, ma  una passata di spugna e nelsen piatti ed risciacquo sotto il rubinetto con successiva "accurata e rapida" asciugatura con un panno  non soddisfa nessuno degli standard sopra elencati.

Capirei se questa conversazione fosse avvenuta qualche decina di anni fà, quando i costi delle macchine lavadischi erano elitari, ma oggi come oggi non ha molto senso, per rapidità, efficienza e  sicurezza  in rapporto ai costi.

Ma io sono uno che  spesso "rilava" un disco prima di ascoltarlo, che sostituisce la busta interna dopo il primo lavaggio con una nuova  busta di carta e polietilene interno ..quindi non faccio testo ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
mchiorri

Aggiungo i miei 2 cent alla discussione...

In futuro proverò senz'altro una lavatrice ad ultrasuoni, ora ho esperienza solo con la Knosti e questa riporto.

Personalmente non ritengo sufficiente/idonea la pulizia manuale con spugna e sapone, perché, come dice @andpi65, non ci immaginiamo la zella che c'è nei (micro)solchi non raggiunti dalla spugna.

Anche il iquido Knosti, imho, non è molto performante, ed a parte il costo, preferisco invece usare con la knosti   la miscela di isopropilico+bidistillata+imbibente (le % relative variano in letteratura). Dopo il lavaggio va fatto TASSATIVAMENTE un risciacquo con knosti + bidistillata+imbibente per allontanare i residui: non posso risciacquarmi nell'acqua con la quale ho fatto il bagno... L'imbibente E' ESSENZIALE per diminuire la tensione superficiale dell'acqua e della miscela, che così penetra meglio nei solchi.

Un trattamento (doppio) con questa miscela e con la macchinetta Knosti mi assicura un lavaggio più che decente, migliore - e di molto - del solo liquido Knosti. i miei due cent.

PS proverò a breve una ultrasuoni e vi posterò le impressioni.

Dimenticavo: come dopo il bagno mi cambio le mutande, così dopo il lavaggio uso buste nuove...😀😋

Share this post


Link to post
Share on other sites
luke_64

@mchiorri E' bene precisare che il sapone ha la capacità di ridurre le tensioni superficiali (tensioattivi), e non è la spugna che toglie lo sporco, bensì il liquido che si usa per risciacquare, che sia acqua o una delle varie soluzioni di distillata ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mchiorri

si certo, ma con la Knosti c'è anche l'azione meccanica delle setole. Non è solo l'azione solvente, che c'è, non lo nego.

Share this post


Link to post
Share on other sites
gorillone

Io uso il metodo Nardi, faccio un primo sciacquo con acqua tiepida da una brocca, poi sciacquo ulteriormente con knosti in acqua di rubinetto tiepida.

Preciso che nella mia zona la durezza dell’acqua (presenza di sali di calcio e magnesio) è molto inferiore al limite minimo previsto dalla legge; quindi c’è ne può essere solo una quantità infinitesimale.

Luke, secondo me, ha ragione da vendere: se lavaggio e asciugatura manuali sono fatti con attenzione viene via quasi tutto, ma proprio il disco è veramente silenzioso (anche dischi pagati ad Amsterdam 1-2 euro l’uno).

Certo, aspirazione è ultrasuoni miglioreranno il lavaggio, ma anch’io che ho un migliaio di dischi e mooolte prime stampe .... mi accontento del mio metodo.

La macchina lavadischi ha un waf bassissimo, in casa mia

Share this post


Link to post
Share on other sites
mchiorri

io la Knosti l'ho piazzata al centro tavolo del salotto con un mazzo di fiori di plastica...

PS Ho però il tinello marron...😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
mchiorri
1 minuto fa, andpi65 ha scritto:

li ho misurati siamo circa sui, oltre, 6 metri lineari ...

Ah! complimenti...

Share this post


Link to post
Share on other sites
andpi65

Grazie! ...aspetto notizie ;)...

Share this post


Link to post
Share on other sites
mchiorri

non dubitare, appena posso e molto probabilmente martedì.

Share this post


Link to post
Share on other sites
andpi65

@mchiorri  ottimo ! a martedì ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

Riapro questa discussione solo per avere qualche suggerimento in più sul il miglior liquido antistatico da usare con la Knosti. 

I miei pochi vinili sono quasi tutti nuovi o poco sporchi, ma le scariche elettrostatiche ci sono, per cui un lavaggio glielo faccio fare. Quello che mi interessa è l’effetto antistatico. Mi sapete dire quale secondo voi è il liquido più efficace? 

No macchine o altro, solo il liquido, mi interessa, grazie.

Roberto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gandalf1

@iBan69 se posso darti un consiglio che provo ed ho qualche risultato e il liquido per la lavadischi project direi ottimo

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

@Gandalf1 grazie 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giemme
21 ore fa, iBan69 ha scritto:

Mi sapete dire quale secondo voi è il liquido più efficace? 

No macchine o altro, solo il liquido, mi interessa,

Il liquido, a meno che non sia l'alcool isopropilico e che venga passato con del cotone sui solchi con tutte le complicazioni del caso, incluse quelle sulla salute, serve solo a trattenere lo sporco. Il sistema migliore è quello della pulitrice ad ultrasuoni. Dopo ci sono le fantasie audiofile e le perdite di tempo e denaro conseguenti. Se opti per la pulitrice ad ultrasuoni cerca quelle usate in campo orafo ed i liquidi dedicati. Potresti essere stupito dal prezzo e dalla resa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
antonio_caponetto

Ho provato tre liquidi nella ia esperienza: Nitty Gritty, Knosti e Art du Son. Preferisco quest'ultimo, anche se credo sia il più caro. Lo uso con la lavadisci a ultrasuoni "polacca" e con la Knosti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
contemax

Per esperienza non mi arrischierei mai a lavarli sotto il rubinetto.

Ho avuto VPI HW17 pro e adesso Cleraudio Matrix Silent e non c'è storia tra un disco lavato, anche nuovo, e uno non lavato.

Da poco mi sono costruito una lava dischi ad ultrasuoni e ne sono entusiasta.

Solo chi usa una macchina lava dischi sa come trova l'acqua quando la scarica, ma anche come è dopo solo pochi dischi nella ultrasuoni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder

Il miglior modo per lavare i dischi è con una macchina ad aspirazione (tipo okki nokki per intenderci) e siccome il sistema è talmente semplice me la sono autocostruita, per il liquido uso quello di Audiomarketing (non ricordo la marca) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
andpi65
Il 4/4/2019 Alle 17:14, floyder ha scritto:

per il liquido uso quello di Audiomarketing (non ricordo la marca) 

Si chiama RL RECORD LABORATORY,   l'ho usato anche io ed è ottimo, sempre se non si ha voglia di farselo da se ;)

Il 4/4/2019 Alle 17:14, floyder ha scritto:

me la sono autocostruita

Bravo Floyder! 👏

Sai che mi incuriosisce la cosa ...poi postarne alcune foto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder
36 minuti fa, andpi65 ha scritto:

Sai che mi incuriosisce la cosa ...poi postarne alcune foto?

Oggi davvero non posso, domattina sicuramente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
andpi65
2 minuti fa, floyder ha scritto:

Oggi davvero non posso, domattina sicuramente.

Non ho fretta...ho già una Project ad aspirazione, ma magari traggo spunto per una home made ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder

5542F04D-0239-428E-BD3E-54680F627006.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder

003EDF81-9FF9-48B8-BDC7-44A38D8036FC.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder

FB9E04EB-BB58-486F-88EE-80E529D24FC9.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder

@andpi65 sic et sempliciter ... al tubo di aspirazione ho creato un foro in modo che si agganci al perno del piatto ed attaccarlo poi ad un aspiratore, aspetto molto rustico/artigianale ma efficace.

Share this post


Link to post
Share on other sites
andpi65
4 ore fa, floyder ha scritto:

ed attaccarlo poi ad un aspiratore, aspetto molto rustico/artigianale ma efficace.

Se posso darti un consiglio, viste le foto della tua realizzazione, lascierei basculante la base su cui gira il disco . Quando ho usato le prime volte la Project pensavo fosse un difetto, poi ho compreso che serviva a far aderire , per l'effetto dell'aspirazione, il disco al braccio di aspirazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
max56

@antonio_caponetto ciao, mi sono guardato  link ufficiali , filmati ecc sulla lavadischi ad ultrasuoni Polacca, belle macchine e silenziose.

un paio di domande : quale hai preso ? è sufficente il lavaggio del disco solo con questo tipo di lavadischi ? ( leggo nel 3D che qualcuno fa più passaggi con macchine lavadischi e poi a mano o viceversa )

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder
13 ore fa, andpi65 ha scritto:

lascierei basculante la base su cui gira il disco 

Scusami ma non capisco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
andpi65

@floyder Il perno del motore della project ha un leggero gioco sull'asse verticale ( inizialmente pensavo fosse un difetto ) . Nell'uso questo gioco aiuta il disco ad aderire al braccetto di aspirazione quando l'aspirazione viene inserita...senza l'aspirazione disco e braccettto non sono in contatto .

Spero di esser stato più chiaro..

Inkedmacchina-lavadischi-hifi-pro-ject-vinyl-cleaner-vc-s_3753_LI.jpg.a5a7d2bf1d9e4ccefa3031b20b8ee1ec.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder

In pratica devo rendere la base leggermente fluttuante ... se po fà 👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
andpi65

@floyder esatto...poi  potresti anche provare a  ridurre il piano d'appoggio del disco alle dimensioni della label ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    293848
    Total Topics
    6383534
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy