Jump to content
Melius Club

paolosances

cronaca e costume E se tornassimo a parlare l'Italiano ?

Recommended Posts

audio2
3 ore fa, wow ha scritto:

si potrebbe utilizzare la lingua più versatile, più completa e più bella del mondo

questo però lo pensano tutti i popoli della propria lingua.

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
9 minuti fa, wow ha scritto:

per esempio perché welfare, jobs act, premier, fake news? 

in alcuni casi solo per provincialismo, in altri per praticità o perché non esiste una singola parola (o corte frasi) che esprima il concetto nello stesso modo.

per esempio "fake news" non ha come traduzione precisa "notizia falsa" o "bufala" perché c'è dietro l'obiettivo di disinformare, non è la notizia falsa per errore o altre cause.



 

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

infatti una volta si parlava correttamente di : " disinformazione"

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
1 minuto fa, audio2 ha scritto:

infatti una volta si parlava correttamente di : " disinformazione"

che però non è lo stesso concetto della fake news.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow

Quando ho letto che la nuova edizione del Devoto-Oli, il più prestigioso dizionario italiano, curata da Luca Serianni e Maurizio Trifone, ha introdotto una serie di schede volte a incentivare l’utilizzo di parole italiane al posto di alcuni anglicismi, il mio primo pensiero è che fosse un’operazione antistorica, oltre che fallimentare in partenza. Qui, ho pensato, si calpesta la naturale evoluzione delle lingue, che da sempre incorporano, adattano e rielaborano i vocaboli altrui. Il principio guida della nuova sezione del dizionario, intitolata “per dirlo in italiano”, è che ricorrere a una parola straniera è inelegante, se non propriamente sbagliato, quando esiste un termine italiano equivalente; al contrario, i prestiti linguistici meritano di essere valorizzati quando servono a dare un nome a qualcosa che altrimenti non ne avrebbe uno. È una politica in cui si riconosceranno forse alcuni editor, anzi “redattori editoriali”, e che potrebbe essere riassunta così: da evitare “badge” (meglio “cartellino” o  “distintivo”), “selfie” (perché non “autoscatto”?) e “brand” (“marchio”); in compenso vanno benissimo “Brexit”, “post” e “muffin”.

A onore del Devoto-Oli, va detto che la sua lotta contro gli anglicismi non è quello che rischia di sembrare e non è, a conti fatti, una lotta: tra i neologismi inseriti nella nuova edizione figurano “spoilerare”, “trollare” e “friendzonare”, nonché il contestatissimo “briffare”. «Non vogliamo condurre una battaglia purista», racconta Trifone, uno degli autori del dizionario, docente di linguistica a Cagliari, in una chiacchierata conStudio. «Abbiamo ben chiaro che le lingue sono continuamente in evoluzione e che le contaminazioni e gli scambi fanno parte di questa evoluzione. Dunque non combattiamo gli anglismi… ma soltanto gli anglismi inutili e ridicoli. Perché ricorrere a una parola inglese quando c’è una parola italiana di più trasparente e di più facile comprensione?»

Però, ecco, non è bastato a liberarmi della diffidenza iniziale, di quell’insofferenza che ho provato quando ho letto la notizia del vademecum per evitare gli anglicismi inutili, di cui hanno parlato un po’ tutti, dal Corriere della Sera a mia zia su Facebook. Non c’è bisogno di essere dei fini linguisti per rendersi conto che questo diktat del non usare una parola straniera quando ce n’è una nativa non è applicabile e che, soprattutto, se fosse mai stato applicato, oggi non parleremmo italiano. Non esisterebbero parole come “ragazza” o come “guardare”, un prestito dalla lingua franca, nel senso degli antichi francesi che in pratica parlavano tedesco. Senza contare che il nostro linguaggio quotidiano è fatto di sfumature, giochi, rimandi e sottintesi: diciamo “diktat” anziché “imposizione” perché evoca una serie di stereotipi sui tedeschi, gli stessi che spingono certi anglofoni colti a dire “Verboten” quando potrebbero benissimo dire “forbidden”, e che in tempi di rigorismi fiscali recuperano anche di attualità.

Dunque, mi dicevo, evviva la lingua che cambia per il solo gusto di cambiare, e non per necessità, abbasso i grammar nazi. Poi però ho avuto la malaugurata idea di cambiare shampoo (dall’hindi champò, massaggiare, anche se tutti quelli che hanno visto Ranma ½ credono sia di derivazione cinese) e ho visto che sulla nuova boccetta c’è scritto: «Distribuire in modo omogeneo, risciacquare e procedere con il brushing». Procedere con il brushing. Evidentemente, un problema c’è: nella mia furia anti-grammar nazi, che in fondo poi è un’altra forma di nazismo grammaticale, mi ero persa qualcosa.

Nicoletta Vallorani, docente di cultura inglese e anglo-americana alla Statale di Milano, lo definisce un «impoverimento linguistico influenzato in parte all’esposizione all’inglese». Vallorani non è il genere di persona facilmente accusabile di anglofobia. Ama l’inglese e sa bene che «non si può, e nemmeno si deve, fare nulla contro la trasformazione della lingua e l’arricchimento del lessico tramite termini stranieri». Però, mi dice facendo due chiacchiere al telefono, ci sono due sotto-specie di cambiamenti che forse andrebbero arginati. «Quando l’utilizzo di termini stranieri diventa una cosa deliberata, fatta per moda, come avviene spesso in certi ambienti lavorativi, allora è un altro discorso. La prima parola che mi viene in mente è ‘storytelling’, che è ovunque e sinceramente non se ne può più». Abbiamo tutti in mente quel gergo, molto milanese o corrispondente a un certo stereotipo di Milano, fatto di anglicismi strategici, buzzword un po’ fine a sé stesse, che in molti trovano irritante: “storytelling”, appunto, ma anche “location”, “mood” o “cheap”. Poi, aggiunge, ci sono gli anglicismi che sono il risultato della semplice pigrizia: siamo talmente esposti ai media angloamericani, che a volte fatichiamo a trovare le parole in italiano (infatti in questo articolo ho scritto più volte la parola “nativo” e ci ho messo un po’ a ricordarmi che esisteva anche la parola “autoctono”).

Certi anglicismi trasmettono, inutile negarlo, una sciatteria deprimente. Resta da chiedersi che cosa separa un prestito linguistico prezioso da uno sciatto. Perché “location” fa subito manager truzzo e “Weltanschauung” no? Trifone parlava di «anglicismi inutili», insomma la famosa regola dell’evitare i termini stranieri quando c’è un equivalente italiano, ma è un terreno scivoloso. Primo perché le parole inutili sono spesso le più belle: io amo molto lo Yiddish “Gevald!”, anche se esiste una perfetta traduzione in italiano, “catastrofe”. E, secondo, perché di prestiti “inutili”, insomma di parole straniere che col tempo hanno soppiantato una radice nativa, la lingua italiana è piena zeppa, vedi i vocaboli “ragazza”, “guardare”, e pure “Weltanschauung”. Trifone però mi ha fatto notare anche un secondo elemento di distinzione, che ho trovato molto più convincente: la mancanza di trasparenza. Alcuni termini stranieri, spiega lo studioso, sono utilizzati, in modo più o meno deliberato, «con fini eufemistici», insomma per infiocchettare un concetto o, peggio ancora, per confondere le acque. “Jobs on call” suona molto meglio di “lavoro a chiamata”, ma è la stessa cosa. Chi dice “location” vorrebbe fare figo, ed è proprio questo, il volere fare figo, che è una cosa tristissima e da vorrei ma non posso, che ci dà l’orticaria.

Resta un’ultima domanda, però. Se è vero che esistono degli anglicismi sciatti, allora ha senso tentare di arginarli? In fondo, l’evoluzione della lingua, sciatta o preziosa che sia, è un processo naturale, e chi cerca di fermarlo rischia di trovarsi dalla parte sbagliata della storia. Una risposta interessante a questo quesito me l’aveva fornito, qualche tempo fa, un lettore di Studio, che aveva criticato un mio vecchio articolo contro i “grammar nazi”: «Resistere ai cambiamenti linguistici serve a creare l’ostacolo evolutivo contro il quale i cambiamenti della lingua devono prevalere per affermarsi, evitando così che ogni settimana il nostro lessico debba incorporare l’allocuzione du jour». Protestare davanti ai vari “briffare” e “storytelling”, allora, non è solamente un’attitudine estetica, ma ha anche una sua funzione darwiniana, perché crea un clima competitivo, adatto a una selezione della specie. Passano i vocaboli che superano l’ostacolo dei grammar-nazi, e dei Devoto-Oli, e delle professoresse d’inglese. Chiamatelo, se volete, capitalismo lessicale

https://www.rivistastudio.com/usiamo-troppe-parole-inglesi/

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

articolo interessante, grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
SonicYouthMilano

@wow Perché e l'italianizzazione di un termine inglese, Esiste la parola in italiano, scocca.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

non è che semplicemente state parlando di cose diverse ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
paolosances

Spoilerare...ero convinto fosse una pratica automobilistica tamarra dopo vendita.

Come vedete, non ho ceduto all'uso del termine aftermarket.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow

@SonicYouthMilano mi tocca contraddirti :) esiste, nel gergo tecnico delle costruzioni, il termine plinto per indicare le fondazioni (la base) p. e. della pila di un ponte. Il termine deriva dal greco plinthos (mattone) ed è stato usato dagli architetti romani. Si parla quindi di fondazione a plinto. Direi che il termine possa considerarsi ad ogni buon titolo italiano. Soprattutto non esiste un sostituto atto ad indicare lo stesso elemento. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia
18 minuti fa, SonicYouthMilano ha scritto:

Esiste la parola in italiano, scocca.

Forse più idonea la parola: zoccolo;

che è poi una struttura che opera da basamento.

Forse.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

forse il componente è lo stesso ma con diverse accezioni.

io non ho il giradischi..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia

@wow @SonicYouthMilano ...ahò... ve tocca italianizzà lo nome in uso! 🔫:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
LaVoceElettrica
33 minuti fa, wow ha scritto:

esiste, nel gergo tecnico delle costruzioni, il termine plinto per indicare le fondazioni

È quando scrivono "plinth", che mi parte l'antiskating dell'esclamazione poco educata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
7 ore fa, Martin ha scritto:

"La Vucciria food concept" è da testata sul naso del creativo, anzi del "copy",

effettivamente l'articolo fa inorridire

Share this post


Link to post
Share on other sites
Schelefetris

come dicevamo n un vecchio topic, non so se è meglio chi parla solo con fantasiosi neologismi anglofoni o chi devasta l'italiano con vagonate di "piuttosto" al posto della "o", curricula, tre barra  quattro mesi, virgolette etc. :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
what

E se tornassimo a parlare in Italiano?

Magara !

Share this post


Link to post
Share on other sites
etnatom
4 ore fa, briandinazareth ha scritto:

per esempio "fake news" non ha come traduzione precisa "notizia falsa" o "bufala" perché c'è dietro l'obiettivo di disinformare, non è la notizia falsa per errore o altre cause.

L'unica traduzione sensata di "fake news" è "MINCHIATA"!

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
3 minuti fa, etnatom ha scritto:

L'unica traduzione sensata di "fake news" è "MINCHIATA"!

non fa una grinza e da pure più soddisfazione di fake news

Share this post


Link to post
Share on other sites
mom

Posso dire che trovo sgradevole il romanesco? ( io lo chiamo “romanazzo” che troppo spesso sottende in chi lo utilizza: “io son io e voi non siete un...”)

Share this post


Link to post
Share on other sites
what

Te stai allargá.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mom

@what me ne devo annà!  👋 👋 😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

Per i poeti naturali del popolo, "romanazzo" ha una rima che è un rigore a porta vuota..

😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
what

Ricordo una volta in campeggio un gruppo di Milanesi attratti dal nostro modo di parlare,si fecero invitare a pranzo e si "scofanarono"tutto,e con rutto finale...il loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
1 ora fa, etnatom ha scritto:

L'unica traduzione sensata di "fake news" è "MINCHIATA"!

Non concordo... la minchiata può essere anche senza scopo e senza l'obiettivo di disinformare 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Schelefetris

e spesso è non volontaria tanto che un detto recita : cchiù lunga è a pinsata chiù gruossa è a minchiata! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

E' arrivato anche il navigator 

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb

Il problema è che troppo pochi hanno letto o ricordano Gadda... (il pasticciaccio è un trattato di uso della lingua...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Il plinto è una parla esatta, indica la base fondativa del giradischi, non è né una scocca né una cornice. Si usa in architettura e ingegneria, termino greco/romano. Considerato che i britannici sono stati i primi a usare plinth massicci per le meccaniche a puleggia, ecco spiegato il termine ormai entrato nel gergo audio.

per il resto, gli anglicismi forzati nell’uso quotidiano, fanno tristezza.. ma se consideriamo che la lingua è materia viva, organismo comunicativo duttile e teso all’auto-preservazione.. non mi preoccuperei troppo.. con il latino abbiamo colonizzato già il corpus giuridicum di gran parte del continente evoluto, nonché il linguaggio scientifico.

non mi preoccuperei per qualche termine informatico ( acc termine latino) di troppo... 🙂 piuttosto quel premier, che sbaglia congiuntivi in pubblico, per non parlare dei nuovi bar-bari al governo (termine greco neppure troppo sottile, che indicava razze antropologicamente inferiori, non ammesse al voto nella democraticissima Atene di Pericle, incapaci di parlare con senso strutturato, al massimo capaci di emettere qualche gutturalissimo bar-bar) ecco questa nuova classe dirigente.. questa si che preoccupa mia mamma e la dottissima squadra delle mie zie.. 🙂

io piuttosto mi preoccupo del fiscal drag, dell’ electronic facturing, del ROE e del capital gain ogni mattina quando apro il sole 24 ore, che mi manda di traverso lo sticky crusty muffin al chocolate... 🙂 e tutto questo quando sono seduto nel mio preferred P.O.I.  di fronte al bancone della mia barista... preferita 🙂 con due sospetti fenomeni di B.M.I.  posizionati in a Highlight Strategic Areal.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    293327
    Total Topics
    6361753
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy