Juju

Geniali, pazzi sfortunati

Messaggi raccomandati

Ivo Perelman

https://en.wikipedia.org/wiki/Alfred_Stelzner

"Alfred Stelzner (29 November 1852 – 9 July 1906) was a German composer and luthier.

Stelzner was born in Hamburg, Germany, and educated in music, physics and mathematics. He produced string instruments of his own design in Wiesbaden and then in Dresden. Two instruments of his invention were the violotta and the cellone. The violotta is tuned an octave below the violin, and possesses a timbre between that of the viola and cello. The cellone, a large cello, is tuned between the cello and string bass. His instruments received praise and endorsements from major figures of the day, including impresario Alfred Schulz-Curtius,[1] and the German composer Felix Draeseke composed his string quintet in A major, named the Stelzner Quintett, specifically for Stelzner instruments.

Stelzner began production of his new instruments in 1889[1] and continued to make them until 1900. He vigorously promoted his instruments through advertising and obtained endorsements from many famous musicians of the day, including Joseph Joachim, Eugène Ysaÿe, David Popper, and August Wilhelmj. In addition, he helped sponsor competitions in various categories such as symphonies, opera and chamber music. His own works included the operas Rübezahl (1902) and Swatowits Ende (1903), as well as the never performed Kinder des Todes and Cäcilie.

Stelzner's company eventually failed and entered bankruptcy. Faced with overwhelming financial difficulties, Stelzner committed suicide at his home in Dresden in 1906."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ivo Perelman

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ivo Perelman

Deportato in un lager nel 1943.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Sarò sintertico e (cir)conciso :D. Charlie Christian morì di tubercolosi a solo i 23 anni nel '39, senza però non aver prima rinnovvato lo stile e il linguaggio della chiattara jazz. Viene inoltre considerato il padre della chitarra elettica jazz che lui introdusse per primo nel "genere" e che poi divenne lo strumento principe del R & B, del Rock and roll, del rock/pop... ecc. 
Forse tra i rokkettari saranno in pochi a saperla questa cosa.
Sto riascoltando in cuffia "Solo Flight" il brano che da il nome allo splendido album realizzato insieme a Benny Goodman...
 


E quanto "moderna" benchè "semplice" potrà sembrate la intro di questo blues... degli anni '30...
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ivo Perelman

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ivo Perelman

Composto nel campo di concentramento di Terezin dove morì nel 1944 di tuberculosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Watt a Flac
Il 15/12/2018 Alle 16:31, analogico_09 ha scritto:

Sulla chiosa, assurda e paradossale preferisco sorvolare.., così come sull'affrontare in modo così superficiale un fenomeno musicale nob ilissimo, capitale.

Non c'è nulla di male ad ammettere, senza cercare di "ridurre" l'oggetto del proprio limite, che il Trane free non piace, che non lo capisci, non lo senti, non lo apprezzi, ecc.. non si scrivono queste cose a braccio (lo deduco da come ne parli.., se sbaglio correggimi.., ne riparliamo...)  sulla musica, sulla grande musica...

di assurdo e paradossale c'è la protervia con la quale ti esprimi in un contesto che non lo richiede affatto (ammesso che ce n'è sia uno che lo richieda),

quando avrai voglia di ridiscendere tra gli umani,sarò ben lieto di continuare a dialogare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
4 ore fa, Watt a Flac ha scritto:
Il 15/12/2018 Alle 16:31, analogico_09 ha scritto:

Sulla chiosa, assurda e paradossale preferisco sorvolare.., così come sull'affrontare in modo così superficiale un fenomeno musicale nob ilissimo, capitale.

Non c'è nulla di male ad ammettere, senza cercare di "ridurre" l'oggetto del proprio limite, che il Trane free non piace, che non lo capisci, non lo senti, non lo apprezzi, ecc.. non si scrivono queste cose a braccio (lo deduco da come ne parli.., se sbaglio correggimi.., ne riparliamo...)  sulla musica, sulla grande musica...

di assurdo e paradossale c'è la protervia con la quale ti esprimi in un contesto che non lo richiede affatto (ammesso che ce n'è sia uno che lo richieda),

quando avrai voglia di ridiscendere tra gli umani,sarò ben lieto di continuare a dialogare.

Protervia? Ti ho risposto con piena disponibilità su tutte le tue "certosine" e un po insistenti osservazioni sul cool.., con passione jazzofila.., finanche con ironia, vis polemica ma senza insultare, tu perché insulti?
Avrei forse dovuto dire altrettanto della tua disinvolta supponenza nel tranciare giudizi superficiali e assolutistici? No di certo, e così è stato, ti ho risposto con gli argomenti.

Dove sarebbe la protervia nel ritenere e dire in maniera franca e motivava che siano state dette alcune cose con verificabile leggerezza, a fronte di argomenti molto importanti, su figure artistiche capitali che andrebbero valutati con maggior ponderatezza, e non con giudizi che cozzano contro l'oggettività estetica e storica, perfino di costume, commerciale.., verificabile anch'essa, delle questioni intavolate?
lo penso lo dico, motivando, riferito all'idea, non già alla persona; se lo discessi tu di una cosa detta da me, sempre argomentando la tua impressione, non mi offenderei.


Io stavo e sto tra gli umani.., per questo umanamente rispondevo a te che semmai ti trovavi troppo in alto rispetto alla realtà.., sul quel monte Athos dal quale, forse a causa della nebbia, si aveva una visione del sottostante paesaggio leggermente offuscata...
Non serve impermalosirsi per così poco.., restiamo alla sostanza delle cose, e mi pare che i miei interventi siano di sostanza, quanto i tuoi, che ci si condivida o meno, in tutto o in parte, un peccato fermarsi alla scorza quando il gioco inizia a farsi interessante utile.., non trovi? Sempre aperto al dialogo senza giretti di valzer imbarazzati e improduttivi..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Juju
22 hours ago, Ivo Perelman said:

Composto nel campo di concentramento di Terezin dove morì nel 1944 di tuberculosi.

Molto interessante il pezzo, e pieno di dolore ma anche voglia di lottare per la propria vita e dignita`, forse ci sto vedendo troppe cose io, ma sono le sensazioni che mi ha trasmesso. grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ivo Perelman

Leo Smit è un compositore oggi abbastanza eseguito. Un'intera generazione di compositori nei paesi occupati fece una fine tragica solo perché ebrei.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mas 65

Forse una questione di soldi, comunque ostentava ricchezza, girando con auto di lusso...

Saluti massimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mas 65

Questo il pezzo piu' rappresentativo, simbolo del razzismo in America...

Saluti massimo

Otis Redding, altra morte prematura...

Saluti massimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Juju
1 hour ago, mas 65 said:

Forse una questione di soldi, comunque ostentava ricchezza, girando con auto di lusso...

La notte che lo uccisero si dice avesse piu` di 5000 dollari in contanti e guidava una ferrari... ricordiamoci che era il 1964...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
7 ore fa, mas 65 ha scritto:

Otis Redding, altra morte prematura...

Meritava si di essere ricordato... un grande! Morì in un inicidente aereo se non ricordo male...

Questa mitica, piena di ricordi...


 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

Wild Man Fisher.

Da Wikipedia: Larry "Wild Man" Fischer, nome d'arte di Lawrence Wayne Fischer ... fu rinchiuso all'età di sedici anni per aver attaccato sua madre con un coltello. Gli vennero diagnosticati due disordini mentali: una grave paranoica schizofrenia e un disturbo bipolare. In seguito al suo rilascio dall'ospedale, Fischer vagò per Los Angeles cantando per strada le sue canzoni per dieci centesimi. Scoperto da Frank Zappa, con il quale registrò il suo primo album chiamato An Evening with Wild Man Fischer, Fischer divenne il "padrino della musica underground" ("the godfather of the underground music") e Zappa fu responsabile del suo insediamento nel business della musica. Zappa e Fischer rimasero vicino - fino a quando Fischer buttò un vaso contro la figlia di Zappa, Moon Zappa, mancandola di un soffio. A causa di questo fatto, anni dopo, la vedova di Zappa, Gail Zappa, scelse di non pubblicare l'album di Fischer in CD, irritando molti suoi fan.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rael71

Louis Thomas Hardin in arte Moondog "..perse la vista in seguito a un incidente in campagna all'età di sedici anni. compositore e musicista cieco. Fu anche poeta e inventore di svariati strumenti musicali. Dalla fine degli anni quaranta fino al 1974, Moondog visse come musicista e poeta di strada, Il pubblico ha iniziato ad apprezzare la portata dei molteplici talenti di Moondog solo negli ultimi decenni della vita dell'artista, principalmente a causa del suo ostinato rifiuto di indossare qualcosa di diverso dai propri vestiti fatti in casa, rifiuto del tutto basato su una personale interpretazione del mito norreno del dio Thor.Era noto per gran parte della sua vita come "Il Vichingo della 6ª Avenue."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mas 65

@analogico_09 

Mi ci sono sposato con questo pezzo...😉😎

Saluti massimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mas 65

Il cantante di punta della stax in quel periodo era william bell, poi parti' per il vietnam e subentro' l' esplosivo otis Redding, la band fissa della stax che accompagnava otis era booker t e mg...

Saluti massimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
imoi san

E Marvin Gaye?

Fu ucciso dal padre...😱

Terribile...😥

D1AE7483-9EF7-4FE0-B1B9-D5C7F5494D23.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Per cambiare genere.., spostiamoci un attimo verso il flamenco, verso Camaron de la Isla, il gitano-andaluso, figlio d'arte, enfante prodige, che rivoluzionò el cante jondo.

Inizialmente incontrò l'ostilità dei più tradizionalisti, ma il suo stile finì, come Coltrane col jazz, per imporsi e per influenzare quasi tutti i "cantaores" di nuova generazione, i cosiddetti camaroncitos che vedevano il lui il nume tutelare e ispiratore. Detto in soldoni, mi sembra che fino ad ora nessuno sia riuscito ad avvicinarsi al suo genio unico, "isolato" e, temo, irripetibile.
La sua estetica, subito radicatasi, era solida, nessuna moda o forma (con)fusionaria di passaggio; aveva un pubblico vastissimo che lo adorava e lui ricambiava con la sua voce potente, viscerale, istintiva, a volte rotta e piena di strazio, con un canto che "apriva il mercurio degli specchi" (come scrisse Lorca con versi poetici di Silverio, leggendario cantaores di flamenco di origine italiana... "Il denso miele d’Italia col nostro limone scorreva nel pianto profondo del siguiriyero".

Lavorò molto dando concerti in tutta Spagna, in Europa, in America, e incise diversi dischi fondamentali dell'arte flamenca accompagnato in modo simbiotico da sommi chitarristi del calibro di Paco de Lucia, Paco Cepero, Tomatito, Vicente Amigo, ecc. Alcune registrazioni del fatale e tragico fine carriera mi sembrano un po'... "sospese", forse spinte oltre il suo stesso nuovo corso, apparentemente più "commerciali", ma sempre d altissimo stile e di grande ispirazione: cosa avrebbe potuto ancora fare da "grande"?

Verso la fine degli anni '80 cadde nella rete della droga, cocaina ed eroina (quest'ultima tuttavia mai iniettata); voci perfide e dicerire di pochi detrattori maligni e invidiosi lo amareggiarono; fu arrestato per aver provocato un incidente automobilistico mortale.., visse insomma anche lui momenti di buio esistenziale e morale tra tanto splendore artistico.

Fumatore accanito, nel 1992, all'età di 42 un cancro ai polmoni se lo portò via e la sua musica passò alla leggenda.

Da "Castillo de arena", uno dei miei album preferiti realizzato con Paco de Lucia, vorrei proporre due brani, la bulerias e la siguiriyas che rispettivamente aprono e chiudono tale contenitore di perle musicali, tra le più belle e spirituali di tutto il novecento musicale.

Samara
 

Por cositas malas
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mas 65

@imoi san 

Si dice che il padre lo abbia ucciso, perché faceva "vita " da bianco...

Saluti massimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
imoi san

@mas 65 

...mamma mia...😔

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Un figlicidio... non lo sapevo.., secondo wiki le cose sarebbero andate così:
 

Minacciò diverse volte di suicidarsi dopo numerosi aspri litigi con il padre, Marvin senior. Il cantante Little Richard rivelò che Gaye aveva premonizioni sul suo omicidio negli ultimi anni di vita. Il 1º aprile 1984, un giorno prima del suo quarantacinquesimo compleanno, il padre gli sparò due volte, all'altezza del petto, uccidendolo al termine di una lite iniziata a causa di documenti sistemati male.[8] Marvin senior fu quindi condannato a sei anni di reclusione dopo essersi dichiarato colpevole di omicidio. Le accuse di omicidio premeditato furono ritirate quando si scoprì che il figlio lo aveva aggredito prima di essere ucciso. Passò i suoi ultimi anni in una casa di riposo e morì di polmonite nel 1998.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Juju
6 hours ago, analogico_09 said:

Per cambiare genere.., spostiamoci un attimo verso il flamenco, verso Camaron de la Isla, il gitano-andaluso, figlio d'arte, enfante prodige, che rivoluzionò el cante jondo.

Inizialmente incontrò l'ostilità dei più tradizionalisti, ma il suo stile finì, come Coltrane col jazz, per imporsi e per influenzare quasi tutti i "cantaores" di nuova generazione, i cosiddetti camaroncitos che vedevano il lui il nume tutelare e ispiratore. Detto in soldoni, mi sembra che fino ad ora nessuno sia riuscito ad avvicinarsi al suo genio unico, "isolato" e, temo, irripetibile.
La sua estetica, subito radicatasi, era solida, nessuna moda o forma (con)fusionaria di passaggio; aveva un pubblico vastissimo che lo adorava e lui ricambiava con la sua voce potente, viscerale, istintiva, a volte rotta e piena di strazio, con un canto che "apriva il mercurio degli specchi" (come scrisse Lorca con versi poetici di Silverio, leggendario cantaores di flamenco di origine italiana... "Il denso miele d’Italia col nostro limone scorreva nel pianto profondo del siguiriyero".

Lavorò molto dando concerti in tutta Spagna, in Europa, in America, e incise diversi dischi fondamentali dell'arte flamenca accompagnato in modo simbiotico da sommi chitarristi del calibro di Paco de Lucia, Paco Cepero, Tomatito, Vicente Amigo, ecc. Alcune registrazioni del fatale e tragico fine carriera mi sembrano un po'... "sospese", forse spinte oltre il suo stesso nuovo corso, apparentemente più "commerciali", ma sempre d altissimo stile e di grande ispirazione: cosa avrebbe potuto ancora fare da "grande"?

Verso la fine degli anni '80 cadde nella rete della droga, cocaina ed eroina (quest'ultima tuttavia mai iniettata); voci perfide e dicerire di pochi detrattori maligni e invidiosi lo amareggiarono; fu arrestato per aver provocato un incidente automobilistico mortale.., visse insomma anche lui momenti di buio esistenziale e morale tra tanto splendore artistico.

Fumatore accanito, nel 1992, all'età di 42 un cancro ai polmoni se lo portò via e la sua musica passò alla leggenda.

Da "Castillo de arena", uno dei miei album preferiti realizzato con Paco de Lucia, vorrei proporre due brani, la bulerias e la siguiriyas che rispettivamente aprono e chiudono tale contenitore di perle musicali, tra le più belle e spirituali di tutto il novecento musicale.

Aspettavo questo intervento, sapevo che prima o poi l'avresti scritto. Adoro il Camaron e so che e` una delle tue passioni, ci voleva in questo topic, vista la vastita` del personaggio in questione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sentenza976

Anche la sua vita non è stata delle più felici. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paperoga

Harold Floyd "Tina" Brooks.

Un talento cristallino del sassofono stroncato dalle droghe a 42 anni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicaando

Forse già citata, comunque ieri ascoltavo una raccolta postuma di Elis regina, voce sublime, anche lei affogava nella chimica e negli alcolici 

La sua disperazione. 

Ne rimase vittima poco più  che trentenne, una grande perdita per chi come me ha sempre amato la musica brasiliana. 

Voce forte e potente. 

Cosa non comune tra le signore della bossa. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicaando

P81221-131449.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    291.452
    Discussioni Totali
    6.232.448
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us