Juju

Geniali, pazzi sfortunati

Messaggi raccomandati

Gabrilupo

Comincio io.Visto che ho recentissimamente aperto un thread sul suo concerto per pianoforte e orchestra non posso non nominare Robert Schumann. Purtroppo non ho studiato musica e anche da appassionato, colpevolmente, non lo conosco tantissimo. Devo rimediare. Facevo accenno di là all'inquietudine interiore che, per me, traspare chiaramente dalla stessa costruzione musicale di quella composizione e che, sempre per me, Pollini alla tastiera e Abbado alla bacchetta hanno reso in maniera mirabile (mi ha fatto piacere trovare riscontro in questo nelle parole di un appassionato sicuramente più esperto di me, se non altro per frequentazione di concerti). Sarebbe poi troppo facile, ma è molto credibile, trovare un germe di ciò che poi diverrà tristemente patologico nella sua vita nell'utilizzo, nelle sue composizioni, delle due figure antitetiche di Florestano ed Eusebio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl

Nel rock ce ne sono tantissimi esempi basta pensare a Syd Barrett geniale leader assoluto dei primi Pink Floyd rovinato dall'LSD o Nick Drake che ha subito l'indifferenza del pubblico e si è lasciato vincere dalla depressione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gabrilupo

Grazie a Dio c'è anche chi è riuscito a superare le sue dipendenze senza che la sua arte perdesse un'oncia diè, anzi...

Penso a Miles Davis che si tirò appresso, nella disintossicazione dalle droghe, John Coltrane.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicaando

I primi nomi che mi sono venuti in mente 

J.  Dupre

Syd barrett 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
floyder

Chet Baker, ci ha lascito a "solo" 59 anni perché anche lui caduto nel baratro della droga, cosa avrebbe potuto darci ancora, questo "imho" uno dei suoi capolavori.

.

515bA-X8fOL.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
liboize

Nel rock per non citare i soliti nomi che conosciamo tutti mi viene in mente Gram Parsons , scomparso anche lui giovanissimo .

Se a qualcuno non dice granchè nomino il suo gruppo : i Fliyng Burrito Brothers , molto più conosciuti .

Venendo in Italia come non citare Piero Ciampi ed anche Umberto Bindi , emarginato ai tempi per la sua omosessualità .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
floyder

Azzz ... mi stò ascoltando An American Prayer e pensavo ... altro genio prematuramente scomparso, James Douglas Morrison detto Jim.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicaando

@Juju 

lui e` stato il genio senza di cui i Pink Floyd non sarebbero nati

molto giusto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Juju

Chi si ricorda di Alexander "Skip" Spence? Spesso additato come la versione americana di Barrett... batterista dei Jefferson Airplane, fondatore e chitarrista dei Moby Grape, sa sua mente divento` sempre piu` instabile, finche` una notte non provo` ad ammazzare a colpi d'ascia gli altri membri della band. Dopo varie la degenza in ospedale psichiatrico fece un disco bellissimo: Oar, in cui suonava tutti gli strumenti. Poi cadde nell'oscurita`, vivendo come un mendicante tra droghe, ospizi e ospedali...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill

Brian Jones uno dei fondatori dei Rolling Stones , morì tragicamente il 3 luglio 1969 sul fondo della sua piscina .

Altra morte tragica John Lennon ucciso da un pazzo l'otto dicembre 1980 .

Graham Bond ( Graham Bond Organisation ) finito sotto il treno della metropolitana londinese nel maggio 1974 .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl
1 ora fa, bungalow bill ha scritto:

Altra morte tragica John Lennon ucciso da un pazzo l'otto dicembre 1980 .

Lennon però è stato solo sfortunato ad essere ucciso da un pazzo, la sua sregolatezza l'aveva messa sotto controllo ed era appena tornato ad incidere dischi dopo essersi ritirato (anche) per accudire suo figlio Sean...

Sfortunati ce ne sono stati tanti: Buddy Holly e Otis Redding morti in incidenti aerei e Scott La Faro e Clifford Brown in incidenti auto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Gli incidento mortali però non influenzano la musica.., il musicistà nun c'è più... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

Altro personaggio caduto pesantemente nel mondo della droga è Eric Clapton, che dopo il periodo con i John Mayall, i Cream e Derek & the dominos, abbandona completamente la musica, preso dal cappio della droga, e sarà soprattutto grazie all'amico Pete Townshed degli Who, che lo aiuta ad uscire dal tunnel ed a riprendere la chitarra che lo porterà alla realizzazione di "461 Ocean boulevard" primo di una lunga serie di dischi da solista, che ne segneranno la rinascita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Pensavo fino a che punto l'omosessualità, che allora bisognava assolutamente nascondere, di cui bisognava vergognarsi, ecc.., possa aver influito sulla musica di Tchaikowsky.

Il grande regista Ken Russell la interpreta in in modo tragico (Tragica doveva sulle prime chiamarsi la sesta sinfonia diventata la Patetica) nel suo film The Music Lovers (L'altra faccia dell'amore) Significative queste sequenze ambientate in un wagon-lits occupato dal compositore "impotente" e sua consorte mitomane e ninfomane, interpretati da Richard  Chamberlain e Glenda Jackson, fantastica!!
 


 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
5 ore fa, edogalli ha scritto:

Geoff Dyer (in Natura morta con custodia di sax)

Letto, bel libro!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Juju

@edogalli Davvero interessante Luca Flores, che malgrado mio concittadino, non conoscevo affatto. Hai visto il film? Vale la pena cercarlo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
edogalli

Salve, purtroppo non sono ancora riuscito a vedere il film, anche se in effetti la curiosità è tanta...magari prossimamente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicaando

@edogalli Molto toccante la trascrizione di tenco

Grande trasporto emotivo 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Juju

@Beppe.Loid Hai proprio ragione, molti di quegli oscuri bluesmen hanno avuto esistenze travagliate... Ci sarebbe da stilare una lista interminabile! Un altro Johnson di quegli anni e` stato Tommy. Cantante vagabondo ed alcolizzato e` stato il primo a mettere in giro le storie di avere venduto l'anima al diavolo (che poi passera` a Robert, senza un vero e proprio motivo, solo per passaparola). La sua voce in falsetto al giorno d'oggi risuona cupa e maledetta. E` stato quello che ha dato il nome ai Canned Heat quando mise in musica il tormento e l'estasi dei bevitori di "Sterno" una sorta di liquido infiammabile che gli alcolizzati bevevano all'epoca del proibizionismo che uccise molti di loro. Intensissimo quando canta: "chiesi dell'acqua ma lei mi diede benzina/ Oh Dio, o Dio/ piangendo mi chiedo se mai tornero` a casa"... Eccezionale... Si dice che non abbia piu` inciso dopo che i discografici della Paramount lo convinsero che aveva firmato un contratto che gli proibiva di registrare musica. Ovviamente mori` di infarto subito dopo un concerto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Beppe.Loid

È vero, di storie travagliate tra i bluesmen ce ne sono proprio tante. Grazie per aver ricordato Tommy Johnson.
Penso spesso a questi personaggi del tempo della grande depressione, che mentre il mondo si stava modernizzando, le industrie, le ferrovie, i primi voli transatlantici, la radio, questi vagabondi, disadattati,  totalmente inconsapevoli ponevano le basi di uno dei prodotti più lucrosi del secondo dopoguerra: la musica rock.



 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andpi65

@edogalli +2! Ho molto apprezzato la tua disamina su Art Pepper ( che adoro..) , ed anche quella su Luca Flores ( che non conoscevo)...di quest'ultima la chiusa è  una fotografia  realistica pur nella sua tristezza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andpi65

"Quando sono sul palco faccio l'amore con ventimila persone, 
poi torno a casa... e sono sola".

Janis Joplin
(18 gennaio 1943 - 4 ottobre 1970)


"Morirò tra cinque anni!" (1965)

Jimi Hendrix
(27 novembre 1942 - 18 settembre 1970)


"Voglio sentire il sapore, 
voglio ascoltarla, 
voglio annusarla. 
La morte viene una volta sola, giusto? 
Non voglio mancare all'appuntamento".

Jim Morrison 
(8 dicembre 1943 - 3 luglio 1971)

( dal web) 

Le tre J , 3 pietre miliari del rock, unite da un comune destino, una breve vita , vissuta a mille tra sesso, alcool, droghe e rock che li ha visti sparire a poca distanza l'uno dall'altro. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Di artisti che hanno saputo descrivere la loro difficile situazione tramite la loro splendida musica ne sono sempre esistiti e, credo, ne esisteranno ancora nel tempo a venire.

Un esempio poco conosciuto all'interno del rock è quello che riguarda la figura di Daniel Johnston, classico outsider del mondo musicale che ha saputo andare oltre le convenzioni del mondo della musica un po' per il suo talento e la sua creatività sicuramente legata alla malattia che ha colpito la sua mente anche indotta dall'uso e abuso indiscriminato di droghe e farmaci.

Ebbe sempre una gran voglia di scrivere musica fin da giovanissimo e con il passare del tempo fu in grado di esprimere il suo talento sia in campo musicale che in quello artistico pur trovandosi sempre a dover affrontare ostacoli sul suo percorso, prima messi dalla famiglia e poi dal establishment musicale. La sua caratura musicale comunque è stata riconosciuta da moltissimi artisti del rock alternativo americano e non solo, pur essendo la sua mente dilaniata prima dalla schizofrenia e poi dall'abuso di LSD. La sua vita è stata un continuo entrare e usicre da istituti psichiatrici che spesso hanno prodotto più danni che vantaggi, ma nelle "pause" tra un ricovero e l'altro è riuscito a sfornare pagine di grande musica, densa di lirismo e di emozioni provate sulla propria pelle, a costo di rimetterci la salute.

Se non lo conoscete, vi consiglio di approfondire la sua storia, nella rete si trovano parecchie storie sulla sua vita (alcune vere, altre un po' più romanzate) ma senza dubbio resta una figura fondamentale nella crescita musicale di parecchi artisti degli ultimi 30 anni. Ve ne lascio un assaggio...

Ciao

Stefano R

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    290.403
    Discussioni Totali
    6.195.323
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us